Storie

STORIE

L'avventura dei leoni di ghiaccio, da Nairobi al Canada

I sogno dell'hockey di ragazzi keniani si realizza e diventa un video

17-10-2018 di Freddie del Curatolo

Niente è impossibile in Kenya, nemmeno giocare sul ghiaccio per chi la neve l’ha vista da lontano solo sulle cime del Monte Kenya o del Kilimanjaro e non pensa che il termometro possa mai andare sotto lo zero.
La storia che raccontiamo ricorda un po’ quella(vera) dei quattro atleti giamaicani che si invaghirono dello slittino e si allenarono, finanche su piste di sabbia, per poter partecipare alle Olimpiadi invernali. 
Da quell’avventura fu tratta anche una commedia hollywoodiana di successo.
La nostra vicenda invece parte dall’Equatore africano e dalla capitale del Kenya, Nairobi.
Qui la passione sportiva diventa un fenomeno vincente grazie soprattutto ai grandi corridori, mezzofondisti e maratoneti degli altipiani. Poi c’è il rugby, che attrae le nuove generazioni e ha dato soddisfazioni a livello internazionale nella nuova formula a sette giocatori. Il calcio invece rimane uno sport da guardare alla televisione, sperando quest’anno nel miracolo della qualificazione della nazionale, le Harambee Stars, ai Campionati d’Africa.
Di Mondiali, ovviamente manco a parlarne. 
Nel 2005 un prestigioso hotel di Nairobi, il Panari, decide di investire ben 700 mila dollari per creare qualcosa  che in Kenya ancora non era presente, una pista di pattinaggio su ghiaccio e hockey regolamentare. 
Per appassionare i ragazzi della capitale e far funzionare l'impianto non solo con gli stranieri, furono create la squadra di pattinaggio femminile e un team di hockey maschile. 
Con l’entusiasmo e la voglia di imparare, la generosità di turisti e associazioni di solidarietà americane e canadesi, in poco tempo i ragazzi sono stati riforniti di mazze, pattini e un minimo di "armatura", e hanno creato le loro rudimentali divise: colori della bandiera keniana ma al posto del celeberrimo scudo maasai, un leone rampante.
Ecco il nome: “Kenya Ice Lions”, i leoni di ghiaccio del Kenya.
Duri allenamenti, stage con turisti di passaggio ed appassionati di stanza a Nairobi, anni di pratica ma senza poter giocare una partita vera.
Una passione crescente che li fa diventare amici e li toglie dalla strada e dalle tentazioni di una città dai tanti paradossi sociali.
Nel frattempo chi si prende a cuore la loro costanza, prova a contattare altre squadre, ma i soldi o sponsor per ospitare team dal Sudafrica, dalla Namibia o dall’Egitto, uniche nazioni africane ad avere squadre di hockey su ghiaccio, non ce n’erano. Idem per una trasferta.
Spunta ad un certo punto anche un fantomatico team di Gibuti, ma era un espediente per spillare ai ragazzi e ai loro sponsor un po' di soldi.
Proprio all'ombra dell'ultima delusione, arriva l'inaspettato: avendo saputo la loro storia, la catena di ristoranti canadesi Tim Hortons si offre di organizzare una tournée ai leoni, per farli giocare finalmente addirittura contro due squadre della lega nazionale.
Un evento incredibile ed emozionante, per atleti dilettanti che nel corso del tempo sono diventati grandi fan proprio del campionato canadese, seguendolo in televisione o su internet.
Al loro arrivo a Toronto, la grande sorpresa: giocare in uno stadio di serie A e avere nella propria squadra il “rinforzo” di due dei più grandi giocatori di hockey del mondo: il capitano dei Pittsburgh Penguins, Sidney Crosby e Nathan MacKinnon, dei Colorado Avalanche. 
Tutta l’avventura e le loro emozioni sono state immortalate in un mini documentario dal titolo “La partita in trasferta” e grazie a Timo Hortons promuoveranno raccolte di fondi per creare una vera e propria scuola di hockey su ghiaccio a Nairobi. 

TAGS: leoni ghiacciohockey kenyaghiaccio kenya

Per soggiornare in Kenya arrivando dall'Italia non è obbligatorio fare alcuna vaccinazione.
La febbre gialla da anni non si manifesta nel territorio e già dal 1989 non è più obbligatorio farla. Viene richiesta solamente a chi arriva da Paesi dove...

LEGGI GLI ARTICOLI  SULLA MALARIA QUI SOTTO

Quando il turismo da safari può salvare gli animali. 
I nostri "Amici dello Tsavo" questa volta durante una delle loro escursioni con i clienti appassionati, hanno fatto salvare un cucciolo di leone rimasto impigliato al collo in un cavo d'acciaio...

LEGGI TUTTO

Le cifre presentate dall'ICEA, Lion General Insurance Company al Kenya Wildlife Service parlano chiaro, anche quest'anno è stata raggiunta quota 100 leoni uccisi nella savana del Kenya. 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da mezzo secolo le leggende attorno alle fatidiche malattie africane si moltiplicano, tanto che gli stessi insetti ed animali faticano a stare dietro ai nuovi virus scoperti.
Figuriamoci la medicina, sempre...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Oggi ho un po’ triste, perché devo tornare in Italia.
Se sarebbe per me resterei a Malindi tutta la vita e anche di più. 
Ma primo tengo famiglia, secondo tengo una moglie terzo tengo un lavoro in nero e di...

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

Una volta gli ascari, avevano il fucile di legno.
Sono stato in Kenya varie volte, la prima quasi 20 anni fa.
Ma in questo lungo periodo trascorso, credo che il progresso sia cresciuto enormemente in una sola direzione, quella dell'affascinante indolente lentezza...

LEGGI I TRE RACCONTI

Malaria e virus importanti, a livello di malattie da prendere in Africa, hanno sicuramente la prima pagina, si fanno cliccare e danno visibilità. 
Tornare dal Kenya con l’ebola può essere un motivo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Per chi ama veramente l'Africa questo è il periodo più bello dell'anno, ma pochi lo vivono.
Due giorni allo Tsavo East e si sono aperte le porte del Paradiso terrestre.
A parte gli sconti praticati dai vari lodges in bassa...

LEGGI TUTTO

Dopo l'ultima vicenda che ha riguardato un turista arrestato nel Parco Nazionale dello Tsavo Est per aver usato senza permesso un drone telecomandato per riprendere una coppia di leoni (chiaramente disturbati dall'oggetto aereo)...

APRI O SCARICA L'ALLEGATO IN PDF

Sarà un lascito degli antichi romani con le loro “domus”, sarà che abbiamo avuto i primi grandi architetti dell’umanità o semplicemente che siamo sempre stati un popolo di ciabattari.
Ma noi italiani abbiamo il culto della casa e lo esportiamo...

LEGGI TUTTO L'EDITORIALE

Il Governo del Kenya sta pensando a condannare con la pena capitale i bracconieri che uccidono le specie protette della savana.
Il Ministro keniano del Turismo e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Alcuni secoli prima di Cristo, Malindi e il Kenya erano luoghi incontaminati: nessuna strada, nessuna palazzina, neanche un bresciano o un bergamasco. 
A quei tempi l’impero romano, dopo la presa di Cartagine e la presa per i fondelli di Annibale,...

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

Gli appassionati di serie televisive di Canale 5 lo conosceranno come interprete di Carabinieri, Centovetrine , Le tre rose di Eva , solo per citarne alcune. Lui è Roberto Farnesi, attore cinematografico e televisivo, molto noto al pubblico, soprattutto femminile. LEGGI TUTTO

Gurba pulisce con flemmatica fretta africana la sua “speed boat”. 
Liquidi marroncini, antenne di crostaceo spezzate, mosche annegate compongono un guazzetto da spazzare via con altra acqua di mare.
Una spolverata di detersivo per cancellare l’odore e barca come nuova...

LEGGI TUTTO E GUARDA LA FOTOGALLERY

Siamo allo Tsavo e lungo il circuito del Voi River notiamo tre leoni maschi,dalla fulva e corta criniera, camminare in una zona pianeggiante punteggiata da bassi cespugli. Sappiamo essere tre fratelli e uno di loro zoppica in modo vistoso.
Cammina...

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Il "boom" dei droni telecomandati con cui filmare le scene dall'alto e da vicino, rischia di creare problemi agli animali in savana e a chi li usa, dato che in Kenya è illegale. Per usare i droni, anche non in...

LEGGI TUTTO