Storie

PERSONE

Phyllis, Green Nobel keniano che invita gli africani a non emigrare

L'esempio: "dobbiamo lottare nelle nostre Patrie per una vita migliore"

24-06-2018 di Freddie del Curatolo

Ha il volto buono di una delle tante mamme dei quartieri poveri di Mombasa, Phyllis Omido.
Ma ha le palle di chi non si è arresa di fronte all'evidenza di una vita incanalata su binari che per molti concittadini sembrano inscartabili.
La sua storia è ormai conosciuta in tutti gli ambienti internazionali legati alla salvaguardia della salute dell'uomo e alla salvaguardia del suo habitat.
Fino a qualche anno fa era una ragazza madre di Owino Uhuru, slum di fango e lamiera popolato da gente della tribù di Raila Odinga, i luo originari del Lago Vittoria. Infaticabili lavoratori e abili artigiani, molti dei suoi vicini di casa lavoravano nelle tante fabbriche dei sobborghi di Mombasa.
Così l'esigenza di un buono stipendio l'ha portata, dopo gli studi a Nairobi, a dare in gestione il suo chiosco nello slum e farsi assumere alla Metal Refineries, fabbrica di proprietà di indiani che riciclava batterie usate per estrarre piombo.
Responsabile delle risorse umane, il suo ruolo da impiegata.
Pochi mesi dopo l'assunzione, il figlio che stava allattando si ammalò. E quando i test su altri bambini rivelarono nel sangue livelli di piombo più di trenta volte superiori al limite fissato dall’Organizzazione Mondiale della Sanita, il suo sospetto diventò una certezza: il metallo aveva avvelenato l’ambiente, provocando decine di morti. La stessa sorte sarebbe toccata al piccolo Omido, se la madre non si fosse potuta permettere di accedere alle cure mediche proibitive per un keniano qualunque: duemila dollari.
Dopo le sue proteste e data la sua posizione, il conto delle cure lo pagò l'azienda, in cambio del suo silenzio.
Ma Phyllis non poteva continuare a tacere, e la sua coscienza ha risvegliato ache quella del Kenya.
Nel 2009 Phyllis ha fondato il Centro per la giustizia e la governance per l’ambiente e con una "class action" ha portato il caso alla Corte Suprema del Kenia e all’attenzione dell’Onu.
Nel 2014 la Metal Refineries ha dovuto chiudere i battenti.
E Il Goldman environment prize, il cosiddetto Green Nobel ricevuto l’anno dopo, ha assicurato al suo impegno civile un’eco internazionale.
Ma Phyllis è rimasta senza lavoro, e una donna così combattiva e "rognosa" non la vuole nessuno, così a soli quarant'anni si arrangia come può, con lavori saltuari e consulenze.
Costretta più volte a cambiare domicilio per ragioni di sicurezza, paragona il suo nomadismo forzato a quello dei tanti africani che decidono di lasciare la loro Terra per tentare la fortuna in Europa.
“Nessuno dovrebbe emigrare, è la cosa più brutta che possa esistere, gli africani amano la loro casa e la loro casa è in Africa. Il nostro dovere come cittadini della terra è garantire che ciascuno nel mondo sia libero di svolgere il proprio lavoro e scegliere come vivere senza dover lottare per accedere a bisogni tanto primari come il cibo, l’acqua e le medicine”.
Phyllis oggi è ambasciatrice di battaglie contro le multinazionali che nel suo Continente sfruttano e inquinano.
“I keniani e gli africani hanno bisogno di una forma di governo che ristabilisca la fiducia dei popoli nei nostri paesi e in Africa - ha dichiarato recentemente ad Articolo 21 -   Le comunità locali hanno bisogno di essere rese autonome nell’accesso alle informazioni, nella partecipazione pubblica alle attività decisionali e di un effettivo accesso ai rimedi giuridici, solo così l’Africa si potrà emancipare dalla corruzione che causa il proliferare di perdite di assetti e risorse pubbliche e potrà ristabilire la fiducia del popolo nella sua sovranità. Esorto le nazioni mondiali a sostenere la conservazione delle radici africane e l’impegno della società civile a restituire dignità, attraverso una efficace amministrazione che crei opportunità per tutti, in modo da restituire speranza ai nostri popoli e non farli cadere vittima della tragedia dell’immigrazione e del danno che ne consegue. Così da poter costruire l’Africa conservando le preziose risorse dei giovani che sono disperse con l’immigrazione”.

TAGS: phyllis omidoambiente kenyapremio kenyadonne kenyagiustizia kenya

“Se l’Africa non fosse donna, si chiamerebbe Africo”.
La battutaccia non è mia (per fortuna, ma ho fatto anche di peggio) ma di un...

LEGGI TUTTO L'EDITORIALE

Un progetto che abbina aiuti al femminile con la tutela dell'ambiente nell'entroterra di Kilifi e di Malindi.
L'associazione italiana Africa Milele, che può contare su un numero crescente di appassionati volontari e opera principalmente a Chakama, sulla strada per il...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Kenya fa il bis!
Anche quest'anno, dopo aver conquistato l'ambito premio l'anno scorso, oltre già al 2013 e 2015, il Kenya si è aggiudicato la palma d'oro come migliore destinazione mondiale per i safari e miglior destinazione africana per le...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il romanzo della giornalista Rai Isabella Schiavone "Lunavulcano", che abbiamo recentemente recensito qui (clicca qui per leggere la recensione) è stato selezionato  per il prestigioso premio Strega 2018.
L'importante...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

E' un gruppo di donne italiane, capeggiato da Rita Valentini, ad organizzare a Malindi ogni anno il "Flash Mob" contro la violenza sulle donne, che si tiene in contemporanea nelle piazze di tutto il mondo.
Si tratta di una coreografia...

LEGGI TUTTO

Anche quest'anno il Maasai Mara è la migliore riserva di tutto il Continente africano, e Diani Beach la migliore spiaggia.
Questo è emerso dalle premiazioni dei...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'aumento dei salari minimi nazionali promessi dal presidente del Kenya Uhuru Kenyatta durante i festeggiamenti del 1 maggio sono già realtà.
Il decreto legge firmato 1 maggio 2017 che porta il nome del Ministro del Lavoro Phyllis Kandie propone tutti...

CLICCA QUI PER SCARICARE IL DOCUMENTO

"Stiamo lavorando al collegamento diretto tra l'aeroporto di Malpensa e quello di Malindi". 
Una dichiarazione forte, importante, perché arriva direttamente da Phyllis Kandie, Ministro del Turismo del Kenya. 

LEGGI TUTTO

Alla faccia della Tanzania e di Zanzibar che hanno organizzato l'edizione 2016 degli World Tourism Awards per l'Africa. Il Kenya anche quest'anno si aggiudica il maggior numero di "oscar" del turismo, ben cinque, superando Sud Africa, Malawi e gli stessi...

LEGGI TUTTO

Novità per quanto riguarda le pensioni di anzianità per le donne.
L'INPS ha diramato un nuovo comunicato che da la possibilità a coloro che hanno compiuto il cinquantottesimo anno di età e ne hanno 35 di contributi di poter accedere...

LEGGI E SCARICA GLI ALLEGATI PER SAPERNE DI PIU'

"E'una notizia molto positiva quella che riguarda l'adeguamento dell'aeroporto di Malindi ai voli lungo raggio e che conferma il lavoro svolto in questi anni dal governo per avere uno scalo nel posto in Kenya tra i piu graditi agli italiani.
Sono...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

(foto di Paolo Torchio) Dopo il divieto totale dei sacchetti di polietilene, il Ministero dell'Ambiente del Kenya sta pensando seriamente di vietare le bottiglie di plastica su tutto il territorio nazionale per proteggere l'ambiente.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Va in scena oggi, domenica 18 settembre la sesta edizione della Maratona Internazionale di Malindi, organizzata dal Rotary Club locale.
Si tratta di una gara ufficiale e competitiva, registrata nel novero delle maratone internazionali, che richiede un'iscrizione di Kshs. 1000...

LEGGI TUTTO

Da settembre 2017 niente più sacchetti di plastica in Kenya.
Una splendida notizia per la tutela dell'ambiente.
Il Paese africano in continua crescita, deve fare i conti con l'inquinamento non solo dell'aria a Nairobi e Mombasa, ma anche con quello...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Anche a Malindi mercoledì 14 febbraio va in scena il famoso ballo di solidarietà "One Billion Rising", contro lo sfruttamento delle donne, solidarietà contro il razzismo e contro il sessismo ancora presenti in tutto il mondo.
E' un gruppo di ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La National Environment Management Authority, braccio esecutivo del Ministero dell'Ambiente keniano, ha presentato la sua proposta per vietare la produzione e la distribuzione delle bottiglie di plastica nel Paese, a partire dal prossimo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO