Storie

STORIE

600 anni fa i racconti del primo cinese a Malindi

Zang He visse in Kenya nel 1417 e portò una giraffa al suo Imperatore

22-09-2017 di redazione

La storia del primo cinese che approdò sulle rive dell'Oceano Indiano ha seicento anni.
Era infatti il 1417, secondo gli studiosi di Pechino che hanno recentemente pubblicato un volume sui viaggi dei grandi navigatori orientali, quando Zang He con una flotta di 40 navi, arrivò a Malindi, dopo aver...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

STORIE

Quando il mostro del Circeo faceva le pizze a Malindi

Chiuso per sempre il processo e il mistero di Andrea Ghira in Kenya

12-09-2017 di Freddie del Curatolo

Nei giorni scorsi la Giustizia italiana ha archiviato per sempre uno dei capitoli delittuosi più famosi della cosiddetta “Roma bene”, il massacro del Circeo.
Era il 1975 e due ragazze furono violentate e seviziate (una a morte, l’altra si salvò fingendosi tale) da tre rampolli di “buona famiglia”. 
 

LEGGI TUTTA LA STORIA

STORIE

Tsavorite, i 50 anni dell'oro verde del Kenya

La storia della famosa pietra dello Tsavo, sempre più rara e preziosa

30-08-2017 di Antonio Altieri

La Tsavorite compie cinquant’anni.
La pietra verde che prende il nome dal Parco Nazionale dello Tsavo è stata scoperta nel 1967 dal geologo scozzese Campbell Bridges.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

STORIE

Cavatore malindino milionario con le scommesse

Il sogno keniota è azzeccare una schedina: "farò studiare i parenti"

06-08-2017 di Freddie del Curatolo

La maggior parte dei cittadini kenioti vive con stipendi o introiti che non superano i 100 euro al mese.
Da quando ha ottenuto l'indipendenza, il Kenya non ha mai fatto molto per elevare lo status del suo popolo, specialmente creandone i presupposti: ovvero migliorando l'educazione scolastica, abbassando i costi della sanità e migliorandone i servizi.

LEGGI TUTTA LA STORIA

SPORT

Non finisce mai la bella favola del barbiere di Limuru

Il 44enne keniota Mungara ancora protagonista delle maratone in tutto il mondo

25-06-2017 di redazione

Non si ferma la bella favola del "barbiere di Limuru", che a 44 anni suonati continua ad essere protagonista nelle maratone di tutto il mondo, dopo aver stabilito tre anni fa il record di tutti i tempi nella classica competizione di Milano.
Oggi è tra i corridori più accreditati nella Gold Coast Marathon australiana.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

STORIE

La vera storia di "Stellah", la canzone d'amore dei kenioti

Dopo 25 anni è ancora la più votata, per via della sua vicenda umana

18-05-2017 di redazione

I kenioti hanno eletto “Stella Wangu” la canzone d’amore più bella di sempre in Kenya.
Niente a che vedere, né musicalmente né poeticamente con l’eterna Malaika (che per il vero non si sa ancora se sia un pezzo tradizionale tanzaniano o effettivamente sia stata scritta dal cantautore keniano Fadhili Williams), sarebbe un po’ come votare “Ti amo” di Umberto Tozzi invece di “Il cielo in una stanza” di Gino Paoli.
Ma le canzoni d’amore hanno spesso una forza emotiva che ha poco a che fare con accordi e armonie, perché nascono spesso da storie vere, da stati d’animo provati sulla pelle di chi le compone e che quasi sempre parlano di abbandoni, di sconfitte se non di rimorsi o tradimenti.
E’ il caso di “Stella Wangu” la cui storia ha appassionato i keniani di almeno tre generazioni.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

STORIE

Dall'Italia ritrova la vera madre a Malindi dopo 22 anni

La storia a lieto fine di Romina, figlia di un italiano e di una keniota

16-05-2017 di Freddie del Curatolo

Romina Pugliese è una bella ragazza di 22 anni che vive a Ginosa, in provincia di Taranto, è mamma da quattro mesi di una splendida bambina ed innamorata del suo compagno che gestisce il frequentatissimo bar nel centro della cittadina.
 

LEGGI TUTTA LA STORIA E GUARDA LE ALTRE FOTO

LIBRI

In un libro la storia di Joe, vescovo coraggioso in Kenya

Mons. Joseph Alessandro, ferito dagli Shifta, è tornato a Garissa e Dadaab

05-05-2017 di Freddie del Curatolo

E' una storia di passione, e di una "cicatrice d'amore".
Non solo scaturita dal grande spirito cristiano del protagonista e dei suoi compagni di viaggio.
Quella di Monsignor Joseph Alessandro, qui in Kenya conosciuto da tutti semplicemente come Joe, è una vicenda umana che ha molto da insegnare e che alza la polvere rossa dalle strade e dai villaggi del Kenya più remoto, più difficile da vivere e sotto continuo ricatto dell'integralismo islamico.
Erano mussulmani, ma sicuramente più banditi che fanatici, gli Shifta che assalirono Joe insieme ad altri due prelati sulla strada per Lamu, tra Witu e Mpeketoni. 
Erano anni in cui era davvero pericoloso inoltrarsi oltre cento chilometri da Malindi.
Nel racconto di Joe, gli attimi di paura dopo le pallottole, ma mai lo sconforto.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

STORIE

Kenya, quando salvare un elefante è un miracolo

Situazione delicata nei luoghi dove siccità e politica locale sono tra i motivi dei disordini

21-04-2017 di Maurice Shutgens

Laikipia, Kenya. Uno dei tristi palcoscenici degli abbattimenti della fauna selvatica da parte di pastori armati.
Gli elefanti sono entrati nella linea di fuoco, con oltre 20 animali uccisi negli ultimi mesi e altri ancora feriti.
Alcuni dei feriti non si riprenderanno, ma a volte c'è un barlume di speranza.
 

LEGGI TUTTA LA STORIA

STORIE

Baraka, il ragazzo del sale ce l'ha fatta!

Da Malindi alla nazionale del Kenya, un sogno realizzato

15-04-2017 di Freddie del Curatolo

Sole e sabbia salata, bianco accecante che va a sfumare nelle veloci nuvole passeggere, come se la terra d’Africa volesse scrollarsi di dosso una patina fastidiosa.  
Il verde della boscaglia è puntellato dai contorni alti delle palme e degrada fino a quando, vinto dall’arsura, non si trasforma in blu.
Lontano, si scorge la piattaforma per le ricerche spaziali della base italiana San Marco.
In questo surreale scenario, inedito scorcio keniota, quattordici anni fa è nato Baraka Badi.
Siamo a Ngomeni, trenta chilometri da Malindi, sulla strada che porta a nord, verso la Somalia.

LEGGI TUTTA LA STORIA

STORIE

La Tsavo road in bicicletta prima che venga asfaltata

Pedalata da "mal d'Africa" di due cicloamatori varesini da Malindi a Langobaya

01-02-2017 di redazione

"Siamo appassionati d'Africa e di mountain bike, così abbiamo deciso di percorrere buona parte della Tsavo Road, da Malindi a Langobaya, per godercela ancora com'è sempre stata: selvaggia, polverosa e semplice come la gente che vive ai suoi bordi".
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

IL VIAGGIO

Quattro giorni prigioniero a Istanbul sognando il Kenya

Il racconto di uno degli italiani fermi nella metropoli turca sommersa dalla neve

10-01-2017 di Giovanni Tartaglia

Spesso durante il normale e, a volte, noioso trascorrere della nostra esistenza, immaginiamo di andare lontano, di evadere o semplicemente di fare un bel viaggio, semmai, meglio, durante il periodo invernale.

LEGGI TUTTA LA STORIA

LA STORIA

Caterina, dagli slum di Nairobi alle capanne di Malindi

Un viaggio nelle pieghe del Kenya per amore degli altri

24-10-2016 di redazione

Per molti di noi è impensabile intraprendere un'esperienza di volontariato in uno dei bassifondi del mondo, nello slum di Nairobi che rivaleggia con le favelas brasiliane per conquistare la triste maglia nera dell'agglomerato suburbano più povero e derelitto del pianeta.

LEGGI TUTTA LA STORIA

STORIE

Capalbio, Kenya

Un borgo gemellato da anni con l'Equatore

28-06-2016 di redazione

La serata-evento di sabato 25 giugno, con la mostra "Mijikenda" di Leni Frau e lo spettacolo di racconti, poesie e canzoni di Freddie del Curatolo, ha rinsaldato una sorta di gemellaggio che unisce due realtà solo apparentemente agli antipodi: Malindi e Capalbio.
Il borgo della Maremma infatti è uno dei luoghi italiani che hanno più legami con l'Africa equatoriali e non è solo una questione di corsi e ricorsi storici, né di coincidenze. Basterebbe ad esempio sfogliare un libro storico della Maremma, per vedere come nei primi del Novecento le lande ancora non bonificate della bassa Toscana ricordavano non troppo da lontano le scene di caccia della savana a ridosso della costa del Kenya.
 

LEGGI TUTTA LA STORIA

STORIE DAL KENYA

La biblioteca viaggiante del Kenya

La cultura si muove a dorso di cammello

27-08-2015 di Freddie del Curatolo

E' vero, come scrisse Ryszard Kapuscinski, uno dei più attenti ed evocativi pensatori d'Africa, che la storia, nel Continente Nero, si trasmette per via orale e da leggenda diventa mito, ma la cultura, la prosa e la letteratura hanno bisogno di carta, di pagine, di parole scritte.
In una sola parola, di libri. 
Nel Kenya più povero e desolato, ci sono decine e decine di chilometri senza una biblioteca, con scuole improvvisate sotto acacie e baobab, o in capanne provvisorie.

LEGGI TUTTO

STORIE DAL KENYA

Juliana, il sangue della sposa Samburu

Il ricordo di una donna testimone della mutilazione genitale femminile in Kenya

03-04-2015 di Mariella Furrer

Pensavo che Juliana avesse sedici o diciassette anni, il giorno in cui veniva tenuta a forza mentre una vecchia donna tagliava i suoi genitali con una lametta, anche se la sua famiglia non può giurare sulla sua età, perché in questa parte remota del Kenya il suo nome non è su nessun registro delle nascite. 
Era la vigilia del suo matrimonio.
Sarebbe diventata la seconda moglie di un uomo che viveva in un villaggio lontano 140 chilometri dal suo e, come vuole la tradizione dei Samburu, solo le ragazze circoncise possono sposarsi.
Quindi era stata obbligata a sottoporsi alla forma più estrema delle mutilazioni genitali femminili, chiamata escissioni, in cui i genitali esterni, tra cui il clitoride, vengono rimossi.

LEGGI TUTTA LA STORIA

AVVENTURE

Filippo e Claudia, il Mal d'Africa in bicicletta

Una coppia italiana da Cape Town a Mambrui in bicicletta

10-12-2014 di redazione

Filippo ha casa a Mambrui e lì si è innamorato dell'Africa, Claudia ama viaggiare.
La passione per la bicicletta li ha uniti e hanno deciso di tornare sulla costa keniota partendo da Città del Capo e facendosi tutta la strada sulle due ruote, 7000 chilometri di bellezza, fatica, cultura ed emozioni uniche.
Per raccontare quest'avventura, hanno anche aperto un blog: www.cyclearoundafrica.com.
Da sempre lettori di malindikenya.net, ci rivelano com'è nata la loro iniziativa. 
 

LEGGI TUTTA LA STORIA

CURIOSITA'

Suma, quel copertone trentennale a Matsangoni

La storia del pneumatico appeso a un albero sulla Malindi-Mombasa

05-12-2011 di Freddie del Curatolo

Centinaia di migliaia di turisti, molti dei quali italiani, da vent'anni a questa parte hanno percorso avanti e indietro la Mombasa-Malindi.
Chissà quanti di loro si saranno accorti di un particolare che non è mai cambiato da allora.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

STORIE

Io, Freddie del Curatolo, oggi giriama onorario

Sarò portavoce di un'etnia in via d'estinzione, col nome di Mbogo

06-01-2011 di Freddie del Curatolo

Da oggi potete chiamarmi tranquillamente Mbogo Kimera e mi volterò per rispondervi, con un sorriso fiero. 
E' un grande onore per me essere diventato un giriama ed essere stato investito di questa "tribalità onoraria" durante una cerimonia ufficiale nel villaggio dell'associazione MADCA per il recupero e la conservazione della cultura e delle tradizioni dei Giriama.
Con la mia affiliazione al "clan" Amelulu, si chiude di fatto un percorso iniziato vent'anni fa a Tezo, dalle parti di Kilifi: il mio processo di "giriamizzazione".

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

STORIE

Roots Malindi, una parabola africana

Un locale unico, un sito storico sepolto dall'era moderna

10-11-2010 di Freddie del Curatolo

Questa è la storia di un grande albero che, con gli anni, ha l'umiltà di tornare alla terra, dopo ogni ascesa, e rinascere più forte e saggio di prima.
Ma è anche la storia della crudeltà umana, di quell'animale capace di distruggere sogni e passioni per soddisfare i propri interessi.
Nell'ultimo anno, a Malindi, centinaia di turisti e tanti residenti hanno scoperto la magia del Roots, un insolito locale costruito in mezzo a un ficus zanzibarica di novanta metri di diametro.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

MALINDI

Si perde a 500 km da Malindi, accudito e riportato a casa pensionato italiano

Il comasco Aldo si era avventurato nell'entroterra fino a che non ha finito la benzina

24-10-2008 di Freddie del Curatolo

A volte, in Africa, anche le disavventure hanno un lieto fine.
Alcuni stenteranno a crederci, ma ci si può perdere, senza benzina, senza soldi né telefonino cellulare nel mezzo della savana e riuscire a fare ritorno a casa senza un graffio, grazie all'umanità della popolazione locale.
E' accaduto ad Aldo V. italiano originario di Como, che da anni ha una villa a Malindi dov'è solito “svernare”.
L'altra mattina è uscito di casa con il suo fuoristrada, diretto a fare colazione. Chissà cosa gli è passato per la mente, osservando la verdeggiante realtà africana, ma ha deciso di fare un giretto un po' più lungo del solito.

LEGGI TUTTA LA STORIA