Opinioni

OPINIONI

La carità, un dono impalpabile

"... i regali speciali e la beneficienza sono immateriali. Sono impalpabili e invisibili."

01-09-2015 di Hilary Mazzon

Personalmente non credo nella carità.
Ho pensato tanto a quello che vorrei lasciare alle persone che mi circondano qui, ci ho ragionato davvero per molto tempo.
I regali più belli, quelli sentiti e pensati a fondo, quelli che fanno battere il cuore a chi li fa e a chi li riceve, quelli pieni di significati e di amore, richiedono tempo.
Tempo per cercare la cosa giusta e tempo per scovare quella perfetta.
Come il regalo perfetto non è l’oggetto di per sè, ma il tempo e la determinazione che sono state dedicate nel farlo; così la beneficienza non è carità, ma la profonda comprensione di cosa faccia davvero del bene.
In questo modo i regali speciali e la beneficienza sono immateriali.
Sono impalpabili e invisibili.
Tanti fanno della carità senza nemmeno accorgersene e lo fanno con il migliore degli intenti e probabilmente lo faccio anche io involontariamente.
Si cerca sempre di alleviare la sofferenza degli altri e di se stessi, in un modo o nell’altro tutti vogliamo lasciare un segno ed essere ricordati da qualcuno.
In realtà diventa quasi una droga: il bisogno di vedere l’altro star bene crea dipendenza.
Non si può smettere, altrimenti ci si sente inutili.
Un po’ come quando finiscono quelle storie d’amore profonde e tormentate, quando la persona a cui dedicavi ogni minuto e tutte le attenzioni se ne va, ci si ritrova soli con troppo tempo e troppa energia inutilizzata.
Allo stesso modo c’è la dipendenza da sorrisi e capisco quelli che quando vengono qui e donando qualcosa, una caramella, una penna, dei vestiti, si inebriano degli occhioni felici, degli abbracci e della gratitudine della gente.
Quello che spesso però si dimentica è che un sorriso non è per forza sinonimo di felicità.
Tutti i giorni mi guardo intorno e trovo spesso la conferma di come questo tipo di carità veloce e immediata possa alleviare la sofferenza e rallentare il dolore, senza annientarli.
E’ il nostro innato sentimento pietistico che ci guida nelle azioni caritatevoli di questo tipo.
E’ il tipico approccio occidentale: evitare di provare dolore.
Lo facciamo sempre.
Anche la nostra medicina lo fa, non toglie il male alla radice, ma cerca di placarlo, di sottometterlo, senza estirparlo alle radici.
La carità è paragonabile così a un antidolorifico. Ti rende felice per qualche ora, magari per qualche giorno, ma a lungo andare il male torna, di solito più forte di prima.
“La carità rende l’uomo una bestia”, un mostro. 
“Gli insegna a camminare, ma gli toglie la vista, la sola che potrebbe indicargli dove andare.”
Gli cura le gambe, ma lo rende cieco.
Personalmente nel mio quotidiano cerco di essere filo-buddista. Il dolore non va placato: va strumentalizzato per superare la sofferenza, bisogna analizzare la situazione a fondo e superandola, liberarsi completamente del dolore.
L’espressione usata è “trasformare il veleno in medicina”.
Mi chiedo ogni secondo se le cose che faccio siano giuste o meno, se “guarisco” gli occhi prima delle gambe, se nel mio piccolo riesco davvero a trasformare il veleno in medicina.
Ho pensato a quello che voglio lasciare alla gente che ormai mi ospita da mesi, alla gente che mi fa sentire in famiglia, che mi ha fatto capire quanto è importante condividere quello che si ha anche quando si possiede poco.
Bisogna sempre porsi uno scopo generale nei progetti per riuscire a realizzare gli obbiettivi principali. 
Lo scopo generale che mi sono prefissata è di perdere il “lavoro”.
Suona ipocrita, ma credo che questo debba essere l’obbiettivo di tutte le persone, istituzioni o associazioni che lavorano nel sociale.
Bisogna fornire gli strumenti per sopperire alle reali mancanze e ai bisogni, senza regalare soluzioni pre-fabbricate.
Formare persone capaci di trovare la propria strada stimolando le menti in modo che possano trovare risposte atipiche per costruire un futuro auto-gestito e che possa auto-sostenersi
Il mio desiderio è di trasmettere tutto quello che so (sempre nel mio piccolo), tutto quello che con il tempo renderà la mia presenza superflua.
Come una mamma che guida i propri figli nel trovare risposte a quelle domande a cui nemmeno lei sa rispondere, che desidera solo il successo e la realizzazione dei loro sogni. 
Come una mamma analfabeta che porta i propri figli a scuola perchè sa che là troveranno il modo per rispondere alla loro domande.
Questo è quello che vorrei donare, questa è la sola carità che voglio fare.

TAGS: Carità KenyaHilary MazzonHilary WatamuKaribuni Onlus

Gli sforzi e la generosità della comunità italiana, del nostro portale e di molti imprenditori del settore turistico di Malindi e Watamu sta per concretizzarsi con la prima importante donazione per le famiglie degli sfollati dell'entroterra malindino.
Nei prossimi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

A giugno è partito il nuovo progetto di Karibuni Onlus a favore della comunità dell’area di Langobaya.
L’idea è nata dal team delle fattorie di Karibuni, che, osservando la persistente insicurezza alimentare di quest’area semi arida soggetta a carestie e...

LEGGI TUTTO

Non si ferma l'opera sociale di Karibuni Onlus nell'entroterra malindino, grazie anche alla generosità degli italiani.
E' stata consegnata ieri alle autorità locali la nuova "Tiziana Nursery School" a Langobaya.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo quella donata alcuni mesi fa all'ospedale di Gede, altre due motoambulanze donate dalla NGO italiana Karibuni, grazie al contributo importante di associazioni italiane e privati, per aiutare le strutture sanitarie della costa del Kenya. 
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Karibuni nasce da un viaggio di un gruppo di amici nel 2002 e la conoscenza delle realta’ locali ci ha portato a fare i primi interventi di aiuto e sostegno. Alla fine del 2004 decidiamo di costituire Karibuni onlus (in...

LEGGI TUTTO

Due giornate indimenticabili, quelle del 28 e 29 ottobre, insieme a Domenico di Genni, noto artista che negli ultimi anni ha scelto come casa il Kenya, in un asilo di Malanga sostenuto da Karibuni Onlus.
Aveva ragione il Piccolo Principe:...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La solidarietà della comunità italiana di Malindi e Watamu, dei loro operatori turistici e dei tanti turisti che frequentano il Kenya non si ferma con la prima donazione di materassi, che avverrà a giorni.
Malindikenya.net di concerto con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gli italiani non abbandonano gli sfollati della valle del Galana.
Dopo i due mesi di aiuti continui da parte degli italiani che hanno contribuito alla ripresa dei senzatetto dei campi della Croce Rossa e dopo che da luglio ci si...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le grandi soddisfazioni sono spesso inaspettate.
E quanto più sono inattese tanto più sono stupefacenti. 
Sono un po’ come le stelle cadenti.

LEGGI TUTTO

In Kenya gli italiani hanno fatto moltissime opere di bene. C’è tanta solidarietà nei confronti del popolo keniano e i progetti sociali abbondano.
Ciò che scaturisce dal cuore, dalla generosità e dall’incapacità di voltare lo sguardo dall’altra parte è sempre...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Ho letto con attenzione l'articolo di Daniela Venturelli sul volontariato spesso poco corretto di alcune associazioni. 
Fa riferimento a progetti a Chakama molto sponsorizzati da una onlus di cui si sono perse le tracce e che ha lasciato molte delusioni...

LEGGI TUTTO L'INTERVENTO

Tempi durissimi per le famiglie dell'entroterra malindino, così come in tante altre zone del Kenya, rese aride dalla prolungata siccità e flagellate dall'aumento dei prezzi del cibo di sussistenza.
Sabato scorso dalla fattoria della NGO italiana Karibuni di Langobaya è partita...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

In cinque giorni abbiamo raccolto già 3000 euro, e siamo a più di un terzo dell'obbiettivo che ci siamo prefissi, 1 milione di scellini.
Questo il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo la distribuzione dei 300 materassi per ogni capofamiglia dei quattro campi di sfollati dall'alluvione ed esondazione del fiume Galana, la solidarietà della comunità italiana organizzata da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un'altra settimana di aiuti firmati comunità italiana, con la NGO Karibuni e il nostro portale.
Come avevamo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Con un evento di Show Cooking di un noto Chef locale, Natale Giunta del ristorante Castello a Mare, il Rotary Club Palermo Est ha organizzato per questa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO