Opinioni

PAROLE

Quel momento magico sulla costa del Kenya

Dalla luce al buio meno di un'ora, e tutto sembra rendere omaggio all'Africa

05-04-2018 di Freddie del Curatolo

Giuseppe Ungaretti, che in Africa ci era nato, la chiamava "l'ora che annuvola e smemora".
Karen Blixen la distingueva dall'alba per quel sentore in più di malinconia, di annunciazione della notte misteriosa e infida.
In Kenya, lungo la linea dell'Equatore e particolarmente sulla costa, il breve momento in cui dal tramonto si passa all'oscurità, è un momento magico che fa pensare alla meraviglia di trovarsi in questo posto.
Il cielo e i suoi colori, la maestosità della Natura che per un attimo riprende i suoi contorni, i connotati più veri e meno artefatti dalla luce del sole o dall'essere solo scenografia delle giornate di lavoro o spettatore di ore intere d'ozio e vacanza.
Il tramonto in Kenya non è solo la palla di fuoco che si accende di rosso, arancione e tutte le loro sfumature,  non è una bella fotografia in savana o le nuvole striate che pare tu possa toccarle.
E' il vero da vivere.
E' l'odore acre del sudore umano che si mischia a quello della terra in raffreddamento e della farina di mais nelle pentole, con il fumo del carbone e dell'immondizia bruciata, i profumi di spezie e l'odore delle alghe in riva al mare.
Dalle sei di sera, per quaranta minuti circa, l'Africa chiama e per chi lo sa, è un istante meraviglioso.
Questo scrissi nelle ultime pagine del romanzo "Safari Bar" (GVE Editore).

Viene un momento in cui Madre Natura è stanca di guardare e ascoltare le meschinità e i paradossi di quei piccoli, grotteschi esseri che popolano la Terra.
Così avvolge di stanchezza buona e di tranquillità le case, limita il traffico delle automobili, il rumore del lavoro e il vociare del muoversi.
Vuole il silenzio e cerca di ottenerlo, poi sfinita si arrende e si sposta fuori dai centri abitati, lontano dalle strade e dai negozi.
Cerca la pace, ormai sopraffatta dalle abitudini dei grossi insetti parlanti.
Nonostante lo sconforto, sa ancora rendersi visibile: accende luci d’atmosfera, dipinge un colore diverso per ogni elemento, inventa nuove tonalità, regala fragranze inedite di vento, aggiunge profondità al cielo e fa brillare il mare.
Sembra rendere ogni cosa quella che è realmente.
Naturale.
Fa crescere la luna e fa morire il sole.
Da sempre.
Tutti i giorni per pochi minuti.
In quel lasso di tempo può capitare di intuire come tutto sia relegato alla fugacità del sogno, al regno della fantasia e al principato dell’immaginazione; di comprendere che il tempo che vale la pena conservare sia il risultato di tanti attimi veri, reali.
Naturali.
C’è chi non capisce, chi non ci fa caso, chi lo sapeva ma se ne è dimenticato.
Alcuni ne hanno paura, altri detestano quel momento.
Tutti gli altri ringraziano il cielo di essere in Africa.

TAGS: tramonto kenyaora africacolori africaemozioni africa

L'Africa ora buffa, ora minacciosa, ora triste, ora incomprensibile, è sempre stata autentica, irripetibile, sé stessa.
L'Africa ha un suo stile, un suo clima, una sua individualità che attirano, incatenano, affascinano.
E anche dopo anni e anni non si riesce...

Il mio mal d'Africa esiste da quando ero bambina.
Sono ormai 10 anni che vado in Kenia e ogni volta che scendo dall'aereo mi viene da piangere cosi pure quando devo tornare,un pianto di felicità non so come spiegare, in...

LEGGI TUTTO

Si sa che l'Africa offre spesso una seconda vita. 
Purché si accetti di prenderla a rate, pagandone il prezzo giorno per giorno,
in un luogo in cui ogni tramonto regala un pezzetto di eternità ed ogni nuova alba cancella ciò...

Africa è nel cielo, nella terra e nella gente.
La gente d'africa si muove lenta ma ti smuove il cuore, ti scuote l'animo.
Comunque tu sia, ferro o argilla, l'africa ti plasma.
 

LEGGI QUI

La decisione di prendere casa a Mambrui avvenne il settimo giorno dopo la mia prima venuta in Africa. 
Ero stato avvolto, avviluppato dagli odori, dalla luce, dai colori. 
Se mi domandate il perchè di una decisione così irrazionale ed immediata,...

LEGGI TUTTO

La sensazione è la stessa, forse banale, forse ovvia ma sentirsi a casa nella culla del mondo, probabilmente è normale.
Il richiamo dello spirito, dell'anima per un luogo di percezione ancestrale, ci riporta ad un equilibrio assopito ma mai dimenticato.
Forse siamo...

LEGGI TUTTO

Uno scatto fotografico colto qua e là, decine di pagine e centinaia di parole non riusciranno mai a raccontare un mondo meraviglioso, una terra lontana e antica che con i suoi spazi sconfinati, i suoi profumi, i suoi colori ed...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Metti un barman professionista nell'oasi più esclusiva di Watamu, due bicchieri su un tavolino che si affaccia nella baia sull'oceano dai colori mozzafiato.
Se poi sta per arrivare il tramonto, dopo una giornata di mare, sole ed allegria, il cocktail...

LEGGI TUTTO

C’è tanto amore per l’Africa e tanto Kenya, in mezzo alle vicende sentimentali narrate nel primo romanzo della sceneggiatrice e scrittrice italiana Francesca Marciano, che ha lavorato, tra gli altri, con Salvatores, Luchetti e Muccino. 
“Cielo Scoperto” è un romanzo...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Il mio mal d'Africa risale a tanto tempo fa.
Dicembre 1971,avevo 17 anni e ricordo perfettamente (perchè la rivivo ogni volta che torno)la sensazione di essere arrivata,di essere a casa.
 

LEGGI TUTTO

Immaginate un luogo in cui il cielo non vi sovrasta, vi attraversa...

LEGGI TUTTA LA POESIA

Ora io so una canzone dell’Africa, una canzone della giraffa e della luna nuova sdraiata sul dorso,
dell’aratro nei campi e dei visi sudati degli uomini che raccolgono il caffè. 
Ma sa l’Africa una canzone che parla di me? 

L’Africa è un continente troppo grande per poterlo descrivere. 
E’ un vero e proprio oceano, un pianeta a parte, un cosmo eterogeneo e ricchissimo. 
E’ solo per semplificare, per pura comodità che lo chiamiamo Africa. 
In realtà, a parte la...

Mi sono resa conto che non sono l'unica ad essere stata punta dalla micidiale zanzara che trasmette il mal d'Africa.
Sono nata in Tanzania da genitori italiani, nel 1971 anno in cui è stato costruito il Kilimajaro International Airport. 
Ho...

Immaginate un luogo in cui il cielo non vi sovrasta, vi attraversa; l’aria non si respira, si assapora, il tempo scorre, non corre ed il sistema nervoso si sistema, non s’innervosisce.
Un luogo dove la gente non t’incrocia, ti saluta,...

LEGGI TUTTO

Ha girato un po' tutto il mondo Margherita Maresca e ha avuto una vita avventurosa: a piedi in Somalia, nella foresta del Congo, e ancora tra oceani e deserti. Ora l'italiana residente a Watamu, conosciuta particolarmente per i suoi arazzi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO