Storie

STORIE

"L'uomo in catene", film-progetto in Kenya dell'italiano Grassi

Una storia vera dell'entroterra di Malindi tra medicina e stregoneria

13-06-2020 di Freddie del Curatolo

Ancora oggi la costa del Kenya, dove la civiltà per tanti versi è calata come una mannaia su tradizioni secolari che non hanno mai tenuto conto degli eventi storici, dalla rivoluzione industriale alla bomba atomica, dalla scoperta della pennicillina alle innovazioni tecnologiche, presenta dei lati nascosti.
A volte inquietanti, spesso avvolti da aloni di magia e mistero ma profondi e fondamentali per spiegare risvolti ancestrali della mente umana.
Il ricercatore e documentarista italiano Simone Grassi si occupa da anni di queste pieghe nascoste e della salvaguardia di tradizioni e costumi dell’etnia Mijikenda.
Dopo essersi occupato della stregoneria buona e di chi lotta per la sopravvivenza della cultura Mijikenda e aver realizzato il documentario “Kyuye Uye, The Magic Come Back” con la collaborazione della Malindi District Cultural Association, ha da poco terminato la realizzazione di un secondo interessantissimo film dal titolo “Changawa, l’uomo in catene”.
Si tratta di una storia vera che Simone ha scoperto già durante le riprese di “Kyuye Uye” e che lo ha letteralmente catturato. Changawa è un uomo di mezza età che vive nell’entroterra di Malindi ed è stato tenuto per anni in catene dai parenti per evitare che la sua schizofrenia degenerasse in autolesionismo o potesse essere pericoloso per gli altri.
Da una situazione a prima vista aberrante e disumana, il ricercatore ligure si è addentrato nei veri motivi di questa decisione che è stata di buon grado accettata anche dallo stesso Changawa.
Con l’aiuto di mganga (i curatori tradizionali, “stregoni” della magia bianca Mijikenda) e di divinatrici, oltre che di operatori socio-sanitari, Simone è tornato indietro nel tempo e allo stesso tempo ha costruito un documento interattivo lungo otto anni che è diventato la cura stessa per l’uomo in catene che piano piano accederà a cure moderne e non più solo tradizionali e alla fine del film tornerà in società, anche se non definitivamente.
Con orgoglio, possiamo affermare che abbiamo introdotto noi Simone alla cultura Mijikenda e lo abbiamo messo in contatto con MADCA. Il poeta Kazungu Wa Hawerisa e il coordinatore Emmanuel Munyaya sono da tempo suoi inseparabili collaboratori. Così racconta l’incontro con Changawa.
"In quel periodo ci muovevamo nei villaggi della Contea di Kilifi per documentare storie interessanti per l’archivio dei MADCA. Un giorno eravamo a girare in un villaggio vicino a Baricho, dove dovevano intervistare il figlio di Kahindi wa Kadzomba, un influente e leggendario cacciatore di streghe scomparso qualche anno prima. Alla fine della giornata, mentre ci preparavamo a tornare a Malindi, ho sentito un rumore metallico provenire da una capanna vicina. Istintivamente mi avvicinai e da una finestrella di legno vidi un uomo seduto sul pavimento, con una pesante catena di ferro avvolta intorno ad una gamba. Fu uno shock, ma dopo aver chiesto mi resi conto che tutti nella zona erano al corrente della storia di Changawa e conoscevano i perché di quella situazione. Per via del suo precoce talento, era consideravato un predestinato, meritevole di appartenere al gruppo degli autentici guaritori tradizionali come suo padre. Forse proprio per il suo essere “avanti” sono sopraggiunti gravi problemi mentali. Da qui, complici anche credenze locali, era finito in quelle miserabili condizioni".
Dal mattino seguente, Simone e i suoi assistenti si sono dedicati per tutto questo tempo alla sua storia e alla sua salute. Alternando le sedute e le riprese con numerosi viaggi in Italia, Simone si è reso conto di essere impegnato in qualcosa di più di una semplice testimonianza.
Intervistando guaritori, medium ed indovini ed ampliando le sue conoscenze in campo psichiatrico, consultandosi anche con esperti antropologi che hanno analizzato situazioni simili nel Continente Africano, Simone ha coltivato l’idea che i problemi mentali di Changawa fossero più di natura spirituale che psichica.
“Da semplice osservatore con la macchina da presa  - ammette Simone - ero coinvolto totalmente nella vicenda ma avevo bisogno del parere di esperti del settore. La persona più autorevole in questo capo è il professor Charles Newton, uno dei migliori ricercatori sulla salute mentale con grande esperienza d’Africa. Gli abbiamo spiegato cosa stavamo facendo a Malindi e lui si è interessato alla storia".
Così, tre anni fa, alle terapie tradizionali sono state affiancate cure di farmaci, con inevitabili effetti collaterali iniziali e difficoltà della famiglia a sostenere spese mediche solo in parte rimborsabili. Tra interruzioni, miglioramenti e ricadute, Changawa è ancora in terapia e comunque spesso viene rimesso in catene.
“Le catene vengono riconosciute da lui stesso come metodo estremo ma a volte indispensabile per proteggere lui stesso oltre che la sua famiglia – spiega Simone – chi vedrà il film capirà che in questa storia non c’è un lieto fine, né si può accusare la sua gente di violare i diritti umani. E’ semplicemente la realtà. Una realtà che, raccontata, ha permesso di sollevare molte domande”.
E ha permesso anche di trasformare il documentario in un progetto coordinato dal Kenya Medical Research Institute che ha ottenuto una sovvenzione per avviare una campagna di sensibilizzazione sulla schizofrenia nella Contea di Kilifi, dato che quello di Changawa, seppur estremo, non è l’unico caso. Il risultato è stata una collaborazione tra Kemri, il Documentary Institute of Eastern Africa e Madca che hanno lavorato insieme per migliorare le conoscenze sulle malattie mentali e ridurre i pregiudizi nei confronti delle persone con malattie mentali, oltre a incoraggiare i pazienti a cercare assistenza sanitaria, mettendo in contatto e non in conflitto la medicina moderna e quella tradizionale. Lo slogan della campagna di sensibilizzazione è “Difu Simo”, che in dialetto giriama significa “liberarsi”.
Personalmente, abbiamo incontrato Changawa a Malindi un anno fa ed il suo sguardo provvisoriamente sereno ci ha toccato il cuore. Uno come Changawa non si dimentica, perché fa parte delle nostre origini, della nostra anima, di qualcosa che langue ovunque, non solo nella “culla dell’umanità”, in fondo al nostro inconscio.

 

TAGS: italiani kenyafilm kenyamadca

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

http://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

La leggenda narra che il titolo del film di Zalone “Tolo Tolo” (che ancora erroneamente in Italia danno come...

LEGGI L'ARTICOLO

Sono terminate lo scorso fine settimana le riprese a Malindi per gli attori, le comparse e la troupe del film...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo aver ricostruito a Malindi un resort a misura di film comico, girando al White Elephant di Malindi con un buon numero di comparse scelte tra ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Conto alla rovescia per il primo ciak malindino del nuovo film di Checco Zalone, ambientato anche in Africa, come punto di partenza di un misterioso viaggio verso l'Italia alla stregua degli...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' ormai ufficiale, Checco Zalone girerà parte del suo nuovo film a Malindi.
La scelta sulla cittadina keniota, che però nel film non sarà identificata come tale ma che sarà l'emblema di un'altra Africa, turistica ma più instabile politicamente, è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una festa senza precedenti per Malindi e la sua gente, migliaia di persone hanno affollato sabato sera lo spazio dell'ex Sinbad di fianco al Casino, ma altre migliaia erano nelle strade e negli spiazzi attigui e sono confluiti lungo tutta...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

E' arrivato martedì scorso e si gode una settimana di vacanza a Malindi, o meglio dire...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

S'intitola "Supa Modo" ed è un film tutto keniano che ha stupito il mondo del cinema e il prossimo anno potrebbe essere candidato agli Oscar come...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Checco Zalone a Watamu per scegliere le location per girare il suo nuovo film. La notizia è riportata dal sito watamukenya.net. 

LEGGI TUTTA LA NOTIZIA

Per la prima volta la piattaforma online Netflix trasmetterà un film prodotto e realizzato...

LEGGI L'ARTICOLO

Quando il provino per un film può cambiare completamente la vita di un bambino, e non a Cinecittà, ma nel ...

LEGGI L'ARTICOLO

Steven Spielberg ha scelto Watamu per girare il suo prossimo film, un kolossal hollywoodiano che racconterà il sogno africano di un’ambientalista, tra mille avventure e disavventure.
La notizia è rimbalzata ieri sui più importanti siti di cinema americani ed ha...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il progetto di Padre Renato "Kizito" Sesana, che da trent'anni si occupa di bambini di strada degli slum di Nairobi, ora è anche un film-documento, che il missionario lecchese sta portando in giro per l'Italia insieme con la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' uscita ieri in Italia la locandina ufficiale del nuovo film di Luca Medici, in arte Checco Zalone, che...

LEGGI L'ARTICOLO

Una "Radiomalindi" dal vivo, ogni giovedì al Baby Marrow Art & Food Restaurant.
Questa l'idea di Freddie del Curatolo per intrattenere a modo suo gli italiani che passeranno l'agosto sulla costa keniana.
Si chiama "Good Night Malindi" il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Era il 10 settembre del 2018, quindici mesi fa Malindikenya.net “paparazzò” Checco Zalone a...

LEGGI L'ARTICOLO