Storie

STORIE

Covid-19: due keniani creano un ventilatore polmonare

Progetto economico locale al vaglio degli esperti

03-04-2020 di Freddie del Curatolo

Un motore per tergicristalli, un relè, due interruttori, un pistone, un tubo a gomito, una lampadina, un sacchetto da aspirapolvere, un serbatoio e una batteria per auto.
Così due keniani di Thika, cittadina non distante dalla capitale del Kenya Nairobi, hanno creato un ventilatore polmonare per l’emergenza Coronavirus.
Paul Kariuki e Samuel Kairu, questi  i nomi di due negozianti, non certo scienziati o ingegneri, hanno impiegato quattro giorni per creare qualcosa che potrebbe essere una risorsa vitale per un Paese alle prese con la crescita esponenziale di casi di positività al Covid-19 e con la difficoltà di reperire sul mercato mondiale respiratori di ogni tipo.
I due keniani hanno assemblato il ventilatore dopo aver raccolto 98.000 scellini (meno di 1000 euro) ed averne risparmiati 12 mila per poter collaudare il prototipo. Dopo il via libera, potranno raccogliere altri fondi per iniziare la stampa in 3D per fabbricarne più esemplari.
Certo, la burocrazia e la scienza potrà allungare i tempi dovendo stabilire la bontà dell’applicazione pratica sui pazienti affetti da sindromi respiratorie, ma un buon passo è stato compiuto da questi intraprendenti giovani.
Paul, che gestiva un negozio di vendita e noleggio DVD che ha chiuso recentemente a causa della pandemia, ha chiesto i soldi del biglietto all’amico Samuel per raggiungerlo nella cittadina di Ruiru e iniziare a realizzare il prototipo. L'innovazione è perfettamente adatta ad essere utilizzata in tutto il Paese perché non richiede elettricità e si basa su una batteria per l'alimentazione.  
Un ventilatore è una macchina che fornisce ventilazione meccanica spostando l'aria fuori e dentro i polmoni, per far respirare un paziente che è fisicamente incapace di respirare in maniera autonoma.
In un video postato su Facebook, Kariuki spiega come funziona il ventilatore:
“L'interruttore alimenta il motore del tergicristallo, come si può vedere c'è un pistone che scende e preme il sacchetto. Poi c'è la lampadina interna che illumina il sacchetto – illustra l’inventore - Il motore può essere regolato e si può aumentare la velocità secondo il bisogno. Si può anche mettere un timer o un’intermittenza che possa regolare l’erogazione di ossigeno. Stiamo cercando di imitare la respirazione, non abbiamo ancora ottenuto l'approvazione di un medico e siamo lieti di farla ispezionare.
Paul ha raccontato ai media  che è stata proprio la carenza di ventilatori a spingerli a proporre l'innovazione: "Nella lotta contro il Covid-19, dobbiamo essere inventivi perché attualmente il mondo sta affrontando una carenza di ventilatori – ha detto - Prima di essere sopraffatti dal virus, dobbiamo realizzare dei ventilatori, quindi questo è il primo ventilatore assemblato localmente".
Ora bisognerà capire quanto impiegheranno i due a vedere la loro invenzione approvata. Un test approfondito potrebbe richiedere mesi per passare l’esame. Ma almeno a livello locale, si potrebbe accelerare i tempi e fare qualche eccezione, provandolo già “sul campo”.

TAGS: covid-19 kenyaventilatori kenyastorie kenya

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

http://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Per la prima volta da più di due mesi, da quando cioè i rappresentanti del Governo danno i bollettini ...

LEGGI L'ARTICOLO

Nel giorno in cui i contagiati in Kenya continuano a salire (473 nuovi casi, altro record negativo che...

LEGGI L'ARTICOLO

E venne il giorno in cui Malindi registrò il primo caso di Covid-19.
Il Ministero...

LEGGI L'ARTICOLO

Non ci sarà quarantena obbligatoria per i turisti stranieri che, a partire dal 1 agosto 2020...

LEGGI L'ARTICOLO

Il primo giorno di settembre si apre senza morti di Covid-19 in Kenya, mentre il Ministero della...

LEGGI L'ARTICOLO

Sedici nuovi casi e un morto nelle ultime 24 ore, con 1115 tamponi effettuati in tutto il ...

LEGGI L'ARTICOLO

Il Kenya supera i 5000 casi di Covid-19 dopo che il bollettino di mercoledì 24 giugno ha confermato che ...

LEGGI L'ARTICOLO

Si chiamano "Tinga Tinga Tales" e sono delle bellissime storie animate per ragazzi create da una società di animazione digitale di Nairobi e ideate e prodotte da una sceneggiatrice britannica innamorata dell'Africa, Claudia Lloyd.
Vanno in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Molti più guariti che nuovi positivi e solo 2 morti. Così il Kenya guarda la sua curva ...

LEGGI L'ARTICOLO

Dopo le proteste delle associazioni di categoria, il Governo keniano ha fatto una mezza marcia indietro...

LEGGI L'ARTICOLO

Una giornata abbastanza tranquilla in Kenya per i casi ufficiali di positività al virus...

LEGGI L'ARTICOLO

Record di guarigioni dal virus in Kenya nelle ultime 24 ore. Sono...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Malindi e tutto il suo distretto, a quasi tre mesi dal primo caso di Covid-19 registrato nella Contea di Kilifi, rimane...

LEGGI L'ARTICOLO

Tornano i casi nella Contea di Kilifi nelle 24 ore a cavallo tra venerdì 19 e sabato...

LEGGI L'ARTICOLO