Libri sul Kenya

LIBRI

Il Kenya di Novati e il suo viaggio dell'anima

"Africa Maisha Marefu" è molto più di un semplice diario di un'avventura

18-11-2016 di Freddie del Curatolo

Ci sono diari di viaggio che si leggono come atlanti geografici, altri noiosi come filmini delle vacanze altrui. Ci sono romanzi a tappe travestiti da manuali intergalattici per autostoppisti ma che in realtà sono autobiografie belle, buone e utili a malapena in famiglia.
Con l’Africa, però, difficilmente puoi barare e per questo scriverne e scrivere di sé a zonzo per questo universo restando credibili a sé stessi e agli altri è impresa ardua.
In Africa non puoi voltare lo sguardo, ma nello stesso tempo non puoi ignorare la bellezza che ti fa sentire un felice egoista, un privilegiato di passaggio.
Chi vuole raccontare l’Africa non può ignorare la lezione di Kapuscinski, ma avrà bisogno anche del cinismo di Hemingway, della sensibilità snob di Karen Blixen, della scientifica incoscienza di Felice Benuzzi, l’alpinista che fuggì dal campo dei prigionieri italiani durante la seconda guerra mondiale solo per la libidine di scalare il Monte Kenya, per poi fare ritorno tra le braccia dei carcerieri britannici con un taccuino indimenticabile che diventerà “No picnic on Mount Kenya”, oggetto di culto non solo per scalatori.
Senza scomodare icone e sollevare troppa polvere dagli scaffali, sul finire del 2016 ci capita tra le mani “Africa, Maisha Marefu” (Edizioni TGbook, pagg. 223, € 15), ovvero appunti di viaggio tra Etiopia, Kenya e Tanzania del brianzolo Marco Novati.
Documentarista, amante della montagna, esploratore, Novati ha descritto e filmato la Patagonia, si è bevuto più di mezzo Sudamerica e ha conosciuto le lusinghe dell’Oriente.
Ma come molti, è rimasto stregato dall’Africa equatoriale e dal “continente dove le albe e i tramonti si colorano di emozioni e sensazioni dell’anima, dove gli animali vivono allo stato brado nella savana, dove le regole della vita sono ancora stabilite dalla Natura, laddove è nato l’uomo e dove l’uomo morirà”.
Il Mal d’Africa di Novati è il bisogno di calarsi in una realtà vicina al proprio sentire, perché come scrive nella prefazione l’artista Bice Ferraresi (altra ammalata di Kenya) “per il nostro scrittore viaggiare significa riattingere a quei valori dai quali spesso ci si allontana a causa della nostra frenetica quotidianità”.
E allora in questo tuffo in un mondo salvifico, in questo riemergere dall’acqua all’aria, si leggono tutte d’un fiato l’umanità tra gli animali del Maasai Mara e del Serengeti, la sfiancante ascesa sulla vetta del Kilimanjaro e quella epica del Monte Kenya, l’abbandono senza tempo dell’arcipelago di Lamu e la summa di tutto questo nella calda, avvolgente, ingenua e paradisiaca entropia di Watamu.
Il tutto condito da un senso forte dell’amicizia, che non ha bisogno di troppe parole ed è interpretato magistralmente dall’amico Pino, uno sguardo inevitabile al sociale (e come potrebbe essere altrimenti, quando si entra in uno slum di Nairobi o in una comunità di recupero a Gede?) e un pizzico di nostalgia di un mondo libero di cui forse solo in Africa si sente ancora l’eco.   
Marco Novati, con passione, ci fa salire a bordo del suo romanzo, che a volte è un matatu zeppo di gente colorata, a volte un asino ubbidiente, poi una Land Rover in safari, ma spesso solo un paio di scarponi e un bastone.
Pagine come chilometri, segnati dalle stesse emozioni che in una piovosa giornata italiana lo hanno portato a vivere l’avventura che non solo ha avuto la voglia e il coraggio di vivere, ma che ha saputo descrivere così bene.    

TAGS: Marco NovatiAfrica Maisha MarefuLibri Africa

La solidarietà italiana per l’isola “solitaria” del Mida Creek non si ferma.
Dopo la splendida scuola creata Marafiki Onlus oggi ha anche un piccolo ospedale, grazie all’associazione “Pediatria per l’emergenza”.

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Jambo!
Mi presento: sono il creatore e direttore del portale in cui vi siete imbattuti. 
Per chi non mi conoscesse, questo potrebbe bastare. 
Amo l'Africa, il Kenya e Malindi e a loro devo moltissimo.
Ma mi piace anche osservare le...

Ogni anno, con l’inizio della stagione lavorativa, io e il manager del personale facciamo i colloqui per l’assunzione  dei nuovi praticanti per il dipartimento housekeeping.
I posti liberi sono pochi, a me dispiace, perché prenderei tutti i ragazzi che se...

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

Il Kenya a teatro. Malindi, Watamu, la savana, i masai, gli italiani, il popolo keniota. "Freddie del Curatolo vi racconta il Kenya" ha esordito sabato sera al Teatro Nuovo Ariberto di Milano con un grande successo. Accompagnato da Marco "Sbringo"...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sarà proiettato in anteprima a Malindi martedì 7 novembre il documentario del regista Giampaolo Montesanto "Italiani in Kenya".
La proiezione andrà in scena alle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Terza puntata della felicissima rassegna "Io conosco il canto dell'Africa", un successo di pubblico e applausi nei primi due giovedì al Baby Marrow di Malindi.
Dopo Frank Sinatra ed Ernest Hemingway, giovedì...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' vero, come scrisse Ryszard Kapuscinski, uno dei più attenti ed evocativi pensatori d'Africa, che la storia, nel Continente Nero, si trasmette per via orale e da leggenda diventa mito, ma la cultura, la prosa e la letteratura hanno bisogno...

LEGGI TUTTO

Marco Cavalli, quarantacinquenne piemontese di Alessandria, è il nuovo Corrispondente Consolare Italiano a Watamu. 
Lo ha reso noto ufficialmente l'Ambasciata d'Italia a Nairobi. 

LEGGI TUTTO

Sarà officiata da Padre Orazio alla S.Anthony Cathedral di Malindi, oggi 24 febbraio 2017 alle 16, la messa in ricordo di Marco Vancini, l'imprenditore italiano ed ex console onorario di Malindi scomparso due anni fa in un tragico incidente stradale...

Dopo il successo della serata al Come Back di Watamu, Freddie e Sbringo venerdì sera saranno al People Kiwi di Malindi, in Lamu Road, per presentare il meglio della loro produzione musicale.
Canzoni che con ironia attraversano il mondo degli...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Proseguono i giovedì in musica del Baby Marrow che abbinano la bravura, la classe e l'esperienza del Maestro italiano Marco "Sbringo" Bigi, polistrumentista con l'eccellenza sui tasti bianchi e neri, con talenti locali.

LEGGI TUTTO

La seconda serata della rassegna "Io conosco il canto dell'Africa" è stata l'esempio di come a Malindi si possa fare cultura, e allo stesso tempo offrire svago e divertimento, nel mezzo di una cena ben organizzata.
Ma ha dato anche...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le giovani coppie di Vinci hanno messo in piedi poco più di due anni fa un progetto di rinnovo completo della scuola e dell'asilo di Mkangagani, villaggio dalle parti di Gede.
Iniziando con i banchi (cinquanta costruiti commissionando il lavoro...

LEGGI TUTTO

Per il quarto giovedì di seguito, tutto esaurito e grande attenzione con applausi convinti al Baby Marrow di Malindi, per la rassegna di racconti, poesie e musica "Io conosco il canto dell'Africa" ideata e condotta da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Può una sola coppia volonterosa creare le premesse educative per un'intera comunità di villaggi sperduti dell'Africa? 
Carmen e Celestino, pensionati di Bolzano, hanno sempre pensato che fosse possibile e ci sono riusciti. 
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Può la storia degli italiani in Kenya essere racchiusa in una serata di racconti e canzoni?
L'unico che forse può provarci è Freddie del Curatolo, scrittore performer e direttore del portale malindikenya.net, con la preziosa collaborazione del Maestro Marco "Sbringo"...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO