Ultime notizie

NEWS

Troupe delle Iene a Malindi e Watamu, tra coppie da spiaggia e pregiudizi

Il producer Gaston Zama: "Niente mistificazioni, guardate il servizio e capirete"

05-09-2018 di Freddie del Curatolo

E' successo più volte in passato: quando a Malindi o Watamu arriva una troupe televisiva italiana, il rischio dello "sgub", della ricerca dello scandalo o del luogo comune per acchiappare share televisivo è sempre in agguato, così come i pregiudizi di tanti residenti ed imprenditori del turismo.
Figuriamoci se a sbarcare in Kenya sono quelli de "Le Iene", programma abituato a pescare nel torbido, tra ironia dissacrante e denuncia sociale.
In realtà già da tempo ci era stato annunciato l'arrivo della troupe e del producer e volto televisivo Gaston Zama, per girare un servizio sui "beach boys" che accalappiano (e si fanno accalappiare da) signore italiane spesso agée e magari non eccessivamente avvenenti.
Uno dei tanti fenomeni da spiaggia su cui anche il nostro portale da tempo fa la giusta ironia e che sicuramente non hanno niente a che vedere con il turismo sessuale, definizione non solo datata ma assolutamente generica e che si potrebbe riferire anche a Rimini, Formentera e mille altre mete del mondo. Insomma, qualcosa che sappiamo esiste ma che si spera venga trattato con la giusta intelligenza, calandosi in una realtà così diversa da altre e trasmettendola al telespettatore.
Zama intanto è stato preventivamente attaccato sui social media, con l'accusa di aver "costruito" il suo servizio con attrici al posto di turiste e ragazzi africani consenzienti e magari ben retribuiti.
Accuse rimandate dalla "iena" ai mittenti, pure con gli interessi: "Quando vedrete il servizio, vi ricrederete - scrive Zama, che poi rincara la dose sul suo profilo Facebook - le accuse sono state mosse da alcuni italiani che sono scappati dall'Italia per problemi con la legge e forse sono turbati dal nostro arrivo".
Un'invettiva chiara, che presuppone che probabilmente di questi italiani sentiremo parlare nella loro trasmissione (magari in un servizio successivo?). 
Speriamo però che venga evidenziato che ci sono molti più connazionali (come alcuni intervistati a Watamu ed altri imprenditori che hanno amabilmente chiacchierato con la troupe e la produzione) che invece non solo non sono "scappati" e non sono illegali, ma che lavorano bene e, magari non sotto i riflettori, fanno cose splendide di cui essere orgogliosi, da italiani e anche da "iene".
D'altronde certi risvolti riguardo a personaggi di Malindi sono ormai "segreti di Pippo" ed è impensabile che non debbano venire a galla pubblicamente, prima o poi, così come è già capitato nel recente passato.
Ad agosto, oltretutto, due amici iene di Zama, Stefano e Veronica, hanno trascorso alcune settimane di vacanza a Malindi e sono ben informati, ma hanno partecipato anche ad iniziative sociali e conosciuto la "buona" Malindi.
Così come Zama e i suoi.
"Credo che questi ragazzi abbiano portato a casa un servizio nel loro stile, ma onesto - dice Pasquale Tiritò del Jacaranda Resort che si è intrattenuto con loro - sono fiducioso sul servizio che andrà in onda. Malindi e Watamu sono destinazioni turistiche e come tali ricche di spunti e di contraddizioni, l'importante è non vedere solo i lati negativi".
Le Iene nel frattempo hanno lasciato Watamu e sono volate a Nairobi e Nanyuki, per occuparsi di progetti sociali italiani.
Non resta che vedere cosa ne uscirà fuori, senza pregiudizi di sorta. 

TAGS: iene malindiiene watamugaston zama kenya

Martedì scorso la trasmissione d'inchiesta, informazione e svago di Italia Uno "Le Iene" ha trasmesso il primo dei servizi dedicati al Kenya, che la "iena" Gaston Zama ha girato e prodotto tra il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le cifre presentate dall'ICEA, Lion General Insurance Company al Kenya Wildlife Service parlano chiaro, anche quest'anno è stata raggiunta quota 100 leoni uccisi nella savana del Kenya. 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un agosto decisamente fortunato per gli avvistamenti speciali nella savana dello Tsavo dove è stata immortalata con numerosi scatti fotografici,di prima mattina, una iena striata. Animale schivo e riservato, vive principalmente di notte, motivo per cui non èfacile osservarlo durante...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

La vera montagna del popolo Maasai è il Monte Suswa, un ex vulcano con crateri e grotte incredibili.
Situato nel cuore della loro terra, il Suswa è sicuramente il meno conosciuto ma probabilmente il più...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Per chi ama veramente l'Africa questo è il periodo più bello dell'anno, ma pochi lo vivono.
Due giorni allo Tsavo East e si sono aperte le porte del Paradiso terrestre.
A parte gli sconti praticati dai vari lodges in bassa...

LEGGI TUTTO

Sono 64 i parchi e le riserve nazionali del Kenya, che è il Paese del mondo con la più ampia varietà di specie animali in libertà.
Anche la vegetazione varia da parco a parco e con essa il microclima e...

LEGGI TUTTO

La savana brucia e lo Tsavo East è ormai una distesa di terra rossastra con ciuffi d’erba ed alberi secchi.
Erbe aride e polverose mosse dal vento che solleva un velo impalpabile che si deposita ovunque.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Lewa Conservancy , 62.000 acri di estensione, popolata da animali tra cui 150 rinoceronti ben protetti.
Situata nel distretto di Laikipia, Conservancy fin dal 1920, è diventata patrimonio dell’UNESCO , merito dell’alta professionalità nella difesa dell’ambiente e degli animali.
Abbiamo...

Watamu si promuove a Nairobi come destinazione turistica autonoma, con le sue particolarità e le sue strutture e attività.
Tutto questo avverrà da venerdì 29 settembre a domenica 1 ottobre al 7th August Memorial Park di Nairobi, nel centro della capitale...

L'estate sta finendo (un anno se ne va, avrebbero cantato i Righeira...) ma a Malindi e Watamu ci sono ancora serate da passare insieme e in allegria, tra buffet, aperitivi, grigliate e musica. Ecco cosa succede in questo fine settimana.

"Là dove giace il mio cuore". Questo significa Bwaga Moyo in lingua kiswahili.
Ed è facile lasciare il cuore in questo curatissimo residence di recente costruzione a cinque minuti dalle bianche spiagge di Watamu, nella meravigliosa zona di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' Jacaranda Bay la spiaggia più bella di Watamu, lo dicono centinaia di appassionati d'Africa, turisti e residenti italiani che amano la costa del Kenya.
LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LA CLASSIFICA FINALE SU WATAMUKENYA.NET CLICCANDO QUI

Metti un barman professionista nell'oasi più esclusiva di Watamu, due bicchieri su un tavolino che si affaccia nella baia sull'oceano dai colori mozzafiato.
Se poi sta per arrivare il tramonto, dopo una giornata di mare, sole ed allegria, il cocktail...

LEGGI TUTTO

C’è sempre il desiderio in me di confrontarmi con realtà wild oltre confine, non fosse altro per imparare come altri sono organizzati e quanto di migliorabile potrebbe esserci nella realtà dei parchi in Kenya, specie nello Tsavo East.
 

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Malindi e Watamu regine turistiche della Pasqua keniana.
Il successo della costa nord è certificato dagli arrivi di questi giorni all'aeroporto di Malindi, che ha battuto quello di Ukunda e delle presenze in hotel che, grazie soprattutto a Watamu, nuova...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Alcuni secoli prima di Cristo, Malindi e il Kenya erano luoghi incontaminati: nessuna strada, nessuna palazzina, neanche un bresciano o un bergamasco. 
A quei tempi l’impero romano, dopo la presa di Cartagine e la presa per i fondelli di Annibale,...

LEGGI TUTTO IL RACCONTO