L'angolo di Freddie

SATIRA

Tutti i pericoli del Kenya: le febbri colorate

Viaggio tra le insidie di Malindi e dintorni. Terza Puntata

12-11-2017 di Freddie del Curatolo

Da mezzo secolo le leggende attorno alle fatidiche malattie africane si moltiplicano, tanto che gli stessi insetti ed animali faticano a stare dietro ai nuovi virus scoperti.
Figuriamoci la medicina, sempre attenta a propinarci una cura rivoluzionaria e miracolosa per sindromi create in laboratorio o virus sepolti da decenni e riesumati grazie a splendide e articolate campagne informative di stampa e media.
Ma la polemica non è di casa in Kenya.
Nel paese in cui basterebbe una guaina di lattice nel posto giusto per debellare la piaga più terribile e diffusa, certe forme virali fanno davvero ridere.
La mosca tse-tse, ad esempio, non è più una minaccia: si aggira ancora per la riserva del Mara ma non è infetta e al massimo insaporisce il tè delle cinque dei pastori masai.
Sono fin troppi invece i turisti e i viaggiatori che si presentano all’Equatore con tatuata sul braccio la vaccinazione per la febbre gialla, di fianco a delfini, farfalle, simboli tribali maori, cuori trafitti, finti bracciali e vere schifezze.
In realtà il governo keniota ha tolto l’obbligatorietà di tale vaccinazione da vent’anni (mentre i tatuaggi sono ancora legali), ma nelle foreste del Monte Elgon vi sono ancora focolari di epidemie (il consiglio sarebbe di non addentrarsi comunque) e le scimmie di Eldoret potrebbero attaccarvela durante un pic-nic, specialmente se non offrite loro un buon Club Sandwich, abbondando di maionese.
Quindi la pericolosità del virus è acclarata.
Ma non è tutto, fosse solo gialla la febbre africana!
Nei campi di funghi prataioli nei pressi di Naivasha è stato scoperto un focolaio di “febbre rosa”, temibile virus che assale gli organi sensibili e trasforma un tranquillo contadino completo di cappello di paglia e aratro, in un trans armato di labbra sensuali e seni gonfiati.
C'è poi la tremenda "febbre verde", malattia influenzata da una moda di nicchia che costringe certi imprenditori che in passato avrebbero speculato insozzando le rive dell'oceano di cemento, a costruire eco-resort e boutique hotel vegani a Mayungu o nel Mida Creek.
Della "febbre nera" abbiamo già parlato ampiamente in passato: ormai non viene più considerata una malattia, perché la sua trasmissione è indubbiamente diversa da tutte le altre.
Uno dei più frequenti e per fortuna passeggeri che quasi tutti gli amanti dell’Africa hanno sperimentato è invece il virus marrone chiaro.
Da sempre la “sciolta” è il segnale che il corpo è conscio di essere arrivato in Africa.
Numerose le giustificazioni che si riescono a formulare durante le ore trascorse a contemplare i “maridadi” del bagno, dalla privilegiata ottica di chi è seduto sulla tazza.
“Sarà il cambio di clima” 
“È stata sicuramente la frutta” 
“Dovevo lavarmi i denti con l’acqua minerale, magari gassata” e via dicendo.
In realtà la cacarella è un benvenuto che, prima o poi, tutti i frequentatori dell’Equatore, si devono beccare.
O meglio, QUASI tutti.
Infatti c’è una minoranza silenziosa (anche quando va al bagno) ma crescente, che invece è attratta da queste voci lassative riguardo al Kenya. “Il posto ideale per uno stitico!”, pensano i molti che hanno quel problema. È assodato infatti che un individuo normale, dopo aver mangiato una papaia intera, inizia a sentire nel proprio intestino qualcosa di simile al risveglio dell’Etna di qualche anno fa.
Ma sono molte le precauzioni che si può cercare di prendere all’incontrario, per poter godere finalmente di un’evacuazione morbida.

a. Ghiaccio in tutte le sue forme. Particolarmente indicato quello dei locali italiani di Watamu che vi garantiscono “il nostro è fatto con l’acqua bollita, così il 99% dei bacilli muore”.
b. Papaia rossa di Zanzibar senza limone e tiepida di sole (basta anche una foto).
c. Samosas dei chioschi intorno al mercato nuovo, meglio se avvolte in carta di giornale, meglio ancora se il giornale è il Taifa Leo.
d. Gelati confezionati dei venditori ambulanti (quei simpatici carretti con la biciclettina a carillon che vendono mottarelli tanzaniani prima di essere spazzati via da un Tir).
e. Succo di avocado polposo dei bar nella Old Town di Malindi, meglio se raffreddato con cubetti di ghiaccio locale. Oltretutto, se è particolarmente buono, in una camera oscura dopo averlo bevuto potrete esaminare la situazione dei vostri organi interni senza bisogno di radiografia.
f. Latte intero di capra in busta di plastica (raro).
g. Acqua del cocco comperato e aperto per strada (frequente).

Nonostante le numerose possibilità, c’è chi non è ancora riuscito a risolvere i suoi problemi, ma anche chi ha notato leggeri miglioramenti. Tra quelli che invece problemi non ne hanno, ma sono semplicemente golosi e noncuranti, c’è chi è passato in pochissimo tempo a (si perdoni il francesismo) cagare quotidianamente liquido e talvolta riesce con successo a riciclare il passion juice.
Sono persone rilassate che però improvvisamente vanno di fretta.
Stanno magari sedute al tavolo del bar insieme a voi a parlare dell’ultimo ritocco dell’amica comune e, mentre vi girate per salutare un altro residente di cui non v’importa una sega, scappano via come morse dalla tarantola (nel peggiore dei casi lasciando anche un profumato ricordino), omaggiando il cameriere di 8500 scellini di mancia a fronte di un conto di 1500.
Altri, in fila alla Kenya Commercial Bank, iniziano a contorcersi e a sudare freddo nonostante l’aria condizionata ma, mentre il connazionale capisce il momento difficile e li fa passare avanti, l’indoarabo zelante attende il suo turno ed estrae la sua mazzetta di 780 mila scellini in pezzi da 50, da contare e depositare.
È la fine.
Il sudore freddo diventa granita e le contorsioni diventano un nuovo ballo latinoamericano.
Il virus marrone chiaro è comunque una esperienza da provare e c’è chi si è talmente abituato che ne prova piacere e non ne può più fare a meno.
Li riconoscerete per un particolare rigonfiamento posteriore dei loro pantaloni (sono nate sartorie apposite, in centro, con modelli foderati tipo pannolone all’interno) e per un naturale arricciamento del naso dei loro partner. Non sono rifatti, solo un po’ nauseati.

TAGS: virus Kenyafebbre gialla kenyamalattie kenyapericoli kenya

Emergenza Dengue Fever nella Contea di Mombasa, giò 159 i casi segnalati tra Likoni e Bombolulu.
La perdurante siccità e le improvvise dilaganti piogge hanno costituito l'allevamento del virus trasmesso dalle zanzare, che in altre zone del mondo è già...

LEGGI TUTTE LE INFORMAZIONI

Per soggiornare in Kenya non è obbligatorio fare alcuna vaccinazione.
La febbre gialla da anni non si manifesta nel territorio e già dal 1989 non è più obbligatorio farla. Viene richiesta solamente a chi arriva da Paesi dove è obbligatoria...

LEGGI GLI ARTICOLI  SULLA MALARIA QUI SOTTO

Come spesso accade, ci vogliono avvenimenti tragici e luttuosi per rilanciare campagne contro chi ignora reali pericoli. In questo caso però sembra tutto più assurdo: malindikenya.net con tanti medici locali e residenti, da sempre si batte per convincere turisti, viaggiatori,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Come spesso accade, ci vogliono avvenimenti tragici e luttuosi per rilanciare campagne contro chi ignora reali pericoli.
In questo caso però sembra tutto più assurdo: malindikenya.net con tanti medici locali e residenti, da sempre si batte per convincere turisti, viaggiatori,...

LEGGI TUTTO

Come assiduo navigante (browser) su internet ho letto corrispondenze d'alcune centinaia di persone che hanno visitato il Kenya.
Circa l'80% di queste dicono di essere state colpite dal "Mal d'Africa".
Questa condizione non é una malattia fisica tropicale come la...

LEGGI LE NOTE

Malaria e virus importanti, a livello di malattie da prendere in Africa, hanno sicuramente la prima pagina, si fanno cliccare e danno visibilità. 
Tornare dal Kenya con l’ebola può essere un motivo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

I dati del Governo parlano di un calo del 42%, ma sulla costa del Kenya si arriva anche al 60%.
La malaria sta scomparendo velocemente dal Paese e i numeri, mese per mese, lo confermano.
La notizia è di quelle...

LEGGI TUTTO

Che palle, sì proprio "che palle" dover passare le giornate a chiedere smentite, a tranquillizzare chi sta prenotando una vacanza in Kenya, a rasserenare gli animi di operatori e imprenditori, a parlare con i residenti e chi fa avanti e...

LEGGI TUTTO

Fin da bambino sognavo un luogo in cui la mia fantasia potesse sfogarsi e correre libera, come un felino della savana.
Per questo quando sono cresciuto guardavo i documentari sull'Africa. Avrei voluto vivere come i miei idoli: il leopardo e...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

La cura preventiva per la malaria, per i turisti che frequentano il Kenya, è ormai superata.
Le importanti conquiste scientifiche che il Kenya per primo ha sperimentato, più di dieci anni fa, stanno dando i loro frutti con numeri che...

LEGGI L'INDICAZIONE PER INTERO

Uno dei rimedi più semplici e sicuri per la malaria, oggigiorno, è curarsi con medicinali a base di artemisina e utilizzare la combinazione di due farmaci che stroncano la parassitosi una volta insorta.
All’insorgere della febbre alta, a questo punto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il mio cuore batte all'impazzata quando sono immerso nella natura del Kenya.
Mi faccio cullare dal vento sul mare e metto la testa in su come un bambino.
Guardo le palme che ondeggiano, che si ritagliano uno spazio tra il...

LEGGI TUTTO

Persona pragmatica all’apparenza, ho avuto sempre un certo scetticismo per queste sensazioni inspiegabili……poi, per caso, un viaggio in Kenya.
L’Africa non mi ha mai attirato veramente, era uno di quei viaggi che avrei voluto fare in coda, solo dopo averne...

LEGGI TUTTA LA TESTIMONIANZA

E continuano a chiamarlo "mal d'Africa". Io non capisco e chiedo: "ma cosa c'è di male, perchè quella parola negativa"?
Mi rispondono che in realtà si usa "mal" per definire un sentimento che ti fa stare male quando sei lontano...

LEGGI TUTTO

La cannella o cinnamomo è un albero sempreverde della famiglia delle Lauracee, originario dello Sri Lanka ma largamente diffuso in tutto l’Oriente.
Oggi viene coltivato anche in Tanzania e in parte in Kenya.
La cannella era conosciuta già dai tempi...

LEGGI TUTTO