Storie

LA STORIA

Caterina, dagli slum di Nairobi alle capanne di Malindi

Un viaggio nelle pieghe del Kenya per amore degli altri

24-10-2016 di redazione

Per molti di noi è impensabile intraprendere un'esperienza di volontariato in uno dei bassifondi del mondo, nello slum di Nairobi che rivaleggia con le favelas brasiliane per conquistare la triste maglia nera dell'agglomerato suburbano più povero e derelitto del pianeta.
Ma anche per chi decide di affrontarla, spesso rimane un'avventura toccante, umanamente profonda, terribile e gloriosa al tempo spesso, che lascia il segno ma che poi magari rimane lì, come un tatuaggio indelebile e basta.
Per Caterina Padova, volontaria comasca, invece Korogocho è ormai parte della vita.
E' un impulso preponderante, qualcosa che cammina insieme a lei tutti i giorni.
Ma non basta, non è tutto, l'opera di volontariato nelle scuole della baraccopoli più grande d'Africa a volte è estenuante, cattura come poche altre cose.
Eppure per lei Korogocho è la base su cui costruire la sua seconda natura, la vita parallela da donna africana.
Attratta dalla dignità degli ultimi della terra e dallo splendore del Kenya, Caterina da Nairobi in pullman è arrivata a Malindi per conoscere la tribù più bistrattata e dimenticata del Kenya, i giriama. 
Ci aveva conosciuto durante una delle nostre tappe italiane in cui abbinavamo alle meraviglie della natura keniana, presentate grazie alle immagini e alle suggestioni del Kenya Tourist Board, la storia di questa etnia i cui pochi sostenitori, spesso persone anziane, lottano per non perdere le loro tradizioni e la loro cultura. "Una battaglia commovente, da appoggiare assolutamente - ha pensato Caterina, quando a Como ha chiesto informazioni sui Mijikenda, sui loro usi e costumi e sul perché di questo abbandono da parte delle nuove generazioni, che arrivano anche ad ammazzare i loro padri e nonni, accusandoli di essere retrogradi, di credere ancora nella stregoneria e praticare riti magici.
La giovane lariana è arrivata a Malindi e ha voluto incontrare i componenti della Malindi District Cultural Association, per farsi spiegare le loro ragioni ed ascoltare la loro storia, che come un tempo viene trasmessa solo oralmente. Eccola nelle capanne costruite come cent'anni fa, fango e palme secche, cucina a carbone e le icone in legno degli antenati a proteggere il focolare domestico. 
Non ci sono libri, se non qualche trattato di antropologia, che possano spiegare come vive, cosa pensa, come si rapporta un giriama con il resto del Paese, di una nazione in continua crescita, che abbraccia lo sviluppo occidentale ma crea anche situazioni al limite della sopportabilità umana come Korogocho, Kibera e Mathare a Nairobi.
Ed ecco Caterina a Malindi indossare gli abiti tipici delle donne giriama, il kishutu in vita e l’hando, la tipica gonnellina tradizionale. Insieme con lei due ragazzi di Korogocho che l’hanno accompagnata nell’escursione verso sud e che nulla sapevano dell’etnia più a sud del loro Paese.
“Da oggi ci sentiamo un po’ mijikenda anche noi – dicono i due ragazzi – dalla loro storia e dalle loro tribolazioni arrivò il primo impulso rivoluzionario e indipendentista del Kenya”.
Proprio così: Caterina vuole conoscere allora la storia di Mekatilili Wa Menza, l’eroina giriama che per prima nel Paese sfidò l’autorità britannica. E’ l’avvocato Joseph Karisa Mwarandu, fondatore dei MADCA, a raccontare alla donna italiana la storia del suo popolo.
Esperienze che sicuramente non valgono, per generosità e coraggio, quelle del volontariato a Korogocho, ma che chiunque frequenti Malindi, anche solo per una vacanza, dovrebbe fare, per calarsi completamente nel luogo in cui trascorre il suo tempo e per il piacere di un giorno di conoscenza e condivisione. Grazie, Caterina. Asante sana!

TAGS: Caterina PadovaVolontariato NairobiMijkendaJoseph Mwarandu

"Magda, Caterina, Nicola e Lucrezia ringraziano tutti coloro che, con il loro affetto e il loro calore, li hanno confortati e supportati e sono stati vicini al loro dolore in questo tragico momento". Queste le parole affidate a Malindikenya.net dalla famiglia...

LEGGI TUTTO

Una grande serata di Gala quella allestita dalla Fondazione della principessa Charlene di Monaco in onore di AMREF e delle sue attività sociali in Africa e specialmente in Kenya. Una cena nella storica sala "Impero" dell'Hotel de Paris, per raccogliere...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Galeotto fu il volontariato a Chakama, con la Onlus Africa Milele. 
Per Antonio Di Guida, fiorentino di 24 anni, laureato in design industriale e appassionato di cucina e fotografia e viaggi, il primo viaggio in Africa nel 2013 ,significava soprattutto...

LEGGI TUTTO

Il Kenya alla vigilia delle elezioni perde l'uomo della Sicurezza nazionale. 
Il Ministro della Difesa, Joseph Ole Nkaissery, è morto improvvisamente la notte scorsa dopo essere stato portato per accertamenti in ospedale a Nairobi.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya è sul podio della generosità mondiale.
I cittadini keniani sono solidali tra di loro, dedicano molto tempo ad assistere le persone in difficoltà e in generale sono predisposti ad aiutare.
Lo afferma il World Giving Index 2017, il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Questo "muretto" è dedicato a tutte le persone che hanno avuto a che fare con il Kenya, in vacanza, per lavoro, ospiti di un amico, per volontariato o altra scelta volontaria e involontaria, e hanno conosciuto la magia di questo...

inviate una mail a info@malindikenya.net

Il mio mal d'Africa risale a tanto tempo fa.
Dicembre 1971,avevo 17 anni e ricordo perfettamente (perchè la rivivo ogni volta che torno)la sensazione di essere arrivata,di essere a casa.
 

LEGGI TUTTO

Sette ore di intervento chirurgico, perfettamente riuscito, per Kuki Gallman a Nairobi.
La figlia Sveva e i più stretti collaboratori hanno confermato le condizioni serie della scrittrice italo-keniota nata a Treviso 73 anni fa.
La conservazionista è ricoverata in terapia intensiva e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le potenzialità del Kenya nel campo della ricerca archeologia sono note, anche se soprattutto si tratta di quelle di terra, collegate soprattutto agli importanti ritrovamenti che riguardano nostri proto-antenati nella zona del...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo cento lunghissimi giorni, soprattutto per i pazienti di tutto il Kenya, i medici hanno deciso di far rientrare la loro protesta e di tornare negli ospedali.
Lo sciopero nato per affermare i propri diritti, sanciti da un contratto di...

LEGGI TUTTO

Il mio telefono fisso era sotto discussione dal dicembre 2010. 
La bolletta conteneva una straordinaria cifra da pagare, inoltre arrivava 11 giorni dopo la data di pagamento, quindi la linea era disconnessa.
La mia visita all'ufficio Telkom generava la seguente discussione:

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

Di solito sono ragazzi poco oltre la ventina, freschi freschi di laurea; solitamente una laurea umanistica come Psicologia.
Arrivano da famiglie benestanti, non hanno mai avuto difficoltà a mettere insieme il pranzo con la cena.
A volte sono idealisti, con...

LEGGI TUTTO

Torna prepotente la fame nel distretto di Magarini, entroterra di Mambrui. 
Sono molti i villaggi in cui sono finite le scorte di grano dei campi di proprietà delle comunità locali e non ci sono soldi per acquistare quello confezionato.
La...

LEGGI TUTTO

La IEBC (Indipendent Electoral and Boundaries Commission) ha dato oggi ufficialmente il via alla campagna elettorale in Kenya.
I candidati per la Presidenza della Repubblica e per un posto in Parlamento avranno più di due mesi di tempo per convincere...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

“La vita è l’arte dell’incontro”, diceva quel poeta brasiliano, che passeggiava su una spiaggia più affollata di quelle africane.
Guardo indietro la scia lasciata dal mio pessimismo occidentale, parallela a quella dell’ultimo jumbo che mi ha portato nella terra del...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dal riciclo della plastica abbiamo visto scaturire oggetti utili, simpatici, inediti.
Ma che ripulendo la riserva del Maasai Mara dall’incuria del genere umano si potessero ricavare gioielli di rara bellezza e allo stesso tempo aiutare ragazze con grossi problemi sociali,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO