Storie

STORIE

Quando il mostro del Circeo faceva le pizze a Malindi

Chiuso per sempre il processo e il mistero di Andrea Ghira in Kenya

12-09-2017 di Freddie del Curatolo

Nei giorni scorsi la Giustizia italiana ha archiviato per sempre uno dei capitoli delittuosi più famosi della cosiddetta “Roma bene”, il massacro del Circeo.
Era il 1975 e due ragazze furono violentate e seviziate (una a morte, l’altra si salvò fingendosi tale) da tre rampolli di “buona famiglia”. 
Uno di loro, Andrea Ghira, figlio di un noto campione olimpico di pallanuoto, riuscì a scappare e, secondo l’inchiesta e le ripetute analisi dei suoi resti nel corso degli anni, sarebbe morto per overdose nel 1994 in Spagna, dopo essersi arruolato nella Legione spagnola di stanza in Marocco.
L'appendice del processo cercava di stabilire chi dall'Italia avesse alimentato la fuga e sponsorizzato la latitanza di Ghira per vent'anni.
In quel tempo il giovane assassino sarebbe stato visto in Argentina, in Nord Africa e anche in Kenya. Dopo la sua morte, furono molte le testimonianze in tal senso e la notizia uscì anche su quotidiani e periodici.
Metà anni Ottanta, inizio Novanta erano gli anni in cui tra gli italiani (tutti gli italiani, ma la colonia romana era ben rappresentata) andava di moda la vacanza, se non la fuga, a Malindi.
Quel paradiso esotico senza accordi di estradizione con l’Italia, iniziava a fare gola più del Sudamerica a pentiti, teste di legno e a chi aveva guai d’ogni tipo con la Giustizia. Facevano parte di tutti i connazionali che, per un motivo o per l’altro, volevano rifarsi una vita.
C'erano falliti, divorziati, appassionati di caccia grossa, anche tante brave persone. Ma anche figli di puttana che la metà bastava.
Era uno specchio del Belpaese rosso e nero degli anni di Piombo.
Malindi non era certo il luogo dove continuare a perpetrare malefatte, piuttosto l’Africa poteva essere il “buen retiro” dove riprendere il contatto con la vita vera o coltivare per sempre una nuova identità.
Ma a qualcuno, alla fine, anche la prigione tiepida e dorata all’ombra delle palme, poteva stare stretta.
In quella Malindi, per due o tre anni, fu alimentata la leggenda che Andrea Ghira fosse “Lorenzo”, il gestore di I Love Pizza. Ovviamente non era cosí, ma
Lorenzo era proprio un rampollo romano e c’era chi giurava che avesse una somiglianza impressionante con il “Mostro del Circeo”. D’altronde si sapeva che fosse ricercato in tutto il mondo e che la vittima rimasta viva, Donatella Colasanti, stesse impiegando la propria esistenza con avvocati ed investigatori per trovarlo e farlo marcire in galera.
Ma il Lorenzo “Ghira” di Malindi sembrava troppo tranquillo e disinvolto, re delle notti e della caipirinha (leggenda vuole che fu lui ad insegnarla ai primi barman keniani) per essere ricondotto all’inquieto estremista di destra dei Parioli che aveva partecipato ad uno dei più efferati omicidi degli anni Settanta.
Le pizze di Lorenzo in realtà rivelavano come non fosse del mestiere, perché non erano un granché, ma la sua clientela era quanto di più vario potesse offrire una “Banana Republic”, come cantavano Lucio Dalla e Francesco De Gregori. Ad “I Love Pizza” (ormai chiuso per sempre, come il processo del Circeo) potevano stazionare nella stessa sera l’ex brigatista rosso Roberto Sandalo, il figlio ribelle di Gianni Agnelli Edoardo, il tennista Nicola Pietrangeli e il delfino di Craxi Claudio Martelli, con Albano e Romina a canticchiare “Nostalgia Canaglia”.
Era una Malindi assurda, misteriosa, anarchica e per niente candida. Ma così romanzesca e piena di personaggi incredibili che anche un “mostro” ci poteva stare bene, con le dovute distanze.
Oggi, con l’estradizione e gli accordi tra polizie internazionali, il Kenya non è più quel tipo di paradiso, ma è anche l’Italia ad essere cambiata. La Ndrangheta è nei ministeri, la mafia si occupa di marketing ed informatica e i crimini per cui si scappa all’estero sono soprattutto quelli tributari.
Fa ridere chi parla oggi di una Malindi ricettacolo di mafiosi e criminali, più passano gli anni e più la si potrà paragonare alla Brooklyn degli anni Trenta o alla Panama del secondo Dopoguerra.
Ma di Mostri (o presunti tali) a preparare caipirinhe e a sfornare pizze, non ne vedremo più. 

TAGS: Andrea Ghira KenyaCirceo Malindilatitanti Malindicriminali Kenyaprocesso Kenya

Ieri, in coincidenza con la fine di un lungo processo giudiziario in Italia, Malindikenya.net vi ha raccontato una delle tante leggende, palesemente false, della Malindi degli anni Ottanta.

LEGGI L'ARTICOLO

Ancora non è arrivata la notizia ufficiale dell'estradizione del gestore del Mario's Lounge Bar.
Secondo il quotidiano "The Star" sarebbe già stato spedito in Italia, secondo il suo legale John Kaminwa c'è una richiesta della Corte di Malindi da far...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una serata di racconti sul Kenya e sull'etnia Mijikenda questo martedì a Figino Serenza in provincia di Como.
Con ingresso gratuito, nella splendida ed elegante cornice di Villa Ferranti, sede della biblioteca comunale, il direttore di Malindikenya.net presenta "Il Viaggio dei Mijikenda...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Mario Mele, il proprietario del Mario's Bar di Malindi e, con altri soci, del Mario's Budda's all'interno del Centro Commerciale Oasis (Nakumatt) è tornato in libertà, in attesa del processo che lo vede coinvolto con l'accusa di evasione fiscale e di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Continuiamo a dirlo: vita durissima da un po' di tempo a questa parte per i latitanti italiani in Kenya: la collaborazione tra le due polizie, tra le magistrature e tra i Ministeri degli Esteri sta portando ad un lavoro di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Martedì mattina è mancato Andrea Cozzi, uno dei più simpatici e brillanti amici di Malindi.
Architetto bergamasco dalla battuta sempre pronta e dalla filosofia spicciola quotidiana. Aveva 60 anni.
La redazione di Malindikenya.net abbraccia forte Claudia e anche Dario e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un gruppo di criminali armati ha cercato questa mattina di assaltare un bus del Politecnico di Kwale, in Costa Sud, nelle vicinanze della cittadina di Ukunda.
Secondo le prime ricostruzioni dei testimoni

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una serata all'insegna dell'amicizia e del piacere di stare insieme nell'atmosfera da "trattoria" del People Bar & Restaurant.
Lunedì sera, 13 febbraio, Freddie e Sbringo in versione acustica incontrano l'amico cantautore Andrea Parodi, amico di tanti songwriter americani e italiani,...

LEGGI TUTTO

Mario Mele è tornato a "casa sua", in Sardegna.
Il popolare proprietario e gestore del Mario's Lounge Bar e del Budda's di Malindi, è stato trasferito nei giorni scorsi dal carcere di Civitavecchia, dove era detenuto da ormai più di un...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un segno di distensione nell'arroventato clima politico del Kenya, in vista del countdown verso le elezioni presidenziali del 26 ottobre prossimo.
L'alleanza NASA del candidato Raila Odinga, che formalmente...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La prima cosa di cui si informò fu se nella suite ci fosse l’aria condizionata con il telecomando. 
“Io il caldo non lo sopporto”. 
Il Califfo parlava con l’inconfondibile afonia nasale e con l’altrettanto inconfondibile accento laziale.
“Eppure sei sempre...

LEGGI TUTTO

I media nazionali del Kenya riferiscono di una domenica tranquilla in tutto il Paese, dopo le proteste di ieri nelle baraccopoli di Nairobi e nelle periferie di Kisumu, che hanno portato a scontri tra facinorosi (e malviventi) e forze dell'ordine.LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La giornata di elezioni nazionali in Kenya si è conclusa a notte fonda, con alcuni seggi ancora aperti dopo la mezzanotte in attesa di elettori, ed altri in cui per...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Quest'anno Freddie del Curatolo ha scelto i bambini come pubblico per raccontare le sue storie di Kenya, tra natura, solidarietà e momenti divertenti.
Sono le scuole elementari, particolarmente le quarte e le quinte, ad ascoltare i racconti che partono dai...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Metti una sera in Toscana tra un grande musicista figlio d'arte e un raccontatore figlio (adottivo) del Kenya ed esce fuori qualcosa di unico e sottolineato da continui applausi del pubblico presente.
Venerdì sera è andata in scena una serata...

LEGGI TUTTO

Un evento unico che unisce la cultura della costa keniota, quella dell'etnia Mijikenda, all'arte e alle culture di tutto il mondo, attraverso i veicoli imprescindibili della musica, delle parole e dell'arte visiva. Tutto insieme in una serata dal titolo "La...

LEGGI TUTTO