Ultime notizie

CRONACA

Silvia, altre 48 ore passate in Kenya tra silenzio e attesa

Altri arresti, taglie, ottimismo e speranza che inizino le trattative per la liberazione

26-11-2018 di redazione

Più di quattro giorni di silenzio, di attesa, di ricerche e operazioni coordinate del Governo italiano con le forze speciali del Kenya, di arresti e mandati di cattura da parte della polizia della costa.
Questo il clima in Kenya, mentre dall'ex Belpaese arriva il soffio leggero e rinfrancante delle persone di cuore, ma anche il rumore assordante della grettezza umana e il freddo glaciale della stupidità.
In due giorni sono stati emesse tre taglie per altrettanti cittadini keniani che potrebbero essere coinvolti nel rapimento di Silvia Romano, la volontaria della Onlus italiana Africa Milele scomparsa la sera di mercoledì 20 novembre a Chakama, nel profondo entroterra costiero.
Uno di loro, Said Adan Abdì, è l'affittuario della camera di Chakama dove due giorni prima del rapimento di Silvia tre individui di origine somala avrebbero alloggiato. La notizia dell'ultima ora è che sarebbe stata fermata anche la moglie di Said Abdì, in un villaggio nella Contea di Tana River.
A fare i nomi degli altri due, invece, potrebbero aver contribuito alcune dei quattordici keniani arrestati nei giorni scorsi nella zona tra Chakama e il Tana River, a cui si sono aggiunti altri orma omertosi che vengono ritenuti in qualche modo complici, quanto meno nel non rivelare particolari della fuga dei loro conterranei.
Il resto, come sempre, sono solo supposizioni che tengono viva la notizia e forse anche la speranza di ritrovare Silvia sana e salva, speranza che secondo noi è legata solo al possibile arrivo di una richiesta di riscatto, non tanto dai suoi rapitori ma dagli attuali o futuri carcerieri a cui la ragazza potrebbe essere destinata. Nel 2011, dopo il rapimento di una turista inglese, Judith Tabbott, in una delle ultime isolette dell'arcipelago di Lamu verso la Somalia, fu pagato un riscatto di 820.000 sterline, circa 930 mila euro di oggi. COME RACCONTIAMO NELL'ARTICOLO CHE POTETE LEGGERE QUI
Solo con una richiesta del genere potremmo sperare che l'abbiano trattata bene e che vogliano riconsegnarla incolume, e non è detto che le trattative stiano per iniziare.
E intanto si entra nel quinto giorno e anche se dalle fonti istituzionali italiane non trapela nulla, come è nella prassi, il Vicepresidente del Consiglio Matteo Salvini conferma l'ottimismo, rilasciando una dichiarazione all'agenzia ADN Kronos secondo cui, pur non potendo rivelare nulla sull'operazione, ci sarebbero buone possibilità di arrivare ad una soluzione. Il che farebbe pensare che Silvia sarebbe comunque ancora viva. 
 

TAGS: silvia romanorapimento kenyachakamaafrica milele

La polizia di Ngao, villaggio nella regione del Tana River, dove da quasi due mesi si concentrano le ricerche di Silvia Romano, ha trattenuto in stato di fermo un volontario italiano, che collabora anche con la onlus Africa Milele per cui...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono stati rilasciati e già in viaggio per Malindi i due ragazzi italiani fermati ieri dalla polizia del villaggio di Ngao, nella regione keniana del Tana River, dove a loro...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da troppi giorni non si hanno più novità riguardo alle ricerche di Silvia Romano, la volontaria ventitreenne dal 20 novembre scorso in mano ai suoi rapitori, che l'hanno...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Diciotto ore dopo il rapimento della volontaria italiana Silvia Romano, ventitreenne milanese che prestava la sua opera sociale per la Onlus Africa Milele nel villaggio di Chakama, a più di sessanta chilometri dalla costa keniana, nella valle del fiume Galana...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Avrebbero portato via Silvia Romano solo per proteggersi durante la fuga, sapendo che dopo gli spari al negozietto nella piazza del villaggio di Chakama, sarebbe presto arrivata la polizia da Langobaya.
Forse se...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una ragazza italiana di 23 anni è scomparsa ieri sera, forse a causa di un rapimento successivo ad una rapina a mano armata nell'entroterra di Malindi, nel villaggio di Chakama.
Secondo i...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un mese fa, il 20 novembre, poco dopo il tramonto equatoriale, una ragazza italiana di 23 anni che in quel momento era l’unica presenza “bianca” in un’area dell’entroterra della costa del Kenya grande come la provincia di ...

LEGGI TUTTO L'EDITORIALE

Galeotto fu il volontariato a Chakama, con la Onlus Africa Milele. 
Per Antonio Di Guida, fiorentino di 24 anni, laureato in design industriale e appassionato di cucina e fotografia e viaggi, il primo viaggio in Africa nel 2013 ,significava soprattutto...

LEGGI TUTTO

Sono momenti importanti, forse decisivi, per la risoluzione della drammatica vicenda del rapimento di Silvia Romano, da ormai una settimana nelle mani di una banda di criminali nascosti nella foresta di Dakacha, nel profondo entroterra della costa keniana.
Secondo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una settimana di silenzio: quello sacrosanto di chi indaga sul rapimento di Silvia Romano a Chakama, datato ormai 20 giorni fa, quello rispettoso di chi, come noi, ha scelto di scrivere solo i fatti veri dal Kenya o le notizie...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da una parte, l’Africa vergine e meravigliosa che ha incantato viaggiatori, romanzieri, fotografi e raccontatori di tutto il mondo. 
Gente ospitale e sorridente, bambini festanti, mame dell’aria austera con il cuore grande come il loro petto, mascherato sotto vesti colorate...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Una domenica di preghiere, canti, unità tra cattolici, protestanti e islamici della costa keniana per solidarietà con gli italiani pensando alla volontaria Silvia Romano, rapita ormai da undici giorni da una banda di criminali nel villaggio di Chakama.
Quasi ogni...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Erano le sette di sera nel tranquillo villaggio di Chakama, poco più di ottanta di chilometri a nord di Malindi, nel mezzo della verde vallata del fiume Galana.
In questa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

“Siamo preoccupati più dalla disinformazione dei media che dal timore di perdere turisti. La vicenda della volontaria italiana, accaduta ben lontano dalle zone turistiche ci mette addosso grande tristezza e speranza che tutto si risolva bene. Siamo preoccupati per lei,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Ministero degli Esteri britannico, alle porte dell'alta stagione e delle feste natalizie, ha dichiarato le mete turistiche del Kenya più battute dai propri connazionali, luoghi sicuri (consigliando la solita dovuta cautela da rispettare per chi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Alla luce degli ultimi avvenimenti per cui dal Kenya siamo tutti in ansia e pena, con notizie più o meno fondate che si susseguono e spifferi che alimentano solo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO