L'angolo di Freddie

SATIRA

Tutti i pericoli del Kenya: le malattie mentali

Viaggio tra le insidie di Malindi e dintorni. Sesta puntata

03-12-2017 di Freddie del Curatolo

Abbiamo già visto nelle puntate precedenti di questa rubrica come il Kenya, oltre a minare il corpo, agisca soprattutto sul cervello e sul sistema nervoso.
Dapprima rallentando i ritmi (sindrome di Polepole), poi addormentando i sensi (rincoleonimentus equatorialis), infine riattivandone solo alcuni e scollegandone altri tra di loro, specialmente il cervello e le zone pelviche.
Alcune malattie portate dai mzungu civilizzati hanno attecchito in poco tempo, contribuendo a creare uno spaesamento nella testa di residenti e villeggianti già seriamente bombardata dal sole equatoriale, dal rapporto con i locali e dall’apparente stato di perenne vacanza.
Una delle prime sindromi apparse a Malindi e dintorni, verso i primi anni Novanta, è la Casinite, conosciuta anche come “Morbo di Jackpot”.
Non appena rivelatasi, sotto forma di luci invitanti, aria condizionata e parvenza di lusso e ricchezza, ha mietuto centinaia di vittime, ma con il passare del tempo i residenti italiani hanno imparato a convivere con questa mania, limitandola e curandola in maniera omeopatica, e oggi quello che sembrava un cancro irreversibile, ha il suo decorso benigno.
Oggi alcuni esempi di sieropositivi del poker e del blackjack si possono ammirare nell’unico centro specializzato rimasto a Malindi per disturbi di questo genere.
Non si tratta di una psicosi pericolosa, perché bisogna avere già dei grossi problemi mentali per conto proprio, per entrare nella fase terminale.
Invece la malattia, nel suo stadio iniziale o nella sua forma lieve, può risultare addirittura piacevole.
D’altronde più che una tara mentale, la Casinite è una metafora della vita stessa e per questo forse attrae, perché le probabilità di eventi piacevoli o spiacevoli nella propria esistenza, sono più o meno le stesse che si possono avere davanti a un tavolo verde.
E anche la fine del gioco, purtroppo, spesso è la medesima.
I primi segnali dell’aggravamento si hanno nei soggetti in cui appare bava alla bocca e digrigno dei denti nell’osservare le vincite alle macchinette del vicino, o nell’attesa spasmodica di poter occupare il posto di un altro malato che ha già messo migliaia di monetine in una slot-machine, senza esito.
Un altro virus che attacca le cellule cerebrali è la frequente “perspicacia praecox”, detta anche “sotuttodellafrica”.
È una psicosi che colpisce specialmente gli italiani arrivati da poco a Malindi e li convince di avere in tasca tutte le verità sul nuovo Paese in cui vivono.
Un esempio dei sintomi di questo malessere è riscontrabile facilmente in molte pagine e gruppi di Facebook dedicati al Kenya. 
Ecco alcune frasi che possono far riconoscere la sindrome:

  1. Loro sono uguali a noi, siamo noi ad essere razzisti.
  2. Lei non è come tutte le altre, siete voi ad essere gelosi perché io ho trovato quella giusta.
  3. La mia villa sarà pronta tra due settimane.
  4. Per lavorare bene in questo paese, basta farsi capire. Io so come si fa.
  5. Se aprissi io un ristorante, non ce ne sarebbe più per nessuno.
  6. Sono l’unico professionista nel mio campo a Watamu.
  7. Ho intenzione di stare due o tre anni qui, fare un mucchio di soldi e tornare in Italia.

Potrete anche aver pronunciato tutte e sette le massime di cui sopra, ma sappiate che i primi in classifica nella speciale graduatoria dei Coleotteri Italiani hanno anche altre particolarità che li pongono ai vertici: logorrea, fiuto negli affari, matrimoni con coniugi kenioti, figli (non staremo qui a parlare di un altro disturbo psichico, la “sindrome di paternunquam”…) e società naufragate alle spalle.
Tra gli arrivi più recenti si sono già notate personalità rampanti in grado di scalare la classifica.
Tra le sindromi minori, da segnalare una deviazione soprattutto femminile chiamata “Dementia aurea” che porta spesso signore di una certa età a passeggiare in una spiaggia deserta alle cinque del pomeriggio in costume da bagno ma agghindate come un mercante rhodesiano, con tre bracciali per lato talmente pesanti che i movimenti degli arti risultano difficoltosi, un collare d’oro più grosso di quello del proprio cane, anelli a mani e piedi, orecchini plurimi a orecchie (talvolta naso e ombelico), con il contorno di Rolex e occhiali da sole di valore.
Nella forma acuta della malattia, le stesse persone si presentano poi a cena nei ristoranti più “in” della costa, in pareo e sandali di gomma, con una t-shirt rubata all’houseboy.
Tra le manie meno pericolose, ma pur sempre da tenere sotto osservazione, c’è infine la "Edilite vaseomotoria", che da una semplice villetta porta a costruire interi alberghi e alla fine a erigere muri sulle spiagge, coprire di cemento chilometri di foresta e incatramare il proprio giardiniere.
Come enunciò qualche anno fa il professor Adelchi Maria Frediani, "nessun soggetto sano di mente può sopravvivere a Malindi, al massimo ci può vivere".

TAGS: malattie kenyasatira kenyascrittori kenyapericoli kenyamalindi italiani

In questo spazio troverete citazioni di chi ha amato questo mondo e ha saputo descriverlo.
Aforismi, brani, versi e pensieri di scrittori, uomini di cultura o anche semplici appassionati.
Cose pensate, dette, scritte e magari poi negate o ritrattate, oppure rese...

Un workshop di romanzieri storici italiani per far crescere la coscienza storica e narrativa dei giovani scrittori keniani.
"History and stories", questo il titolo delle cinque giornate nairobine, in scena da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Fin da bambino sognavo un luogo in cui la mia fantasia potesse sfogarsi e correre libera, come un felino della savana.
Per questo quando sono cresciuto guardavo i documentari sull'Africa. Avrei voluto vivere come i miei idoli: il leopardo e...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Viene presentato martedì 20 dicembre alle 19, ai bordi della piscina del Mwembe Resort di Malindi e al ristorante Lorenzo Il Magnifico, il nuovo libro di Freddie del Curatolo con i disegni di Max Banfi, "Malindi dall'Askari alla Zanzara -...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non è un segreto che l’Africa sia ancora afflitta dalla cosiddetta “peste del ventesimo secolo” (no, non l’avvento delle democrazie di stampo occidentale). 
Anche se ormai l’Aids non è più una malattia mortale, se curata in tempo, rimane sempre una

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il mio cuore batte all'impazzata quando sono immerso nella natura del Kenya.
Mi faccio cullare dal vento sul mare e metto la testa in su come un bambino.
Guardo le palme che ondeggiano, che si ritagliano uno spazio tra il...

LEGGI TUTTO

E continuano a chiamarlo "mal d'Africa". Io non capisco e chiedo: "ma cosa c'è di male, perchè quella parola negativa"?
Mi rispondono che in realtà si usa "mal" per definire un sentimento che ti fa stare male quando sei lontano...

LEGGI TUTTO

Di seguito trasmettiamo le informazioni relative all'assistenza sanitaria in Italia per i residenti all'estero iscritti all'AIRE (Associazione Italiana Residenti all'Estero) e le informazioni relative alla mancanza di copertura sanitaria garantita per chi transita o soggiorna in Kenya.
A cura del...

LEGGI LE INFO ALL'INTERO CLICCANDO QUI

Come spesso accade, ci vogliono avvenimenti tragici e luttuosi per rilanciare campagne contro chi ignora reali pericoli. In questo caso però sembra tutto più assurdo: malindikenya.net con tanti medici locali e residenti, da sempre si batte per convincere turisti, viaggiatori,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Come spesso accade, ci vogliono avvenimenti tragici e luttuosi per rilanciare campagne contro chi ignora reali pericoli.
In questo caso però sembra tutto più assurdo: malindikenya.net con tanti medici locali e residenti, da sempre si batte per convincere turisti, viaggiatori,...

LEGGI TUTTO

Il Kenya oltre che una nazione giovane in continua crescita, anche intellettuale, è da sempre uno dei più stimolanti emblemi dell'Africa. La sua natura cangiante, la savana e le altissime montagne, la costa con i suoi anfratti marini, le foreste...

LEGGI TUTTO

Un colpo allo stomaco, e la perdita di molto sangue prima del trasporto aereo, avvenuto più di un'ora dopo la sparatoria in cui è rimasta coinvolta.
La scrittrice italiana, cittadina keniota, Kuki Gallmann è abituata a lottare ed ha avuto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' una storia di passione, e di una "cicatrice d'amore".
Non solo scaturita dal grande spirito cristiano del protagonista e dei suoi compagni di viaggio.
Quella di Monsignor Joseph Alessandro, qui in Kenya conosciuto da tutti semplicemente come Joe, è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'appuntamento è da non perdere, per gli italiani che sono a Malindi e dintorni in questo periodo. 
Sabato 15 ottobre alle ore 18 al Museo Nazionale di Malindi (ex DC office, dietro la piazzetta del cambio, Uhuru Garden) la direttrice...

LEGGI TUTTO

A Malindi e sulla costa keniana le piogge sono attese come una manna dal cielo. La siccità ha fatto danni estremi, alla terra e agli allevamenti.
Sono già morti capi di bestiame e molte piante si sono ridotte a rami...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO