Ultime notizie

ARCHEOLOGIA

Scoperto sul Turkana il più antico cimitero dell'Africa Orientale

Più di cinquemila anni fa la società keniana era pacifica ed egualitaria

09-09-2018 di redazione

Un team internazionale di ricercatori della Stony Brook University insieme all'Istituto Max Planck per la Conoscenza della storia umana hanno fatto una straordinaria scoperta a Lothangam North, nei pressi delle sponde Sud-occidentali del grande Lago Turkana, in Kenya.
Gli archeologi hanno trovato un cimitero di ampie dimensioni, che racconta la storia di una popolazione di pastori nomadi vissuti quasi cinquemila anni fa. Si tratta del cimitero più antico dell’intera Africa Orientale
La scoperta è ritenuta eccezionale, perché fa luce in maniera importante sul tipo di società multitribale ed egualitaria che si era instaurata in quella zona.
Le ricerche, pubblicate recentemente sulle pagine del Proceedings of the National Academy of Sciences, rivelano che le popolazioni del Turkana edificarono nei pressi del lago una piattaforma di circa 30 metri di diametro, nella quale scavarono una fossa in cui seppellire i loro defunti.
In seguito alla copertura della fossa con pietre innalzarono alcuni pilastri e monoliti sul basamento, alcuni provenienti anche da un chilometro di distanza.
In tempi seguenti furono realizzati anche cerchi di pietra e altre strutture cerimoniali. Nel complesso sono circa 580 gli individui seppelliti nell’antico cimitero. E c’è spazio ugualmente per tutti: uomini, donne, bambini di ogni età seppelliti indistintamente nello stesso luogo, senza alcun segno distintivo per classi sociali o ruoli. Ornamenti personali sono presenti in tutto il cimitero, distribuiti nella stessa misura tra tutti i defunti.
Si credeva che per lo sviluppo di una ritualità funeraria così complessa fosse necessaria una società stratificata alla base, ma la scoperta dimostra che anche da una società egualitaria possono sorgere sviluppi analoghi.
Il nuovo ritrovamento dimostra che si rivela necessario, partendo da qui, compiere nuove ricerche per capire come e perché alcuni gruppi a un certo punto danno adito allo sviluppo di società complesse, senza che sia coinvolto il fenomeno della stratificazione sociale.
Il cimitero smise di essere usato dopo alcuni secoli, quando la pastorizia si consolidò e il livello del lago giunse a stabilizzarsi.

TAGS: cimitero turkanalago turkanascoperte kenyaarcheologia kenya

Le potenzialità del Kenya nel campo della ricerca archeologia sono note, anche se soprattutto si tratta di quelle di terra, collegate soprattutto agli importanti ritrovamenti che riguardano nostri proto-antenati nella zona del...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I tre parchi nazionali del Lago Turkana sono stati dichiarati dall'UNESCO "Patrimonio mondiale in pericolo".
Lo ha deciso il World Heritage Commitee delle Nazioni Unite durante il recente congresso a Manama, in Bahrein.
Le tre riserve...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Kenya sul podio dei paesi africani per quanto riguarda le prenotazioni per le vacanze estive.
La statistica, pubblicata dal sito Allafrica.com, pone il Kenya in un'assoluta posizione di ripresa, superando quest'anno anche il Sudafrica e il Marocco, in quanto a...

LEGGI TUTTO

Tra il baobab e la punta di Vasco Da Gama, sormontata dall'enorme monumento di pietra eretto in onore del navigatore lusitano, sopravvive la storia della prima Malindi europea.
Una storia che in questi giorni il Museo di Malindi sta ripulendo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono 64 i parchi e le riserve nazionali del Kenya, che è il Paese del mondo con la più ampia varietà di specie animali in libertà.
Anche la vegetazione varia da parco a parco e con essa il microclima e...

LEGGI TUTTO

Le elezioni nelle roccaforti dell'Opposizione (la regione di Nyanza, ovvero Kisumu, Homa Bay, Migori, Syaya ed altri distretti minori) sono state rimandate a data da destinarsi.
Vista...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

John Le Carré, notissimo e apprezzato scrittore di “spy stories” dai risvolti sociali, ha ambientato in Kenya, tra le rive del Turkana e gli slum di Nairobi, il suo romanzo “Il giardiniere tenace”. 
E’ la storia di una donna inglese...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Tanti anni sulle navi da crociera di mezzo mondo, più di dieci stagioni d'Africa e una grande passione che è ora diventata una professione. Per Alberto Michieli e Jean Pierre Monti il Kenya è stato rivelatore. Prima la scelta di...

LEGGI LA STORIA COMPLETA

L'uomo che "ce l'ha più lungo" viene tradito più volentieri dalla propria compagna.
Questo emerge da una ricerca condotta in Kenya e pubblicata dalla rivista americana Public Labour Of Science. 
I sondaggi non sempre rispecchiano la realtà, ma da questa...

LEGGI TUTTA LA STORIA

Il Presidente del Kenya Uhuru Kenyatta ed il suo vice William Ruto hanno lanciato questo pomeriggio allo stadio Kasarani di Nairobi il manifesto elettorale del loro partito Jubilee con i programmi di Governo del prossimo eventuale mandato.

LEGGI QUI I PUNTI FONDAMENTALI

Malindi potrebbe essere una delle mete più importanti dell'Africa per l'archeologia marina.
Nei fondali al largo della costa nord del kenya sono nascosti segreti di oltre 2000 anni di storia.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il 2015 e il 2016 saranno gli anni decisivi per il turismo in Kenya. 
Di questo sono convinti un po' tutti i tour operator europei che hanno a che fare con il Paese africano e che hanno investito nella gestione...

LEGGI TUTTO

Chi definisce il Kenya la vera Africa, il paradiso dalla Natura incontaminata, la culla dell’umanità, magari commette un piccolo peccato di presunzione, ma dice la verità.
Questo meraviglioso Paese attraversato dalla linea dell’equatore, tempestato di laghi e lambito dall’Oceano Indiano,...

LEGGI TUTTO

Nel dialetto dei Luo significa “il villaggio affondato”, il “Simi Nyaima” è un piccolo meraviglioso lago vulcanico nella zona di Karachuonyo, nel Kenya occidentale, non lontano dal...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E’ inutile cercare scuse, gli italiani sono un popolo di provinciali.
Credono che tutto il mondo ruoti attorno alle poche...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

E' un grande giorno per l'archeologia marina keniana.
A Malindi sono arrivati tre esperti di fondali italiani: il sovraintendente del Mare della Regione Sicilia Sebastiano Tusa e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO