Racconti

RACCONTI

Sarah Pendo

Una storia vera, un sogno realizzato

08-08-2013 di Hilary Mazzon

Questa storia parla di un sogno e della felicità nel vederlo realizzato.
Di quella felicità che si prova poche volte nella vita, quella che quasi fa paura, perché è un sentimento sconosciuto e raro a cui non siamo abituati.
Quella che riempie gli occhi di lacrime indecise e confuse, tra gioia e timore.
Della gioia per il raggiungimento dei propri obiettivi e del timore per un’emozione sconosciuta, per quel futuro che si era sempre e solo desiderato, ma che sembrava irraggiungibile.
La realizzazione di un sogno è un qualcosa di unico, e vederla concretarsi in un’espressione sul volto di un’altra persona è qualcosa di speciale.
Sapere di far parte del mondo che ha reso possibile quella felicità, guardarla da vicino e sentirne l’odore, è semplicemente stupendo.
È una magia. 
È un sentimento virale, che invade e pervade tutti quelli che gli sono attorno.
Ho fatto parte della realizzazione del sogno di qualcuno e voglio raccontarlo, perché è importante far sapere che può succedere, che non bisogna mai perdere la speranza.
Era un giovedì mattina.
La giornata era iniziata come tutte le giornate in Kenya iniziano: in ritardo. 
Per quanto ci si svegli prima del sorgere del sole, per quanto si tenti di prevedere ogni ritardo ammettendo l’esistenza di forze soprannaturali, l’imprevedibile è sempre alle porte e i ritardi si accumulano irrimediabilmente.
Sotto questo punto di vista quel giovedì 7 agosto non aveva nulla di diverso.
Eravamo in macchina per Baolala, uno dei pochi incroci che si trovano sulla strada che da Malindi porta allo Tsavo, viaggiavamo con una buona mezz’ora di ritardo, io, Gianfranco (il presidente di Karibuni Onlus), Kanai (il farm manager) e il fidato Gerald, un amico e consulente per i progetti di Karibuni a Langobaya.
Avevamo appuntamento con la Dott.ssa Anisa Omar, direttrice sanitaria del Kilifi County, nel dispensario di Baolala, dove a pochi metri era già pronta una nuova struttura: un ospedaletto da 25 posti letto. 
Da qualche tempo l’equipaggiamento ospedaliero era lì, nuovo e pronto all’uso; ma come spesso purtroppo succede, tutto era per mesi rimasto impacchettato e chiuso a chiave nel futuro ospedalino.
Per dirla con le parole del Presidente della Onlus, Gianfranco Ranieri, una storia alla “striscia la notizia”: un ospedale nuovo pronto per l’uso, ma che per qualche insignificante intoppo burocratico o mal-comunicazione è rimasto chiuso per mesi.
Una vergogna!! Persone malate (quelle che hanno bisogno di un ospedale) dovevano continuare a percorre chilometri a piedi, o donne prossime al parto che devono camminare magari 6, 8 o 10 km per raggiungere il primo centro che le ammetta.
Grazie a Karibuni Onlus, la Dott.ssa Anisa ha potuto velocizzare l’apertura del centro e contemporaneamente realizzare il sogno di una persona.
Potrebbe sembrare una cosa da poco, una minuzia, ma per noi romantici è tutto.
Quell’espressione sul viso di Sarah Pendo Uhuru cambia tutto e ci da la forza di continuare a fare quello che facciamo. 
Quello sguardo è la nostra benzina e il segno che siamo al posto giusto a fare la cosa giusta. 
Sarah si è diplomata in infermieristica grazie a una borsa di studio di Karibuni Onlus, e sarà la nuova infermiera del centro di Baolala.
Il suo nome vuol dire Amore, quello che ha sempre desiderato infondere nel prossimo, che le ha fatto desiderare di diventare quello che è adesso.
Come tanti suoi coetanei Sarah Pendo Uhuru ha avuto una vita travagliata e difficile ma tanta determinazione e un pizzico di fortuna l’hanno portata dov’è ora.
Il suo sogno era di assistere le mamme durante il parto. Da ragazza a casa della zia aveva assistito alla morte di un neonato venuto alla luce troppo presto e di una madre che era troppo lontana da un ospedale. 
Ha promesso a se stessa che avrebbe fatto tutto quello che le fosse stato possibile per permettere alle altre donne come lei di vivere il momento più importante e bello della vita, il dare la vita a un’altra persona, senza lo spettro della morte nella mente.
In Kenya ogni anno sono riportati 4,700 casi di morte durante il parto. 
Questi sono i dati ufficiali. 
Poi ci sono quelli non ufficiali, di cui nessuno sa niente, delle aree rurali e più vulnerabili.
Le cause per cui sono ancora troppi i parti in casa sono molteplici, da una parte i fattori culturali, dall’altra le distanze, e più importante di tutti la povertà e la mancanza di facilità.
E, anche se da aprile il governo ha reso gratuito il parto in strutture sanitarie pubbliche, non bisogna dimenticare le difficoltà della classe sociale più vulnerabile, che ha bisogno di assistenza più di altre, che deve affrontare i costi del trasporto o dei medicinali.
Di certo non si può pensare di cambiare il mondo in un giorno, il sistema lo si cambia passo dopo passo, successo dopo successo, fallimento dopo fallimento.
Quello che è certo è che in un giorno è stata cambiato il destino di una persona e di altre mamme che vivono in quell’area.
Sarah Pendo Uhuru è un esempio e forse anche un buon presagio: “Nomina sunt omina”, mi diceva la mia professoressa di latino e greco. 
Se così fosse, Baolala avrà “Amore” e “Libertà”… non credo ci sia un augurio migliore.

TAGS: Hilary MazzonRacconti KenyaKaribuni Onlus KenyaSarah Pendo

Ci siamo, siamo quasi arrivati all'operazione chirurgica della piccola Pendo, la bambina che abbiamo trovato a maggio, durante le numerose visite mediche svolte a Chakama dalla dottoressa Lara Baduena.

LEGGI TUTTO

Una serata di racconti sul Kenya e sull'etnia Mijikenda questo martedì a Figino Serenza in provincia di Como.
Con ingresso gratuito, nella splendida ed elegante cornice di Villa Ferranti, sede della biblioteca comunale, il direttore di Malindikenya.net presenta "Il Viaggio dei Mijikenda...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Quest'anno Freddie del Curatolo ha scelto i bambini come pubblico per raccontare le sue storie di Kenya, tra natura, solidarietà e momenti divertenti.
Sono le scuole elementari, particolarmente le quarte e le quinte, ad ascoltare i racconti che partono dai...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non si ferma l'opera sociale di Karibuni Onlus nell'entroterra malindino, grazie anche alla generosità degli italiani.
E' stata consegnata ieri alle autorità locali la nuova "Tiziana Nursery School" a Langobaya.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

A giugno è partito il nuovo progetto di Karibuni Onlus a favore della comunità dell’area di Langobaya.
L’idea è nata dal team delle fattorie di Karibuni, che, osservando la persistente insicurezza alimentare di quest’area semi arida soggetta a carestie e...

LEGGI TUTTO

Proseguono i giovedì in musica del Baby Marrow che abbinano la bravura, la classe e l'esperienza del Maestro italiano Marco "Sbringo" Bigi, polistrumentista con l'eccellenza sui tasti bianchi e neri, con talenti locali.

LEGGI TUTTO

Due giornate indimenticabili, quelle del 28 e 29 ottobre, insieme a Domenico di Genni, noto artista che negli ultimi anni ha scelto come casa il Kenya, in un asilo di Malanga sostenuto da Karibuni Onlus.
Aveva ragione il Piccolo Principe:...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una storia appassionante, di tempi che furono e di chi sogna di riviverli, fino a tornare dove i racconti che ha ascoltato nacquero.
E' il Kenya di "Il signore delle pianure", il libro dello scrittore spagnolo Javier Yanes, pubblicato in Italia...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Le grandi soddisfazioni sono spesso inaspettate.
E quanto più sono inattese tanto più sono stupefacenti. 
Sono un po’ come le stelle cadenti.

LEGGI TUTTO

In Kenya gli italiani hanno fatto moltissime opere di bene. C’è tanta solidarietà nei confronti del popolo keniano e i progetti sociali abbondano.
Ciò che scaturisce dal cuore, dalla generosità e dall’incapacità di voltare lo sguardo dall’altra parte è sempre...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Karibuni nasce da un viaggio di un gruppo di amici nel 2002 e la conoscenza delle realta’ locali ci ha portato a fare i primi interventi di aiuto e sostegno. Alla fine del 2004 decidiamo di costituire Karibuni onlus (in...

LEGGI TUTTO

Ho letto con attenzione l'articolo di Daniela Venturelli sul volontariato spesso poco corretto di alcune associazioni. 
Fa riferimento a progetti a Chakama molto sponsorizzati da una onlus di cui si sono perse le tracce e che ha lasciato molte delusioni...

LEGGI TUTTO L'INTERVENTO

Una bimba giriama che sorride a una piccola compagna di giochi della tribù dei masai, è l'immagine più bella di integrazione razziale in Kenya, all'alba della campagna per le prossime elezioni nazionali.
Siamo a Baolala, nell'estremo entroterra di Malindi. Uno degli ultimi...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Sono terminate le riprese del docufilm "Italiani in Kenya", mediometraggio commissionato dal Ministero degli Esteri italiano, tramite l'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi, nell'ambito della settimana della lingua italiana nel mondo. 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La tournée di Freddie del Curatolo nelle sue molteplici versioni sta per volgere al termine.
Per chi ancora non lo avesse visto all'opera nelle sue "serate Kenya" o nella presentazione della sua ultima fatica musicale (con tanti riferimenti africani) "Esilio...

LEGGI TUTTO

Domenica 20 Settembre, Karibuni Onlus e tre Rotaract Club (Malindi, Watamu e Mombasa) hanno partecipato alla riforestazione della foresta di mangrovie di Mida Creek (Kenya). Il progetto è stato finanziato dal Rotaract Club di Cantù, grazie alla super attiva presidente...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO