Ultime notizie

EDITORIALE

Watamu nella "Tv del dolore": solo falsità

La tristezza di denigrare il Kenya per avere visibilità

02-05-2020 di Freddie del Curatolo

Non ci basta aver perso la coda della stagione turistica, ritrovarsi fianco a fianco con i tanti cittadini keniani che dipendevano e dipendono (in quanto dipendenti) dall’industria dell’ospitalità che a Malindi e Watamu è gestita in buona parte da noi italiani, e con le loro problematiche.
Sulla costa del Kenya restare senza lavoro significa letteralmente patire la fame, passare da un pranzo abbondante al giorno nel luogo di lavoro e uno decisamente più frugale nella propria casa/baracca/capanna, a non avere né il pasto principale né i soldi per quello frugale di tutta la famiglia. Aspettando che il raccolto del mais sia pronto.
Non basta collaborare con le istituzioni, donare ognuno con i suoi mezzi e metodi cibo, disinfettanti, mascherine ed altro alla popolazione, sensibilizzare, rassicurare e dare corrette informazioni.
In questo periodo di emergenza, ci mancava solo che arrivasse in aiuto di due connazionali mezzi mitomani la Tv del dolore e dell’indignazione di Giancarlo Magalli, a darci un altro colpetto a suon di fake news e malafede.
Così la Watamu desolata ma tranquilla di questi giorni, la solidarietà tra residenti italiani e keniani, le speranze condivise, l’assenza da quaranta giorni di un singolo caso di Coronavirus nella Contea, sono state accomunate a parole come “incubo”, “odissea” e soprattutto ad informazioni false, prese dai primi che capitano in forza di un video “virale” (come si usa oggi).
Era dai tempi del caos post elettorale, dodici anni fa, che non accadeva.
E' bastata un'intervista senza contradditorio e i kenioti sono diventati individui ostili a cui gli italiani non sono mai stati simpatici (buona questa, Magalli...chi te l’ha scritta?), affermazione che viene suffragata dal fatto che appena un connazionale mette il piede fuori di casa (ma quale casa, sono tutti hotel abbandonati in cui uno si rifugia in stato di totale disperazione...c’è da chiedersi come mai non vengano occupati da chi vive in capanne dove in questo periodo inizia a piovere dentro) la gente si rivolge a lui con il disdicevole appellativo di “Corona”.
L’abbiamo scritto e ribadito più volte sul nostro portale, il desiderio e le richieste di poter far ritorno nel proprio paese sono legittime, ma a supporto di questo diritto non si possono inventare panzane.
Nell’affermare che per le dichiarazioni rese nella televisione nazionale i due turisti italiani ospiti della trasmissione “I fatti vostri” sarebbero passibili di denuncia da autorità e settore turistico in Kenya e che è stato facilmente verificabile da tante persone a Watamu che le dichiarazioni rese per gran parte non corrispondono al vero (non alloggiano in un resort abbandonato, ma in appartamenti in affitto attigui al resort, hanno semplicemente allungato di un mese l’affitto e ci risulta anche a condizioni di favore, la loro quotidianità non è cambiata dopo la data del biglietto di ritorno).
Hanno parlato di almeno cento persone nella loro stessa situazione. Sappiamo che ci sono tanti connazionali che hanno motivi validi e d'urgenza per tornare, infatti sono prioritari in lista, altri semplicemente attendono e sperano che al più presto questo loro diritto si realizzi (pagando, s'intende, non c'è guerra o altro, poi starà a loro farsi rimborsare i biglietti dalle compagnie che non hanno potuto ottemperare). 
Abbiamo letto anche dei messaggi in una chat del 18 marzo scorso in cui sapendo che il loro volo era stato cancellato, chiedevano consigli ed è stato risposto loro, proprio perché genitori di bimbi piccoli, di acquistare uno dei tanti voli Ethiopian disponibili nei giorni successivi.
Ma un po’ per non anticipare la fine della vacanza, un po’ sperando forse in una successiva riprotezione da parte di Kenya Airways, non se la sono sentita di partire. Queste sono alcune delle verità non dette in trasmissione, poi ci sarebbe da discutere su quelle inventate o annuite di fronte alle imbeccate del fantastico Magalli che oltre a sospettare antipatia dei keniani nei nostri confronti, estrae dal cilindro una storia di rapine ai danni di turisti italiani di cui evidentemente ha notizia a differenza nostra.
Sarebbe ora auspicabile che la coppia si cospargesse il capo di polvere di baobab e chiedesse scusa per le esagerazioni, anche per non rischiare sì un clima di ostilità nei loro confronti, ma da parte dei connazionali presi "a nolo" dalle loro parole e del buono di Watamu e della sua comunità italiana, che rappresenta almeno il 90% del totale degli italiani, anche se in tanti dovrebbero darsi una regolata morale e capire un po' di più dove sono.
A parte questo, l’intervista di Rai Due purtroppo è un campanello d’allarme, ci ha fatto capire quale potrebbe essere il trend futuro nei confronti del Kenya come, si suppone, di altre mete nel mondo frequentate da italiani (ma Malindi e Watamu rimangono al primo posto, specie dopo le ultime due buone stagioni). Possiamo anche capire che dal “restate a casa” si passi al “restate in Italia”, ma non che dalla realtà si debba passare definitivamente alle menzogne, magari sfruttando l'ingenuità e l'opportunismo di chi si esalta per un pugno di "like".

TAGS: turisti kenyarientro kenyaitaliani kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

http://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Ancora un po’ di pazienza per i turisti italiani che pensavano di poter rientrare in Italia dal Kenya con...

LEGGI L'ARTICOLO

In relazione alle richieste di informazioni concernenti la predisposizione di un eventuale nuovo volo speciale ...

LEGGI L'ARTICOLO

E' stato un rientro solo a metà, quello di ieri dalle vacanze sulla costa keniana.
Una buona parte di turisti, quelli locali soprattutto, hanno fatto ritorno a Nairobi e nelle altre cittadine del nord del Paese, per la ripresa delle...

LEGGI TUTTO

Dopo quattro giorni di vacanze supplementari al Whitesands di Mombasa e in altri hotel cittadini, la truppa di 200 italiani circa che hanno dovuto rimandare il rientro in Italia via Istanbul con Turkish Airlines, per via dell'emergenza neve nella capitale...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La neve che ha aggredito in questi giorni Istanbul ha reso difficile il rientro a decine di connazionali che avrebbero dovuto terminare le loro vacanze a Malindi e Watamu in questi giorni. 

LEGGI TUTTO

E' arrivato finalmente il volo di rimpatrio per italiani in Kenya che debbano fare...

LEGGI L'ARTICOLO

Secondo un parlamentare toscano della Lega, l'Onorevole Manfredi Potenti, il nostro Ministero degli Affari Esteri a...

LEGGI L'ARTICOLO

Sono rientrati gli ultimi 240 italiani che avevano fatto domanda per poter usufruire del terzo ...

LEGGI L'ARTICOLO

L’Ambasciata d’Italia in Kenya ha appena comunicato date e modalità del volo di rientro per turisti italiani rimasti in...

LEGGI L'ARTICOLO

L'Ambasciata d'Italia in Kenya è alle prese con l'organizzazione di un secondo volo commerciale di

LEGGI L'ARTICOLO

L’ufficio dell’Immigrazione del Kenya ha deciso di facilitare i cittadini stranieri che sono in scadenza di qualsivoglia...

LEGGI L'ARTICOLO

L’Ambasciata d’Italia, con riferimento al volo speciale della compagnia Neos Air programmato per...

LEGGI L'ARTICOLO

I recenti disguidi di Istanbul, dovuti alla neve nel grande aeroporto internazionale, crocevia di migliaia di destinazioni, hanno riportato alla cronaca, specialmente in Kenya, l’importanza della figura degli assistenti aeroportuali, caposcalo e rappresentanti delle compagnie di charter o di linea,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Come avevamo annunciato alcuni giorni fa, l'Ambasciata d'Italia in Kenya stava lavorando di concerto con...

LEGGI L'ARTICOLO

Se avessero davvero voluto, molti dei connazionali che si trovano ancora in Kenya, avrebbero potuto fare...

LEGGI L'ARTICOLO

Si informa che, alla luce della progressiva sospensione di tutti i collegamenti aerei dal Kenya per...

LEGGI L'ARTICOLO