Ultime notizie

NEWS

Sondaggio: i keniani vogliono la riapertura

La maggior parte chiede l'intervento del Governo

23-06-2020 di redazione

La maggior parte dei cittadini keniani vorrebbe che il Governo riaprisse i confini delle Contee e togliesse il coprifuoco. Lo comunica un sondaggio di Infotrak Research che ha intervistato un campione significativo di keniani di diverse fasce sociali, zone geografiche ed età.
Il sondaggio rileva che i keniani sono provati sia economicamente che mentalmente, che stanno subendo stress da blocco e che l’emergenza Covid-19, che in Kenya è ancora una realtà più virtuale che tangibile, per i pochi decessi e ricoveri nel Paese, sta creando altre situazioni forse ancora più pericose e drammatiche.
“Con l’aumento della disoccupazione, i tagli agli stipendi e le poche prospettive nel mondo del lavoro – spiega il responsabile delle ricerche di Infotrak Walter Nyabundi – la maggior parte dei keniani ha visto soprattutto la parte economica della pandemia”.
L'indagine offre uno sguardo impietoso sulla popolazione, mostrando che la maggior parte delle persone non riesce a sbarcare il lunario, una situazione che sta causando situazioni di disagio anche mentale. Secondo la ricerca, il 41% dei kenioti considera il coronavirus meramente una questione finanziaria personale, mentre il 35% lo considera sia una questione finanziaria personale che un’emergenza sanitaria.
Da questo sondaggio si evince che la preoccupazione più grande per i keniani è dover pagare l’affitto alla fine del mese, in subordine viene il lavoro, specie per chi aveva un posto fisso o per chi viveva di commercio e turismo.
L'ottantasette per cento dei keniani che hanno partecipato al sondaggio ha dichiarato che oltretutto il costo del cibo è aumentato, mentre il 68 per cento ha dichiarato di non essere in grado di acquistare cherosene, gas e carbone per uso domestico.
Il 79 per cento ha detto di non poter più mettere a disposizione denaro alle persone a carico a casa, mentre il 67 per cento non è in grado di pagare i servizi di pubblica utilità come l'elettricità e l'acqua.
Allo stesso tempo, lo studio mostra che il 74% dei keniani che vivono nelle aree urbane non è in grado di pagare l'affitto in tempo, mentre il 72% non è in grado di pagare l'affitto della casa per intero.  A livello nazionale quest’ultimo dato si attesta al 63%.
Lo studio mostra che il 75 per cento dei keniani non è in grado di pagare i prestiti formali e informali, mentre il 67 per cento non è più in grado di acquistare medicinali.
Un altro dati significativo però registra che il 47 per cento di tutti i kenioti ha affermato di dipendere attualmente dalla donazione di cibo da parte di benestanti", ha detto Nyabundi.
Secondo lo studio, la maggior parte dei keniani ha dichiarato di non aver ancora beneficiato della riduzione dell'IVA dal 16 al 14 per cento - con il 79 per cento degli occupati, seguiti dai pensionati (73 per cento) e dai disoccupati al 71 per cento.
Tra gli intervistati, il 68 per cento ha dichiarato di sentirsi confuso, mentre il 63 per cento si sente “in trappola”.
Secondo Infotrak i keniani stanno perdendo anche interesse alle notizie riguardanti il Covid-19 come invece avevano fatto nei primi due mesi dall’avvento della pandemia anche in Africa.
Un intervistato su due dice che le notizie sono ripetitive e noiose, altri non le ritengono interessanti o facili da interpretare, ma solo un keniano su 10 le ritiene esagerate.

TAGS: riapertura kenyasondaggio kenyacittadini keniani

Kenya, dove la ricchezza non conta e ci si fida solo dei propri famigliari.
Da un sondaggio effettuato da Twaweza e pubblicato da “La voce del Popolo” nell’edizione domenicale del quotidiano The Standard, appare che il 73% della popolazione meno...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

All’indomani del discorso alla Nazione del Presidente Uhuru Kenyatta, in cui ha annunciato il prolungamento...

LEGGI L'ARTICOLO

Riaprire ora gli hotel e anche i ristoranti è inutile, questo il parere della maggior parte degli ...

LEGGI L'ARTICOLO

Presto dovrebbe esserci un comunicato ufficiale del Governo keniano su una riapertura parziale...

LEGGI L'ARTICOLO

Le maggiori compagnie aeree che operano sulle rotte tra Medio Oriente, Africa ed Europa stanno facendo...

LEGGI L'ARTICOLO

Uhuru Kenyatta sarebbe confermato Presidente della Repubblica del Kenya.
Questo dice il più recente sondaggio dell'agenzia specializzata IPSOS, che segnala il leader del partito di Governo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ancora otto mesi di tempo per i cittadini keniani per convertire il vecchio passaporto con il nuovo 

LEGGI L'ARTICOLO

Slitta di una settimana la riapertura delle scuole pubbliche in Kenya. La decisione è...

LEGGI L'ARTICOLO

Secondo il sondaggio più attendibile per quanto riguarda le prossime elezioni di agosto, quello di Infotrak che nel 2013 azzeccò esattamente le percentuali, il Presidente uscente del Kenya Uhuru Kenyatta sarebbe in vantaggio sullo sfidante Raila Odinga di 5 punti,...

Alcuni anni fa il quotidiano nazionale "Daily Nation" aveva lanciato l'allarme con un sondaggio che rivelava "la crisi del matrimonio tra le pressioni della vita moderna in Kenya”. 
Secondo il sondaggio solo il 40% dei keniani riteneva di essere felice del...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Questa volta la parola "fine" è stata scritta, anzi forgiata sulle saracinesche che sono state saldate e lucchettate.
Il supermercato Nakumatt, all'interno del centro commerciale Oasis di Malindi, ha...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una buona notizia per tutti i cittadini keniani che non hanno ancora fatto a tempo a passare dal vecchio...

LEGGI L'ARTICOLO

Clicca sul file allegato per scaricare e leggere il protocollo del Ministero del Turismo del Kenya...

LEGGI TUTTO

Elezioni in Kenya, si affaccia sempre più la possibilità dei ballottaggi.
Mentre la fatidica data dell'otto agosto, martedì prossimo, si avvicina, l'opinione pubblica e i media iniziano a considerare seriamente la possibilità che sia il Presidente in carica Uhuru Kenyatta,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo i primi due giorni del decennale processo di censimento in Kenya, si torna alla...

LEGGI L'ARTICOLO