Ultime notizie

EDITORIALE

Viaggi Italia-Kenya, la grande confusione

Tamponi, permessi, traduzioni: quasi impossibile dare informazioni precise

03-10-2020 di Freddie del Curatolo

Difficile, impossibile, anzi improbabile.
Non fossero bastati i mesi di lockdown, non fossero sufficienti le restrizioni, le limitazioni geografiche nei viaggi del turisti, le quarantene al ritorno, i risultati dei tamponi da farsi rilasciare in battuta, le traduzioni in inglese...ormai arrivare in Kenya per chi vi è abituato da anni pur non essendo residente è diventato un terno al lotto, come si diceva una volta, o se preferite un “gratta e perdi”.
Non è solo una questione di regolamenti e decreti che cambiano continuamente, ma anche un problema di interpretazione dei medesimi, specie quando sono tradotti da altre lingue.
Cerchiamo di analizzare la questione dei viaggi Italia-Kenya andata e ritorno per farvi capire non solo come sia diventato praticamente impossibile dare informazioni corrette e perché ci sentiamo in dovere di scrivere che è meglio rispettare tutte le regole, se si vuol venire in Kenya, anche se sappiamo che c’è chi riesce ad entrare nel Paese da turista senza troppa fatica, pur essendo illegale. Così come abbiamo diverse segnalazione di connazionali rimasti a terra a Malpensa e Fiumicino e di qualcuno che ha dovuto fare il diavolo a quattro per non essere respinto all’arrivo a Nairobi e Mombasa.

GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI

Da un documento che la redazione di Malindikenya.net ha potuto visionare, da qualche giorno l’Ufficio della Salute dell’Aeroporto di Nairobi richiede il certificato di Tampone PCR non solo tradotto in inglese, ma con 96 ore di validità dall’arrivo in Kenya e non più dalla partenza.
In effetti l’indicazione del Ministero dei Trasporti del Kenya, basata sul Decreto di Riapertura delle frontiere internazionali datato 1 agosto 2020, chiedeva in inglese il tampone PCR con validità “96 hours before travel”, dove l’esatta traduzione sarebbe “96 ore prima di viaggiare”.
Anche il sito Viaggiare Sicuri del nostro Ministero degli Affari Esteri segnala ancora il comunicato ufficiale del 1 agosto e scrive che le 96 ore del tampone si intendono dalla partenza.
Il problema è che all’arrivo in Kenya, l’ufficio immigrazione locale di quel che è scritto sul sito della Farnesina se ne potrebbe tranquillamente fregare.

CHI PARTE UGUALMENTE

Abbiamo ricevuto diverse testimonianze e segnalazioni di italiani che sono entrati in Kenya, arrivando dall’Italia, con il solo visto turistico. Ricordiamo che è l’Italia che a regola non fa partire i propri connazionali verso mete al di fuori dell’Europa Unita per motivi esclusivamente turistici.
E’ anche vero che i controlli in questo caso sono “random”, ovvero occasionali.
Non per una scelta di metodo, ma perché affidati al personale che si occupa del check-in in aeroporto, ovvero dipendenti delle compagnie aeree con cui si volerà.
Dalle statistiche in nostro possesso, basate su qualche decina di testimonianze che riteniamo veritiere, la compagnia più “morbida” in questo senso risulterebbe essere Ethiopian Airways, mentre la più seria e ligia Qatar Airways. Negli ultimi giorni, come scritto anche ieri, si stanno però intensificando i controlli. Come già detto in Kenya l’unico problema è relativo al tampone. Se lo avete datato 96 ore prima dell’arrivo e tradotto in inglese, non avrete sicuramente problemi. Non c’è quarantena e non ci sono altre limitazioni per avere il visto turistico di 3 mesi rinnovabile eventualmente per altri 3. Gli italiani, si sa, appartengono alla categoria dei più furbi del mondo, quindi c’è chi assicura di essere passato all’aeroporto di Mombasa con il solo certificato sierologico, chi addirittura senza niente e magari portando con sé un arma da fuoco.
Oltre agli inguaribili mitomani, è un po’ la sindrome dei giocatori del casinò, che raccontano unicamente delle loro vittorie. In questo caso in pochi si vanteranno di aver dovuto allungare qualche mancetta per ovviare ad una loro mancanza.

CHI VIENE RESPINTO

Chi invece è stato lasciato a terra o ha seriamente rischiato di non partire, difficilmente racconta una bugia. E’ capitato ad un manager di Nairobi, residente, che non aveva il certificato del Tampone PCR tradotto in inglese, così come ad un residente che non aveva il timbro comprovante il permesso di lavoro sul passaporto. Sono già una ventina i turisti diretti in Kenya che non sono stati imbarcati per non avere documenti necessari a motivare un viaggio all’estero oltre l’area Schengen.
Non così pochi per rischiare di perdere il biglietto dell’aereo.

QUARANTENA AL RITORNO IN ITALIA

In questo caso, dai numeri in possesso di Malindikenya.net, la maggioranza di chi dal Kenya è tornato in Italia e non ha fatto un solo giorno di quarantena, è schiacciante.
Anche qui, il problema sta tutto nei controlli aeroportuali.
Il Kenya non richiede nulla per uscire dal Paese, sono le compagnie aeree che obbligano (quasi tutte) a fare il tampone. Ma anche il tampone con esito negativo all’arrivo in Italia secondo il decreto di emergenza non dovrebbe essere sufficiente ad evitare i 14 giorni di isolamento al proprio domicilio.
Il fatto è che all’arrivo negli aeroporti italiani difficilmente viene chiesto nulla e soprattutto le autorità non trasmettono i vostri dati e il vostro arrivo da un Paese straniero all’ASL locale, che di conseguenza non avrà mai il vostro nominativo e numero di telefono per contattarvi e sapere se state facendo la quarantena e magari venire anche a controllare di persona.
Anche nel caso che ci è stato riferito direttamente da due persone, che volontariamente hanno chiamato l’ASL per avvertire che erano arrivati dall’Africa, l’ASL stessa ha detto loro che li avrebbe richiamati per sapere delle loro condizioni, ma non l’ha mai fatto. Dopo 14 giorni sono stati loro a chiamare l’ASL per sapere se potevano uscire di casa...

Capite perché dare informazioni sui viaggi Italia-Kenya attualmente è praticamente impossibile e forse anche un po’ inutile. Noi continuiamo a consigliare a nostro discapito ai turisti di attendere la riapertura dell’Italia ai viaggi per turismo che speriamo coincida con la rimozione della quarantena al ritorno. E a chi quando inizierà a fare freddo sarà pronto di venire i soliti cinque o sei mesi sulla costa keniana di valutare il discorso assicurativo per tutelare la salute e trovare il sistema di motivare in maniera quanto più legale possibile il vostro soggiorno “non turistico”.
Karibu...Bahati Njema.
Buona fortuna!

TAGS: info kenyaviaggi italia kenyaturismo kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

http://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Nella splendida cornice del Sandies Tropical Village di Malindi, in riva all'Oceano Indiano sulla spiaggia di Silversand, si accendono le luci del Natale.
Sabato 1 dicembre, a partire dalle 19...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L’Italia ha deciso di rinviare al 10 agosto ogni decisione riguardo alla riapertura dei...

LEGGI L'ARTICOLO

Si è conclusa la fiera del turismo di Rimini TTG incontri, con un buon riscontro per la Contea di Kilifi che si presentava autonomamente dal Ministero del Turismo del Kenya, grazie alla collaborazione con Jacaranda Resort e alla consulenza di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una serata che ha fatto innamorare del Kenya decine di persone. 
Sabato sera a Riccione, nella cornice esclusiva del Bagno 71 e del suo "chiringuito", è andata in scena la "Serata Kenya " organizzata dal nostro portale, patrocinata dal Ministero...

LEGGI TUTTO

Il 2015 e il 2016 saranno gli anni decisivi per il turismo in Kenya. 
Di questo sono convinti un po' tutti i tour operator europei che hanno a che fare con il Paese africano e che hanno investito nella gestione...

LEGGI TUTTO

La compagnia di bandiera keniana Kenya Airways prova a vedere più rosa nel suo futuro grazie...

LEGGI L'ARTICOLO

Il primo appuntamento italiano con le Serate Kenya di Freddie è fissato per sabato 20 maggio al Teatro Filodrammatici di Treviglio, in provincia di Bergamo.
L'anno scorso alla serata organizzata da Medicallife e Maxlife, confluirono oltre 300 persone e fu...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' arrivato il momento: Malindikenya e Watamukenya aprono il loro ufficio italiano e si mettono a disposizione di chi vuole promuovere la sua attività in Kenya, di chi vuole vendere e acquistare una proprietà e di semplicemente cerca una consulenza...

LEGGI TUTTO

The New Normal, “La nuova normalità”. Con questo motto il Ministro del Turismo ...

LEGGI L'ARTICOLO

Giovedì prossimo, 15 ottobre, il Governo italiano confermerà gli effetti del nuovo ...

LEGGI L'ARTICOLO

Cena di gala, musica dal vivo e beach party questo venerdì al Diamonds Dream of Africa di Casuarina, Malindi per una serata veramente speciale.
Il 24 novembre, a partire dalle ore

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

In attesa che i problemi del turismo e il suo rilancio nella Contea di Kilifi vengano risolti, il Ministro...

LEGGI L'ARTICOLO

"E'una notizia molto positiva quella che riguarda l'adeguamento dell'aeroporto di Malindi ai voli lungo raggio e che conferma il lavoro svolto in questi anni dal governo per avere uno scalo nel posto in Kenya tra i piu graditi agli italiani.
Sono...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Chi crede che Santa Claus non frequenti l’Africa, magari per il caldo o per paura che le ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO