Storie

STORIE

Kenya, quando salvare un elefante è un miracolo

Situazione delicata nei luoghi dove siccità e politica locale sono tra i motivi dei disordini

21-04-2017 di Maurice Shutgens

Laikipia, Kenya. Uno dei tristi palcoscenici degli abbattimenti della fauna selvatica da parte di pastori armati.
Gli elefanti sono entrati nella linea di fuoco, con oltre 20 animali uccisi negli ultimi mesi e altri ancora feriti.
Alcuni dei feriti non si riprenderanno, ma a volte c'è un barlume di speranza.
Ricevo una chiamata da Dale Scott, manager della “Loisaba Security Conservancy and Wildlife, mi informa che i rangers della tenuta di 56.000 ettari hanno scoperto un elefante ferito. Le osservazioni iniziali hanno indicato che é stato ferito con un colpo di fucile ad una gamba.
Il maschio di 30 anni può mettere a malapena il suo peso sulla gamba e avanza zoppicando.
La ferita sembra estremamente grave; C’é immediatamente bisogno di un veterinario.
L'affidabile David Sheldrick Wildlife Trust ha risposto alla nostra chiamata, ha mobilitato le proprie risorse, ha noleggiato un aereo e ha volato con una squadra del KWS da Nairobi in poche ore. Mentre la polvere si posa sulla pista, Dale cerca di scoprire esattamente dove si trova il maschio di elefante.
Grazie all’occhio attento dei ranger siamo riusciti a localizzarlo in fretta. I suoi movimenti sono affannati e sembra essere in disagio incredibile, ma solo uno sguardo più vicino ci permetterà di decidere sul miglior modo d'azione.
Njoroge, il veterinario del KWS, carica la sua pistola da tiro con il farmaco sedativo mentre Dale ci ha guida con attenzione.
Njoroge  tira il grilletto e il dardo di piuma rosa brillante fende l'aria, finendo nella coscia dell'elefante.
Abbiamo atteso l’effetto del farmaco rendendo l’elefante sonnolento e infine esanime.
Ci siamo mossi rapidamente. L'elefante si è accasciato sul petto, fissandoci con sguardo smarrito.
Ci sono voluti quattro uomini per spingere l'animale di sei tonnellate sul suo fianco affinchè potesse essere trattato in modo sicuro. Il proiettile é entrato nella parte anteriore della gamba posteriore sinistra, appena sopra il ginocchio, apparentemente colpendo l'osso è stato deviato attraverso una ferita di uscita. Dale e il veterinario controllano con cura la gamba; E’ incredibilmente gonfia ma sembra non ci siano ossa rotte. Nonostante una ferita che sta marcendo da diverse settimane, é fortunato.
Un osso spezzato sarebbe stato una condanna a morte.
Il team KWS ha pulito con cura tutto il puss e il tessuto morto dalla ferita prima di somministrare una dose  di antibiotici e iodio.
Un tipo speciale di cemento è stato usato per riempire i fori di entrata e di uscita per mantenerlo libero da infezioni.
Abbiamo fatto tutto il possibile.
Una volta che il veterinario ha somministrato il farmaco di risveglio, si alza rapidamente, si orienta e si avvia prudentemente, scomparendo nel bush senza uno sguardo indietro. I rangers della conservancy lo seguiranno per le prossime settimane.
Speriamo che il trattamento che ha ricevuto gli darà una nuova possibilità di vita, ma solo il tempo potrà dirlo.

(tratto da Ag - Africa Geographic - traduzione malindikenya.net)

TAGS: Kenya elefantiLaikipia KenyaKenya fauna

Le hanno sparato nel cuore della notte allo stomaco, ancora non si sa se per intimidazione o con l'intento di ucciderla.
La scrittrice e conservazionista di origine veneta Kuki Gallman, proprietaria di un ranch a Laikipia, nella Rift Valley del...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La lotta al bracconaggio e il bando internazionale dell’avorio stanno dando i loro frutti: in tre anni il numero di elefanti in Kenya è aumentato quasi del 15 per cento (14,7 per la precisione).
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Sette ore di intervento chirurgico, perfettamente riuscito, per Kuki Gallman a Nairobi.
La figlia Sveva e i più stretti collaboratori hanno confermato le condizioni serie della scrittrice italo-keniota nata a Treviso 73 anni fa.
La conservazionista è ricoverata in terapia intensiva e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le cifre presentate dall'ICEA, Lion General Insurance Company al Kenya Wildlife Service parlano chiaro, anche quest'anno è stata raggiunta quota 100 leoni uccisi nella savana del Kenya. 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il 2015 e il 2016 saranno gli anni decisivi per il turismo in Kenya. 
Di questo sono convinti un po' tutti i tour operator europei che hanno a che fare con il Paese africano e che hanno investito nella gestione...

LEGGI TUTTO

Un colpo allo stomaco, e la perdita di molto sangue prima del trasporto aereo, avvenuto più di un'ora dopo la sparatoria in cui è rimasta coinvolta.
La scrittrice italiana, cittadina keniota, Kuki Gallmann è abituata a lottare ed ha avuto...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

In questi giorni il Kenya Wildlife Service, secondo quando annunciato, doveva compiere un censimento degli animali presenti all'interno del Parco Nazionale dello Tsavo. Una conta davvero importante, perché l'eccezionale e tragica siccità di quest'anno sta purtroppo mettendo in pericolo la...

LEGGI TUTTO

I primi dati del 2015 trasmessi dall'organizzazione "Tsavo Trust" sono significativi e confortanti: nei primi sei mesi dell'anno nessun elefante è stato ucciso.
I bracconieri non sono riusciti a prelevare le preziose zanne da nessun esemplare, e la savana del...

LEGGI TUTTO

Un piacere in più nella meraviglia. Quest'anno per i safari in Kenya è stato il boom di richieste di cene o aperitivi nel mezzo della Savana.
Un modo in più per godersi una situazione indimenticabile, non solo durante i "game...

LEGGI TUTTO

Sono 64 i parchi e le riserve nazionali del Kenya, che è il Paese del mondo con la più ampia varietà di specie animali in libertà.
Anche la vegetazione varia da parco a parco e con essa il microclima e...

LEGGI TUTTO

Elefanti in trappole. 
Sembra una cosa impossibile, ma purtroppo non lo è. 
Una delle conseguenze della campagna in corso, per negare ai bracconieri l’uso delle armi da fuoco, e stata quella di indirizzarli all’uso dei metodi tradizionali, andati in disuso...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

L'ultima vicenda in ordine di tempo ci giunge come sempre dagli Amici dello Tsavo, il gruppo creato da Malindikenya.net di appassionati di savana che cooperano per migliorare le condizioni della fauna keniana e della natura che la circonda.
Nei giorni...

LEGGI TUTTO

Si aggravano le condizioni della scrittrice e conservazionista italiana ma cittadina keniana Kuki Gallmann. 
Dieci giorni dopo l'attentato subito all'interno del suo ranch di Laikipia, nella Rift Valley del Kenya, la settantatreenne ambientalista autrice del best seller "Sognavo l'Africa" è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

LIBRI KENYA

Sognavo L'Africa - Kuki Gallman

Mondadori

di Leni Frau

Kuki Gallmann aveva “una storia da raccontare”.
Questo romanzo è la sua storia.
Italiana, di Venezia, si trasferisce nel 1972 in Kenya con il secondo marito Paolo e il figlio Emanuele.
In un grandissimo ranch a Laikipia costruirà la sua nuova...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Il Kenya Tourist Board e il Kenya Wildlife Service lavoreranno a braccetto da qui all'immediato post-elezioni per promuovere il turismo nei luoghi incontaminati del Kenya e nelle località più ambite dal turismo.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' sempre più emergenza siccità in tutto il Kenya e anche sulla costa.
Due sporadici acquazzoni dei giorni scorsi tra Malindi e Watamu non hanno migliorato la situazione che sta stringendo d'assedio allevatori ed agricoltori.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO