Storie

LUOGHI

La storia del più antico albergo del Kenya

L'Africa Hotel di Mombasa fu costruito nel 1900

28-05-2019 di Freddie del Curatolo

Era il 1898, nel porto di Mombasa iniziavano ad arrivare navi britanniche dall’India, cariche di merci e di attrezzi per costruire la famosa ferrovia che avrebbe collegato quella che allora era la prima città del Kenya, oltre che il porto più importante dell’Est Africa, con il protettorato dell’Uganda.
Molti sudditi della Regina si erano già spinti nell’interno ed avevano individuato nella zona paludosa che i maasai chiamavano Nai’robi (campo delle acque fredde) il crocevia della nuova linea ferroviaria.
Le navi trasportavano anche operai indiani che avevano già dimestichezza con il lavoro e con i ritmi imposti dai britannici e che conoscevano locomotori e rotaie.
A quei tempi i keniani avrebbero chiamato la locomotiva semplicemente “gari la moshi” (macchina del fumo) e il primo convoglio “nyoka mweusi kubwa”, il grande serpente nero.
Insieme ai coloni e agli operai, a Mombasa sbarcavano da Goa, Calicut e Bombay anche mercanti ed avventurieri che provavano il business in una terra nuova.
Fu così che una coppia di faccendieri indiani, che avevano soggiornato a Zanzibar dove dieci anni prima era stata aperta con successo la prima locanda dell’Est Africa, decisero di aprire in Vasco Da Gama Road, l’arteria principale della Old Town che parte dal celeberrimo Fort Jesus, quello che ancora oggi viene ricordato come il primo Hotel del Kenya.
Oggi il palazzo mantiene nell’insegna storica ed in alcuni particolari al suo interno, ancora la storia e le evocazioni del tempo, anche se è stato da tempo adibito in parte a museo e in parte una scuola privata , dopo che per tanti anni, dopo essere stato chiuso e venduto, l’Africa Hotel si è trasformato anche in una drogheria, una scuola, un affittacamere.
Diciannove anni fa il commerciante Yusuf Abdullah comprò per due lire l’edificio che da tempo era malridotto e necessitava di restauro. Dopo aver conosciuto la sua storia ed aver appreso da un libro del 1908 quanti segreti e risvolti portava con se quel mitico edificio, decise a sua volta di aprire un albergo. Ma i tempi erano cambiati, e ha preferito successivamente tornare all’idea del museo, che oggi è visitabile.
“Quando ho comprato questa casa era molto vecchia. C'erano alcuni inquilini che vivevano qui – raccontò Yusuf ad un giornalista locale – un giorno però passò di qui un giovane che aveva in mano un vecchio libro, che raccontava storie ed eventi che si erano svolti proprio in questo posto. Allo stesso tempo i funzionari del Museo Nazionale del Kenya sono venuti e hanno affisso una tavola di legno con informazioni dettagliate sull’edificio e sulle attività ad esso collegate”.
Questo è forgiato sull’iscrizione: "Il primo albergo in Kenya ha iniziato ad operare nel 1901. I visitatori sono invitati all'interno per vedere l'architettura e una galleria fotografica che cattura quei tempi, oltre all’originale balcone di legno intagliato che ha 118 anni”.
L’Africa Hotel era una struttura sullo stile portoghese con dodici camere ed una grande sala ristorante al pian terreno, che sembrava un tinello inglese.  Nel 1900 era l’unico edificio davanti al mare e i suoi balconi dominavano il canale di Mombasa. Dell’Africa Hotel racconta nei suoi diari anche Sir James Sadler Hayes, governatore del protettorato dell’Africa Orientale dal 1906 al 1909, che soggiornò in quello che definì come “il più antico albergo di Mombasa”.
In un libro degli ospiti sono raccolte anche lamentele, specie di commercianti e ufficiali inglesi che si lamentavano della sporcizia della zona (sic!) e degli odori forti di fritto, di pesce e di curry.
Negli anni Trenta l’Africa Hotel cambiò proprietà, lo comprò un certo Da Souza, indiano di Goa, che decise di trasformarlo in drogheria. I tanti clienti dovettero ripiegare su altri due hotel della zona, come il nascente Castle, mentre in Vasco Da Gama Road erano già state costruite altre abitazioni che ospitavano consolati, uffici pubblici e negozi.
Yusuf oggi vive all’ultimo piano e i turisti che tornano a visitare la Old Town di Mombasa ed i suoi edifici decadenti con le porte intagliate, i caratteristici vicoli stretti, i mercati e i negozi di souvenir, hanno la possibilità di scoprire anche la storia del più antico hotel del Kenya.

TAGS: albergo kenyastoria mombasstorie kenyaafrica hotel

Può la storia degli italiani in Kenya essere racchiusa in una serata di racconti e canzoni?
L'unico che forse può provarci è Freddie del Curatolo, scrittore performer e direttore del portale malindikenya.net, con la preziosa collaborazione del Maestro Marco "Sbringo"...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Una storia appassionante, di tempi che furono e di chi sogna di riviverli, fino a tornare dove i racconti che ha ascoltato nacquero.
E' il Kenya di "Il signore delle pianure", il libro dello scrittore spagnolo Javier Yanes, pubblicato in Italia...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Si chiude giovedì sera, 11 gennaio, al Baby Marrow Art Restaurant di Malindi, la fortunata rassegna di racconti, canzoni, poesia e musica "Io conosco il canto dell'Africa", ideata da Freddie del Curatolo con la collaborazione artistica di Marco Bigi.
L'ultima delle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiamano "Tinga Tinga Tales" e sono delle bellissime storie animate per ragazzi create da una società di animazione digitale di Nairobi e ideate e prodotte da una sceneggiatrice britannica innamorata dell'Africa, Claudia Lloyd.
Vanno in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Per fortuna il Marafiki era un albergo chiuso, e anche per quello le fiamme si sono propagate.
Ma è stato anche l'intervento del gruppo Malindi Against Crime (MAC) e di molti membri dell'associazione MWTWG (tra cui Kilili Baharini, Mwembe e...

GUARDA LA GALLERY FOTOGRAFICA

Storie d'altri tempi o di tempi semplicemente diversi dai nostri. A Malindi uno dei tanti figli di un anziano padre di famiglie (e il plurale è d'obbligo, data la poligamia della tribù locale) dopo la morte del padre ha deciso...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una settimana per celebrare la gastronomia e la cultura italiana a Nairobi, con musica, mostre fotografiche, danza, teatro ed altri eventi.LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Malindi torna a far parlare in positivo di sé nel mondo della promozione turistica internazionale di alto livello, grazie ad uno dei suoi resort.
Il Diamonds ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Più di trent'anni a Malindi con la stessa compagna, con lo stesso socio in affari, con inalterato amore per il Kenya, il suo clima e la sua natura. 
La storia di Armando Cerato, cuneese arrivato per la prima volta a...

LEGGI TUTTO

Si chiama "Patrimonio Italiano Tv" ed è una televisione online che si connette con tutti i Paesi del mondo in cui ci siano connazionali di cui vale la pena raccontare le storie.
Il suo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Cosa accade veramente nel 1952 quando Frank Sinatra, accecato dalla gelosia per Ava Gardner, piombò da New York a Nairobi sul set del film Mogambo, che la sua compagna, focosa attrice di Hollywood, stava girando accanto allo sciupafemmine Clark Gable?

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

In dieci anni sono stati almeno altrettanti gli incendi importanti nella cittadina keniana.
Molto...

LEGGI L'ARTICOLO

Sono già 17 gli hotel e resort della costa keniana ad aver messo al bando le bottiglie di plastica e le cannucce per le bibite.
La decisione è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Secondo giovedì di pienone per lo spettacolo di Freddie e Sbringo incentrato su storie di uomini e...

LEGGI L'ARTICOLO

Sono terminate le riprese del docufilm "Italiani in Kenya", mediometraggio commissionato dal Ministero degli Esteri italiano, tramite l'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi, nell'ambito della settimana della lingua italiana nel mondo. 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

LIBRI KENYA

Ebano - Ryszard Kapuscinski

Feltrinelli

di redazione

Iniziamo dicendo che Ryszard Kapuscinski è il più grande giornalista che abbia mai scritto d'Africa e quello che meglio ne ha capito la civiltà, la natura, la filosofia. Ed è curioso che sia stato un polacco, quanto di più distante...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE