Storie

STORIE

Kenya, quando salvare un elefante è un miracolo

Situazione delicata nei luoghi dove siccità e politica locale sono tra i motivi dei disordini

21-04-2017 di Maurice Shutgens

Laikipia, Kenya. Uno dei tristi palcoscenici degli abbattimenti della fauna selvatica da parte di pastori armati.
Gli elefanti sono entrati nella linea di fuoco, con oltre 20 animali uccisi negli ultimi mesi e altri ancora feriti.
Alcuni dei feriti non si riprenderanno, ma a volte c'è un barlume di speranza.
Ricevo una chiamata da Dale Scott, manager della “Loisaba Security Conservancy and Wildlife, mi informa che i rangers della tenuta di 56.000 ettari hanno scoperto un elefante ferito. Le osservazioni iniziali hanno indicato che é stato ferito con un colpo di fucile ad una gamba.
Il maschio di 30 anni può mettere a malapena il suo peso sulla gamba e avanza zoppicando.
La ferita sembra estremamente grave; C’é immediatamente bisogno di un veterinario.
L'affidabile David Sheldrick Wildlife Trust ha risposto alla nostra chiamata, ha mobilitato le proprie risorse, ha noleggiato un aereo e ha volato con una squadra del KWS da Nairobi in poche ore. Mentre la polvere si posa sulla pista, Dale cerca di scoprire esattamente dove si trova il maschio di elefante.
Grazie all’occhio attento dei ranger siamo riusciti a localizzarlo in fretta. I suoi movimenti sono affannati e sembra essere in disagio incredibile, ma solo uno sguardo più vicino ci permetterà di decidere sul miglior modo d'azione.
Njoroge, il veterinario del KWS, carica la sua pistola da tiro con il farmaco sedativo mentre Dale ci ha guida con attenzione.
Njoroge  tira il grilletto e il dardo di piuma rosa brillante fende l'aria, finendo nella coscia dell'elefante.
Abbiamo atteso l’effetto del farmaco rendendo l’elefante sonnolento e infine esanime.
Ci siamo mossi rapidamente. L'elefante si è accasciato sul petto, fissandoci con sguardo smarrito.
Ci sono voluti quattro uomini per spingere l'animale di sei tonnellate sul suo fianco affinchè potesse essere trattato in modo sicuro. Il proiettile é entrato nella parte anteriore della gamba posteriore sinistra, appena sopra il ginocchio, apparentemente colpendo l'osso è stato deviato attraverso una ferita di uscita. Dale e il veterinario controllano con cura la gamba; E’ incredibilmente gonfia ma sembra non ci siano ossa rotte. Nonostante una ferita che sta marcendo da diverse settimane, é fortunato.
Un osso spezzato sarebbe stato una condanna a morte.
Il team KWS ha pulito con cura tutto il puss e il tessuto morto dalla ferita prima di somministrare una dose  di antibiotici e iodio.
Un tipo speciale di cemento è stato usato per riempire i fori di entrata e di uscita per mantenerlo libero da infezioni.
Abbiamo fatto tutto il possibile.
Una volta che il veterinario ha somministrato il farmaco di risveglio, si alza rapidamente, si orienta e si avvia prudentemente, scomparendo nel bush senza uno sguardo indietro. I rangers della conservancy lo seguiranno per le prossime settimane.
Speriamo che il trattamento che ha ricevuto gli darà una nuova possibilità di vita, ma solo il tempo potrà dirlo.

(tratto da Ag - Africa Geographic - traduzione malindikenya.net)

TAGS: Kenya elefantiLaikipia KenyaKenya fauna

Hai trovato utile questo articolo?

Apprezzi il nostro lavoro quotidiano di informazione e promozione del Kenya? Malindikenya.net offre questo servizio da 12 anni, con il supporto di sponsor e donazioni, abbinando scritti e video alla diffusione sui social e ad una sorta di “ufficio informazioni” online, oltre ad affiancarsi ad attività sociali ed istituzionali in loco.

Di questi tempi non è facile per noi continuare a gestire la nostra attività, garantendo continuità e professionalità unite a disponibilità e presenza sul campo.

TI CHIEDIAMO QUINDI DI CONTRIBUIRE CON UNA DONAZIONE PER NON COSTRINGERCI A CHIUDERE. TROVI TUTTE LE INFORMAZIONI SU COME AIUTARCI A QUESTO LINK:

http://malindikenya.net/it/articoli/notizie/editoriali/come-aiutare-malindikenyanet-con-una-donazione.html

GRAZIE
ASANTE SANA!!!

Il Governo del Kenya sta pensando a condannare con la pena capitale i bracconieri che uccidono le specie protette della savana.
Il Ministro keniano del Turismo e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Che il ritorno sui grandi schermi del Re della Savana, questa volta in carne ed...

LEGGI L'ARTICOLO

Gli ambientalisti si muovono per evitare uno scempio che potrebbe riguardare "casa nostra", ovvero l'Arabuko Sokoke Forest, che si estende da Gede a Matsangoni, lungo la strada Malindi-Mombasa dove ci sono anche gli ingressi per i turisti, fino a buona...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le hanno sparato nel cuore della notte allo stomaco, ancora non si sa se per intimidazione o con l'intento di ucciderla.
La scrittrice e conservazionista di origine veneta Kuki Gallman, proprietaria di un ranch a Laikipia, nella Rift Valley del...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La lotta al bracconaggio e il bando internazionale dell’avorio stanno dando i loro frutti: in tre anni il numero di elefanti in Kenya è aumentato quasi del 15 per cento (14,7 per la precisione).
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L’emergenza Coronavirus, i lockdown parziali nelle contee e il coprifuoco notturno non frenano in ...

LEGGI L'ARTICOLO

Cambiano le abitudini degli elefanti del Kenya a causa del bracconaggio.
Secondo uno studio dell’Università olandese di Twente in collaborazione con il Kenya Wildlife Service, realizzato dall’associazione “Save the elephant”, gli...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una tassa a fin di bene per le aziende di tutto il mondo che utilizzano animali per promuovere le loro...

LEGGI L'ARTICOLO

Sette ore di intervento chirurgico, perfettamente riuscito, per Kuki Gallman a Nairobi.
La figlia Sveva e i più stretti collaboratori hanno confermato le condizioni serie della scrittrice italo-keniota nata a Treviso 73 anni fa.
La conservazionista è ricoverata in terapia intensiva e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Questione di acqua, solitamente.
O anche di foglie più gustose e...

LEGGI L'ARTICOLO

In questo periodo di drammi per il genere umano, la Natura continua a regalarci motivi per sperare nella ...

LEGGI L'ARTICOLO

Le cifre presentate dall'ICEA, Lion General Insurance Company al Kenya Wildlife Service parlano chiaro, anche quest'anno è stata raggiunta quota 100 leoni uccisi nella savana del Kenya. 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Chi ama gli animali e la Natura africana non può che piangere la scomparsa dell’angelo custode degli elefanti in Kenya.
Daphne Sheldrick, fondatrice della David Sheldrick Foundation, creata 41 anni fa in memoria del marito, ranger nello Tsavo, è mancata...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il 2015 e il 2016 saranno gli anni decisivi per il turismo in Kenya. 
Di questo sono convinti un po' tutti i tour operator europei che hanno a che fare con il Paese africano e che hanno investito nella gestione...

LEGGI TUTTO

Ventisei esemplari di elefanti morti per cause non naturali ma non legate direttamente al bracconaggio.
Questo il preoccupante bilancio redatto dai...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO