Storie

CULTURA

I sogni di 5 giovani africane in un docufilm italiano

Grace e Wangare, keniane contro miseria e violenze sessuali

13-03-2020 di Freddie del Curatolo

Ragazzine africane che con la forza di un sogno e con l’aiuto di chi ha letto nei loro sguardi, nella loro voglia, vergine e ancora ingenua ma vera e dirompente, di vivere e di emanciparsi, sono diventate degli esempi per migliaia di altre coetanee in Kenya, Congo, Tanzania e Costa d’Avorio.
Sulla scia dei risultati ottenuti da Nice Nailantei Leng’ete, la giovane attivista maasai che da anni conduce una campagna di sensibilizzazione contro le mutilazioni genitali femminili e che è stata indicata dalla rivista Time tra le cento figure femminili più importanti del pianeta, un gruppo di scrittori e filmaker italiani esperti d’Africa, riuniti sotto la sigla “Hic Sunt Leones”, hanno girato e prodotto un docufilm intenso, drammatico ma pieno di speranza che verrà presentato nelle prossime settimane (Coronavirus permettendo) a Milano. Si intitola “African dreamers” e racconta le storie vere delle giovanissime keniane Grace e Wangare. La prima è fuggita dal villaggio maasai proprio per evitare il taglio del clitoride e delle labbra vaginali e di essere ceduta in sposa ad un uomo che potrebbe essere suo padre, ha trovato chi le paga gli studi a Nairobi e sogna di diventare la prima presidente donna del Kenya, l’altra rimasta orfana è finita a vivere in strada negli slum di Nairobi, tra disperazione colla da sniffare e l’incubo delle violenze sessuali, .
Poi c’è la congolese Merveille, che vive in uno dei luoghi più poveri, tormentati e dimenticati del mondo e a otto anni viene accusata dal suo villaggio di essere una strega. Sfuggirà alla lapidazione e alle torture e grazie ad una fantastica suora italiana sta tornando alla vita (e ai sogni, appunto), c’è la tanzaniana Deborah che lavora come schiava a Bagamoyo, proprio nell’antica destinazione sulle rive dell’Oceano Indiano da cui secoli fa “lasciavano il cuore” migliaia di africani. Lei è una schiava moderna e silenziosa, nel 2020 è a servizio in una famiglia tanzaniana benestante che non le ha mai concesso un giorno di ferie,  nemmeno per poter dare l’ultimo saluto al padre lontano, sul letto di morte. Ma ha chiesto di poter andare a scuola, scalando i costi dell’istruzione dallo stipendio perché è convinta che un giorno il diploma le darà la libertà e potrà insegnare ad altre ragazze come lei che l’educazione è tutto.
Infine c’è Mariam, baby prostituta in una località turistica della Costa d’Avorio, la cui contagiosa voglia di vivere e l’aiuto di alcuni connazionali l’hanno portata lontano dai bar-bordello e dalle droghe e hanno gettato le basi per il suo sogno: diventare stilista di abiti tradizionali africani. Cinque ragazze per altrettante storie d’Africa che, come insegna questo continente, non è detto che siano a lieto fine ma testimoniano come basterebbe davvero poco ed una solidarietà che ha tempo di tuffarsi nelle realtà delle nuove generazioni apparentemente senza via d’uscita, per trasformare l’energia dei sogni puri in salvezza, nella realtà di una vita migliore, umana e degna di essere mostrata ad esempio, a chi si abbandona troppo presto a una disperata desolazione. Roberto Cavalieri, Francesco Cavalli, Davide Demichelis, Angelo Ferrari, Raffaele Masto, Alessandro Rocca e Luciano Scalettari, con l’aiuto di associazioni da sempre sul campo come Amani, Amref, Terre des hommes ed altre lo hanno raccontato e filmato con passione ma in maniera asciutta e senza ergersi su altarini di facili pietismi o imponendo una morale.
Qui potete avere altre informazioni sul film e vedere il trailer https://www.africandreamers.it/en/

TAGS: documentari kenyadocufilm kenyaafrican dreamersinfibulazione

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

http://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

In arrivo un docufilm sulla danza per esaltare le bellezze naturali della costa keniana. 
"Explorers in dance", nato dall'incontro tra la tersicorea di fama internazionale Tania Von Armine Oggero e il regista Francesco Malavenda, sta per essere presentato in Italia...

LEGGI TUTTO

Sono terminate le riprese del docufilm "Italiani in Kenya", mediometraggio commissionato dal Ministero degli Esteri italiano, tramite l'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi, nell'ambito della settimana della lingua italiana nel mondo. 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una barca interamente costruita con plastica riciclata, particolarmente con i flip flop, ovvero la gomma delle infradito che a migliaia invadono le coste, anche dell'Oceano Indiano e del Kenya.
Questa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Fin da bambino sognavo un luogo in cui la mia fantasia potesse sfogarsi e correre libera, come un felino della savana.
Per questo quando sono cresciuto guardavo i documentari sull'Africa. Avrei voluto vivere come i miei idoli: il leopardo e...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Andrà in onda domenica alle 17.45 su Rai Tre, nella trasmissione di viaggi "Kilimanjaro" l'avventura in ...

LEGGI L'ARTICOLO

Due venerdì speciali nel salotto più affascinante di Malindi, tra un rigoglioso giardino tropicale, imponenti tetti di makuti che sovrastano...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Baby Marrow abbina alle sue proposte gastronomiche sempre qualcosa di nuovo.
Nel locale di Vasco Da Gama Road, in un ambiente unico dove si respira arte e piacere di incontrarsi, nel...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"I saw african woman" è il titolo della nuova produzione artistica di Gian Paolo Tomasi, che sarà in mostra da questo giovedì, 2 agosto, al Baby Marrow Art & Food di Malindi.
Le donne africane iperreali di...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE OPERE

Una Land Rover che riscalda la grigia domenica milanese, colorandola con immagini meravigliose della natura africana e portando per un pomeriggio i milanesi in giro per il Kenya. "Safari in città" si è rivelata un'iniziativa decisamente positiva: il Ministro del...

LEGGI TUTTO

Un'iniziativa che ormai si ripete da sette anni a Malindi, grazie ad un gruppo di donne italiane e keniane che una volta all'anno si esibiscono in balli e ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

E’ stata un’edizione emozionante, quella di quest’anno dell’East African Safari Classic, il ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Anche per la serata di Ferragosto, oltre al sabato sera, la cena al Baby Marrow sarà ingentilita dalla bella voce della cantante keniana Linah, con le sue interpretazioni di classici soft internazionali.
Nel locale di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dopo il chiacchierato appalto della "Silicon Savannah" in Kenya da parte di un'azienda italiana, la Maltauro, una società di progettazione integrata a capitale italiano, Politecnica, è stata incaricata di realizzare l'East African Kidney Institute Centre of Excellence a Nairobi, modernissimo polo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' la studentessa universitaria piú bella del continente africano.
Maryam Mauko Rae...

LEGGI L'ARTICOLO

Se vivete a Malindi e dintorni, o la frequentate per lunghi periodi, magari avrete anche vestiti o altri oggetti di seconda mano di cui vi potreste liberare.
Da un vecchio elettrodomestico mezzo funzionante a utensili della casa, giocattoli e biancheria.LEGGI TUTTO

Si chiama "Canon Story Telling", ed è il primo di dodici workshop di una settimana organizzati dalla nota azienda di accessori foto e video insieme alla produzione italiana...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO