L'angolo di Freddie

SATIRA

Ecco il vero motivo per cui gli italiani vengono a Malindi

Macché mare, savana, sesso o solidarietà...un sondaggio rivela qual è la vera ragione!

15-10-2017 di Freddie del Curatolo

Secondo un sondaggio svolto dal nostro portale, su un campione di italiani (uno solo, un campione di briscola chiamata al Bar Bar nel 2003), che frequentano Malindi, il motivo principale per cui hanno scelto questa località non è quello che potreste pensare.
I nostri connazionali non sono qui perché vogliono aiutare gli africani a casa loro.
Sembra che non gli freghi molto che continuino a sbarcare sulle coste della Sicilia e diano lavoro alla mafia nel resto della Penisola. 
Al massimo portano qualche caramella per cariare i loro denti e qualche penna, neanche alla matriciana.
Molti aiutano i giovani, quello sì.
Perché gli viene normale dedicarsi a loro e contemporaneamente aiutare anche le loro parti intime a rimanere in attività. 
Per questi lodevoli gesti di solidarietà spesso pagano somme considerevoli e si legano a ragazzi e ragazze, aiutandone anche i figli e i parenti.
Ma non è questo il motivo principale, no.
Non è il prezzo del pesce e dei crostacei ad averli convinti, e neanche l'innegabile piacere di poter dare mancette a tutti senza problemi.
Il motivo principale è indiscutibilmente il clima!
Infatti gran parte degli italiani arriva intorno a novembre e se ne va a Pasqua, sfruttando i famosi sei mesi di visto turistico, e gli altrettanto famosi sei mesi di svernamento dal freddo italico, nonché dalle spese sempre più insostenibili di riscaldamento.
L'età media dei frequentatori di Malindi lo attesta: le ossa hanno bisogno di caldo e poca umidità, il cervello di avere un alibi alla naturale bollitura, le natiche provate da penetrazioni posteriori dello Stato italiano cercano il refrigerio di piscine e oceano.
Si fa presto a capire come mai Malindi sia diventata una delle mete preferite dai turisti d’ogni dove, ma specialmente italiani.
Il motivo è soprattutto geografico, geofisico, gerontocomico.
La sua felice posizione a soli 200 km di strada dissestata dall’unico aeroporto internazionale della costa keniota (Mombasa), la vicinanza con il fiume Sabaki che per sei mesi all’anno rende il mare marrone, sono già delle buone ragioni, ma la cittadina può vantare oggi anche un traffico di livello egiziano e una serie di infrastrutture abbandonate da fare invidia a Gioia Tauro o Termoli.
La fertile terra offre ogni tipo di frutto, alle numerose varietà di meraviglie tropicali, nel corso dell’invasione italiana si sono aggiunte anche le specialità occidentali: dalla rucola al prezzemolo, dalle mele alle arance, dalle puntarelle ai fagiolini di Sant’Anna.
Sono nati anche curiosi innesti e incroci straordinari: la gustosa pàpera (papaia + pera), la morbida avococca (avocado + albicocca), gli stuzzicanti cilicis (ciliegie + licys), il saporito prussion (prugna + passion), la dolce susana (susina + banana) e il simpatico e richiestissimo pompindo (pompelmo + tamarindo).

Ma veniamo al clima: la lunga estate calda ha inizio a novembre, dopo le piccole piogge, e termina a marzo (prima della grande afa), poi la stagione delle grandi piogge irriga e rinfresca per due mesi e la primavera si annuncia con il vento di luglio e con il tempo variabile di agosto.
Settembre e ottobre sono i mesi migliori, per la mitezza del clima e la pulizia del mare.
Infatti sono quelli in cui l’afflusso dei turisti è minore.
Flora e fauna soddisfano ogni tipo di aspettative; se il pesce fa la parte del leone, con crostacei a volontà, ostriche e molluschi (tranne le cozze) e pesci grandi e piccoli (tranne le sarde e le acciughe), sulla terra si trovano polli buonissimi ed è gustosa anche la carne di capretto e quella (musulmani permettendo) di maiale. Il resto è dignitoso manzo e buonissimo bue. Sempre più difficile reperire invece la carne degli animali da savana, lì è il leone stesso a fare la sua parte.
La fioritura delle bouganville regala spettacoli cromatici che non stancano mai l’occhio e a dicembre sono di scena i rossi flame trees che, con il contorno di mediterranei oleandri e altre specie di piante tropicali, spargono i loro profumi con più discrezione delle ragazze locali.
Come si fa a rinunciare a un paradiso del genere?
Ci vorrebbe solo qualche comodità in più, come il volo diretto Castelfranco Veneto-Mambrui, oltre al Bergamo-Malindi e al Cuneo-Watamu.
E poi l’acqua abbondante e gratis, pannelli solari in dotazione all’arrivo per ricaricare il telefonino, permessi di lavoro a pagamento, ma da parte dei keniani che devono sentirsi onorati per le prestazioni degli europei nel loro territorio, e via dicendo.
Per chi invece vuole solo immergersi nella Natura, la vicinanza di Malindi all’ingresso del parco nazionale dello Tsavo è un’altra grande attrattiva della località turistica più importante del Kenya.
Cosa volete di più nel giro di poche centinaia di chilometri?
Paesaggio marino, foreste e savana.
Con il prezioso contorno, oggi, di cemento, automobili, telefonini cellulari e antenne paraboliche.
La natura selvaggia incontra la civilizzazione.
Selvaggia.
Ma senti che bel freschetto la sera…e che caldo secco!

TAGS: Malindi climaMalindi turistiMalindi italianiMalindi ItaliaMalindi sesso

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

http://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Dopo quattro giorni di vacanze supplementari al Whitesands di Mombasa e in altri hotel cittadini, la truppa di 200 italiani circa che hanno dovuto rimandare il rientro in Italia via Istanbul con Turkish Airlines, per via dell'emergenza neve nella capitale...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ancora un po’ di pazienza per i turisti italiani che pensavano di poter rientrare in Italia dal Kenya con...

LEGGI L'ARTICOLO

Diminuiscono i tamponi, diminuiscono i casi.
Con i dati...

LEGGI L'ARTICOLO

L'Africa ora buffa, ora minacciosa, ora triste, ora incomprensibile, è sempre stata autentica, irripetibile, sé stessa.
L'Africa ha un suo stile, un suo clima, una sua individualità che attirano, incatenano, affascinano.
E anche dopo anni e anni non si riesce...

La Malindi al femminile di Sara Cardelli colpisce nel segno e dipinge una realtà molto attuale e sganciata dai soliti luoghi comuni del turismo sessuale ai tropici o dell’avventura esotica.
 

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Anche se l’attenzione sull’epidemia del virus Co-vid19, popolarmente conosciuto come Coronavirus per noi ...

LEGGI L'ARTICOLO

Cinque nuovi casi accertati di positività al virus Covid-19 nelle ultime 24 ore in Kenya e un decesso, avvenuto...

LEGGI L'ARTICOLO

Sono rientrati gli ultimi 240 italiani che avevano fatto domanda per poter usufruire del terzo ...

LEGGI L'ARTICOLO

Marco Cavalli, quarantacinquenne piemontese di Alessandria, è il nuovo Corrispondente Consolare Italiano a Watamu. 
Lo ha reso noto ufficialmente l'Ambasciata d'Italia a Nairobi. 

LEGGI TUTTO

Voli charter da Milano tutti pieni dalla scorsa settimana. 
Così la compagnia Blue Panorama dopo sei anni è tornata a volare su Mombasa.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il prossimo giovedì 1 novembre alle ore 19, presso la sala conferenze dell’Ocean Beach Resort di Malindi, il nuovo Ambasciatore d’Italia in Kenya, Alberto Pieri...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Avrebbe abusato di una quindicenne, attirata a casa sua con la promessa di pagarle gli studi.
Questa...

LEGGI L'ARTICOLO

Un pranzo con musica per incontrarsi tra italiani in Kenya, organizzato da Comites, il Comitato degli Italiani all'Estero (organo consultativo dell'Ambasciata d'Italia in Kenya).

LEGGI TUTTO

Strutture sanitarie sempre più piene e con rischio di collasso, se una percentuale...

LEGGI L'ARTICOLO

In relazione alle richieste di informazioni concernenti la predisposizione di un eventuale nuovo volo speciale ...

LEGGI L'ARTICOLO

Sarà che vivendo all'estero, o passandovi la maggior parte dell'anno, si cade meno nella trappola della partigianeria a tutti i costi.
Sarà che a Malindi e Watamu gli italiani si sentono tutti uguali e se litigano, lo fanno per altre...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO