Ultime notizie

TASSE E LICENZE

Tasse ospitalità a Malindi: in arrivo controlli e regole da rispettare

Meeting chiarificatore con il Turism Fund e T.R.A. grazie al Consolato italiano

07-06-2018 di redazione

Un importante incontro tra i vertici nazionali e locali dei due organismi del Ministero del Turismo keniano che si occupano di tasse e licenze legate all'hospitality.
Sul piatto del meeting richiesto dal Consolato Onorario d'Italia a Malindi, ospitato dal Kilili Baharini Resort ed organizzato dal Turism Fund (ex Catering Levy Trustees), l'applicazione delle tasse sull'ospitalità anche nelle seconde case appartenenti a non residenti.
Come già avviene in altri ambiti burocratici ed istituzionali, si stringerà la morsa sugli irregolari e su chi ospita a fini di lucro e non paga le relative tasse.
Il Tourism Fund si occupa (da sempre) della riscossione di una tassa del 2% sui guadagni di ogni attività turistica.
Presente all'incontro anche il direttore dell'ufficio malindino della Tourism Regulatory Authority (T.R.A.) Frederick Karenga, responsabile della riscossione delle cosiddette licenze turistiche che specialmente gli italiani nell'ultimo anno hanno dovuto pagare e che dovranno continuare annualmente a rinnovare.
La buona notizia è che queste licenze non significano che un privato abbia per forza un'attività di b&b o guest house, ovvero che affitti la sua seconda casa a scopo di lucro, ma la notizia più importante è che i due organismi stanno investigando affinché chi sulla costa svolge queste attività in nero, senza autorizzazioni e senza pagare le tasse, venga smascherato.
Da questa stagione aumenteranno i controlli e il consiglio di T.R.A. e Tourism Fund è quello di non fare i furbi e mettersi in regola.
"Sappiamo che a Malindi e Watamu ci sono molti casi di guest house e case in affitto che non sono in regola, ovvero non pagano le tasse e le regolari licenze turistiche - ha detto Karenga -  questa cattiva abitudine deve finire, e chiediamo l'aiuto di tutti. In ogni caso siamo disponibili a verificare quali siano i casi di non residenti che utilizzano la propria abitazione solo per sé e per i propri parenti. Queste persone potrebbero essere esentate dal pagare la licenza. Per chi invece ospita amici o estranei, ha più di una casa o dependance, oppure una villa a più stanze, la licenza è da pagare data l'impossibilità di provare che i loro ospiti, specie se sempre diversi, non siano paganti. Per chi però assicurerà che non opera nel campo dell'ospitalità alberghiera, basterà aggiungere un timbro alla licenza già pagata, e sarà palese che dovrà pagare solo quella e non altre tasse che appartengono ad hotel o bed&breakfast. Ma attenzione a non dichiarare il falso, perché siamo in grado di investigare e di arrivare alla verità, e in quel caso saranno presi provvedimenti seri".
Sulla stessa onda di pensiero il CEO di Turism Found, Joseph Cherutoi: "Il nostro fondo per il turismo - ha detto - chiede di pagare una tassa del 2% su ogni ospite di strutture alberghiere, comprese anche ville e appartamenti. Chiunque sia proprietario di un'abitazione in grado di ospitare persone paganti, sarà tenuto a versare questi contributi. Anche in questo caso facciamo leva sull'onestà della comunità straniera di Malindi e Watamu. Chi non affitta in nero e ospita solo parenti, non ha nulla da temere e da pagare".
Il Tourism Fund ha mostrato grande disponibilità a valutare le diverse problematiche dei non residenti proprietari di case, così come quelle degli hotelier che chiedono chiarezza su tanti aspetti dei regolamenti. Così come l'ufficio malindino del T.R.A. che, pur ribadendo di proseguire con le investigazioni per ottenere informazioni su chi affitta le proprie abitazioni senza regolari permessi, si è messo a disposizione per le numerose domande dei presenti. 
Ricordiamo che le responsabilità di omessi pagamenti, dichiarazioni o negligenze sono sempre e solo a carico del proprietario dell'immobile.

LEGGI QUI COSA OCCORRE PER METTERSI IN REGOLA SE SI OSPITA O SI AFFITTA A PAGAMENTO 

TAGS: tasse malindicase malindilicenze malinditasse kenya

Per essere in regola nell'ospitare a pagamento turisti nella propria casa in Kenya, o per affittarla a terzi, bisogna OBBLIGATORIAMENTE seguire questo iter:

LEGGI QUI L'ITER DA SEGUIRE

Sono due le attività di bar e ristorante già chiuse a tempo indeterminato a Malindi, dopo il primo giorno di operazioni incrociate di controllo da parte di diversi uffici governativi sulla costa keniana.
L'autorità...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Prima dell'inizio dell'alta stagione verranno scandagliati e controllati tutti gli alloggi, le camere e le piccole strutture vendute su Air BnB, su Booking.com e su altre piattaforme online, per verificarne l'idoneità con le leggi nazionali sull'hotelkeeping, le licenze ed altro. 

LEGGI TUTTO

Tredici grandi catene alberghiere apriranno nei prossimi cinque anni in Kenya.
Secondo un rapporto di “Hotel Outlook”, pubblicato dall’agenzia di consulenza PwC, entro il 2021 il Paese, e soprattutto Nairobi, disporrà di 2400 nuove camere.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un giorno di disagi dell'operatore telefonico keniano Safaricom (affiliato Vodafone) hanno mandato in crisi l'intero Paese, soprattutto per quanto riguarda il blocco delle transazioni di pagamento Mpesa, il metodo più utilizzato dai kenioti per inviare e ricevere soldi e per...

Operazioni di sdoganamento a rischio da questa settimana al porto di Mombasa.
Venerdì è stato indetto uno sciopero ad oltranza dei 1350 operatori doganali, per il rinnovo delle loro licenze da parte della Kenya Revenue Authority.
Lo scrive il quotidiano nazionale...

LEGGI TUTTO

Sarà la più importante azienda cinese di connettività a dare internet veloce tramite fibre ottiche a tutto il Kenya.
L'accordo è stato siglato da

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Della "tassa" annuale sulla casa di proprietà per non residenti in Kenya abbiamo già avuto modo di parlare ampiamente in questi spazi.
Abbiamo già spiegato perché secondo noi conviene pagarla e, a una settimana dalla scadenza del termine...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Quello dei funerali è ormai uno dei business più importanti, tra gli affari del "popolo", che animano l'economia del Kenya.
Già nel 2013 uno studio del Journal of Human Developement indicava le spese per i funerali tra...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gli imprenditori italiani (e non solo) e chiunque lavori nel settore del turismo o abbia investito nella Contea di Kilifi devono segnarsi questa data: lunedì 28 settembre. E chi non sarà presente, avrà poche ragioni di lamentarsi in futuro che...

LEGGI TUTTO

A fine agosto scade il tempo messo a disposizione dalla Kenya Revenue Authority (l'ufficio delle tasse locale) per digitalizzare il proprio PIN number, ovvero il codice che in Kenya funziona come quello fiscale, per aziende e privati.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'intero staff del Ministero del Turismo keniano, ad eccezione del capo di Gabinetto, Najib Balala, nei giorni scorsi si è recato in visita all'Aeroporto Internazionale di Malindi.
Motivo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un chiarimento del Consolato Onorario d'Italia a Malindi riguardo alla verifica dei permessi di lavoro degli stranieri in Kenya.
La linea politica è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo Wolkswagen e Peugeot, anche la giapponese Nissan ha annunciato la sua intenzione di investire circa 20 milioni di dollari nella creazione di un impianto di assemblaggio di veicoli in Kenya.
Jim Dando, Direttore...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il progetto è stato annunciato ieri dal Ministro dei Trasporti del Kenya James Macharia, che dopo aver firmato l'accordo con i colleghi di Sud Sudan ed Etiopia, ha appaltato a due...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tempi durissimi per la catena di supermercati Nakumatt e i relativi centri commerciali dove le sue filiali sono situate.
Entrata nel tunnel di una crisi che sembra irreversibile, l'azienda keniana fondata più di vent'anni fa dalla famiglia indiana Shah di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO