Opinioni

ESPERIENZE

Malindi, non sono rose e fiori ma...

Tante le differenze, ma è un sogno aver incontrato l'Africa

29-05-2011 di Antonio

La prima volta, come tutti, fu in vacanza.
Non conoscendo nessuno, era normale che prenotassi due settimane in hotel.
L'offerta era invitante, 1200 euro tutto compreso.
E' così che molti italiani si approcciano a questo mondo.
A me, a dire il vero, non interessava fare vacanza, il mare è bello anche da me a Gallipoli.
Mi interessava capire come mai qualche conoscente se n'era andato e non era più tornato, perchè in tanti, compreso l'autore di questo splendido ed utilissimo sito, magnificavano la vita in Kenya, senza promettere la luna.
E non è la luna che trovai, anzi! Per uno spirito sensibile come il mio, a Malindi trovai tantissimi paradossi, così vicini da mettere un misto di rabbia e compassione. Ma anche così veri da far venire voglia di rimboccarsi le maniche ed agire. Già, perchè in Italia non vediamo la povertà accanto alla ricchezza, magari l'annusiamo ma le due società, quella che annaspa e quella che difende i propri interessi, se ne stanno alla larga l'una dall'altra e al massimo si incontrano in televisione, dove le chiappe della bella soubrette vengono appena prima della strage familiare in un appartamento di periferia. Qui abbiamo le capanne di fango a pochi metri dalle belle ville con piscina, ma nelle capanne ci sono ragazzini che sorridono e vogliono soltanto un po' del tuo tempo. Sì, certo, ti chiedono anche caramelle, quaderni, penne. Ma basta una matita, un chewing gum per farteli amici, e puoi passare un pomeriggio a farti raccontare la loro storia. Poi arriva la madre, e anche lei ha qualcosa da raccontare. Se ti trattieni con loro, finirà che sono loro, i poveri, a chiederti se vuoi restare a cena. Cosa vuoi che sia un piatto di polenta in più? E cosa vuoi che sia, per me, un sacco di farina o di riso, da portare l'indomani e mangiare tutti assieme? Credo che in questo mondo si sia persa la pazienza e la voglia di stare insieme, anche tra gente diversa, di ricordarci che siamo tutti uomini, indipendentemente dai nostri bisogni e dalla voglia di chiedere o di ottenere qualcosa dagli altri. Io sono felice di avere ancora questa pazienza, perciò sono tornato altre tre volte a Malindi e credo che mi trasferirò lì, anche se so che non sono tutte rose e fiori. Ho tanti amici ai quali non prometto niente di più di quello che posso dare e loro, dopo un comprensibile iniziale spaesamento, hanno capito. Ci sono i turisti "mordi e scappa", e c'è chi invece farà il possibile, poco per volta, costantemente. E se ho la fortuna che questo mi reca felicità, è un sogno avere incontrato sulla mia strada l'Africa. 

TAGS: Malindi rose fioriGallipoli KenyaAntonio Malindi

Le rose rosse di San Valentino sono sempre più keniote.
Proprio in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ogni anno, da venti stagioni, aspettava gennaio per godersi la sua Malindi.
Quest’anno Antonio Cesaroni, storico villeggiante italiano sulla costa del Kenya, non...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Galeotto fu il volontariato a Chakama, con la Onlus Africa Milele. 
Per Antonio Di Guida, fiorentino di 24 anni, laureato in design industriale e appassionato di cucina e fotografia e viaggi, il primo viaggio in Africa nel 2013 ,significava soprattutto...

LEGGI TUTTO

Una mostra di fiori al Baby Marrow Art & Food Restaurant di Malindi.
Si inaugura domani sera, mercoledì 20 dicembre alle 19 "Portraits of flowers", la nuova personale dell'artista italiano Gian Paolo Tomasi, che già espone da tempo nel locale di...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Vivaldi, le sue stagioni e il barocco veneziano per un pomeriggio rivivranno in un giardino tropicale di Malindi, grazie alle note dei musicisti Francesco D'Orazio (violino) e Michele Visaggi (piano).
L'iniziativa, promossa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'anno prossimo Rose festeggerà vent'anni di Italia e probabilmente lo farà nel suo ristorante "Kilimangiaro" a Cagliari.
Già, perché la simpatica donna keniana da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"Magda, Caterina, Nicola e Lucrezia ringraziano tutti coloro che, con il loro affetto e il loro calore, li hanno confortati e supportati e sono stati vicini al loro dolore in questo tragico momento". Queste le parole affidate a Malindikenya.net dalla famiglia...

LEGGI TUTTO

Solo fruscio di foglie
di palme al vento
che accarezzano
il tetto di makuti.

Gli ultimi raggi
d’un tramonto di fuoco
baciano ed esaltano
bungavillee in fiore.

LEGGI TUTTA LA POESIA

In cinque giorni abbiamo raccolto già 3000 euro, e siamo a più di un terzo dell'obbiettivo che ci siamo prefissi, 1 milione di scellini.
Questo il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La sensazione è la stessa, forse banale, forse ovvia ma sentirsi a casa nella culla del mondo, probabilmente è normale.
Il richiamo dello spirito, dell'anima per un luogo di percezione ancestrale, ci riporta ad un equilibrio assopito ma mai dimenticato.
Forse siamo...

LEGGI TUTTO

Lui si chiama Richard Odada e, come tanti suoi coetanei keniani, sogna di diventare un calciatore professionista.
Sicuramente rispetto a tanti ragazzi di Nairobi e dintorni, Richard ha bruciato le tappe.
Dopo essere...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tempi duri per i furbi in Kenya.
Sicuramente, come già ampiamente dimostrato da operazioni del recente passato, il kenya non è più il Paese di Bengodi di qualsiasi genere di disonesto o malavitoso, grazie anche agli accordi di collaborazione tra...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un giro nella Malindi di un giovedì sera di febbraio.
Non un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Conto alla rovescia per il primo ciak malindino del nuovo film di Checco Zalone, ambientato anche in Africa, come punto di partenza di un misterioso viaggio verso l'Italia alla stregua degli...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Mi sono resa conto che non sono l'unica ad essere stata punta dalla micidiale zanzara che trasmette il mal d'Africa.
Sono nata in Tanzania da genitori italiani, nel 1971 anno in cui è stato costruito il Kilimajaro International Airport. 
Ho...

E' ormai ufficiale, Checco Zalone girerà parte del suo nuovo film a Malindi.
La scelta sulla cittadina keniota, che però nel film non sarà identificata come tale ma che sarà l'emblema di un'altra Africa, turistica ma più instabile politicamente, è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO