Storie

STORIE

Kabale, da una capanna del Kenya ai Mondiali Calcio a Mosca

Giovane calciatrice e testimonial dei tanti drammi dei popoli africani

03-07-2018 di redazione

In una piccola manyatta del villaggio di Saku, nella Contea di Marsabit, una ragazza di diciassette anni ha salutato le sue caprette, i fratelli e il resto della numerosa famiglia.
Poi ha aperto una piccola e borsa nera, lisa e vissuta, ci ha infilato con cura la sua vecchia tuta da ginnastica appena stirata, una maglietta e un paio di pantaloncini ed è uscita.
Fuori dalla capanna, la madre attendeva pazientemente. 
Quando l'ha vista spuntare, si è esibita in una litania di canti e preghiere.
Sono le invocazioni rituali che ogni madre e le sue amiche devono condurre per ogni membro della famiglia che intraprenderà un lungo viaggio. Un’usanza tradizionale che fa parte di quelle abitudini “etniche” che stanno scomparendo ed a cui assistere è un privilegio ed un’emozione, ma che ricordano anche la difficoltà per le nuove generazioni di staccarsi da certi freni ancestrali.
Alcune donne velate indossano perline e cantano ad occhi chiusi nel loro dialetto, poi gesticolando si mettono una di fronte all’altra e formano un arco nel quale la ragazza passerà.
Lei si chiama Kabale Halake, figlia di una delle tante ragazze madri di quella zona, abitata da comunità seminomadi e percorsa da annose faide tra diverse tribù, particolarmente gli Oromo, i Borana e i Gabbra.
Kabale gioca a calcio da quando era bambina, ma non avrebbe mai pensato che questo sport e la sua condizione l’avrebbero portata così lontano.
Infatti sta partendo dal suo minuscolo villaggio perché insieme ad altri tre adolescenti di Moyale, Laisamis e North Horr, parteciperà a  Mosca al Fifa Foundation Festival, che avrà luogo a Mosca durante la fase finale dei Campionati mondiali di calcio.
La Fondazione nella quale gioca, la HODI (Horn of Africa Developement Initiative) è un'organizzazione non governativa che incoraggia i ragazzi e le ragazze di Marsabit e dintorni a giocare a calcio per promuovere la pace e la coesione nella contea e aiutare le ragazze a sfuggire alle mutilazioni genitali femminili.
Per questo è stata selezionata per portare l’esempio di come il giuoco del calcio possa aiutare a risolvere situazioni anche drammatiche, all’attenzione dei media internazionali. 
“Mi sento portata per il calcio, ma so che non può essere la mia vita – spiega con incredibile maturità Kabale – gioco volentieri perché porto un messaggio forte, contro la cultura della mia etnia che non ammette che le ragazze partecipino a nessuno sport”.
E non solo, HODI ha unito membri di tribù diverse in una sola squadra, ed è questo il messaggio forte in zone dove gli adulti continuano ad ammazzarsi per le terre che occupano e i campi dove far pascolare i loro animali. Padri che poi lasciano orfane ragazze come Kabale.
Ma il calcio è anche un modo per far studiare i ragazzi: lei frequenta l’ultimo anno della scuola secondaria di Marsabit. Tre mesi fa ha fatto il primo viaggio di 600 chilometri per andare a Nairobi a fare il passaporto. Era la prima volta che vedeva la Capitale, le sue luci, i suoi rumori, il traffico e i palazzi moderni. Le girava la testa.
Adesso ad attenderla sarà l’immensa piazza Rossa di Mosca, i sessantamila dello stadio Luzhni dove è stata invitata ad assistere ad una partita dei mondiali.
“E pensare che dovevo scappare dalla madrasa per giocare a calcio – racconta Kabale – mia madre non voleva assolutamente che lo facessi, una volta si è rifiutata di dare i miei documenti di nascita agli organizzatori, ma quando ha capito che tutto era legato alla mia educazione, ha capito”.
L’incontro con Fatuma Abdulkadir, fondatrice di HODI, è stato fondamentale.
L’ha vista giocare, ha saputo da che realtà proveniva e l’ha presa sotto la sua ala. 
Così ha pensato lei al percorso psicologico per far capire alla famiglia e alla comunità che la scelta di Kabale avrebbe giovato a tutti. Non è stato facile, ma ci è riuscita.
“Stavamo organizzando un torneo a Kargi – racconta la fondatrice di HODI – quando me la vedo arrivare e mi dice – voglio giocare a calcio -. Non aveva un team, né abbigliamento sportivo adatto, ma la sua determinazione era tale che la inserii in una delle squadre femminili. Quando perse la prima partita è scoppiata a piangere, poi piano piano sono arrivati i risultati e oltre agli allenamenti, anche la scuola andava meglio”.
Con lei a Mosca ci saranno Ogom Asogo, 18 anni, Samson Dido, 18 anni, e Hanadi Abdinassir, 16 anni, che hanno storie simili. Provengono da zone remote della Contea di Marsabit.
A Marsabit, i quattro non affrontano solamente sfide sportive, ma ben altre problematiche che vanno dalla fame e dalle malattie alle mutilazioni genitali femminili forzate, dalla scolarizzazione interrotta agli scontri etnici.
Per questo le squadre tribali miste formate da HODI mandano un messaggio ben preciso, e anche il loro slogan è molto eloquente: “Tira per segnare, non per uccidere”.
 

TAGS: calcio kenyakabale kenyafondazione kenyatestimonial kenyamutilazione kenya

Sospiro di sollievo da parte di tutti gli ammiratori e gli amici di Kuki Gallman in tutto il mondo, e sono tanti a giudicare dai messaggi di affetto e solidarietà giunti da ogni parte del globo sui profili social della...

Che Pinocchio sia la favola più esportata d'Italia non è un mistero: l'internazionalità della fantastica vicenda e della sua morale hanno conquistato bambini e non solo di tutto il mondo.
Il legame con l'Africa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una delle tante piaghe del Kenya è quella delle continue interruzioni dell’energia elettrica (black-out). 
Le altre, tra le molte, sono la mancanza d’acqua potabile nelle case, che porta i politici, in cerca di voti, a promettere: “Se mi eleggete prometto...

LEGGI TUTTO

Si aggravano le condizioni della scrittrice e conservazionista italiana ma cittadina keniana Kuki Gallmann. 
Dieci giorni dopo l'attentato subito all'interno del suo ranch di Laikipia, nella Rift Valley del Kenya, la settantatreenne ambientalista autrice del best seller "Sognavo l'Africa" è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Lui si chiama Richard Odada e, come tanti suoi coetanei keniani, sogna di diventare un calciatore professionista.
Sicuramente rispetto a tanti ragazzi di Nairobi e dintorni, Richard ha bruciato le tappe.
Dopo essere...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Maxwell e Mystick, due dei ragazzi dell'ormai ex scuola calcio Genoa di Malindi, possono continuare ad usufruire delle migliori condizioni scolastiche grazie anche all'aiuto della società sportiva ligure Volley Genova VGP. 

LEGGI TUTTO

Chi ama gli animali e la Natura africana non può che piangere la scomparsa dell’angelo custode degli elefanti in Kenya.
Daphne Sheldrick, fondatrice della David Sheldrick Foundation, creata 41 anni fa in memoria del marito, ranger nello Tsavo, è mancata...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ieri su alcuni quotidiani italiani è apparsa la notizia che l'imprenditore Flavio Briatore ha iscritto il figlio Nathan Falco, di otto anni, alla scuola calcio estiva dell'Atalanta. Il ragazzino, secondo i media, avrebbe espresso grande passione per il calcio e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Avete mai sentito parlare della Zucca di Lare?
E dell'ortica della foresta di Mau?
Del pollo e del capretto di Molo, del sale rosso del fiume Nzoia, il miele di Ogiek e lo yogurt del West Pokot fatto con la...

LEGGI TUTTO

Una grande serata di Gala quella allestita dalla Fondazione della principessa Charlene di Monaco in onore di AMREF e delle sue attività sociali in Africa e specialmente in Kenya. Una cena nella storica sala "Impero" dell'Hotel de Paris, per raccogliere...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le hanno sparato nel cuore della notte allo stomaco, ancora non si sa se per intimidazione o con l'intento di ucciderla.
La scrittrice e conservazionista di origine veneta Kuki Gallman, proprietaria di un ranch a Laikipia, nella Rift Valley del...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La colletta della comunità italiana prosegue ancora questa settimana, come previsto, e si spera di toccare quota 1 milione e mezzo di scellini.
Nel frattempo gli sfollati della...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

In Kenya sono molti i frutti che chi vive in Europa ha avuto modo di vedere, e ancor meno di assaggiare.
Accanto ai più conosciuti, come mango ed ananas, ci sono anche strani frutti che non crederemmo nemmeno commestibili e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiama "Kit Dignità" ed è un'iniziativa di Watoto Kenya Onlus per le ragazze delle scuole dell'entroterra malindino.
Si tratta di assorbenti lavabili che permetteranno alle studentesse di non restare a casa da scuola nel periodo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Esce in questi giorni in Italia il nuovo romanzo dello scrittore e direttore di Malindikenya.net Freddie del Curatolo.
La notizia, se vogliamo, è che questa volta non si parla di Kenya e di Malindi.
Si tratta infatti di una storia...

LEGGI TUTTO

Dopo tante battaglie in campo e tante avventure in giro per il mondo, Stefano Salvatori ha perso quella più importante di tutte. 
L’ex calciatore del Milan e della Fiorentina, conosciuto da tutti a Malindi...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO