Racconti

RACCONTI

La felicità è reale solo se condivisa

...e io posso continuare ad essere giovane

23-01-2013 di Hilary Mazzon

È solo quando si vedono i risultati che si ha la voglia di andare avanti e continuare a sognare.
Vengo da un paese, l’Italia, dove i giovani non hanno più spazio per pensare in grande, dove non possono essere giovani, con tutti gli attributi dell’esserlo: la follia, la fame di sapere, la voglia di fare, la voglia di cambiare il mondo e di sperare in un futuro migliore. 
Un paese statico, disilluso e rassegnato. 
Credo che le soddisfazioni e l’entusiasmo per la vita vengano proprio dal riuscire ad apportare un cambiamento all’ambiente circostante, nel vedere che la legge fisica più elementare, quella della causa-effetto, funziona. Una delle frasi che preferisco è tratta dal libro “La felicità domestica” (1859) di Lev Tolstoj: 
“Credo di aver trovato cosa occorra per essere felici: una vita tranquilla, appartata, in campagna. Con la possibilità di essere utile con le persone che si lasciano aiutare, e che non sono abituate a ricevere. E un lavoro che si spera possa essere di una qualche utilità; e poi riposo, natura, libri, musica, amore per il prossimo. Questa è la mia idea di felicità.[...]Cosa può desiderare di più il cuore di un uomo?”. 
Ho trovato un po’ di felicità in questa terra, la costa keniota, che sorride sempre, dove le persone non hanno tempo per essere tristi, dove alla domanda “Come stai?” non è ammessa né contemplata una risposta negativa. 
Questo fa capire tanto della gente di qui. 
Dalle parole si capisce sempre moltissimo: si capisce l’importanza delle cose. 
Ad esempio gli inuit hanno molti modi per dire la parola neve: una parola per la neve appena caduta, una per quella soffice, per quella dura, per quella farinosa, per quella trasportata dal vento etc... 
Questo fa capire quanto la neve sia fondamentale nella loro quotidianità. Allo stesso modo il fatto che non esista una risposta negativa al “come stai” fa capire altrettante cose. 
La vita va affrontata con il sorriso e io, come tanti mie coetanei, in Italia l’avevo perso. 
Ma vivere qui ti fa sorridere anche nei momenti più strani. Come quella volta che sono andata a Langobaya, per il monitoraggio dei progetti agricoli di Karibuni Onlus. 
Uno pensa.... Ma cosa ci vuole?!? vai alla “stazione” dei pullman, sali, e dopo 1 ora e mezza sei a Langobaya. 
Hai 4 ore per fare tutto quello che devi e torni a casa.
Bene. Ecco com’è andata.
Alle 11.30, tutto a posto, partiamo!
Bisogna pazientare, sempre! Questo è un mantra che questa terra t’insegna. 
Perché tanto anche se te la perdi e ti arrabbi, la situazione non cambia, quindi tanto vale aver pazienza ed aspettare. 
Tant’è che alle mie frequenti domande la risposta è stata: “Ora che mi hai detto che è tardi, cosa suggerisci di fare? Qual è il tuo piano?”
Al che mi sono sentita abbastanza stupida.
Arrivo a Langobaya all’1 e 30, dopo un viaggio nel fango, dove la volta prima ci eravamo impantanati e con il diluvio universale, dentro e fuori dal pullman. Perché giustamente in un posto dove fa caldo tutto l’anno, tanti finestrini non sono dotati del vetro (!!!).
È finita che in quelle ore di viaggio ho fatto amicizia con il “conductor”, una sorta di controllore; mi ha dato il suo numero così posso chiamarlo per chiedere l’ora in cui passerà per Langobaya per tornare a Malindi, così non aspetto troppo alla fermata e riesco a fare quello che devo.
Partenza prevista per le 9 am. 
Alle 9 e mezza ancora si è dentro il pullman ad aspettare e nessuno sembra nemmeno preoccuparsene né farci caso più di tanto.
Ecco che si parte (ore 9.50), ma dopo qualche decina di minuti, ci si ferma. 
Guasto! Ma come guasto?
No, ma non ti preoccupare, “Hakuna Shida!”, ora sistemiamo e partiamo. 
Dopo un’ora, la frase diventa: “un veicolo sostitutivo sta arrivando”. 
Alla fine il guasto e l’attesa mi sono servite per avere aiuto per i viaggi successivi e per avere in tempo reale la localizzazione dell’autobus per non perderlo (come mi era già successo). 
Quell’attesa mi ha fatto capire che è vero quando si dice che siano le relazioni umane a contare nella vita: il saper tessere e costruire rapporti con le altre persone.
Perché “la felicità è reale solo quando è condivisa”.
Qui si può essere felici e continuare a sognare che le cose possano cambiare, che il mondo possa essere un posto migliore e io... 
... io posso continuare ad essere giovane. 

TAGS: Hilary MazzonRacconti Kenya

Una serata di racconti sul Kenya e sull'etnia Mijikenda questo martedì a Figino Serenza in provincia di Como.
Con ingresso gratuito, nella splendida ed elegante cornice di Villa Ferranti, sede della biblioteca comunale, il direttore di Malindikenya.net presenta "Il Viaggio dei Mijikenda...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una storia appassionante, di tempi che furono e di chi sogna di riviverli, fino a tornare dove i racconti che ha ascoltato nacquero.
E' il Kenya di "Il signore delle pianure", il libro dello scrittore spagnolo Javier Yanes, pubblicato in Italia...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Quest'anno Freddie del Curatolo ha scelto i bambini come pubblico per raccontare le sue storie di Kenya, tra natura, solidarietà e momenti divertenti.
Sono le scuole elementari, particolarmente le quarte e le quinte, ad ascoltare i racconti che partono dai...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono terminate le riprese del docufilm "Italiani in Kenya", mediometraggio commissionato dal Ministero degli Esteri italiano, tramite l'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi, nell'ambito della settimana della lingua italiana nel mondo. 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La tournée di Freddie del Curatolo nelle sue molteplici versioni sta per volgere al termine.
Per chi ancora non lo avesse visto all'opera nelle sue "serate Kenya" o nella presentazione della sua ultima fatica musicale (con tanti riferimenti africani) "Esilio...

LEGGI TUTTO

Produzione musicale in Italia per il direttore di Malindikenya.net Freddie del Curatolo. 
Nelle sue vesti di cantautore, Freddie è in questi giorni in Liguria per registrare il suo secondo album a distanza di undici anni, per raccontare il suo "Esilio...

LEGGI TUTTO

Quella che riguarda l'Africa, e in particolare il Kenya, non è una bibliografia facile.
Oltre a fregiarsi di innumerevoli titoli, come è normale per un argomento così vasto i cui primi scritti (diari di viaggio e di commercio) si perdono nell'anno...

La Malindi italiana perde il suo barman, una delle figure storiche delle notti in riva all’Oceano Indiano.
Il grande Morgan lascia il Kenya dopo vent’anni di militanza, soprattutto notturna.
Chi frequenta da tanto tempo Malindi lo ricorda negli anni mitici...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non stiamo parlando certo di un best seller internazionale, nonostante l'autore abbia una penna di tutto rispetto, ma di certo è il libro su Malindi che ha venduto di più in Italia. 
Alfredo "Freddie" del Curatolo mette a frutto la...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Il primo appuntamento italiano con le Serate Kenya di Freddie è fissato per sabato 20 maggio al Teatro Filodrammatici di Treviglio, in provincia di Bergamo.
L'anno scorso alla serata organizzata da Medicallife e Maxlife, confluirono oltre 300 persone e fu...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo la fantastica serata di promozione per il Kenya a Riccione, Freddie del Curatolo si prepara a tornare a casa sua a Malindi. 
Ma prima di partire, questa settimana in Italia si potrà assistere alle sue ultime tre serate pubbliche....

L'incredibile storia di Robin Cavendish approda al cinema in questi giorni.
"Breathe" il titolo originale del film, che sarà nelle sale italiane da questa settimana, un colossal che ha per protagonista il giovane

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

LIBRI KENYA

Ebano - Ryszard Kapuscinski

Feltrinelli

di redazione

Iniziamo dicendo che Ryszard Kapuscinski è il più grande giornalista che abbia mai scritto d'Africa e quello che meglio ne ha capito la civiltà, la natura, la filosofia. Ed è curioso che sia stato un polacco, quanto di più distante...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Da Bob Dylan a uno scrittore keniano.
Sarebbe stato bello, anche perché lo scrittore, poeta, saggista e professore universitario Ngugi wa Thiong'o insegue il Nobel per la letteratura dal 2012.
Ogni anno i bookmaker lo danno nella ristretta rosa dei favoriti,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

LIBRI KENYA

La mia Africa - Karen Blixen

Feltrinelli

di redazione

Karen Dinesen Blixen visse in Kenya dal 1914 al 1931.
Ci arrivò dalla fredda Danimarca con il marito, il barone Bror Von Blixen, per acquistare un terreno sulle colline Ngong, vicino a Nairobi, e farne una fattoria. 
In realtà al...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

La serata-evento di sabato 25 giugno, con la mostra "Mijikenda" di Leni Frau e lo spettacolo di racconti, poesie e canzoni di Freddie del Curatolo, ha rinsaldato una sorta di gemellaggio che unisce due realtà solo apparentemente agli antipodi: Malindi...

LEGGI TUTTA LA STORIA