Storie

STORIE

La vera storia di "Stellah", la canzone d'amore dei kenioti

Dopo 25 anni è ancora la più votata, per via della sua vicenda umana

18-05-2017 di redazione

I kenioti hanno eletto “Stellah” la canzone d’amore più bella di sempre in Kenya.
Niente a che vedere, né musicalmente né poeticamente con l’eterna Malaika (che per il vero non si sa ancora se sia un pezzo tradizionale tanzaniano o effettivamente sia stata scritta dal cantautore keniano Fadhili Williams), sarebbe un po’ come votare “Ti amo” di Umberto Tozzi invece di “Il cielo in una stanza” di Gino Paoli.
Ma le canzoni d’amore hanno spesso una forza emotiva che ha poco a che fare con accordi e armonie, perché nascono spesso da storie vere, da stati d’animo provati sulla pelle di chi le compone e che quasi sempre parlano di abbandoni, di sconfitte se non di rimorsi o tradimenti.
E’ il caso di “Stellah” la cui storia ha appassionato i keniani di almeno tre generazioni.
La canzone, un classico esempio di rhumba, ritmo ballabile centrafricano che si è evoluto nelle regioni intorno al Lago Vittoria, è stata scritta dal cantante e chitarrista Freshley Mwamburi, musicista nato e cresciuto alle falde del Kilimanjaro, nella provincia di Taita Taveta.
Siamo negli anni Ottanta, Freshley era innamorato di una ragazza di nome Stellah, conosciuta alle superiori. A quei tempi suonava in un gruppo che si chiamava in maniera quasi ironica “Everest Kings”.
Il musicista e la studentessa ebbero una breve storia d’amore, poi lei decise di lasciarlo e trasferirsi a Nairobi, dove si fidanzò con un altro keniota.
Il cuore spezzato per la bella fidanzatina ispirò a Mwamburi quella che sarebbe diventata la prima vera hit keniana. La canzone divenne un inno, approdò in tutte le radio nazionali e arrivò anche alle orecchie e nei negozi di dischi e musicassette di Tanzania e Uganda.
Non c’era gruppo di rhumba che nel momento clou della serata live non suonasse “Stella wangu”, (primo titolo del brano) la canzone degli innamorati.
La ballata assurse poi a leggenda quando Freshley, diventato leader dei Les Wanjika, una delle band più popolari di tutto l’Est Africa, raccontò tutti i retroscena di quella canzone, ovvero la storia vera di un amore, divenuto platonico, che durò più di dieci anni e si concluse il 17 maggio 1992, esattamente 25 anni fa.
Prima di allora furono anni di lettere, telefonate, speranze.
Stellah lasciò il fidanzato per trasferirsi a studiare in Giappone, e Freshley all’apice del successo, non volle mai farle mancare il suo affetto e decise anche di aiutarla economicamente negli studi.
Le scrisse decine di lettere appassionate, ma ricevette in cambio solamente amicizia e riconoscenza.
Tuttavia il musicista non smise mai di sognare che, al ritorno dall’Oriente, Stellah potesse decidere di sposarlo. Freshley scrisse altre canzoni dedicate a lei, praticamente l’intera sua produzione.
Il giorno in cui Stellah, finita l’università, decise finalmente di tornare in Kenya, l’eterno innamorato si presentò all’aeroporto di Nairobi con la chitarra a tracolla, pronto a cantare la canzone che lo stava rendendo famoso ovunque.
Ma la scena che si presentò davanti a Mwamburi fu assolutamente inaspettata.
Dalla scaletta dell’aereo insieme alla “sua” Stellah, scese anche un bambino in un passeggino e un ragazzo giapponese. La ragazza riconobbe il musicista e gli andò incontro abbracciandolo.
“E’ mio figlio – gli confidò candidamente – e lui è mio marito, un collega di università conosciuto in Giappone”.
A quel punto Freshley decise di non portare rancore (e come avrebbe potuto) ma di cambiare il testo di “Stella Wangu” che divenne semplicemente “Stellah”, fu incisa in un nuovo disco e raccontò l’intera storia. Una storia che ancora adesso commuove tantissimi keniani, che addirittura ogni anno ricordano il 17 maggio come “il giorno del ritorno di Stellah”.
Oggi Freshley Mwamburi non ama più parlare della storia di Stellah, la canzone che nel frattempo è stata incisa in versioni afro, reggae e in remix da discoteca.
Lui conduce una vita tranquilla, si esibisce nella zona di Machakos con i suoi Everest Kings e ogni tanto riceve qualche notizia dal suo amore di un tempo, dalla protagonista della canzone della sua vita e di quella di moltissimi kenioti.

TAGS: Stellah SongCanzoni Kenya

Una serata all'insegna dell'amicizia e del piacere di stare insieme nell'atmosfera da "trattoria" del People Bar & Restaurant.
Lunedì sera, 13 febbraio, Freddie e Sbringo in versione acustica incontrano l'amico cantautore Andrea Parodi, amico di tanti songwriter americani e italiani,...

LEGGI TUTTO

Una festa senza precedenti per Malindi e la sua gente, migliaia di persone hanno affollato sabato sera lo spazio dell'ex Sinbad di fianco al Casino, ma altre migliaia erano nelle strade e negli spiazzi attigui e sono confluiti lungo tutta...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LA GALLERY

Per il quarto giovedì di seguito, tutto esaurito e grande attenzione con applausi convinti al Baby Marrow di Malindi, per la rassegna di racconti, poesie e musica "Io conosco il canto dell'Africa" ideata e condotta da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Torna anche quest’anno all’Olimpia Club l'alfiere italiano del "belcanto" a Malindi, il romano Salvatore Strano, che l'anno passato aveva intrattenuto i connazionali con la sua voce e un repertorio infinito di canzoni immortali. 
Da domani sera...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Può la storia degli italiani in Kenya essere racchiusa in una serata di racconti e canzoni?
L'unico che forse può provarci è Freddie del Curatolo, scrittore performer e direttore del portale malindikenya.net, con la preziosa collaborazione del Maestro Marco "Sbringo"...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Come è arcinoto, la Festa degli Innamorati cade il giorno di San Valentino, mercoledì 14 febbraio.
Ma a Malindi c'è anche chi festeggia il giorno dopo, San Faustino, protettore dei ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un Ernest Hemingway "keniano" che si racconta in prima persona, dalla stanza del Nairobi Hospital dove è ricoverato.
Siamo nel 1953 e Freddie del Curatolo inizia così il suo racconto, che prenderà forma con l'intermezzo di

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Cosa accade veramente nel 1952 quando Frank Sinatra, accecato dalla gelosia per Ava Gardner, piombò da New York a Nairobi sul set del film Mogambo, che la sua compagna, focosa attrice di Hollywood, stava girando accanto allo sciupafemmine Clark Gable?

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

A grande richiesta lo spettacolo di musica, racconti ironici, poesie e cabaret di Freddie del Curatolo e Marco "Sbringo" Bigi, replica per due serate speciali a Watamu e Malindi.
Martedì 16 gennaio Freddie e Sbringo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una serata di racconti sul Kenya e sull'etnia Mijikenda questo martedì a Figino Serenza in provincia di Como.
Con ingresso gratuito, nella splendida ed elegante cornice di Villa Ferranti, sede della biblioteca comunale, il direttore di Malindikenya.net presenta "Il Viaggio dei Mijikenda...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiude giovedì sera, 11 gennaio, al Baby Marrow Art Restaurant di Malindi, la fortunata rassegna di racconti, canzoni, poesia e musica "Io conosco il canto dell'Africa", ideata da Freddie del Curatolo con la collaborazione artistica di Marco Bigi.
L'ultima delle...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un viaggio durato esattamente due mesi, ogni settimana a Malindi.
Una carrellata di racconti, poesie, canzoni, suggestioni nella sala del Baby Marrow Art & Food Gallery di Malindi, tra un piatto della cena e un drink.
Freddie del Curatolo ha...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

“La vita è l’arte dell’incontro”, diceva quel poeta brasiliano, che passeggiava su una spiaggia più affollata di quelle africane.
Guardo indietro la scia lasciata dal mio pessimismo occidentale, parallela a quella dell’ultimo jumbo che mi ha portato nella terra del...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Giovedì 25 gennaio andrà in scena la sesta serata settimanale consecutiva per gli spettacoli di Freddie e Sbringo al Baby Marrow Art & Food di Malindi.
Non è il caso di parlare di "sesta replica" perché ognuna delle serate...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una settimana per celebrare la gastronomia e la cultura italiana a Nairobi, con musica, mostre fotografiche, danza, teatro ed altri eventi.LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya a teatro. Malindi, Watamu, la savana, i masai, gli italiani, il popolo keniota. "Freddie del Curatolo vi racconta il Kenya" ha esordito sabato sera al Teatro Nuovo Ariberto di Milano con un grande successo. Accompagnato da Marco "Sbringo"...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO