Racconti

RACCONTI

Quando è importante sapere il kiswahili

Un frainteso che poteva costare caro...

22-04-2016 di Donatella Crispino

I primi mesi in cui ero ancora una nullafacente in Kenya, dedicavo il mio tempo a girare e conoscere questo paese dai mille colori e odori, mille paesaggi da ammirare e sguardi e sorrisi di ogni persona che incontravo.
Nairobi era da un paio di mesi la meta che avrei voluto visitare. Questo fu possibile solo quando quello che era allora il mio "fidanzato", poi divenuto marito, decise di partire verso la Grande Città per fare acquisti al mercato dei Masai.
E' un mercato immenso che si tiene tutt'ora a Nairobi dove i masai vendono oggettistica varia. E insieme a loro oggi sulla piazza si possono trovare anche alcuni kenioti di altre tribù, che vendere prodotti di artigianato tipicamente locale. 
Partimmo alla volta di Nairobi viaggiando su un bus che faceva linea giornaliera con partenza da Malindi e, attraversando gran parte del paese, in dodici ore si arrivava nella capitale. La prima tappa fu logicamente un "african cafe". Un localino tipico dove poter fare colazione. Io come ormai mi ero abituata a fare a Malindi, presi la mia bella tazza di latte caldo, una bustina di caffè solubile da sciogliervi dentro e un chapati. I chapati: li adoro, soprattutto quando sono ancora caldi. John, chiese la sua classica colazione, che confesso ancora un po' disdegno. Due samosa ripiene di carne, una zuppa di ossa di capretto bollito e un chai (latte e té rigorosamente ereditato dalle abitudini dei coloni inglesi). Questa non è mai stata (e dubito possa diventare un giorno) la mia tipica colazione. Rifocillati e soprattutto più svegli del momento di arrivo a Nairobi , ci dirigemmo a piedi verso il mercato masai. Durante la strada mi fermai mille volte a guardare le vetrine dei tanti negozi che si trovavano lungo il percorso. Non bellissimi, ma certamente colorati. Ricordo un numero imprecisato di negozi di elettronica. Notai poco distante una profumeria. A Malindi non esiste ancora oggi una vera e sola profumeria. Decisi di entrare per chiedere se avessero profumi facilmente reperibili in Italia. Avevo infatti portato dei campioncini di profumo dall' Italia che mi erano stati omaggiati da un amico della mia città, titolare appunto di una profumeria. Uno di quei campioncini era molto piaciuto a John e speravo di poterlo trovare anche in Kenya. "Sarebbe un bel pensiero" mi sono detta. Era difficile, ma ci speravo. Qualcuno lo ricorderà perche' era il profumo di Alberto Tomba. 
Profumo che 16 anni fa era abbastanza venduto soprattutto tra i giovani. Entrai senza dire a John cosa cercassi nello specifico e, sempre con lui al mio fianco , mi rivolsi alla signorina che stava dietro il bancone. In inglese chiesi: "Sorry, did you have Tomba's parfum?" 
Avete il profumo di Tomba ? La risposta fu immediata e inaspettata. Una mega risatona. Il mio inglese era sicuramente pessimo, ma non capii. 
"Ok scusa, Tomba. Sì. Il profumo Tomba. E ancora risate. E con lei a ridere altri clienti vicino, e pure quel masai spiritoso accanto a me, che non mi spiegava. Guardai infatti lui e, sempre a voce alta gli dissi: "Ma
cosa c'é da ridere? Sto chiedendo un profumo. Il profumo Tomba che ti era piaciuto tanto". Altre risatone. 
Iniziavo a innervosirmi. Non riuscire a capire il perché delle mega risate. Finalmente il masai si decise. "Tomba", in lingua kiswahili, vuol dire "scopare". Come fare "kashanga kashanga". 
E che cavolo. Potevate dirmelo prima?
Guardai la commessa, le sorrisi con un "sorry" ed uscii dal negozio a mani vuote. Da quel giorno il profumo se lo sceglie lui.
Da allora, prima di chiedere qualcosa in italiano, ho l'abitudine di sapere se il termine di ciò che cerco corrisponde a qualcosa di...pornografico!

TAGS: DonamasaiRacconti Kenya

A distanza di poco tempo dalla costruzione del pozzo per la Happy Children Nursery School di Mtangani, gli amici italiani di Donatella "Donamasai" Crispino hanno raccolto altri fondi e con la loro generosità hanno rifornito di acqua buona un’altra scuola,...

LEGGI TUTTO

La generosità di certe persone di cuore è come l'appetito che viene mangiando, anzi nella fattispecie si potrebbe dire che viene "facile come bere un bicchier d'acqua". Chi non l'ha mai provato dovrebbe cimentarsi, almeno una volta nella vita.
Così...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

A grande richiesta lo spettacolo di musica, racconti ironici, poesie e cabaret di Freddie del Curatolo e Marco "Sbringo" Bigi, replica per due serate speciali a Watamu e Malindi.
Martedì 16 gennaio Freddie e Sbringo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una serata di racconti sul Kenya e sull'etnia Mijikenda questo martedì a Figino Serenza in provincia di Como.
Con ingresso gratuito, nella splendida ed elegante cornice di Villa Ferranti, sede della biblioteca comunale, il direttore di Malindikenya.net presenta "Il Viaggio dei Mijikenda...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Per il quarto giovedì di seguito, tutto esaurito e grande attenzione con applausi convinti al Baby Marrow di Malindi, per la rassegna di racconti, poesie e musica "Io conosco il canto dell'Africa" ideata e condotta da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un viaggio durato esattamente due mesi, ogni settimana a Malindi.
Una carrellata di racconti, poesie, canzoni, suggestioni nella sala del Baby Marrow Art & Food Gallery di Malindi, tra un piatto della cena e un drink.
Freddie del Curatolo ha...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un altro giovedì all'insegna dello stare insieme con la classe e l'eleganza del musicista Marco "Sbringo" Bigi, che ben s'intona con le opere d'arte di Gian Paolo Tomasi alle pareti del Baby Marrow Art & Food Restaurant di Malindi.
Ogni...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una storia appassionante, di tempi che furono e di chi sogna di riviverli, fino a tornare dove i racconti che ha ascoltato nacquero.
E' il Kenya di "Il signore delle pianure", il libro dello scrittore spagnolo Javier Yanes, pubblicato in Italia...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Quest'anno Freddie del Curatolo ha scelto i bambini come pubblico per raccontare le sue storie di Kenya, tra natura, solidarietà e momenti divertenti.
Sono le scuole elementari, particolarmente le quarte e le quinte, ad ascoltare i racconti che partono dai...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Come è arcinoto, la Festa degli Innamorati cade il giorno di San Valentino, mercoledì 14 febbraio.
Ma a Malindi c'è anche chi festeggia il giorno dopo, San Faustino, protettore dei ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Giovedì 25 gennaio andrà in scena la sesta serata settimanale consecutiva per gli spettacoli di Freddie e Sbringo al Baby Marrow Art & Food di Malindi.
Non è il caso di parlare di "sesta replica" perché ognuna delle serate...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

In soli tre giorni da quando abbiamo lanciato l'appello, Malindikenya.net ha trovato i primi 200 euro per fare operare la piccola Lydia, orfanella (fu abbandonata davanti a una chiesa a 4 giorni di vita e portata alla Heart's Children Home...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Per tutti ormai è "Donamasai", dove Dona è il diminutivo di Donatella (Crispino, sicula di Siracusa) ma suona bene anche come "donna".
Perché lei da 15 anni vive a Malindi ed è di fatto una "masai bianca". Ha sposato John...

LEGGI LA STORIA COMPLETA

Una serata dedicata a "The Voice" Frank Sinatra, con i brani più significativi del grande cantante italo-americano riarrangiate e interpretate da Marco Bigi.
Al Baby Marrow Art & Food Restaurant di Malindi a fare da filo conduttore tra la musica e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono terminate le riprese del docufilm "Italiani in Kenya", mediometraggio commissionato dal Ministero degli Esteri italiano, tramite l'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi, nell'ambito della settimana della lingua italiana nel mondo. 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La tournée di Freddie del Curatolo nelle sue molteplici versioni sta per volgere al termine.
Per chi ancora non lo avesse visto all'opera nelle sue "serate Kenya" o nella presentazione della sua ultima fatica musicale (con tanti riferimenti africani) "Esilio...

LEGGI TUTTO