Racconti

RACCONTI

Il Kenya di "Nelo"

"Io in Africa dovevo essere di passaggio..."

08-10-2013 di Nello

Il mio nome è Nello, anche ormai sono abituato a sentirlo pronunciato con una "l" sola. Nelo.
Chiamatemi Nelo, che sono anche più contento.
Io in Africa dovevo essere di passaggio.
Uno dei tanti turisti che prenotano una vacanza antistress.
Dovevo dimenticare una fidanzata troppo materialista e pensare che la vita è anche silenzio, natura, viaggio in terre da scoprire. Quell'uscita pomeridiana sulla spiaggia di Malindi, dal villaggio in cui mi sconsigliavano di andarmene in giro da solo, aveva però l'unico scopo di tenermi in allenamento, camminando un po'. In Italia mi piace partecipare a marce e maratone.
Anche per questo il Kenya mi ha sempre affascinato. I migliori mezzofondisti stanno qui. Ma sulla costa non ne trovi. Incroci qualche masai che cammina spedito, ragazzi locali che si fanno il fiato per giocare a pallone. Mentre camminavo, quel pomeriggio sullo spiaggione dorato, mi viene incontro una "mama".
E' una donna che nessuno definirebbe bella.
Ha il viso rugoso e un po' scimmiesco, i capelli corti, pochi denti in bocca e i piedi devastati dalla mancanza di calcio. Mi urla qualcosa con voce molto acuta. Sulle prime avverto un'incomprensibile paura. In fondo cosa mi può fare una donna vecchia e malmessa? Al limite condurmi in un tranello. Effettivamente mi prende per mano, non parla inglese ma sembra capirmi quando le chiedo dove mi sta portando.
Mi indica un tronco spezzato, dove la sabbia è asciutta.
Lì con mio stupore trovo una bambina vestita di poco, con una gamba grondante di sangue.
"A dog" mi dice lei.
Vicino c'è anche il fratellino.
Nello zaino ho una bandana, che uso quando inizio ad avvertire l'inclemenza del sole sulla mia testa calva.
La porto in riva all'oceano, la lavo dal sangue e dalla sabbia.
Le guardo la ferita.
Le lego la bandana al polpaccio inesistente (che strano, qui le donne non hanno i polpacci).
Dobbiamo andare in ospedale. La mama mi fa segno che non hanno soldi.
Andiamo. Fermo un tuk-tuk sulla strada e chiedo a lui dove mi conviene andare per essere sicuro che venga curata bene.
La clinica Tawfiq mi dicono sia pubblica. E' abbastanza ben curata.
Fanno un'iniezione alla bimba e le medicano la ferita.
Chiedo al dottore se hanno l'antirabbica. Dice di no. Chiedo a lui se può tradurre alla mama che le vorrei accompagnare a casa con il tuk-tuk.
Lei dice che non abitano vicino, ma che ci terrebbe molto a farmi visitare il villaggio.
E' una buona occasione, penso, per conoscere l'Africa vera, approfittando di questo favore che mi è venuto spontaneo fare.
Arriviamo al villaggio, qualche chilometro più a nord della spiaggia. Si chiama Kibokoni.
Arriviamo e la mama salta giù dal tuk tuk con insospettabile agilità. Dice subito qualcosa alla gente del villaggetto composto da sei capanne.
Le persone scattano, si organizzano. Un uomo secco e contorto come un ulivo, mi abbraccia e mi dice "karibu", un altro ha già in mano un cocco aperto da offrirmi. La mama mi porta uno sgabellino basso per sedermi. Arriva un giovane e mi racconta la storia della sua famiglia.
Quella donna è la zia, la sorella di sua mamma che è morta qualche anno fa.
Lui è l'unico che porta a casa i soldi, lavorando come giardiniere in una villa di italiani.
Arrivano i bambini, saranno almeno trenta. Tutti parenti, tutte bocche da sfamare.
L'Africa è una ferita ben più grande e profonda di quella di Rehema, la bimba che ho fatto curare. Ti penetra l'anima e se ne rimani colpito così da vicino, o sei completamente insensibile, o non puoi non farti coinvolgere.
Così oggi il turista Nelo è ripartito lasciando il cuore in quel villaggio e non certo in quello turistico, con le sue pur belle piscine e il suo ricco buffet. Il "rafiki" Nelo, da quattro stagioni torna tre mesi all'anno a Kibokoni, dove ha costruito una casetta per la mamma di Rehema, in cui c'è una stanza per lui.
Ogni sera mangia polenta e spinaci con tutti loro e quando arriva ci si mangia uno dei polli che ha fatto allevare.
Fa studiare con i suoi vecchi colleghi di lavoro (e con il suo capo, che gli da i tre mesi di vacanza perché ha capito, e poi lo riassume nonostante i tempi che corrono) nove di quei bambini.
Ho perso una "l", ma ho riacquistato la vita e le ho dato un senso.
Altro che mal d'Africa... 

TAGS: Racconti Kenya

Una serata di racconti sul Kenya e sull'etnia Mijikenda questo martedì a Figino Serenza in provincia di Como.
Con ingresso gratuito, nella splendida ed elegante cornice di Villa Ferranti, sede della biblioteca comunale, il direttore di Malindikenya.net presenta "Il Viaggio dei Mijikenda...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una storia appassionante, di tempi che furono e di chi sogna di riviverli, fino a tornare dove i racconti che ha ascoltato nacquero.
E' il Kenya di "Il signore delle pianure", il libro dello scrittore spagnolo Javier Yanes, pubblicato in Italia...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Quest'anno Freddie del Curatolo ha scelto i bambini come pubblico per raccontare le sue storie di Kenya, tra natura, solidarietà e momenti divertenti.
Sono le scuole elementari, particolarmente le quarte e le quinte, ad ascoltare i racconti che partono dai...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono terminate le riprese del docufilm "Italiani in Kenya", mediometraggio commissionato dal Ministero degli Esteri italiano, tramite l'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi, nell'ambito della settimana della lingua italiana nel mondo. 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La tournée di Freddie del Curatolo nelle sue molteplici versioni sta per volgere al termine.
Per chi ancora non lo avesse visto all'opera nelle sue "serate Kenya" o nella presentazione della sua ultima fatica musicale (con tanti riferimenti africani) "Esilio...

LEGGI TUTTO

Produzione musicale in Italia per il direttore di Malindikenya.net Freddie del Curatolo. 
Nelle sue vesti di cantautore, Freddie è in questi giorni in Liguria per registrare il suo secondo album a distanza di undici anni, per raccontare il suo "Esilio...

LEGGI TUTTO

Quella che riguarda l'Africa, e in particolare il Kenya, non è una bibliografia facile.
Oltre a fregiarsi di innumerevoli titoli, come è normale per un argomento così vasto i cui primi scritti (diari di viaggio e di commercio) si perdono nell'anno...

La Malindi italiana perde il suo barman, una delle figure storiche delle notti in riva all’Oceano Indiano.
Il grande Morgan lascia il Kenya dopo vent’anni di militanza, soprattutto notturna.
Chi frequenta da tanto tempo Malindi lo ricorda negli anni mitici...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non stiamo parlando certo di un best seller internazionale, nonostante l'autore abbia una penna di tutto rispetto, ma di certo è il libro su Malindi che ha venduto di più in Italia. 
Alfredo "Freddie" del Curatolo mette a frutto la...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Il primo appuntamento italiano con le Serate Kenya di Freddie è fissato per sabato 20 maggio al Teatro Filodrammatici di Treviglio, in provincia di Bergamo.
L'anno scorso alla serata organizzata da Medicallife e Maxlife, confluirono oltre 300 persone e fu...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo la fantastica serata di promozione per il Kenya a Riccione, Freddie del Curatolo si prepara a tornare a casa sua a Malindi. 
Ma prima di partire, questa settimana in Italia si potrà assistere alle sue ultime tre serate pubbliche....

L'incredibile storia di Robin Cavendish approda al cinema in questi giorni.
"Breathe" il titolo originale del film, che sarà nelle sale italiane da questa settimana, un colossal che ha per protagonista il giovane

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

LIBRI KENYA

Ebano - Ryszard Kapuscinski

Feltrinelli

di redazione

Iniziamo dicendo che Ryszard Kapuscinski è il più grande giornalista che abbia mai scritto d'Africa e quello che meglio ne ha capito la civiltà, la natura, la filosofia. Ed è curioso che sia stato un polacco, quanto di più distante...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Da Bob Dylan a uno scrittore keniano.
Sarebbe stato bello, anche perché lo scrittore, poeta, saggista e professore universitario Ngugi wa Thiong'o insegue il Nobel per la letteratura dal 2012.
Ogni anno i bookmaker lo danno nella ristretta rosa dei favoriti,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

LIBRI KENYA

La mia Africa - Karen Blixen

Feltrinelli

di redazione

Karen Dinesen Blixen visse in Kenya dal 1914 al 1931.
Ci arrivò dalla fredda Danimarca con il marito, il barone Bror Von Blixen, per acquistare un terreno sulle colline Ngong, vicino a Nairobi, e farne una fattoria. 
In realtà al...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Cosa accade veramente nel 1952 quando Frank Sinatra, accecato dalla gelosia per Ava Gardner, piombò da New York a Nairobi sul set del film Mogambo, che la sua compagna, focosa attrice di Hollywood, stava girando accanto allo sciupafemmine Clark Gable?

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO