Ultime notizie

TURISMO

Se i masai del Kenya imparano il cinese

Boom di richieste di safari dopo la visita del tycoon di Alibaba

01-08-2017 di Antonio Altieri

La recente visita in Kenya del miliardario cinese Jack Ma, inventore del colosso mondiale delle vendite online Alibaba.com, sembra avere scatenato un ulteriore “effetto safari” sul popolo cinese e specialmente su quella fascia medio-alta di turismo che negli ultimi anni ha letteralmente soppiantato i giapponesi, in quanto a quantità e qualità di escursioni in giro per il mondo.
Dopo il recente viaggio del tycoon tra Nairobi e Maasai Mara, le richieste di safari da parte dei tour-operator da Pechino e dalle altre metropoli cinesi sono aumentate in maniera considerevole, tanto da prevedere a settembre molti lodge “fully booked” per l’epilogo della grande migrazione annuale.
Alcune guide maasai hanno ammesso candidamente di aver iniziato a studiare la lingua.
I keniani si sa sono molto portati per imparare idiomi stranieri in breve tempo, ma certo il cinese rimane davvero ostico anche a loro.
Anche il Ministero del Turismo del Kenya ha deciso di puntare decisamente sul mercato della Cina, per rimediare al calo di afflusso di visitatori dall’Europa.
Il Kenya Tourist Board ha preso parte quest’anno alle tre più importanti fiere del settore, a Pechino, Shangai e Guangzhou.
“Nei primi mesi del 2017 – ha dichiarato la direttrice del KTB Betty Radier – abbiamo ricevuto 14 mila visitatori dalla Cina, contro i 10 mila dello stesso periodo dell’anno scorso, con un incremento del 34%. Nessun altro Paese ha saputo fare altrettanto”.
Considerando che già nel 2016 si era registrato un incremento del 60%, arrivando ad un ingresso di 47 mila cittadini della Repubblica Popolare. Se il trend continua, presto saranno gli stranieri più assidui in Kenya.
Per la cronaca, c’è da ammettere che molti di loro sono manager, tecnici ed operai che lavorano alle grandi opere appaltate da aziende nazionali, ma una buona parte amano la natura, i safari e le escursioni, particolarmente nella savana, nella Rift Valley e in Upcountry.
Chi teme una nuova colonizzazione ormai è rassegnato, ma l’invasione del Kenya non sembra rispondere a questi connotati, come altre nazioni più arretrate.
L’interesse di Jack Ma e di altri miliardari cinesi da questo punto di vista è significativo.
Logico che quindi si punti a far imparare a leggere gli ideogrammi anche ai Maasai. 
 

TAGS: Cinesi KenyaTurismo KenyaSafari KenyaKenya Cina

La "Silicon Valley" keniana Konza City sarà costruita da un'azienda italiana.
L'Impresa Costruzioni Giuseppe Maltauro di Vicenza ha vinto l'appalto da 40 miliardi di scellini (quasi 350 milioni di euro) per edificare la città tecnologica pensata dall'ex Presidente Kibaki e voluta dall'attuale...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il 2015 e il 2016 saranno gli anni decisivi per il turismo in Kenya. 
Di questo sono convinti un po' tutti i tour operator europei che hanno a che fare con il Paese africano e che hanno investito nella gestione...

LEGGI TUTTO

Diciotto anni tra Polonia ed Est Europa, Brasile e Cina, prima di scommettere su Malindi. Giuseppe "Beppe" Salvaggio, siciliano di nascita ma piemontese d'adozione, è il nuovo proprietario dello storico Scorpio Villas Resort, l'hotel malindino più prossimo al monumento a...

LEGGI TUTTO

L'autostrada che collegherà Malindi al confine con la Tanzania, cioè alla dogana di Lungalunga, non è più solamente un'idea.
La direttrice a 4 corsie che si collegherà da una parte alle belle strade già esistenti che dal confine tanzaniano portano...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Malindi potrebbe essere una delle mete più importanti dell'Africa per l'archeologia marina.
Nei fondali al largo della costa nord del kenya sono nascosti segreti di oltre 2000 anni di storia.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non sempre le cattive notizie ne portano altrettante, a volte piove sull'asciutto e non sul bagnato. L'inevitabile progresso che sta arrivando anche nelle cittadine turistiche costiere di Malindi e Watamu, con i relativi problemi di deforestazione per costruire nuove abitazioni...

LEGGI TUTTO

Una promozione di tre mesi per far vivere a tutti l'emozione della savana, da Malindi, Watamu e Mambrui.
L'idea di Malindikenya.net che fa parte delle nostre iniziative per rilanciare il turismo, ha trovato la felice partnership di Osteria Swara Camp,...

LEGGI TUTTO

In Kenya c’è chi ama andare oltre il safari tradizionale e ha la passione, l’entusiasmo e la competenza per proporre sorprendenti variazioni sul tema e mete inusuali tutte da vivere.
Le guide creative e professionali di Kenya Safari Explorer  sono...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Un piacere in più nella meraviglia. Quest'anno per i safari in Kenya è stato il boom di richieste di cene o aperitivi nel mezzo della Savana.
Un modo in più per godersi una situazione indimenticabile, non solo durante i "game...

LEGGI TUTTO

Il Safari da Malindi e Watamu da quest’anno è decisamente più “friendly”, nel segno della professionalità e del piacere di vivere un’esperienza che merita di godere dei migliori servizi a prezzi accessibili.
 

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Che bello il safari in Kenya accompagnato da un gesto di solidarietà. 
A far vivere ai turisti questa doppia emozione Luca Macrì ci ha sempre tenuto particolarmente. 
Certo, devi trovare le persone predisposte, di gran cuore e aperte di mentalità...

LEGGI TUTTO

I primi dati del 2015 trasmessi dall'organizzazione "Tsavo Trust" sono significativi e confortanti: nei primi sei mesi dell'anno nessun elefante è stato ucciso.
I bracconieri non sono riusciti a prelevare le preziose zanne da nessun esemplare, e la savana del...

LEGGI TUTTO

Una buona notizia per gli amanti dei safari in Kenya e soprattutto per chi li organizza, agenzie e tour operator. Il Kenya Wildlife Service dal 1 novembre ha ridotto i ticket d'ingresso nei parchi nazionali del Kenya e nelle riserve. 

LEGGI TUTTO

Nel futuro prossimo i Tuk Tuk a benzina vecchio stile spariranno da Malindi e dalla costa keniota. Iniziative, spostamento del mercato e regolamentazioni da più parti nella società keniana portano in questa direzione.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La tristezza è grande per gli appassionati di savana che, dopo tanti safari, avevano imparato a riconoscerlo.
Satao II, uno dei pochi elefanti dalle zanne giganti rimasti in Kenya, i "big tuskers" (secondo le stime ce ne sarebbero non più di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"Un volo Kenya Airways da Milano a Mombasa, ci stiamo lavorando".
Parole (che speriamo siano seguite dai fatti) del Ministro del Turismo del Kenya Phyllis Kandie, che ieri ha presenziato nella Kenya House di Via san Gregorio a Milano alla...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO