L'angolo di Freddie

I RACCONTI DI NONNO KAZUNGU

Nonno Kazungu e la recessione

"No, la recessione non poteva colpire l’Africa, non se la meritava. Era come diventare poveri senza mai essere stati ricchi." 

12-08-2015 di Freddie del Curatolo

“Nonno, cosa vuol dire – recessione - ?”
La voce di Kitsao non era petulante come quando esigeva che gli fosse restituita la calcolatrice, con cui nonno Kazungu litigava da due ore per fare i conti di quanto gli avevano fregato alla Habib Bank, e nemmeno melliflua e suadente come quando implorava di poter rileggere ad alta voce la lezione di storia. 
Era una voce carica di curiosità del mondo, di smania di diventare adulto per capirci qualcosa di più. Nonostante al Safari Bar il ritornello fosse sempre che non c’è niente da capire, che “non c’è un perche”, il piccolo Kitsao era convinto che il suo piglio era quello giusto per poter diventare, da grande, un capopopolo a Kakoneni.
Primeggiare a scuola, la fame di conoscenza, le materie da studiare a memoria, gli approfondimenti, l’italiano e i suoi dialetti studiati da autodidatta, grazie al dizionario bergamasco-swahili regalato da una delle fidanzate del cugino Kadenge Davide: a sette anni gli appariva chiaro il perché di quella scelta di vita. Sarebbe diventato un misto tra il nonno, il prete e Lawrence Kamongo, il ricco rappresentante di telefonini, che si stava costruendo la casa di cemento. 
Non se lo sapeva spiegare ancora, ma ne era certo: la sua generazione avrebbe avuto bisogno di una sola figura di “leader”, che rappresentasse contemporaneamente il potere politico, il potere spirituale e quello economico. 
Nello specchio dei suoi occhiali nuovi, regalati dal cugino Kadenge Davide in persona, una diottria per occhio, ora leggeva il Nation. 
Kazungu ormai non si stupiva più, il bimbo era un vero prodigio: più sveglio lui a sette anni di suo figlio Furaha a quaranta.
L’unica cosa che aveva imparato Furaha era suonare la tastiera, una scatolaccia gracchiante con sei tasti mancanti. Il problema è che cantava come un facocero straziato da un Land Rover. Aveva ottenuto il permesso di fare da colonna sonora alle messe del villaggio e da quando anche lui era rimasto senza lavoro non lo fermava più nessuno, se non a colpi di papaia matura, cercando di beccarlo in testa. Era diventato uno dei giochi preferiti dei ragazzi di Kakoneni e il reverendo era contento perché grazie a Furaha molti giovani partecipavano alla funzione, ricevendo la comunione e aspettando con entusiasmo la fine. 
Kitsao insisteva. 
“Tu non lo sai cosa vuol dire – recessione – vero nonno?” 
Il nonno fece ricorso alla sua memoria, ai quotidiani letti in passato a Malindi e a tutte le parole imparate dai suoi datori di lavoro. D’altronde era la memoria che ne aveva fatto un vecchio saggio.
“Vuol dire che il mondo ha speso troppi soldi e adesso sta tornando indietro”
“Quindi ne spenderemo sempre meno anche noi?” 
“No, non credo. Non capisco molto di queste cose, ma penso che ormai sia un processo inarrestabile. Anzi dovremo spenderne di più, anche se non li abbiamo”
“E allora cosa vuol dire – tornare indietro-?”
“Vuol dire – andare avanti –, secondo me. Come quando tuo zio Kalume dice –vado a lavorare – e s’infila nella sua capanna…”
Kitsao accettò la risposta, sorrise e abbandonò il Nation. 
Va bene la serietà, d’accordo l’arrivismo e le strategie di conquista in embrione, ma un vero “giriama” vive alla giornata e approfitta del tempo libero per giocare. 
Lasciò gli occhiali a nonna Conjestina e intuì in pochi secondi che in campo c’èra un grosso vuoto sulla fascia destra.
“Pallaaaaaaa!”
Il nonno rimase a guardare, sul suo dondolo artigianale, di corda e legno, appeso a un ramo instabile come la sua salute. Aveva visto la costa keniota trasformarsi così velocemente che non poteva immaginare un’altra evoluzione che non accadesse con la stessa velocità della parola. 
“Pensi a una cosa, ed è stata già creata”
“Crei una cosa e ti è stata già rubata” confermò Conjestina, osservando la scimmia fuggire con un chapati in bocca.
Un po’ per rimanere in tema, un po’ per pensare a qualcosa che fosse stato creato prima ancora che lui nascesse, nonno Kazungu pensò a una coca cola e si diresse verso il Safari Bar.
Kibebe lo scemo era avvinghiato al solito baobab, vestito solo di un gonnellino di palma e se lo baciava come fosse una fidanzata.
“Recessione!” gli urlò il nonno, come per destarlo dall’incantesimo d’amore.
“Re Leone!” rispose Kibebe, abbandonando per un attimo le moine al baobab che sembrò ringraziare, cambiando impercettibilmente la sua ombra.
“Inguaribile innamorato…” commentò Kazungu. 
“Vecchio scemo!” ribattè Kibebe.
Il Safari Bar era vuoto. 
Tutti a lavorare e il gestore Kibonge a spolverare le bottiglie di guinness.
“Hai letto il Nation? Dopo America ed Europa, anche la Cina è sull’orlo della crisi!”
“E a noi che ce ne viene? Noi la crisi ce l’abbiamo da sempre…”
“Ma che dici? Da noi la recessione non è possibile, anzi si dice che siamo il futuro del Pianeta!”
Il barista accettò quella parola, benché fosse dura da mandare giù come quei pastiglioni per la malaria che ti rimangono di traverso in gola, a meno che tu non li mandi giù con il Three Barrels Brandy, che le scioglie all’istante.
“Pensaci bene, sono vent’anni che mangio a pranzo e cena allo stesso prezzo”
“Ci credo – sbottò Kibonge – prima mangiavi gratis dal tuo padrone a Malindi e ora mangi le cose del tuo orto!” 
“Forse se tornassimo a mangiare tutti le cose del nostro orto…del nostro shamba”
“Il più è farsi uno shamba…in centro a Nairobi, per esempio”
“Eh già, al posto dei campi ci hanno costruito le fabbriche di automobili, di scarpe, di telefonini…”
“Non si può mica telefonare a piedi nudi…” disse Furaha, facendo il suo ingresso nel bar.
No, la recessione non poteva colpire l’Africa, non se la meritava. Era come diventare poveri senza mai essere stati ricchi. 
Una presa per i fondelli. 
“Due coche cole” ordinò Kazungu, per sé e per il figlio.
“Brindiamo alla speranza che passi la recessione nel mondo…non vorrei che si spostassero tutti da queste parti, per potersi fare lo shamba!” concluse Kibonge.

