Opinioni

TESTIMONIANZE

Quindici anni di Kenya

"Vorrei fare qualcosa per tornare indietro..."

03-11-2014 di Andrea Coppola

Africa… 1999.
Non è una riminiscenza futuristica di tipo stellare, ma semplicemente l’anno in cui mi sono affacciato per la prima volta in Kenya.
Sembra così lontana oggi quella data.
E quante cose sono cambiate da quella Malindi così distante dai cellulari, dalle migliaia di inquinanti automobili, dalla tecnologia. 
Per non parlare di Watamu, l’oasi dei sogni dei pochi viaggiatori che vi accedevano estasiati.
Era un Kenya ancora naturale, mi si passi il termine, intaccato sì dalla prepotente presenza dei bianchi, ma ancora molto distante moralmente e mentalmente dalle usanze occidentali.
All’epoca viaggiare costava tanto e il Kenya era una meta un po’ d’élite, poco inflazionata e poco conosciuta. Non c’erano ancora tutti quei vip e i grandi magnati a dettar legge (e a fare arrabbiare le autorità locali). La costa di Watamu era ancora selvaggia e sgombra da tutte quelle ville, i locali, i bar e i resort che si contavano sulle dita di una mano.
Erano gli anni in cui passeggiare per il villaggio era bello.
Poche erano le “prepotenze” dei locali affamati.
Era bello entrare nelle case delle persone, parlare e mangiare con loro, senza essere fissati come “maledetti colonizzatori”, come accade oggi.
Ci tollerano appena, si percepisce, e noi tolleriamo poco loro.
Gli anni ’70 e ’80 erano passati da un po’ e il nuovo Millennio era alle porte, ma ancora si respirava l’aria rilassata degli ambienti riservati delle comunità straniere, frequentanti da pochi personaggi influenti e ben vestiti, mentre fuori i rispettosi turisti si godevano ciò che restava dell’Africa, con tutti i suoi colori, i profumi e il folklore.
Oggi questa immagine (perfettamente descritta nel film “Nel Continente Nero” con Diego Abatantuono) è completamente ingigantita.
Migliaia di wazungu vagano per le vie delle località costiere, con l’aria annoiata.
Li vedi seduti nei numerosissimi locali (gestiti per lo più da connazionali) a chiacchierare (o spettegolare?) per ore intere.
Ci si incontra a orari prestabiliti per il caffè e a orari prestabiliti serali si va a ballare nelle numerose discoteche.
Si osservano vecchi caproni accompagnati da stanghe cioccolato; aiutanti giovani rasta a braccetto con signore abbronzatissime (volevo dire incartapecorite ma non sarebbe stato carino).
E’ davvero tutto qua questo posto?
Non che tutto questo non ci fosse tanti anni fa, ma forse era più sobrio, più discreto, meno preponderante nel quadro generale del turista-residente.
Chissà come sarà fra 10 anni questo posto, mi chiedo spesso.
Immagino Watamu, Mayungu, Malindi e Mambrui un’unica fascia selvaggiamente abitata e costruita.
Villoni, resort, bar e ristoranti…
Rabbrividisco.
Faccio anche io parte, nel mio piccolo, di questo scempio.
Cerco di non vergognarmene, mantenendo basso il mio profilo di costruttore-colonizzatore. Regolo il mio intervento in modo da non esagerare e mi rendo conto di essere una goccia nel mare.
Una mosca bianca, forse grigiastra, che sogna un’Africa che non c’è più, almeno qui, sulla bellissima costa keyiota.
Sono infastidito dalla pesante risposta delle autorità locali, che cercano di scrollarsi di dosso venti anni di libera esagerazione.
Mi spaventa la reazione e mi disturba sapere che è stata anche e soprattutto colpa nostra.
Vorrei fare qualcosa per tornare indietro e mi rendo conto che sto soltanto blaterando pensieri insensati.
Watamu offre ben tre banche, distributori, gelaterie, ristoranti italiani, localetti alla moda ed è punteggiata da migliaia di costruzioni, alcune immense, distanti perfino architettonicamente dallo stile originale.
Se ci fermassimo solo un attimo, noi che frequentiamo da tanti anni questo posto, a ricordare com’era prima, forse potremmo lanciare un segnale diverso, positivo e rispettoso a chi verrà dopo di noi e che probabilmente è già qui.
Non so voi… ma a me questo posto non dà più le stesse sensazioni.

TAGS: Andrea CoppolaAndrea Watamu

Proseguono i simpatici videoservizi di Mirko Cannistraci per Watamukenya.net.
Questa volta ha "catturato" sulla spiaggia del Garoda Resort la top model italo-venezuelana Mariangela Bonanni e il fotografo Andrea Varani, dietro le quinte di uno shooting fotografico per cui hanno scelto Watamu.

CLICCA QUI E GUARDA IL VIDEO

Una serata di racconti sul Kenya e sull'etnia Mijikenda questo martedì a Figino Serenza in provincia di Como.
Con ingresso gratuito, nella splendida ed elegante cornice di Villa Ferranti, sede della biblioteca comunale, il direttore di Malindikenya.net presenta "Il Viaggio dei Mijikenda...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Martedì mattina è mancato Andrea Cozzi, uno dei più simpatici e brillanti amici di Malindi.
Architetto bergamasco dalla battuta sempre pronta e dalla filosofia spicciola quotidiana. Aveva 60 anni.
La redazione di Malindikenya.net abbraccia forte Claudia e anche Dario e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Andrea era un semplice e un compagnone.
A volte te lo levavi di dosso a fatica, perché s'infilava in discorsi mai banali ma senza uscita che forse piacevano più a lui che al suo interlocutore.
Ma a un certo punto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Lo avevamo annunciato in esclusiva alcune settimane fa, quando il fotografo Andrea Varani e la top model italo-venezuelana Mariangela Bonanni erano sbarcati a...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Una serata all'insegna dell'amicizia e del piacere di stare insieme nell'atmosfera da "trattoria" del People Bar & Restaurant.
Lunedì sera, 13 febbraio, Freddie e Sbringo in versione acustica incontrano l'amico cantautore Andrea Parodi, amico di tanti songwriter americani e italiani,...

LEGGI TUTTO

In arrivo un docufilm sulla danza per esaltare le bellezze naturali della costa keniana. 
"Explorers in dance", nato dall'incontro tra la tersicorea di fama internazionale Tania Von Armine Oggero e il regista Francesco Malavenda, sta per essere presentato in Italia...

LEGGI TUTTO

Metti una sera in Toscana tra un grande musicista figlio d'arte e un raccontatore figlio (adottivo) del Kenya ed esce fuori qualcosa di unico e sottolineato da continui applausi del pubblico presente.
Venerdì sera è andata in scena una serata...

LEGGI TUTTO

Ieri, in coincidenza con la fine di un lungo processo giudiziario in Italia, Malindikenya.net vi ha raccontato una delle tante leggende, palesemente false, della Malindi degli anni Ottanta.

LEGGI L'ARTICOLO

Quest'anno Freddie del Curatolo ha scelto i bambini come pubblico per raccontare le sue storie di Kenya, tra natura, solidarietà e momenti divertenti.
Sono le scuole elementari, particolarmente le quarte e le quinte, ad ascoltare i racconti che partono dai...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un evento unico che unisce la cultura della costa keniota, quella dell'etnia Mijikenda, all'arte e alle culture di tutto il mondo, attraverso i veicoli imprescindibili della musica, delle parole e dell'arte visiva. Tutto insieme in una serata dal titolo "La...

LEGGI TUTTO

Nei giorni scorsi la Giustizia italiana ha archiviato per sempre uno dei capitoli delittuosi più famosi della cosiddetta “Roma bene”, il massacro del Circeo.
Era il 1975 e due ragazze furono violentate e seviziate (una a morte, l’altra si salvò...

LEGGI TUTTA LA STORIA

Una serata di San Valentino sotto le stelle, con una luna quasi piena e tutto il romanticismo che la costa del Kenya è capace di far scaturire, nel caldo della piena estate sulla costa dell'Oceano Indiano.
A Malindi e Watamu...

LEGGI CLICCANDO QUI TUTTE LE PROPOSTE

Watamu si promuove a Nairobi come destinazione turistica autonoma, con le sue particolarità e le sue strutture e attività.
Tutto questo avverrà da venerdì 29 settembre a domenica 1 ottobre al 7th August Memorial Park di Nairobi, nel centro della capitale...

L'estate sta finendo (un anno se ne va, avrebbero cantato i Righeira...) ma a Malindi e Watamu ci sono ancora serate da passare insieme e in allegria, tra buffet, aperitivi, grigliate e musica. Ecco cosa succede in questo fine settimana.

La ripresa del turismo sulla costa del Kenya è sotto gli occhi di tutti: le presenze, aumentate del 40 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, parlano chiaro. Alzi la mano chi si attendeva una stagione estiva così florida.LEGGI TUTTO L'EDITORIALE