L'angolo di Freddie

SATIRA

La Malindi di Cianni Pino: l'itagliano e la Mastercart

Le (dis)avventure di un italiano mediobasso in Kenya

17-09-2017 di Cianni Pino

A me mi piace quanto mi sento come a casa.
Un po’ di meno quando ho a casa veramente.
Qui a Malindi ti sembra di vivere in Italia ma senza l’Italia e anche senza tua moglie che ogni tanto ha importante.
Mi piace che vado in giro a piedi e la gente mi dice “ciao” e i bambini mi dicono “ciao caramella” e io gli dico “ciao cioccolatino” e ritiamo. 
Poi arrivano altri due e dicono “ciao caramella” e io gli dico “ciao cioccolatini pure voi” e ritiamo anche con loro. 
Poi quelli di prima dicono ancora “ciao caramella” e io dico “si vabbè ora basta però” e ritiamo un po’ di meno. 
Poi quegli altri due dicono ancora “ciao caramella” e io dico “mo’ m’avete rotto u’ cazz” e loro ripetono “u’ cazz” e ritono ancora. 
Forse non ha molto educativo questo ma quando ci vuole ci vuole.
Mi piace che entro nei negozi e dico “mi ta una poddiglia d’aqua e nu’ bacchet ‘e zigaret?” e questi africani che dentro i negozi diventano un po’ arabi e un po’ indiani mi capiscono tutti e mi danno quello che ho bisogno!
Neanche quando vado a Milano mi capiscono così bene.
Incontri a una ragazza e ti dice “ciao bello”. 
Incontri altre due ragazze e ti dicono “ciao bello”.
Incontri pure un ragazzo e ti dice “ciao bello”.
Inizi a pensare che per loro sei bello veramente, forse perché te lo dicono in itagliano.
Mo’ voi pensate che io mi ho rincoglionito sotto il sole o che sono un ignorante.
Certo, lo so bene che queste ragazze bellissime non vengono con me perché sono fascinoso e ho un fisico rispettabbile. 
Molte vengono con me perché ho simpatico e qualche denaro più di loro.
La cosa che mi piace è che hanno ragazze semplici, studiose e eleganti come a Susan, la mia prima fidanzata che era troppo elegante ma con i soldi miei e voleva che ci compravo il cuodd e allora ci siamo lasciati.
Ma io non sono sofferto. 
Sono imparato da Lucio Battisti che tieci ragazze per me posson bastare e dal mio amico Tony a usare il metodo Mastercart.
Ci sai presente la pubblicità che dice "per tutto il resto ha mastercart?"
Tony dice che in Chenia non c'è tutto il resto, perché si può comprare tutto quello che vuoi, anche le cose impossibbili.
E pure con empesa, non solo con mastercart.
Per esempio le ragazze.
Quanto che esco con loro io faccio come la carta di credito.
I primi giorni del mese spendiamo e manciamo e beviamo e facciamo le cose nel letto e ci compro il perizoma e le medicine per il bambino e il vestito e la collana che poi gliela ruba qualcuno che peccato e il telefonino che poi lo perde che distratta. 
Poi dopo la seconda settimana Cianni Mastercard ha prosciugato, e la ragazza dice che deve vedere una zia che sta molto male a Maggiacos o Nagnuchi o un altro nome pieno di “ci” e di “gi”.
Allora mi riposo dieci giorni e vado al mare alla Rosata, mancio da solo quel cacchio che voglio io: i camberi e le vongole e poi quando ricomincia il mese trovo un’altra ragazza Mastercart.
Ma lì ci sono tanti altri italiani e tante donne che seconto me oltre alla Mastercart ci hanno pure la Visa e la American Espress perché non sono belli e neanche simpatici e i loro fidanzati e fidanzate sembrano sempre incazzati e che hanno un po’ di schifo quanto ci spalmano l’olio appronzande. 
Ma io ho simpatico, non c’è dubbio e non uso olio appronzande.
Anche sulla spiaccia ho tanti amici che mi chiamano in itagliano.
C’è la massacciatrice Judith che ha un pezzo di donnone che non ci farei la Mastercard nemmeno morto ma con 4 euri mi fa un’ora di carezze pesanti che mi rigenerano tutto il resto. 
Poi c’è a Benedetto che è un rasta e ci dico sempre “ma come fai a chiamarti Benedetto che sei africano e hai quei cacchio di capille” e lui mi dice “perché di cognome mi chiamo Dal Signore” allora capisco.
Benedetto fa i portachiavi di legno che ci scrivi quello che vuoi: io uno ciò fatto scritto “Cianni”, l’altro ciò fatto scritto “Cianni Pino”, l’altro “Meid in Italy”, l’altro “Mastercart”. 
Mo’ ciò più portachiavi che chiavi, ma con Benedetto ci facciamo delle chiacchierate. 
Mi spieca tutto del Chenia, la politica la storia la geografia le ragazze quanto costa il pesce veramente.
Tutto in italiano meglio che in comune a Benevento.
Mentre passecciavo con lui sono incontrato una ragazza che mi ha detto “ciao bello” ma lei era ancora più bellissima delle altre e ho detto a Benedetto “vai a farmi un altro portachiavi che mi sa che stavolta faccio un strappo alla Mastercart”.
Allora ho detto alla ragazza “vuoi venire con me” e lei ha detto “mi dai un bacio?” e io non ci ho visto più e mi sono portato alla ragazza dietro una palma.
Però mentre davo il bacio hanno spuntato due signoroni vestiti non da spiaccia e questi non capivano una mezza parola di itagliano e io ci ho detto alla ragazza bellissima di dirci che io non so il suino e neanche l’inclese.
E allora la ragazza mi ha detto che dovevo pagare qualcosa per loro.
Ho chiesto alla ragazza se anche loro fanno portachiavi, ma questi hanno fatto vedere dei ferri che sembravano più delle manette che dei portachiavi.
E allora ho detto se 200 euri andavano bene ma mi ho raccomandato: “spendeteli per un bel corso di itagliano, così posso diventare amico anche con voi!”
 

TAGS: italiani MalindiMalindi ItaliaMalindi turistiMalindi racconti

Una serata di racconti sul Kenya e sull'etnia Mijikenda questo martedì a Figino Serenza in provincia di Como.
Con ingresso gratuito, nella splendida ed elegante cornice di Villa Ferranti, sede della biblioteca comunale, il direttore di Malindikenya.net presenta "Il Viaggio dei Mijikenda...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Quest'anno Freddie del Curatolo ha scelto i bambini come pubblico per raccontare le sue storie di Kenya, tra natura, solidarietà e momenti divertenti.
Sono le scuole elementari, particolarmente le quarte e le quinte, ad ascoltare i racconti che partono dai...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una storia appassionante, di tempi che furono e di chi sogna di riviverli, fino a tornare dove i racconti che ha ascoltato nacquero.
E' il Kenya di "Il signore delle pianure", il libro dello scrittore spagnolo Javier Yanes, pubblicato in Italia...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Sono terminate le riprese del docufilm "Italiani in Kenya", mediometraggio commissionato dal Ministero degli Esteri italiano, tramite l'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi, nell'ambito della settimana della lingua italiana nel mondo. 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Produzione musicale in Italia per il direttore di Malindikenya.net Freddie del Curatolo. 
Nelle sue vesti di cantautore, Freddie è in questi giorni in Liguria per registrare il suo secondo album a distanza di undici anni, per raccontare il suo "Esilio...

LEGGI TUTTO

Dopo quattro giorni di vacanze supplementari al Whitesands di Mombasa e in altri hotel cittadini, la truppa di 200 italiani circa che hanno dovuto rimandare il rientro in Italia via Istanbul con Turkish Airlines, per via dell'emergenza neve nella capitale...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La tournée di Freddie del Curatolo nelle sue molteplici versioni sta per volgere al termine.
Per chi ancora non lo avesse visto all'opera nelle sue "serate Kenya" o nella presentazione della sua ultima fatica musicale (con tanti riferimenti africani) "Esilio...

LEGGI TUTTO

Non stiamo parlando certo di un best seller internazionale, nonostante l'autore abbia una penna di tutto rispetto, ma di certo è il libro su Malindi che ha venduto di più in Italia. 
Alfredo "Freddie" del Curatolo mette a frutto la...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Nuovi stickers adesivi per i veicoli che trasportano turisti, per differenziarli dai classici "PSV" che riguardano tutti i servizi pubblici.
L'introduzione della nuova categoria "Tourism Service Vehicle" è stata introdotta ieri dal Ministro del Turismo Najib Balala come iniziativa per...

Marco Cavalli, quarantacinquenne piemontese di Alessandria, è il nuovo Corrispondente Consolare Italiano a Watamu. 
Lo ha reso noto ufficialmente l'Ambasciata d'Italia a Nairobi. 

LEGGI TUTTO

Un pranzo con musica per incontrarsi tra italiani in Kenya, organizzato da Comites, il Comitato degli Italiani all'Estero (organo consultativo dell'Ambasciata d'Italia in Kenya).

LEGGI TUTTO

E' Jacaranda Bay la spiaggia più bella di Watamu, lo dicono centinaia di appassionati d'Africa, turisti e residenti italiani che amano la costa del Kenya.
LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LA CLASSIFICA FINALE SU WATAMUKENYA.NET CLICCANDO QUI

La rassegna del Cibo e della Cultura italiana a Nairobi non poteva avere sede migliore dello storico hotel Sarova Stanley nel centro della capitale keniana.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LA FOTOGALLERY

La Malindi italiana perde il suo barman, una delle figure storiche delle notti in riva all’Oceano Indiano.
Il grande Morgan lascia il Kenya dopo vent’anni di militanza, soprattutto notturna.
Chi frequenta da tanto tempo Malindi lo ricorda negli anni mitici...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il primo appuntamento italiano con le Serate Kenya di Freddie è fissato per sabato 20 maggio al Teatro Filodrammatici di Treviglio, in provincia di Bergamo.
L'anno scorso alla serata organizzata da Medicallife e Maxlife, confluirono oltre 300 persone e fu...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo la fantastica serata di promozione per il Kenya a Riccione, Freddie del Curatolo si prepara a tornare a casa sua a Malindi. 
Ma prima di partire, questa settimana in Italia si potrà assistere alle sue ultime tre serate pubbliche....