TAGS: Nonno KazunguSafari BarRacconti FreddieRacconti Kenya

Una serata di racconti sul Kenya e sull'etnia Mijikenda questo martedì a Figino Serenza in provincia di Como.
Con ingresso gratuito, nella splendida ed elegante cornice di Villa Ferranti, sede della biblioteca comunale, il direttore di Malindikenya.net presenta "Il Viaggio dei Mijikenda...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una storia appassionante, di tempi che furono e di chi sogna di riviverli, fino a tornare dove i racconti che ha ascoltato nacquero.
E' il Kenya di "Il signore delle pianure", il libro dello scrittore spagnolo Javier Yanes, pubblicato in Italia...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Non stiamo parlando certo di un best seller internazionale, nonostante l'autore abbia una penna di tutto rispetto, ma di certo è il libro su Malindi che ha venduto di più in Italia. 
Alfredo "Freddie" del Curatolo mette a frutto la...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Quest'anno Freddie del Curatolo ha scelto i bambini come pubblico per raccontare le sue storie di Kenya, tra natura, solidarietà e momenti divertenti.
Sono le scuole elementari, particolarmente le quarte e le quinte, ad ascoltare i racconti che partono dai...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La tournée di Freddie del Curatolo nelle sue molteplici versioni sta per volgere al termine.
Per chi ancora non lo avesse visto all'opera nelle sue "serate Kenya" o nella presentazione della sua ultima fatica musicale (con tanti riferimenti africani) "Esilio...

LEGGI TUTTO

Produzione musicale in Italia per il direttore di Malindikenya.net Freddie del Curatolo. 
Nelle sue vesti di cantautore, Freddie è in questi giorni in Liguria per registrare il suo secondo album a distanza di undici anni, per raccontare il suo "Esilio...

LEGGI TUTTO

Il primo appuntamento italiano con le Serate Kenya di Freddie è fissato per sabato 20 maggio al Teatro Filodrammatici di Treviglio, in provincia di Bergamo.
L'anno scorso alla serata organizzata da Medicallife e Maxlife, confluirono oltre 300 persone e fu...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo la fantastica serata di promozione per il Kenya a Riccione, Freddie del Curatolo si prepara a tornare a casa sua a Malindi. 
Ma prima di partire, questa settimana in Italia si potrà assistere alle sue ultime tre serate pubbliche....

Sono terminate le riprese del docufilm "Italiani in Kenya", mediometraggio commissionato dal Ministero degli Esteri italiano, tramite l'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi, nell'ambito della settimana della lingua italiana nel mondo. 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La giornata è a dir poco epocale, qui a Kakoneni. Precisiamo: non che la Natura stia soffrendo più di tanto il cambiamento climatico, l’effetto serra, le marmitte catalitiche e le altre simpatiche novità introdotte dall’ingordigia umana.
Il grande baobab ha...

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

Vedere un bianco a Kakoneni, alle otto del mattino, non è un fatto raro ma regala sempre un senso di inaspettato, di nuovo; l’effetto sorpresa delle cose immaginate che si materializzano in un istante imprevisto.
Questo accade soprattutto ai bambini...

LEGGI IL RACCONTO COMPLETO

La Malindi italiana perde il suo barman, una delle figure storiche delle notti in riva all’Oceano Indiano.
Il grande Morgan lascia il Kenya dopo vent’anni di militanza, soprattutto notturna.
Chi frequenta da tanto tempo Malindi lo ricorda negli anni mitici...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un evento unico che unisce la cultura della costa keniota, quella dell'etnia Mijikenda, all'arte e alle culture di tutto il mondo, attraverso i veicoli imprescindibili della musica, delle parole e dell'arte visiva. Tutto insieme in una serata dal titolo "La...

LEGGI TUTTO

La rassegna del Cibo e della Cultura italiana a Nairobi non poteva avere sede migliore dello storico hotel Sarova Stanley nel centro della capitale keniana.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LA FOTOGALLERY

Una lunga giornata dagli amici del Kilili Baharini di Malindi, conclusa con una cena conviviale a parlare e ricevere consigli sul futuro della cittadina turistica e sul rilancio dell'economia in questo angolo di costa.
L'alleanza tra il Ministro delle Risorse...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una serata che ha fatto innamorare del Kenya decine di persone. 
Sabato sera a Riccione, nella cornice esclusiva del Bagno 71 e del suo "chiringuito", è andata in scena la "Serata Kenya " organizzata dal nostro portale, patrocinata dal Ministero...

LEGGI TUTTO