L'angolo di Freddie

RACCONTO

Lettera da Malindi al Babbo Natale africano

Dagli slum più poveri un augurio di dignità umana, pace e libertà

21-12-2017 di Freddie del Curatolo

Caro Babbo Natale africano, un ragazzino di undici anni di nome Kaingu, nello slum di Malindi, mi ha detto che esisti.
Che non c'è solo il tuo collega del Mondo Freddo, con le guance eburnee arrossate dal freddo e dalla grappa, la barba lunga bianca, la slitta turbo e le renne cornute. Esiste anche un "mzee" con i capelli rasta che arriva dal Kilimanjaro (e per questo è vestito come l'altro Babbo Natale) e si muove con un mkokoteni. Sì, proprio quei carretti con i quali di solito a Malindi trasportano il carbone, la legna o le patate.
Sono due antilopi dell'Amboseli a trainarlo.
Nel mkokoteni non ci possono stare tanti regali e non è truccato come la slitta nordica, che può volare e tornare in fretta alla base a rifornirsi.
Infatti da tempo i bimbi africani, non ricevono un granché di presenti sotto l'albero. In compenso però hanno tanti alberi.
Io e Kaingu non ci aspettiamo neanche quest'anno sorprese particolari, perché le palle qui più che decorare gli alberi, ce le raccontano.
Così abbiamo pensato di scriverti una lettera per sapere se è possibile avere dei regali che non si vedono a occhio nudo e non pesano, non occupano spazio e non si possono mangiare, ma che migliorerebbero la vita di tante persone a Malindi e dintorni.
Vorremmo tanto che tu e i tuoi datori di lavoro, quelli che costruiscono i centri commerciali, i negozi, i presepi, le luminarie, che affiggono le immagini di giochi e regali e ce li vendono, non regalassero niente a chi ha già fin troppe cose.
Vorremmo che in Kenya chi è tanto ricco, non si debba arricchire sempre di più e inizi a spendere un po' dei soldi che ha per pagare i medici che curano la gente negli ospedali pubblici, gli insegnanti che a loro modo cercano di elevare il grado d'istruzione dei bambini.
Rimangano pure milionari, anche se i loro soldi non sono arrivati dal cielo, ma ripuliscano le strade dall'immondizia, che porta topi, corvi e tante malattie, scavino fognature e magari, poco per volta, ci tolgano da queste baracche di fango e lamiera progettando qualche centro commerciale da na-Babbi Natale in meno, e un po' di edilizia popolare in cambio.
Infine Babbo Africano, se riesci, invece di portare qualcosa nelle case di chi pensa di essere buono, vedi se è possibile togliere a tutti il più grande male che opprime il nostro Paese: la corruzione, che ci sconforta ancor più della miseria.
Noi non abbiamo mai avuto paura della povertà, siamo sempre stati abituati a conviverci, perché in cambio abbiamo sempre avuto la libertà, che vale più di qualsiasi moneta.
E, mi raccomando, se pensi di passare da Malindi, un piatto di polenta fumante con pomodoro e sukuma wiki, per te c'è sempre!

TAGS: Babbo Natale AfricanoBabbo Natale neroNatale MalindiAfrican Santa Claus

Cosa si può desiderare di meglio che godersi le vacanze di Natale al caldo guardando l’Oceano Indiano?  
Il Natale del Kilili Baharini Resort, sulla spiaggia di Silversand a Malindi, quest’anno è davvero speciale e particolarmente dedicato ad accogliere...

LEGGI TUTTO

Mezza Nairobi si è trasferita sulla costa keniana per le vacanze di Natale e di fine anno, unitamente a qualche migliaio di turisti europei, soprattutto italiani ed inglesi. Per questo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le vacanze degli italiani in Kenya durante le feste sono principalmente sinonimo di relax, di avventura e scoperta delle tante meraviglie del Paese africano. 
Chi si reca sulla...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La tradizione del festeggiamento del Santo Natale in Kenya ha, come si può immaginare, origini abbastanza recenti.
Da quando cioè arrivarono i primi missionari, a metà del 1800.
Nei Paesi africani la coesistenza di culture religiose differenti e la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ti avevano detto che ci avresti salutato prima di Natale ma tu, capoccione, a Natale ci sei arrivato, hai augurato a tutti noi Buone Feste e hai spento le luci, lasciandoci una ferita profonda.
Ma e' stata una breve pausa...

LEGGI TUTTO IL RICORDO

Torna anche quest’anno all’Olimpia Club l'alfiere italiano del "belcanto" a Malindi, il romano Salvatore Strano, che l'anno passato aveva intrattenuto i connazionali con la sua voce e un repertorio infinito di canzoni immortali. 
Da domani sera...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya è tra le mete più richieste dagli italiani per Natale e Capodanno.
Tra le destinazioni cosiddette...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' sbarcato alle 13.30 a Fiumicino da un volo Qatar Airways proveniente da Nairobi via Dubai, l'ex gestore del Mario's Lounge e del Mario's Buddha's di Malindi, Mario Mele. E' stato preso in consegna dalla Guardia di Finanza di Fiumicino...

Per ritrovarsi alla luce della splendida luna africana e allo stesso tempo scambiarsi gli auguri di Natale, gli amici della Voile Rouge hanno organizzato per venerdì 22 dicembre dalle 20 la loro tradizionale "Festa della Luna" con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Pranzo di Natale all'Osteria Beach, e ricco buffet in riva al mare.
Questa l'offerta del locale di Silversand a Malindi che porta il marchio della...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il sabato all'Olimpia Club di Casuarina a Malindi è sempre una serata speciale. Da Kilifi arrivano le splendide ostriche del creek fresche e gustose, da mare davanti al locale il pesce fresco pronto per diventare pietanza in una delle tante...

LEGGI TUTTO

Un appuntamento annuale sempre pieno di sorprese, quello del Driftwood Club, che l'ultimo sabato prima di Natale organizza il Christmas Craft Fair, il classico mercatino artigianale natalizio aperto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sarà celebrata sabato 2 settembre alle 4 del pomeriggio nella chiesa malindina di S.Anthony la messa in ricordo di Domenico Di Giacomo, l'ex dipendente del Casinò e marito di Daniela Cellini scomparso recentemente all'età di sessant'anni.
Domenico, "romanaccio" dalla battuta sempre...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Prosegue l'iniziativa degli italiani di Malindi e dintorni "Amatriciana solidale per i terremotati", i residenti e i villeggianti italiani in Kenya aiutano i connazionali colpiti dalla sciagura che ha toccato Lazio, Umbria e Marche.

LEGGI TUTTO

Sorpresa: a pochi giorni dalla chiusura dei battenti, con le saracinesche abbassate ed un eloquente cartello della proprietà del Centro Commerciale Oasis, il supermercato Nakumatt ha riaperto.
Nelle spiegazioni della...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO