Storie

STORIE

Cavatore malindino milionario con le scommesse

Il sogno keniota è azzeccare una schedina: "farò studiare i parenti"

06-08-2017 di Freddie del Curatolo

La maggior parte dei cittadini kenioti vive con stipendi o introiti che non superano i 100 euro al mese.
Da quando ha ottenuto l'indipendenza, il Kenya non ha mai fatto molto per elevare lo status del suo popolo, specialmente creandone i presupposti: ovvero migliorando l'educazione scolastica, abbassando i costi della sanità e migliorandone i servizi.
Spinto dall'ormai malato sistema occidentale, il Paese africano si è buttato sulla tecnologia prima ancora di gettare le basi per una vita decente del suo "quarto stato". Così ha creato un esercito di miserabili con lo smartphone e una schiera di baracche con il satellite per la tv digitale.
In compenso ha lasciato spazio al sogno.
Oggi il "sogno keniota" rischia di portare via alla povera gente, ai lavoratori e a chi sbarca il lunario, anche quei due spiccioli che si ritrovano in tasca.
Com'è stato nel dopoguerra italiano con la "Sisal", poi divenuta "Totocalcio" e negli anni Ottanta con l'avvento di "Gratta e vinci" e "Superenalotto" (tuttora in voga), il "sogno keniota" è diventare ricco azzeccando una serie di risultati sportivi su una delle piattaforme digitali in internet.
Con cinquanta scellini (che per un keniano che ne guadagna 10.000 è come dire 5 euro per chi ha uno stipendio di 1000) puoi vincerne 10 milioni (al cambio di questi giorni sono circa 85 mila euro).
E' quello che è capitato a un ragazzo di Malindi che fa uno dei mestieri più pesanti e meno remunerati sulla costa del Kenya: il cavatore.
Charo Hamisi Karisa spacca le pietre di corallo per chi fa crescere il Paese fabbricando case, proprio come chi si spaccava la schiena nelle cave italiane negli anni Cinquanta per arricchire i grandi costruttori edili. 
Charo ha 24 anni, ha frequentato la scuola del suo villaggio nell'entroterra di Kilifi, aule di fango misto cemento e tetto di lamiera, e probabilmente una maestra per 90 alunni.
A Malindi ha trovato lavoro per mandare ai genitori quel poco che la sua paga permette e non si è tirato indietro, sperando di potersene permettere una sua, di famiglia.
Per chi non si lascia vincere dalla rassegnazione e dalla frustrazione mista a fatica che ti fa terminare la giornata con un bicchiere di vino di palma o di birra, c'è da spendere "un cinquantino" con le scommesse del calcio.
Così Charo a luglio di quest'anno decide di giocarsi un pezzettino della sua paga giornaliera coltivando il sogno.
Ed il sogno, qualche giorno fa, ha bussato alla sua porta o, meglio, ha suonato al suo telefonino.
Azzeccando 12 risultati sul sito Elitebet, Charo ha vinto il "jackpot" della settimana che significa appunto 10 milioni di scellini. 
Il ragazzo è stato invitato a Nairobi, nella sede della piattaforma online di scommesse sportive, e si è trovato sotto i riflettori dei media che lo hanno intervistato.
La domanda di rito, ovviamente, è "cosa ne farai di tutti questi soldi".
La risposta è di quelle che fanno ancora sperare in un futuro migliore per la  gente povera e semplice dell'Africa.
"Per prima cosa voglio mandare le mie sorelle minori in una scuola decente - ha dichiarato Charo all'emittente radiofonica Capital FM - non voglio che debbano frequentare la stessa scuola dove ho studiato io".
Il cavatore ammette che non smetterà di scommettere online, ma sicuramente non si lascerà attrarre dal nuovo conto in banca e avvisa anche i suoi connazionali di approcciarsi con senso della misura e saggezza a questo gioco.
"Sono contento che la società di scommesse mi abbia messo a disposizione un consulente finanziario per consigliarmi come gestire il capitale - ha detto Charo - sicuramente seguirò questi consigli e non mi farò abbagliare dalla vincita".
Elitebet ha confermato che la consulenza e i "piani finanziari" nell'elargire le vincite fanno parte degli accordi pregressi con chi gioca.
Perché dieci milioni di scellini per tanti keniani rappresentano una cifra da capogiro, che può far impazzire, creare invidie e divisioni all'interno del villaggio o del nucleo familiare. Non a caso, proseguendo nel parallelismo con l'Italia, molti milionari da schedina finirono in miseria, se non suicidi o dovettero abbandonare il paese natio o la famiglia.
Non sembra questo il rischio del giovane malindino, e gli auguriamo di cuore una crescita consapevole e, come si usa dire oggi, "sostenibile".
Come dovrebbe fare anche il suo Paese, che proprio in queste ultime settimane ha "bruciato" miliardi per una campagna elettorale che avrebbe potuto rispettare di più i sogni e la dignità delle persone come Charo.

TAGS: Malindi CharoMalindi milionarioScommesse Kenya

A differenza dell'ODM, nessuna sorpresa in casa Jubilee Party , su chi dovrà rappresentare Malindi alle prossime elezioni nazionali.
Le primarie del partito di Governo Jubilee hanno confermato che sarà Philip Charo a candidarsi come parlamentare per la circoscrizione di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una lunga giornata dagli amici del Kilili Baharini di Malindi, conclusa con una cena conviviale a parlare e ricevere consigli sul futuro della cittadina turistica e sul rilancio dell'economia in questo angolo di costa.
L'alleanza tra il Ministro delle Risorse...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Willy Mtengo è il nuovo parlamentare del distretto elettorale di Malindi. E' stato eletto a grande maggioranza (25 mila preferenze contro le 9 mila del candidato della coalizione di governo Philip Charo) rimpolpando così le fila dei politici dell'opposizione che...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Storie d'altri tempi o di tempi semplicemente diversi dai nostri. A Malindi uno dei tanti figli di un anziano padre di famiglie (e il plurale è d'obbligo, data la poligamia della tribù locale) dopo la morte del padre ha deciso...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La notizia più importante per il turismo è che le primarie del partito di maggioranza sulla costa, l'ODM, si sono svolte senza problemi né baruffe.
La seconda notizia è che presumibilmente Malindi dal prossimo agosto per la nuova legislatura avrà...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Abbiamo raccontato la storia di Beatrice, bambina sfortunata di sei anni che necessita di cure e per la quale sognamo di poterle permettere un'operazione di ricostruzione del retto. 
Per adesso la bimba di Malindi, nata con gravi malformazioni non solo...

LEGGI TUTTO

Qualche mese fa, noi di Malindikenya.net, su spinta di due storici residenti e amici suoi, Eugenio del Curatolo e Roberto Macrì, avevamo organizzato una “colletta” online per poterlo ricoverare e curare. 
Ieri, a 86 anni, i profondi occhi azzurri di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La Commissione Elettorale Indipendente del Kenya (IEBC) annuncerà questo pomeriggio il nome del nuovo Presidente della Repubblica del Kenya.
Nome scaturito dalle votazioni nazionali che, secondo gli osservatori internazionali e la stessa IEBC si sono tenute in maniera limpida e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Elezioni in Kenya, dopo mesi di parole, tensioni, congetture e proclami mediatici, eccoci arrivati alla vigilia.
Tra centinaia di comizi, raduni, manifestazioni ed incontri, senza nemmeno un ferito grave e con poche scaramucce in tutto il Paese, e con l'unica...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tra un mese il Kenya sarà al centro dell’attenzione mondiale per la sua tornata elettorale. 
Non è tanto il “chi vincerà” o l’incertezza sulla tendenza ad andare più “a sinistra” o più verso una monarchia costituzionale ad interessare la collettività...

LEGGI TUTTO

Alberto Sordi, lo sappiamo bene, non ha inventato niente. 
Malgrado i tentativi sgraziati o meno di ripulire il retroterra, di fabbricarci un nuovo pedigree di viaggiatori a-là-page, noi italiani rimaniamo sempre i simpatici buffoni che il mondo vede in giro...

LEGGI L'EDITORIALE COMPLETO

ARCHIVIO

Luglio 2013

Tutte le notizie del mese

di redazione

Koimur, il professore keniota che vive sulle piante
Si chiama Nixon Koimur di 32 anni che vive vicino ad Eldoret, ma non vi abita. E’ un ecologista per vocazione che ha sbalordito molti per far crescere delle piante in meravigliosi...

LEGGI TUTTO L'ARCHIVIO MENSILE

ARCHIVIO

Agosto 2015

Tutte le notizie del mese

di redazione

International Art Extravaganza al Parco Marino di Malindi
Si svolge oggi pomeriggio al Parco Marino di Malindi la "Malindi Art Extravaganza", esibizione di artisti locali che propongono musica, arte, spettacoli di acrobati e giocolieri, body painting ed altre derive di...

LEGGI TUTTO L'ARCHIVIO MENSILE

Dall’altopiano di Jaribuni si dominano le due grandi vallate dell’entroterra di Kilifi.
Quella verde di foreste e colline che ci siamo lasciati alle spalle parlava di villaggi sommersi tra cespugli e rocce preistoriche, di gente antica che ha conosciuto la...

LEGGI TUTTO E GUARDA LA FOTOGALLERY

Primo giorno

Finalmente io e il mio amico Serafino siamo arrivati a Malindi. 
Che viaggio ragazzi! Neanche Cristoforo Colombo deve averne fatto uno simile con le sue tre Caramelle. Bergamo-Malpensata, poi sull’eroplano fino a Bombasa e poi due ore di tassi...

LEGGI TUTTO

Anche il barbiere di Malindi "ama" i turisti
Qualcuno spiegherà a Kenga Kitsao il barbiere il significato della parola "indotto". Il concetto, però, lo conosce benissimo e lo spiega al nostro redattore Charles Charo, che lo ha intervistato. "Anche noi...

LEGGI TUTTO L'ARCHIVIO MENSILE