Ultime notizie

NEWS

Suor Leonella, oggi Beata la missionaria che trascorse 30 anni in Kenya

La religiosa della Consolata fu uccisa in un agguato in Somalia nel 2006

26-05-2018 di redazione

Un’altra suora italiana e missionaria della Consolata in Kenya sarà proclamata beata.
Dopo la Beata Irene Stefani, beatificata nel maggio del 2015, (LEGGI QUI L'ARTICOLO) è la volta di un altro personaggio femminile la cui misericordia è andata al di là della propria vita terrena.
Suor Leonella Sgorbati, religiosa piacentina, uccisa in un agguato il 17 settembre 2006 in Somalia, sarà proclamata beata oggi nella Cattedrale di Piacenza.
In Kenya dal 1970, come infermiera ostetrica, in più di trent'anni ha fatto nascere oltre quattromila bambini, spesso in condizioni estreme.
"Aveva un cuore extralarge - dicono di lei le consorelle che hanno diviso le esperienze d'Africa con lei - la chiamavano "Suor Leonessa", si batteva per i diritti della povera gente e quando approdò in Somalia, senza paura, era solita dire che una pallottola prima o poi sarebbe arrivata anche a lei".
Suor Leonella, al secolo Rosa Maria Sgorbati, nasce a Rezzanello, sulle colline piacentine, il 9 dicembre 1940.
A dieci anni la famiglia si trasferisce a Sesto San Giovanni, nel Milanese per aprire un negozio di frutta e verdura.
A vent'anni entra a far parte della congregazione dei missionari della Consolata e, dopo un periodo di studi in Inghilterra, approda in Kenya nel 1970.
In Kenya non solo lavorerà "sul campo", ma arriverà a dirigere una scuola per infermieri che preparerà moltissime keniane alla professione.
Se oggi c'è una buona scuola di infermiere locali lo si deve in gran parte a Suor Leonella.
Nel 2001 la ong “SOS Villaggio dei Bambini” le propone di avviare una scuola per infermieri a Mogadiscio. Un sogno da molti ritenuto impossibile. Le Missionarie della Consolata sono le sole religiose rimaste dopo la caduta del dittatore Siad Barre nel ‘91.
Suor Leonella accompagna gli allievi negli studi, li sprona a dare il meglio perché li vuole protagonisti della ricostruzione della Somalia. Riesce perfino ad ottenere il riconoscimento dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per la scuola. Sente però crescere attorno a sé l’ostilità dei fondamentalisti, che non vedono di buon occhio questa suora che passa tanto tempo con i giovani. Temono ne approfitti per fare proselitismo. Suor Leonella, invece, crede nel dialogo tra fedi e culture. «Dove c’è paura – ripete – non c’è amore»
Il 17 settembre 2006 è investita da una raffica di mitra mentre sta tornando a casa dopo le lezioni.
Nel tentativo di proteggerla, trova la morte Mohamed Mahamud, la sua guardia del corpo: il sangue di una consacrata cristiana e di un padre di famiglia musulmano mescolati insieme, vittime entrambi di un cieco fanatismo.
Una profezia per i nostri tempi, come le ultime parole di suor Leonella: «perdono, perdono perdono».
La celebrazione sarà presieduta dal cardinal Angelo Amato, prefetto della Congregazione per le cause dei Santi.
Saranno presenti anche i rappresentanti delle diocesi keniane in cui la missionaria ha vissuto: il Cardinale di Nairobi John Njue, il Vescovo di Meru Anthony Muheria e quello di Nyeri, in Kenya Salesius Mugambi, oltre al Vescovo di Gibuti e amministratore apostolico di Mogadiscio Giorgio Bertin.


 

TAGS: suor leonella kenyaleonella sgorbatibeata kenyasuore kenya

E' stata celebrata lo scorso fine settimana a Nyeri, cittadina a nord di Nairobi, la beatificazione della suora italiana Irene Stefani. 
La beatificazione...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non potevano essere indirizzati meglio, i 5000 euro di incasso della serata di Freddie del Curatolo lo scorso maggio a Treviglio, grazie all'organizzazione di Maxlife e dei commercianti della cittadina in provincia di Bergamo. 

LEGGI TUTTO

Una delle espressioni più ricorrenti che si sentono a Malindi, quando ci si imbatte in un uomo (magari di una certa età) che si è fidanzato con una ragazza locale, è “…lei è diversa da tutte le altre”.
 

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

ARCHIVIO

Maggio 2015

Tutte le notizie del mese

di redazione

Masala, la violoncellista keniana che si fa strada a Cremona
Una storia di talento, grande volontà e desiderio di affinarsi in Italia, per poi tornare in patria e poter insegnare musica ai propri connazionali.
E' la vicenda della giovane violoncellista...

LEGGI TUTTO L'ARCHIVIO MENSILE

Il mio amico Filippo, che l’anno scorso e’ stato a Malindi sull’oceano indigeno, mi ha detto che era inutile andare in Kenia per vedere le spiagge.
Tanto valeva andare a Igea Marina dove andavo ogni anno nella Pensione Gelsomina che...

LEGGI TUTTO

ARCHIVIO

Marzo 2015

Tutte le notizie del mese

di redazione

I funerali di Marco Vancini a Malindi: commozione e tutti a celebrare un uomo vero.
L'ingresso più significativo nella chiesa di Saint Anthony, gremita all'inverosimile, è stato quello di un anziano ometto giriama, segnato nel volto e con un'aura di...

LEGGI TUTTO L'ARCHIVIO MENSILE

ARCHIVIO

Maggio 2010

Tutte le notizie del mese

di redazione

Parte in prenotazioni la prossima stagione
La vendita di Malindi e Watamu per la prossima stagione e in generale come luogo di villeggiatura, seconda casa e anche possibile paradiso dove cominciare una nuova vita, si trasferisce in Italia. Nel Vecchio...

LEGGI TUTTO L'ARCHIVIO MENSILE

ARCHIVIO

Marzo 2009

Tutte le notizie del mese

di redazione


Un festival per "Malindi protegge i bambini"
La creazione di un evento che unisse il piacere dell'aggregazione, l'arte e il messaggio positivo della campagna a protezione dei bambini, era già stato messo in cantiere all'inizio della collaborazione tra Cisp, Unicef...

LEGGI TUTTO L'ARCHIVIO MENSILE

ARCHIVIO

Ottobre 2009

Tutte le notizie del mese

di redazione

Finmeccanica sbarca in Kenya.
Due aziende pilastro di Finmeccanica italiana hanno deciso di investire in grande stile in Kenya e hanno aperto la loro filiale a Nairobi e Mombasa. La prima si chiama Selex Sistemi Integrati ed è una compagnia...

LEGGI TUTTO L'ARCHIVIO MENSILE

Intervita Onlus per l'educazione a Manga
La Onlus italiana Intervita ha inaugurato ieri un progetto di educazione nel distretto keniota di Manga, di comune accordo con il Governo del Kenya, che migliorerà le condizioni di oltre centomila studenti. Sarà infatti...

LEGGI TUTTO L'ARCHIVIO MENSILE