Racconti

RACCONTI

Quel sogno lasciato in fondo al mare di Watamu

C'è chi vive la vacanza come una vacanza e chi come una vita parallela

20-02-2018 di Marco C.

Il pomeriggio era ventilato e portava nuvole grandi che in tutta la mia vita non avevo mai visto così basse.
Sembrava le potessi toccare e modellare con un dito. Questo cielo "touch-screen" mi aveva contagiato fin dal primo giorno della vacanza.
A Watamu il mondo sembra fermarsi in riva al mare, e riprendere a vivere oltre la barriera corallina. In mezzo, tra il bagnasciuga e l'alta marea, una terra di nessuno che in realtà mi sembrava la mia libertà, la quotidianità come l'avevo sempre sognata.
Dal secondo giorno, vedendo anche la mia compagna abbronzarsi e cacciare via le tossine di una vita grigia e sempre uguale in una città del nord, tra stress e traffico e mancanza di una vita a misura di persone semplici e oneste, ho iniziato a fantasticare riguardo a un possibile futuro in Kenya.
"Possiamo vendere la casetta che mi ha lasciato Zia Marta, la macchina e affittare casa nostra, già che abbiamo la fortuna di possederne una". Il realtà quella è casa mia, ma non mi ci vedrei ad iniziare una vita altrove senza la mia compagna attuale, credo che sia anche la donna da cui vorrei avere un figlio, quindi c'era anche lei nelle mie fantasie. 
"Sì, va bene - dice lei - ma cosa veniamo a fare? Mica potremo fare questa vita tutto l'anno, magari ci potremo permettere un'oretta al giorno, un giorno alla settimana".
"A me va bene. Se mi togli la circonvallazione, la sveglia alle 6.30 e la gente incazzata, mi va bene qualsiasi lavoro. E poi quando c'è il sole e questo cielo, io mi sveglierò sempre felice".
In quel mentre, passa un masai (o meglio, un beach boy vestito da masai, magari di lontane origini masai) e ci saluta, come sempre sorridendo. Si siede con noi e ci mostra la sua mercanzia. Un po' mi spiace vedere anche in questo paradiso i "vù cumprà" come sulla riviera adriatica, ma non si può pretendere che in un luogo che oltre ad essere Africa è anche turistico, non ci siano queste abitudini. Insomma, dopo avergli rifiutato occhiali, orologi, maschere d'ebano e coltelli, prendo un braccialetto con i colori, dice lui, della bandiera keniota.
"Questo braccialetto speciale, fatto dalle nonne nostre in masai mara. Tu deve esprimere un desiderio adesso mentre lo metti e poi tenerlo fino che non scendi da aereo in Italia, desiderio si avvera!"
Chissà chi gli ha insegnato questa fregnaccia, penso tra me e me. C'è una coppia di ragazzi di Cremona, di fianco a noi. La mia compagna ha fatto amicizia con lei, che è molto carina e disinvolta e non si capisce come faccia a stare con un tontolone come lui. "Ne prendo uno anch'io, allora!" dice.
Il masai tutto contento, se ne va saltellando con i suoi 1000 scellini guadagnati.
Il braccialetto viene con me in safari, e si gode il risveglio in savana che è una delle cose più toccanti del Kenya, poi balliamo in un beach party di Malindi, infine, l'ultimo giorno, siamo in barca per la giornata di mare sugli isolotti, con la grigliata di pesce in mezzo all'oceano. E' lì, che facendo snorkelling, non mi accorgo di aver perso il braccialetto. Invito altri amici, tra cui il tontolone cremonese, a cercarlo con la maschera. Niente, inghiottito dai coralli.
Il cremonese, tutto contento, mi fa: "dovevi stare attento...ehehe, io infatti non sono andato sotto...". Sei proprio tonto, avrei voluto dirgli, così ti sei perso lo spettacolo dei pesci pagliaccio e della barriera. Vabbè. ognuno è fatto a modo suo.
La sera, prima del rientro in Italia, sono malinc0nico. Non che credessi a una sola parola del masai, ma avevo espresso il desiderio di ritornare a vivere presto in questo mondo bellissimo, e capisco che resterà solo un sogno, un sogno lasciato nel mare come quel braccialetto.
Fortunatamente in aereo dormo quasi tutto il tempo, così non penso al ritorno nella fredda Italia, con tutte le magagne e la vita veloce che mi aspetta.
Mentre ritiriamo i bagagli, alla Malpensa, vedo il tontolone cremonese che si sfila il braccialetto, tutto contento.
"Ooooh, non ne potevo più - dice alla carinissima moglie - il desiderio si è avverato, però!". Non ce la faccio, la curiosità è troppa, devo andare.
"Scusa, Gianluigi, posso chiederti qual'era il tuo desiderio?".
"Certo, Marco! Ho chiesto di poter tornare senza ritardi e senza problemi di nessun tipo all'aereo. Desiderio avverato! E tu? Qual'era il desiderio?".
Lo guardo con disappunto e compassione, ci penso un secondo...
"La stessa cosa che avevi chiesto tu... desiderio proprio identico, incredibile! Vedi allora che...Buone cose, eh? Alla prossima!" 

TAGS: vacanza kenyavacanza watamuturisti watamustorie watamublog watamu

Durante le prossime feste natalizie e di fine anno, a Watamu e sulla costa del Kenya arriveranno circa 5 mila italiani, secondo le stime di tour operators, siti di prenotazioni online e compagnie di volo.
Ecco dieci regole che conviene seguire...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' Jacaranda Bay la spiaggia più bella di Watamu, lo dicono centinaia di appassionati d'Africa, turisti e residenti italiani che amano la costa del Kenya.
LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LA CLASSIFICA FINALE SU WATAMUKENYA.NET CLICCANDO QUI

Watamu si promuove a Nairobi come destinazione turistica autonoma, con le sue particolarità e le sue strutture e attività.
Tutto questo avverrà da venerdì 29 settembre a domenica 1 ottobre al 7th August Memorial Park di Nairobi, nel centro della capitale...

L'estate sta finendo (un anno se ne va, avrebbero cantato i Righeira...) ma a Malindi e Watamu ci sono ancora serate da passare insieme e in allegria, tra buffet, aperitivi, grigliate e musica. Ecco cosa succede in questo fine settimana.

Metti un barman professionista nell'oasi più esclusiva di Watamu, due bicchieri su un tavolino che si affaccia nella baia sull'oceano dai colori mozzafiato.
Se poi sta per arrivare il tramonto, dopo una giornata di mare, sole ed allegria, il cocktail...

LEGGI TUTTO

Il problema dei beach-boys che tampinano i turisti sulle spiagge del Kenya potrebbe finalmente essere risolto in vista della prossima stagione.
E' uno dei punti toccati dal Ministro del Turismo Najib Balala a margine ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Malindi e Watamu regine turistiche della Pasqua keniana.
Il successo della costa nord è certificato dagli arrivi di questi giorni all'aeroporto di Malindi, che ha battuto quello di Ukunda e delle presenze in hotel che, grazie soprattutto a Watamu, nuova...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sono state tolte nei giorni scorsi le indicazioni di deviazione, il primo tratto (2km) della strada che collega Casuarina al villaggio di pescatori di Mayungu, è definitivamente transitabile 24 ore su 24.
Il progetto, che si...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Torna la pubblicità positiva per il Kenya e il giornalismo che racconta e non cerca il dramma o il sensazionalismo per farsi cliccare a tutti i costi.
L'insediamento del Ministro del Turismo Najib Balala, la rinnovata politica degli incentive e...

LEGGI TUTTO

Non è una novità e non è da quest'anno che chi vive a Malindi, Watamu e Mambrui sta notando come il periodo che va dalla metà di settembre alla fine di ottobre sia in assoluto quello che vede affiacciarsi alla costa...

LEGGI TUTTO

La notizia del film che Spielberg avrebbe girato a Malindi era un pesce d'Aprile di Malindikenya.net, WAC, Watamukenya.net e Kenyaoggi.
Tutti i siti e pagine social si sono uniti nello scherzo per affermare che Watamu è bellissima e sicura...anche senza...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non solo in Italia, ma anche in kenya quello appena passato è stato il weekend del grande rientro dalle vacanze.
A Malindi e Watamu si calcola che il 70% dei villeggianti stranieri in questi giorni abbia fatto ritorno in Occidente...

LEGGI TUTTO

Dopo quattro giorni di vacanze supplementari al Whitesands di Mombasa e in altri hotel cittadini, la truppa di 200 italiani circa che hanno dovuto rimandare il rientro in Italia via Istanbul con Turkish Airlines, per via dell'emergenza neve nella capitale...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il 2017 a Malindi e Watamu incomincia nel segno dei personaggi che scelgono il Kenya per riposarsi e prendere un po' di caldo.
C'è chi ha deciso di far passare le feste (o aveva il classico impegno inderogabile del concerto...

LEGGI TUTTO