L'angolo di Freddie

SATIRA

Non solo politica, tutti i pericoli del Kenya

Viaggio tra le insidie di Malindi e dintorni. Prima puntata: gli insetti

29-10-2017 di Freddie del Curatolo

I media italiani e i catastrofisti nostrani (intesi come connazionali residenti in Kenya che vogliono dimostrare di vivere da eroi in un Paese pieno di insidie) in questo periodo sono molto concentrati sulle elezioni e sulla presunta ondata di violenza che le loro conseguenze possono portare.
Vorremmo in questa rubrica a puntate ricordare loro che il Kenya, anche senza democrazia e senza quei meravigliosi istrioni che sono i suoi politici, è già abbastanza pericoloso di suo, quindi si potrebbero sbizzarrire raccontando le loro avventure alle prese con belve feroci, malattie, piante urticanti, creditori indiani ed altre sciagure.
Ad esempio, tra le cause di morte non naturale che il Kenya e Malindi in particolare possono annoverare, secondo i media e alcuni siti specializzati in tragedie, al terzo posto (dopo la malaria e il terrorismo) non ci crederete, ma ci sono gli insetti.
Con questi ultimi apriamo la nostra rubrica,  per farvi capire quanto sia diversa e difficile la vita, specie sull’Oceano Indiano con tutti i coleotteri che la popolano (no, non fraintendete… a Malindi ci sono davvero tanti coleotteri e anche parecchi rompicoleotteri, una specie di insetti ancora più fastidiosa, ma non stiamo parlando di loro…).
Se da noi in Italia sempre più raro è il cervo volante (ma anche Malindi è piena di cornuti che non hanno i piedi per terra), in Kenya c’è addirittura il bufalo volante, lo gnu saltellante, il facocero paracadutista e l’ippopotamo surfista.
Sono tutte categorie di insetti pericolosi soltanto per sé stessi, ma comunque non piacevoli da vedersi capitare addosso, un po’ come una malaya ubriaca alle 4 del mattino.
Scherzi a parte, ormai le schifezze volanti di cui Malindi è piena convivono tranquillamente con l’uomo.
Ogni casa che si rispetti ha almeno uno scarafaggio in ogni stanza e guai se qualcuno lo calpesta.
I residenti più pazienti hanno addomesticato i ragni, che appaiono sul muro durante la doccia e gli aracnidi più intelligenti hanno addirittura imparato ad aprire loro la boccetta del bagno-schiuma.
Altri mzungu si servono dei pipistrelli per spengere le luci prima di andare a dormire (sono gli stessi a cui i ricci portano loro le ciabatte dopo averle spazzolate).
Tra le insidie che l’uomo bianco ancora non è riuscito ad evitare c’è invece la temutissima scolopendra.
Della famiglia degli scorpioni, ascendente bastarda e di religione cattolica integralista, la scolopendra keniota predilige il fresco e l’umidità e ama annidarsi specialmente tra la biancheria e gli asciugamani puliti (capite il perché dell’integralismo?).
Il suo pungiglione, sistemato nel retrotreno, non è mortale, ma la puntura può provocare un dolore tremendo, paragonabile al fallimento dell'Imperial Bank di un paio d'anni fa per decine di risparmiatori.
Tra i residenti italiani viene tuttora considerato un eroe il noto professionista che, anni fa, fu punto da una scolopendra sui testicoli e riuscì a raggiungere l’ospedale con le sue forze e a farsi praticare un’iniezione di morfina.
Risoluto e sprezzante del dolore, davvero stoico.
L’unica cosa che a tutt’oggi non è dato sapere, è se anche la compagna, nell’intimità, lo consideri un eroe.
Tra i dudu (grande famiglia che comprende formiche, scarafaggi e pterodattili) fastidiosi, è doveroso citare le particolarità del mangofly, una specie di tafano che ama vivere nei pressi degli alberi di mango e, come la scolopendra, è attirato dai panni stesi sotto le piante che ha scelto come dimora.
Quando l’houseboy di casa ritira le lenzuola asciutte e normalmente non le scuote a dovere, nonostante glielo abbiate detto quaranta volte (perché? Non c’è un perché…) il mangofly finisce a dormire con voi e nottetempo decide di riprodursi sulla vostra pelle, covando e depositando le uova nell’epidermide delle gambe, delle braccia o, quando il soggetto è femmina e lo merita, sui seni o sui glutei.
Uova che poi si gonfieranno come un brufolone anche un po’ doloroso e infetto che purtroppo bisognerà incidere, come un disco di Amedeo Minghi.
Come i mangofly, esistono molti altri esemplari: i bananafly, tafani gay che amano fare le uova sugli organi sessuali maschili, i dolcissimi ananasfly, che s’innamorano del soggetto prescelto e ci fanno l’amore invece di fare le uova, gli acidissimi limefly, insetti single che procurano fastidiosi bruciori ma disinfettano il corpo e i disgustosi papaiafly, che invece di fare le uova vi ricoprono interamente di cacca. 
A differenza di leader di coalizioni, avvocati in carriera, funzionari corrotti e parlamentari separazionisti che fanno parte di un’oligarchia, gli insetti in Kenya si moltiplicano continuamente. 
Anche se, contrariamente ai politici, li puoi schiacciare, lasciare fuori da una zanzariera o rincoglionire con spray velenosi.   

(art cover di Max Banfi per "Malindi dall'Askari alla Zanzara) 


 

TAGS: insetti kenyapericoli kenyakenya problemikenya avvertenzekenya satira

I servizi segreti della Gran Bretagna vengono considerati i più attendibili del mondo, specialmente in Africa, continente di cui conoscono molto bene dinamiche e risvolti. Dopo anni di avvertenze e di timori, da questo mese finalmente tutta la costa del...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Fin da bambino sognavo un luogo in cui la mia fantasia potesse sfogarsi e correre libera, come un felino della savana.
Per questo quando sono cresciuto guardavo i documentari sull'Africa. Avrei voluto vivere come i miei idoli: il leopardo e...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Per soggiornare in Kenya non è obbligatorio fare alcuna vaccinazione.
La febbre gialla da anni non si manifesta nel territorio e già dal 1989 non è più obbligatorio farla. Viene richiesta solamente a chi arriva da Paesi dove è obbligatoria...

LEGGI GLI ARTICOLI  SULLA MALARIA QUI SOTTO

Qualora il cittadino italiano si trovi in una situazione di emergenza (ad esempio un turista in transito che deve ripartire ed ha smarrito o è stato derubato del proprio passaporto) e non si faccia in tempo ad esperire la necessaria...

LEGGI ATTENTAMENTE LE INDICAZIONI CLICCANDO QUI

Come spesso accade, ci vogliono avvenimenti tragici e luttuosi per rilanciare campagne contro chi ignora reali pericoli. In questo caso però sembra tutto più assurdo: malindikenya.net con tanti medici locali e residenti, da sempre si batte per convincere turisti, viaggiatori,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Come spesso accade, ci vogliono avvenimenti tragici e luttuosi per rilanciare campagne contro chi ignora reali pericoli.
In questo caso però sembra tutto più assurdo: malindikenya.net con tanti medici locali e residenti, da sempre si batte per convincere turisti, viaggiatori,...

LEGGI TUTTO

Il mio cuore batte all'impazzata quando sono immerso nella natura del Kenya.
Mi faccio cullare dal vento sul mare e metto la testa in su come un bambino.
Guardo le palme che ondeggiano, che si ritagliano uno spazio tra il...

LEGGI TUTTO

E continuano a chiamarlo "mal d'Africa". Io non capisco e chiedo: "ma cosa c'è di male, perchè quella parola negativa"?
Mi rispondono che in realtà si usa "mal" per definire un sentimento che ti fa stare male quando sei lontano...

LEGGI TUTTO

Viene un momento in cui Madre Natura è stanca di guardare e ascoltare le meschinità e i paradossi di quei piccoli, grotteschi esseri che popolano la Terra.
Così avvolge di stanchezza buona e di tranquillità le case, limita il traffico...

LEGGI QUI TUTTO IL BRANO

Viene presentato martedì 20 dicembre alle 19, ai bordi della piscina del Mwembe Resort di Malindi e al ristorante Lorenzo Il Magnifico, il nuovo libro di Freddie del Curatolo con i disegni di Max Banfi, "Malindi dall'Askari alla Zanzara -...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L’industria turistica italiana della Costa del Kenya contro i connazionali di stampa e media.
Non è la prima volta e non sarà l’ultima, ma piccoli e grandi imprenditori del turismo e del commercio legato alle presenze straniere, in particolare nelle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un colpo allo stomaco, e la perdita di molto sangue prima del trasporto aereo, avvenuto più di un'ora dopo la sparatoria in cui è rimasta coinvolta.
La scrittrice italiana, cittadina keniota, Kuki Gallmann è abituata a lottare ed ha avuto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'annoso problema della mancanza saltuaria d'acqua nei condotti non è ancora risolto.
Ed è sempre in bassa stagione che crea problemi alla popolazione della Contea di Kilifi ed al settore turistico.
Da venerdì scorso residenti e villeggianti sono completamente

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Problemi di servizio elettrico oggi in una parte di Malindi. La Kenya Power si scusa con i suoi utenti ma ha dovuto staccare la spina per lavori in una parte della cittadina, che include Coop Bank, Stazione di Polizia, tutta...

Ben conosciamo la storia e i travagli del continente africano: pochi ceppi e migliaia di tribù sparse su una superficie di circa 30 milioni di chilometri quadrati, che hanno pagato un amaro dazio all’evoluzione del mondo occidentale, subendo eguale trattamento...

LEGGI TUTTA L'INTRODUZIONE

Come spesso accade, al dispiacere per la perdita di una persona che si conosceva da anni, si aggiunge la tristezza di vedere mal gestite, distorte se non manipolate le notizie che riguardano il fatto di cronaca scaturito dalla sua scomparsa. LEGGI L'EDITORIALE COMPLETO