Ultime notizie

NEWS

Turisti italiani arrivano in Kenya: ecco come

Pochi controlli in partenza e poca coscienza dei rischi

02-11-2020 di Freddie del Curatolo

Saranno i timori di nuovo lockdown in Italia e negli altri Stati europei da dove presto non si potrà più viaggiare in direzione Africa, sarà l’arrivo dell’inverno inclemente e lo stress di questa situazione prolungata, ma dallo scorso fine settimana gli aerei in arrivo, anche indirettamente, dal nostro Paese stanno iniziando a riempirsi di connazionali.
Si tratta per la maggior parte di residenti che ancora non erano rientrati in Kenya, dove hanno attività o vivono con regolari permessi di soggiorno, oppure di lavoratori dipendenti, ma anche di chi possiede un’abitazione regolarmente registrata o ha un contratto d’affitto in essere, condizioni segnalate dal Ministero degli Esteri come eccezioni al divieto di viaggi per turismo oltre l’area Schengen.
Ma non solo. Come segnalato ormai dallo scorso mese di agosto, quando il Kenya riaprì ai viaggiatori internazionali ma in Italia vigeva lo stesso divieto che è in atto oggi, ci sono anche molti italiani che s’imbarcano con destinazione finale Kenya, pur non avendo i requisiti necessari per farlo.
Come può accadere questa cosa?
Semplice, nei “porti d’uscita” del nostro Paese il più delle volte non ci sono controlli da parte delle autorità preposte. Particolarmente negli aeroporti, all’ultimo check-in doganale, del passaporto viene controllata la validità come avviene da sempre, e non lo “status” di residente all’estero come dovrebbe essere richiesto. E in caso che il viaggiatore non abbia questo requisito, bisognerebbe chiedere i documenti che attestano l’urgenza o le motivazioni plausibili per un viaggio.
Non ci siamo mai espressi sulla bontà e la pertinenza del decreto e sul fatto che il Kenya risulti tra i Paesi dove gli italiani non possono andare in vacanza, ma di certo la coerenza starebbe nel far applicare alla lettera un decreto deciso dal Governo, altrimenti che lo si è fatto a fare?
Invece nella maggior parte dei casi la decisione di far partire o meno un turista dall’Italia viene delegata ai dipendenti delle compagnie aeree che eseguono il primo check-in, fanno imbarcare i bagagli ed emettono il biglietto.
Compagnie che hanno tutto l’interesse a far viaggiare i propri clienti, anche perché non si farebbero una bella pubblicità a “fare la spia”.
Risultato: la voce si è sparsa, specie con alcune linee aeree si può partire tranquillamente senza documenti necessari o con carte fasulle (che spesso non vengono nemmeno prese in considerazione) o mostrando al check-in i numerosi timbri del passato che attestano una presenza assidua in Kenya.
La gran parte dei turisti, una volta superato il primo “step”, riusciranno a passare anche la dogana aeroportuale ed essere pronti all’imbarco.
I problemi semmai per loro potranno presentarsi in Kenya, ma non per via del Governo del Paese africano, ma in quanto cittadini italiani se dovesse capitare loro qualcosa per la quale dovranno giustificare la loro presenza all’estero. In quel caso non si potranno appellare al fatto che non sono stati controllati, perché loro per primi non avrebbero dovuto presentarsi in aeroporto.
in ogni caso i turisti “fai da te” stanno arrivando.
Così come sono stati segnalati i primi tentativi di truffa: qualcuno che dal Kenya, sapendo che alla fine i turisti italiani riusciranno comunque a partire, promettono documenti ineccepibili (finte assunzioni di lavoro, ricongiungimenti fasulli ecc...) facendoseli pagare.
Insomma, se proprio dovete e volete rischiare, fatelo da soli e gratis, che male che vada perderete il solo biglietto aereo. Ma il nostro consiglio, e a nostro discapito e dei nostri sostenitori è: per quanto come spesso accade in Italia, si facciano le leggi e poi manchi chi le fa rispettare, aspettate la riapertura ufficiale. Essere un cittadino italiano all’estero dove non si potrebbe e non avete piena tutela, soprattutto sanitaria in questo momento, non è una bella cosa.
Altrimenti, mi raccomando, sappiate che è un’avventura e che urlare ai propri diritti di cittadino dopo essere stati i primi a non rispettare i vostri doveri, oltre che ridicolo probabilmente non sarà producente.

TAGS: turismo kenyaitaliani kenyaviaggio kenyavisto kenyadivieto kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

http://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

"I cittadini del Paesi africani avranno il visto d'ingresso per il Kenya free".
L'annuncio è stato fatto da Kenyatta in persona, nel giorno del...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il rimpasto del Governo voluto dal Presidente Uhuru Kenyatta per fronteggiare una crisi politica dovuta a scandali e truffe che hanno coinvolto alcuni ministri, ha fatto sì che al Ministero del Turismo tornasse una vecchia conoscenza degli imprenditori e dei...

LEGGI TUTTO

Non solo plastica e derivati, la Contea di Kilifi ha chiesto alla massima autorità governativa dell'Ambiente, la NEMA, di intervenire per...

LEGGI L'ARTICOLO

Non c’è emergenza Covid-19 che tenga (per fortuna), la battaglia per la tutela dell’ambiente del Kenya va...

LEGGI L'ARTICOLO

Nessuna variazione per le feste e l'inizio dell'anno nuovo: i turisti potranno ancora entrare in Kenya con il visto turistico cartaceo compilato e richiesto direttamente alla dogana d'ingresso nel Paese.
Nonostante il visto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Ministro del Turismo del Kenya Najib Balala ieri a Milano ha incontrato prima i Tour Operator, poi rappresentanze di imprenditori e di associazioni e infine i giornalisti, in una mattinata che lo ha visto dispensare ottimismo e "fare squadra"...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Falso allarme per l'obbligatorietà del visto online per entrare in Kenya. 
Per questa estate, e forse anche oltre, nessun problema all'aeroporto di Mombasa per chi si presenterà senza il visto online "E-visa". 
Sul sito dell'Ufficio Immigrazione del Kenya era apparsa...

LEGGI TUTTO

Nella ridda di decreti d’emergenza che affollano la Gazzetta Ufficiale del Kenya in questo periodo...

LEGGI L'ARTICOLO

La Contea di Kilifi e la Regione Lombardia hanno raggiunto un accordo di massima per lo sviluppo del Turismo a Malindi e Watamu.
Lo ha annunciato il Governatore della Contea Amason Kingi a margine di una riunione del Consiglio della...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ecco l'elenco completo delle compagnie aeree di linea o charter che a tutto il 2017 volano da Italia ed Europa (anche tramite collegamenti, scali e code-sharing) verso il Kenya, con arrivo negli aeroporti internazionali di Mombasa (Moi International Airport) e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Anche per questa nuova stagione, che parte dopo la prima metà del 2018 e si spera possa arrivare in pompa magna fino a Pasqua 2019, i turisti stranieri potranno ancora entrare in Kenya con il visto turistico cartaceo compilato e richiesto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Lo chef-scrittore e personaggio televisivo americano Anthony Bourdain, tragicamente scomparso lo scorso otto giugno, ha lasciato un bellissimo testamento spirituale nel suo ultimo viaggio registrato per la sua trasmissione "Parts Unknown".
Un safari nel...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Visto cartaceo per entrare in Kenya da turisti è ancora valido ed è stato prorogato dall'Ufficio Immigrazione "Sine die".
Lo ha confermato anche il Presidente del Kenya Uhuru Kenyatta a margine dell'inaugurazione dello stand keniota all'Expo di Milano.
I...

(foto di Paolo Torchio) Dopo il divieto totale dei sacchetti di polietilene, il Ministero dell'Ambiente del Kenya sta pensando seriamente di vietare le bottiglie di plastica su tutto il territorio nazionale per proteggere l'ambiente.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono stati rilasciati e già in viaggio per Malindi i due ragazzi italiani fermati ieri dalla polizia del villaggio di Ngao, nella regione keniana del Tana River, dove a loro...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Per entrare in Kenya è necessario possedere un passaporto con validità residua di almeno sei mesi al momento della richiesta del visto.
Occorre altresì essere in possesso di un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO