L'angolo di Freddie

L'ANGOLO DI FREDDIE

Ciao ciao aragosta, ex regina del mare keniano

Una volta era il simbolo della vacanza tropicale

19-07-2020 di Freddie del Curatolo

Anni fa a Malindi con mille lire si comperava un’aragosta viva al porto.
Oggi se c’è ancora un’aragosta rimasta viva, ti paga lei mille scellini per lasciarla in pace.
Ricordo che nel 1990 sulla spiaggia dorata di Che Shale dai pescatori di Mambrui scambiavo un kilo di aragoste con una maglietta del Genoa e mi ringraziavano pure.
Salvo poi fermarmi la volta successiva per chiedermi se avessi la casacca di una squadra un po' più forte, che mi riportavano indietro la mia.
Per molto tempo la regina dei crostacei è stata una pietra di paragone economica per chi intendeva vivere o soggiornare a lungo in Kenya o semplicemente voleva farsi bello con gli amici rimasti a casa: “A Malindi con i soldi con cui in Italia mangio un panino, mi faccio un’aragosta” oppure “Sono venuto a Malindi perché ormai in Italia per mangiare un’aragosta bisogna firmare una cambiale”.
Poi magari finiva che tornavano in Italia con la coda tra le gambe per le troppe aragoste mangiate…
Oggi l’Aragosta non è più così economica ed è diventata una rarità, anche perché i cinesi se ne prendono la metà dalle acque keniane, insieme ai calamari (e per fortuna i gamberi a loro piacciono piccolissimi...forse per una sorta di immedesimazione sessuale...) Ciò nonostante il prezzo della regina dei crostacei è sempre irrisorio, in confronto a quanto la si pagherebbe in Italia.
Magari è difficile trovarla ancora in salute, anche se gli intermediari tra il pescatore e il turista, i venditori di pesce che battono le strade e bussano alle ville di Malindi, studiano ogni metodo possibile per rianimare le aragoste in presenza di un mzungu. Sanno dove toccarle per dare loro un ultimo impulso anche se sono defunte da tre giorni, le ibernano vive attendendo che la medicina trovi una cura per farle risorgere e insegnano loro il balletto di Thriller. Quando non c’è più niente da fare, usano per loro le stesse tecniche di trucco che fanno apparire Berlusconi da sempre poco più che cinquantenne, le dipingono con la tempera e sbiancano la carne che si è fatta giallastra con il Jik, la candeggina locale. Per fortuna con un’aragosta andata a male non si va al creatore dei Cieli e della Terra, ma solo a quello della vostra toilette keniota, anche per parecchi giorni.


(tratto e attualizzato dal volume “Malindi dall’Askari alla Zanzara”)

TAGS: aragosta kenyacrostacei kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

http://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Un altro weekend di alta cucina con la mano e la creatività dello chef ...

LEGGI L'ARTICOLO

Una giornata dedicata all'hamburger in tutte le sue variazioni internazionali sul...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un'altra giornata dedicata all'hamburger in tutte le sue variazioni ...

LEGGI L'ARTICOLO

Sulle rive africane dell’Oceano Indiano da sempre abbinare il pesce alla frutta non è un azzardo, ma un piacevole contrasto.
D’altronde se la fauna ittica si abbina così bene al limone, perché non osare anche con frutto della passione, mango,...

LEGGI LA RICETTA

Un San Valentino sotto le stelle nella splendida atmosfera del Kilili Baharini Resort & SPA, non solo hotel ma anche apprezzato ristorante con una cucina e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un altro sabato in compagnia del titolato chef italiano Giacomo Gaspari, in trasferta...

LEGGI L'ARTICOLO

Un cenone di Natale di classe e di cucina raffinatissima, quello in scena martedì 24 dicembre al Kilili Baharini...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo le scorpacciate natalizie, ecco le proposte migliori per il veglione di San Silvestro a Malindi e Watamu.
Programmi in rigoroso ordine alfabetico...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ieri sera ho andato al ristorante con Susan, la mia fidanzata alta, per festeggiare il mio primo anno versato di Malindi.
Hanno passato dodici mesi da quando ho sceso per la prima volta dall’aereo e ho visto tutti quei neri che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Novità di settembre all'OIimpia Club di Casuarina a Malindi.
Da ...

LEGGI L'ARTICOLO

L'Olimpia Club di Casuarina a Malindi non finisce mai di stupire con le sue novità.
La scorsa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un ultimo dell’anno tra Africa e buona cucina internazionale nella terrazza sull’Oceano Indiano di ...

LEGGI L'ARTICOLO

Giovedì sera Rosada Beach tiene fede al suo nome di origine sudamericana e propone una ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un cenone di San Silvestro in riva all'Oceano Indiano con l'atmosfera della nuova Rosada e a seguire il...

LEGGI L'ARTICOLO

Un pranzo di Natale luculliano ma in riva all'Oceano Indiano?
Non solo è possibile, ma avviene proprio davanti agli atolli di sabbia della barriera corallina di Mayungu, nel ristorantino sulla spiaggia del Malaika Beach Villas, con lettini ed annessi servizi.LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Torna l'appuntamento del giovedì sera all'Olimpia Club di Malindi, con la musica e la voce del performer Salvatore Strano, anche in veste di disk-jockey. 
Questa settimana è di scena uno dei crostacei più rari e più gustosi che si possano...

LEGGI TUTTO