Opinioni

OPINIONI

Chi ama Malindi la vuole viva, giorno e notte

Lettera aperta di un imprenditore monegasco

26-02-2019 di Carlo Falco

In tanti hanno parlato del mal d'Africa, di come l'hanno contratto e di come ci convivono.
Io credevo di esserne immune: avevo già girato mezzo mondo e spesso quando rientravo a Montecarlo,dove vivo e lavoro, ero pentito di essere partito.
Poi agli inizi del 2000, ospite di un amico, arrivo a Malindi dove ero già stato negli anni ‘80 alla mitica Malindina, ma questa volta era diverso.
Malindi era piena di gente, piena d'allegria, di turisti che partivano fissando già la data del ritorno.
Tra lo stupore di amici e parenti, in due giorni compro una casa. Qualcosa  mi fa capire che qui devo mettere delle radici, che sarà il mio buon ritiro.
Ma non sono capace di fare il turista da spiaggia e succo di frutta: una casa ne tira un'altra, una ristrutturazione, una piccola costruzione e anche qui inizio a fare il mio mestiere, sommessamente solo per divertimento.
Non è business, non qui, se sei fortunato puoi fare pari, un campione se guadagni poco, nella norma se non perdi tanto.
Ma è la giustificazione per abbandonare le giacche blu e le scrivanie di cristallo e per ritrovarsi tra la polvere delle strade rotte, il sorriso dei ragazzini e quell'odore d'africa che ti pervade e ti fa giustificare ogni cosa.
Il pensiero di poter dare lavoro a questa gente mi spinge anche ad associarmi in un'attività turistica, storica, emblema di una cittadina che ancora vive.
Affronti i quotidiani  problemi del loro pole pole, di una burocrazia che spesso dimentica l'origine inglese ma non puoi e non devi affrontare i problemi che creano altri europei.
Dicono anche loro di amare Malindi ma non si rendono conto che la città sta morendo, quella che un tempo era considerata la St.Tropez dell'africa oggi fa di tutto per allontanare i giovani: i nostri figli e nipoti non vengono perche si annoiano e senza giovani e chi si sente tale, muore ogni turismo ogni attività. E questo perchè? Per non ascoltare un paio di volte alla settimana la musica che proviene da una spiaggia o da una discoteca di un resort? Credo che i proprietari delle ville a Watamu preferiscano questo, con un centro pieno di turisti a un buio profondo e silenzioso.
Vogliamo far sì che le nostre proprietà valgano sempre meno, aumentare i disoccupati e di conseguenza i furti e tutto il resto?
Tutto certo continuando su questa strada. Forse conviene dimostrare di amare veramente questo posto, ed usando il buon senso da ogni parte, unirci in uno sforzo comune per valorizzare questa Malindi che amiamo o diciamo di amare.

TAGS: malindi turismocarlo falcoopinioni malindi

In vendita una graziosa residenza a pochi passi dall'Oceano Indiano, sulla spiaggia di Silversand, in residence con piscina e accesso diretto alla spiaggia.
La villetta è composta da soggiorno, cucina, veranda, una camera con bagno e guardaroba. 
Al primo piano, raggiungibile...

A due passi dalla splendida Silversand Beach, immersa nell'atmosfera tropicale del Coral Key Park, a pochi metri dal mare e affacciata su una 
delle splendide piscine della struttura, è in vendita una prestigiosa ed elegante villa su due piani, completamente arredata.
La villa è...

Un pranzo con musica per incontrarsi tra italiani in Kenya, organizzato da Comites, il Comitato degli Italiani all'Estero (organo consultativo dell'Ambasciata d'Italia in Kenya).

LEGGI TUTTO

Continuiamo a dirlo: vita durissima da un po' di tempo a questa parte per i latitanti italiani in Kenya: la collaborazione tra le due polizie, tra le magistrature e tra i Ministeri degli Esteri sta portando ad un lavoro di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L’Africa è terra che tutto rinnova e mai come in questi luoghi il ciclo della vita e delle...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya ha perso un'occasione per una svolta moderna, civile e sensata nelle sue leggi della Giustizia.
Dopo...

LEGGI L'ARTICOLO

Vacanze da padre per Flavio Briatore a Malindi.
L'imprenditore italiano è arrivato due giorni fa con il suo jet privato e in compagnia del...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ieri su alcuni quotidiani italiani è apparsa la notizia che l'imprenditore Flavio Briatore ha iscritto il figlio Nathan Falco, di otto anni, alla scuola calcio estiva dell'Atalanta. Il ragazzino, secondo i media, avrebbe espresso grande passione per il calcio e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una tavola rotonda di artisti ed esperti a Nairobi, grazie all'Italia, per la Giornata dell'Arte Contemporanea.
In occasione del Contemporary Art Day 2018, mercoledi 7 novembre, l'Ambasciata d'Italia a Nairobi ha organizzato presso il dipartimento di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' il periodo della promozione turistica di Malindi, Watamu e delle altre località della Contea di Kilifi.
Dopo un agosto che, considerate le ansie e le attese elettorali, è andato fin troppo bene, è ora di mettersi in vetrina con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Flavio Briatore è tornato a Malindi, nell'oasi del suo Billionaire e con lui non solo c'è la famiglia, ma sono tornati gli amici, i figli degli amici e qualche altro personaggio alla scoperta di un Kenya tornato ad essere considerato...

LEGGI TUTTO

Per chi conosce Malindi e i suoi volti locali, la "piazzetta del cambio" Uhuru Garden dall'alba di questa mattina è una galleria di facce e sorrisi conosciuti.
Ci puoi trovare il ferramenta indiano, il cuoco del tuo ristorante preferito, la...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Che l’Italia sia un Paese di giovani “cervelli in fuga” è ormai un dato di fatto, ma che arrivino in Kenya (anche...

LEGGI L'ARTICOLO

Il più famoso festival del Romanzo Storico d'Europa si tiene ogni anno a Piove di Sacco, in provincia di Padova.
L'edizione di quest'anno si apre oggi ed...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La sezione keniana del Comitato degli Italiani all'Estero (Co.Mi.Tes Kenya) si apre ancor più ai connazionali e per...

LEGGI L'ARTICOLO

L’artista concettuale italiano Mattia Campo Dall’Orto e la fotografa Mara Fella sono impegnati questa...

LEGGI L'ARTICOLO