Ultime notizie

AVVISI

Viaggi Italia-Kenya, tutte le info aggiornate

Norme, tamponi, quarantena e consigli

29-08-2020 di redazione

Mai come in questo periodo c’è bisogno di chiarezza.
Siamo bombardati da notizie e contronotizie ed ogni strada trasversale via social è buona per dire la propria e confondere ancor più le idee, a chi ancora ci tiene ad averle.
Anche sull’asse Italia-Kenya, che è l’ambito nel quale ci muoviamo e teniamo ad informare, ad ogni variazione di norma, decreto o regola nazionale, europea o intercontinentale, si ricomincia inevitabilmente da zero. Le stesse domande, le stesse richieste di informazione e lo stesso rischio di risposte a casaccio.
Ecco quindi, alla luce delle ultime micro-variazioni del Governo keniano rispetto all’emergenza pandemia e a quelle rimandate al prossimo 7 settembre dall’Italia (anche in base a quelle dell’Unione Europea, specie per quanto riguarda i viaggi all’estero) le risposte ufficiali ai quesiti che stiamo ricevendo.

1. E’ POSSIBILE RECARSI IN KENYA DALL’ITALIA PER TURISMO?

No, non è ancora possibile. E’ un problema dell’Italia, che segue direttive dell’Unione Europea. Il Decreto vigente stabilisce che non si possa uscire dai Paesi dell’area Schengen (Il Kenya, ovviamente come tutte le Nazioni extraeuropee e la Svizzera, non ne fa parte) con la sola motivazione di una vacanza. Il fatto che si vogliano trascorrere 3 o più mesi in Kenya, ma sempre con visto turistico, non è un motivo valido che permette il viaggio.
In questo caso acquistare un biglietto aereo per recarvi in Kenya da turista è operazione a vostro rischio e pericolo. Può andarvi bene e al check-in aeroportuale non esservi richiesto il motivo del viaggio, ed eventuale autocertificazione e documenti allegati, così come può capitare che non succeda. Nel caso, all’arrivo in Kenya non ci sarà comunque alcun problema ad ottenere il visto turistico.

 

2. QUALI SONO I MOTIVI PER CUI UN ITALIANO PUO’ RECARSI IN KENYA?

Un cittadino italiano attualmente può recarsi in Kenya se è residente in quel Paese, oppure se ha un permesso di lavoro temporaneo, un rapporto di volontariato o segue un programma di studio, ricerca. Altresì, mostrando un’autocertificazione corredata da documenti comprovanti l’autenticità della richiesta, può essere stato convocato per un lavoro, un convegno o altre attività che abbiano date e riferimenti. O ancora può avere familiari in Kenya e chiedere il ricongiungimento temporaneo. Anche in questo caso serve dimostrare il ricongiungimento con documenti. Chi ha un’abitazione regolarmente denunciata in Kenya, può anche chiedere lo spostamento temporaneo di domicilio.

 

3. PER ENTRARE IN KENYA CI VUOLE IL TAMPONE O BASTA IL SIEROLOGICO?

Il Ministero della Sanità del Kenya è stato chiaro, nel suo protocollo emesso il 27 luglio scorso: per i viaggiatori che vogliono entrare nel Paese proveniendo dall’estero è necessario il Tampone PCR, emesso entro le 96 (4 giorni) ore dalla partenza del volo.
Nel caso si arrivasse in Kenya sprovvisti di questo certificato, le norme locali prevedono che il viaggiatori osservi un periodo di quarantena di 14 giorni. Se ha prenotato un hotel o ha un domicilio segnalato nel modulo online inviato precedentemente al Ministero della Sanità o indicato sul visto online, potrà svolgere la quarantena al domicilio, altrimenti dovrà effettuarla in una struttura governativa, scegliendo tra quelle disponibili, ma a sue spese.

 

4. QUALI SONO ATTUALMENTE LE RESTRIZIONI IN KENYA?

Come si può notare in tutto il mondo, le norme ci sono ma non sempre vengono applicate e spesso viene sanzionata solo la più evidente, ovvero la mancanza di mascherina.
In Kenya bisognerebbe rispettare il distanziamento sociale (1.5m), lavare o disinfettare le mani all’ingresso di ogni locale o ufficio, pubblico o privato, e indossare la mascherina.
Inoltre non è possibile passeggiare in spiaggia o fare il bagno in mare, a meno che non si sia ospiti di una struttura turistica, o clienti di un ristorante sul mare.
In Kenya fino al 26 settembre prossimo vige ancora il coprifuoco, dalle 21 alle 4 del mattino.
Nei ristoranti e fast food non si possono somministrare alcolici e la legge punisce sia i venditori che i consumatori. I bar che non danno da mangiare e le discoteche o pub devono restare obbligatoriamente chiusi. Ricordiamo che la legge keniana, mutuata dalla “common law” inglese, prevede che le contravvenzioni vengano discusse davanti ad un giudice.
Questo fa sì che per evitare la chiamata in corte o di dover trascorrere in cella il tempo che separa dall’udienza, spesso le forze dell’ordine chiedano un “pizzo”, specialmente agli stranieri.
Per questo motivo, nonostante si possa notare in giro gran parte della popolazione non rispettare le norme vigenti (tranne il coprifuoco, per cui c’è l’arresto immediato per tutti), il consiglio è quello di non sgarrare.


5. PER TORNARE IN ITALIA DAL KENYA E’ OBBLIGATORIO FARE (O RIFARE) IL TAMPONE?

Attualmente non ci sono voli diretti dal Kenya all’Italia, quasi tutti arrivano da Paesi da cui all’arrivo in Italia il tampone PCR non viene richiesto. Ci sono però alcune linee aeree che richiedono il Tampone per l’imbarco. Conviene informarsi con la propria agenzia di viaggio oppure, se si acquista il biglietto online, chiedere direttamente alla linea aerea. Fermo restando che il Tampone PCR è valido 14 giorni, quindi per eventuali vacanze più brevi di dieci giorni non ci sono problemi.
 

6. AL RITORNO IN ITALIA DAL KENYA E’ OBBLIGATORIA LA QUARANTENA?

Attualmente sì, viene richiesta la quarantena di 14 giorni al domicilio o residenza segnalato nell’autocertificazione che viene fatta compilare in aeroporto.
La quarantena in Italia viene applicata con restrizioni e controlli variabili da regione a regione. Facendo il tampone entro 72 ore dalla partenza dal Kenya, però, a seconda delle regioni, sarà possibile ottenere permessi per uscire di casa anche frequentamente.

TAGS: info kenyaconsigli kenyanorme kenyaingresso kenyaviaggi kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

http://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Quest'anno il beach party di Capodanno sarà nella storica e affascinante cornice del White Elephant di Armando Tanzini. 
Questa la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nella splendida cornice del Sandies Tropical Village di Malindi, in riva all'Oceano Indiano sulla spiaggia di Silversand, si accendono le luci del Natale.
Sabato 1 dicembre, a partire dalle 19...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Con la riapertura delle frontiere aeree internazionali, pur con restrizioni e oggettive difficoltà, il ...

LEGGI L'ARTICOLO

Terreno e immobili di uno degli storici boutique hotel e ristoranti di Malindi, sempre aperto e attivo con ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

“Ho girato un bel po’ di mondo, ma le pillole di vita e felicità che l’Africa riesce a regalare a chi ...

LEGGI L'ARTICOLO

La Malindina, una delle location piu esclusive di Malindi riapre le porte dell’hotel e del ristorante ...

LEGGI L'ARTICOLO

Anche a Malindi, come in moltissime città nel mondo dove è presente una forte componente italiana, si ...

LEGGI L'ARTICOLO

La scuola calcio di Malindikenya.net prosegue la sua avventura, grazie all'aiuto dei primi italiani che si stanno appassionando al percorso dei nostri ragazzini della periferia di Malindi.
Durante il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gli imprenditori italiani (e non solo) e chiunque lavori nel settore del turismo o abbia investito nella Contea di Kilifi devono segnarsi questa data: lunedì 28 settembre. E chi non sarà presente, avrà poche ragioni di lamentarsi in futuro che...

LEGGI TUTTO

Durante le prossime feste natalizie e di fine anno, a Watamu e sulla costa del Kenya arriveranno circa 5 mila italiani, secondo le stime di tour operators, siti di prenotazioni online e compagnie di volo.
Ecco dieci regole che conviene seguire...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una serie di nuove regole con multe salatissime sono state approvate dal Ministero dell’Agricoltura e...

LEGGI L'ARTICOLO

Come avevamo annunciato alcuni giorni fa, l'Ambasciata d'Italia in Kenya stava lavorando di concerto con...

LEGGI L'ARTICOLO

Cena di gala, musica dal vivo e beach party questo venerdì al Diamonds Dream of Africa di Casuarina, Malindi per una serata veramente speciale.
Il 24 novembre, a partire dalle ore

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo le scorpacciate natalizie, ecco le proposte migliori per il veglione di San Silvestro a Malindi e Watamu.
Programmi in rigoroso ordine alfabetico...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO