Ultime notizie

ULTIMORA

Silvia, a Chakama un rapimento non premeditato

Perde ipotesi la pista Shabaab: "i rapinatori volevano lei e i soldi"

21-11-2018 di redazione

Avrebbero portato via Silvia Romano solo per proteggersi durante la fuga, sapendo che dopo gli spari al negozietto nella piazza del villaggio di Chakama, sarebbe presto arrivata la polizia da Langobaya.
Chissà, se Silvia avesse dato subito ai suoi rapinatori il telefonino con dentro i soldi di Mpesa, il servizio "bancomat" dell'operatore Safaricom, l'avrebbero lasciata stare da subito ma i malviventi appartenenti all'etnia Orma, pastori di origine somala che vivono da tempo lungo il fiume Galana in prossimità della riserva Kulalu, la vicenda sarebbe finita lì. 
Il rapimento, da parte di una banda di delinquenti che nulla hanno a che vedere con Al Shabaab e l'islamismo radicale, potrebbe essere stato un'idea maturata dopo che la rapina era andata in fumo.
Ma queste sono solo ipotesi che non ci piace fare e che speriamo la ragazza presto possa confermare o al limite smentire, ma di persona.
Invece dopo averla schiaffeggiata, secondo il racconto di testimoni attendibili, ed aver proseguito a sparare in aria (fossero stati terroristi avrebbero lasciato una scia di morti senza guardare in faccia a nessuno), l'hanno portata via, sembra per proteggersi durante la fuga ed evitare che la polizia, una volta sopraggiunta al fiume e durante il loro guado, si facesse problemi a sparare.
Così in effetti è stato e alla richiesta della ragazza, udita da un testimone nascosto sulla riva del fiume, di tornare al children centre di Africa Milele, uno dei malviventi avrebbe risposto in inglese che era troppo tardi.
Luca Macrì, l'esperta guida safari italiana nata in Kenya, che ha partecipato al pattugliamento dall'altra sponda del fiume, conferma il racconto anche se ammette che la situazione appare ancora parecchio intricata.
"Siamo preoccupati soprattutto per le condizioni di questa ragazza che ormai da quasi 24 ore è in mano a una banda di malviventi che non sanno cosa fare".
Difficile pensare ad un'azione organizzata da un gruppo estremista.
I malviventi, secondo quello che ha raccontato un professore di Chakama, hanno sparato alle gambe e non con l'intenzione di uccidere e non hanno mai inneggiato ad Allah. Difficile anche pensare di poter raggiungere a piedi zone "protette" verso Garissa: troppo lungo il tragitto e in una zona con poche vie d'uscita e tutte ormai pattugliate.
Proprio per questo si spera in un po' di raziocinio e di stanchezza da parte dei banditi e nella conclusione a breve della vicenda.
 

TAGS: italiana kenyachakamaafrica milele

Galeotto fu il volontariato a Chakama, con la Onlus Africa Milele. 
Per Antonio Di Guida, fiorentino di 24 anni, laureato in design industriale e appassionato di cucina e fotografia e viaggi, il primo viaggio in Africa nel 2013 ,significava soprattutto...

LEGGI TUTTO

Sono stati rilasciati e già in viaggio per Malindi i due ragazzi italiani fermati ieri dalla polizia del villaggio di Ngao, nella regione keniana del Tana River, dove a loro...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una ragazza italiana di 23 anni è scomparsa ieri sera, forse a causa di un rapimento successivo ad una rapina a mano armata nell'entroterra di Malindi, nel villaggio di Chakama.
Secondo i...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La polizia di Ngao, villaggio nella regione del Tana River, dove da quasi due mesi si concentrano le ricerche di Silvia Romano, ha trattenuto in stato di fermo un volontario italiano, che collabora anche con la onlus Africa Milele per cui...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Diciotto ore dopo il rapimento della volontaria italiana Silvia Romano, ventitreenne milanese che prestava la sua opera sociale per la Onlus Africa Milele nel villaggio di Chakama, a più di sessanta chilometri dalla costa keniana, nella valle del fiume Galana...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un progetto che abbina aiuti al femminile con la tutela dell'ambiente nell'entroterra di Kilifi e di Malindi.
L'associazione italiana Africa Milele, che può contare su un numero crescente di appassionati volontari e opera principalmente a Chakama, sulla strada per il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da troppi giorni non si hanno più novità riguardo alle ricerche di Silvia Romano, la volontaria ventitreenne dal 20 novembre scorso in mano ai suoi rapitori, che l'hanno...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Erano le sette di sera nel tranquillo villaggio di Chakama, poco più di ottanta di chilometri a nord di Malindi, nel mezzo della verde vallata del fiume Galana.
In questa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Più di quattro giorni di silenzio, di attesa, di ricerche e operazioni coordinate del Governo italiano con le forze speciali del Kenya, di arresti e mandati di cattura da parte della polizia della costa.
Questo il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Di solito sono ragazzi poco oltre la ventina, freschi freschi di laurea; solitamente una laurea umanistica come Psicologia.
Arrivano da famiglie benestanti, non hanno mai avuto difficoltà a mettere insieme il pranzo con la cena.
A volte sono idealisti, con...

LEGGI TUTTO

Da una parte, l’Africa vergine e meravigliosa che ha incantato viaggiatori, romanzieri, fotografi e raccontatori di tutto il mondo. 
Gente ospitale e sorridente, bambini festanti, mame dell’aria austera con il cuore grande come il loro petto, mascherato sotto vesti colorate...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Un mese fa, il 20 novembre, poco dopo il tramonto equatoriale, una ragazza italiana di 23 anni che in quel momento era l’unica presenza “bianca” in un’area dell’entroterra della costa del Kenya grande come la provincia di ...

LEGGI TUTTO L'EDITORIALE

“Siamo preoccupati più dalla disinformazione dei media che dal timore di perdere turisti. La vicenda della volontaria italiana, accaduta ben lontano dalle zone turistiche ci mette addosso grande tristezza e speranza che tutto si risolva bene. Siamo preoccupati per lei,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ha girato un po' tutto il mondo Margherita Maresca e ha avuto una vita avventurosa: a piedi in Somalia, nella foresta del Congo, e ancora tra oceani e deserti. Ora l'italiana residente a Watamu, conosciuta particolarmente per i suoi arazzi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Avremmo potuto aggiornarvi ogni ora, nelle ultime 24 ore.
Le notizie si susseguono, di informazioni ne arrivano anche troppe e le testimonianze attendibili sono sempre poche, ma aiutano a comporre un quadro della situazione.
Questa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tra gli italiani di Malindi c'è chi non si limita a costruire, ma si adopera per migliorare la condizione della popolazione locale.
E' il caso di Giulio Giro, milanese di 66 anni, di cui 25 spesi in Kenya dove è...

LEGGI TUTTO