Storie

IL VIAGGIO

Quattro giorni prigioniero a Istanbul sognando il Kenya

Il racconto di uno degli italiani fermi nella metropoli turca sommersa dalla neve

10-01-2017 di Giovanni Tartaglia

Spesso durante il normale e, a volte, noioso trascorrere della nostra esistenza, immaginiamo di andare lontano, di evadere o semplicemente di fare un bel viaggio, semmai, meglio, durante il periodo invernale. Sì, gli occhi che vedo negli aeroporti quando mi capita, fortunatamente, spesso, di prendere questi “mostri” volanti, parlano di questo: evasione, speranza, vita nuova, avventura. Questa volta no.
Questa volta gli occhi delle persone che ho incontrato (occhi profondi, occhi diversi, occhi spersi) parlavano di timore, di abbandono, di “chi me lo ha fatto fare”... ebbene sì sono gli occhi di cinquemila passeggeri, provenienti da ogni parte del mondo, bloccati nell'aeroporto di Ataturk a Istanbul dal giorno dell'Epifania.
Ho incontrato Italiani bianchicci che avevano come destinazione finale mete equatoriali, ho incontrato italiani che tornavano, molto più scuri, dalle stesse mete; ho incrociato sguardi orientali che avevano come unica speranza quella di rientrare a casa perché al seguito c'erano i propri pargoli; ho potuto notare donne (di ogni colore) stringere a se i propri cuccioli dopo ore estenuati di attesa; ho visto uomini difendere la propria famiglia, in ogni modo, sfidando lo sguardo arcigno dei nuovi ottomani; ho visto giovani coppie abbracciarsi e godere della loro intimità anche tra tanta disperazione; ho visto gli occhi più belli, quelli dei bambini. Loro non hanno nazionalità, non hanno colore, non hanno appartenenza se non quella della speranza, della bellezza, dell'amore.. i loro occhi parlavano solo di quello.
Sono, siamo ancora qui, ad Istambul, la vecchia città che da sempre rappresenta il ponte tra l'Oriente e l'Occidente... Il fascino di Bisanzio sommersa dalla neve resterà nel mio immaginario per sempre .. come, credo questa esperienza! Si perché credo che questa città sia proprio come il Bosforo, geograficamente insegni: una linea di congiunzione tra i popoli che, oggi, troppo spesso sono divisi da questioni, politiche, religiose o, semplicemente, sportive. Ciò che ha insegnato questo straordinario evento meteorologico è che, alla fine, tutti, ma proprio tutti, abbiamo bisogno gli uni degli altri.. la Natura lo sa, lei non sbaglia mai, così, a volte, ci aiuta a ricordarlo! Si perché a parte gli occhi di questa esperienza ricorderò le mani..mani che si uniscono in segno di speranza, mani che si giungono in segno di preghiera, mani che con altre mani hanno cercato di aiutare anche chi solo qualche ora prima rappresentava un passeggero che occupava il sedile di fianco. Infine il ricordo più forte è per chi in tutta questa emergenza si è sforzato per rendere tutti i disagi meno importanti... il personale dell'aeroporto di Ataturk che unitamente a quello della Turkish Airlines ha lavorato (continua a farlo) ininterrottamente per cercare di ridimensionare ciò che la Natura in poche ore aveva provveduto a fare. Certo si poteva fare meglio, certo l'organizzazione è stata poco solerte, certo tante cose (file estenuanti, comunicazioni inesistenti, poca gentilezza di base) potevano essere gestite diversamente, ma, mi chiedo, siamo certi che in altre parti del mondo non ci sarebbero stati gli stessi disagi? Io dico di no.
Istanbul, 10 gennaio 2017, ore 16,45. Un passeggero in transito per solo due ore dal 6 gennaio 2017 dalle ore 19,30.   

TAGS: Istanbul Mombasa Giovanni TartagliaTurkish Mombasa

Dopo quattro giorni di vacanze supplementari al Whitesands di Mombasa e in altri hotel cittadini, la truppa di 200 italiani circa che hanno dovuto rimandare il rientro in Italia via Istanbul con Turkish Airlines, per via dell'emergenza neve nella capitale...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La neve che ha aggredito in questi giorni Istanbul ha reso difficile il rientro a decine di connazionali che avrebbero dovuto terminare le loro vacanze a Malindi e Watamu in questi giorni. 

LEGGI TUTTO

Era stata annunciata per questa primavera, la rotta Doha-Mombasa per la Qatar Airways, che già l'anno scorso aveva raggiunto l'accordo con lo scalo keniota e aveva iniziato anche ad effettuare un volo settimanale su Zanzibar.
Poi sono sopraggiunti problemi burocratici...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Chi viaggia spesso lo sa, ormai un attentato purtroppo può capitare ovunque. Per quanto riguarda Istanbul, "hub" tra i più importanti del mondo con le sue mille coincidenze, c'era anche l'aggravante di alcune scelte politico-strategiche del presidentissimo Erdogan che non...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

La stagione che è già andata oltre le più rosee aspettative, per il turismo in Kenya, sarà buona almeno fino alla settimana di Pasqua.
Queste sono le previsioni confutate guardando le prenotazioni alberghiere e soprattutto quelle dei tanti bed&breakfast, alloggi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Ecco l'elenco completo delle compagnie aeree di linea o charter che a tutto il 2017 volano da Italia ed Europa (anche tramite collegamenti, scali e code-sharing) verso il Kenya, con arrivo negli aeroporti internazionali di Mombasa (Moi International Airport) e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Una stagione all'insegna del potenziamento dei voli verso il Kenya.
E' quel che si prepara da agosto in poi (sempre incrociando le dita sull'esito pacifico delle elezioni nazionali, ma i segnali sembrano portare in questa direzione), a giudicare dalle mosse...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tour operator, voli charter e compagnie aeree di linea sono pronti: la nuova stagione turistica della costa del kenya partirà regolarmente come l'anno scorso e non sono previsti ritardi né tagli ai voli.
Meridiana dovrebbe aprire le danze per la...

LEGGI TUTTO

Saranno almeno 25 i voli settimanali a partire dal prossimo 20 dicembre da Nairobi a Malindi e ritorno, in coincidenza delle feste natalizie e di fine anno. Programma che probabilmente durerà per tre settimane. 

LEGGI TUTTO

Convegno a Nairobi sul Referendum Costituzionale organizzato in collaborazione con Senza Bavaglio Centro Studi per il Giornalismo.
Parteciperanno il costituzionalista Lorenzo Spadaccini, professore all’università di Brescia, il professore di economia Giovanni La Torre ed il senatore del Movimento Cinque Stelle...

LEGGI TUTTO

Sarà una ditta americana, la Betchel di San Francisco, a costruire l'autostrada veloce multicorsia da Mombasa a Nairobi.
L'accordo, firmato ieri dalla Società Nazionale Keniota Autostrade (KENHA) e dall'azienda che ha vinto l'appalto, grazie ai finanziamenti che arriveranno dagli Stati...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Le forti piogge che da questa mattina stanno cadendo incessantemente sulla regione di Kilifi hanno causato grossi problemi al ponte di Mbogolo, sulla strada statale Malindi-Mombasa dopo il capoluogo di Contea. 
Il ponte è rimasto sommerso dall'acqua del piccolo fiume che vi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dal prossimo agosto, una volta atterrati a Mombasa, raggiungere Malindi e Watamu diventerà più comodo e veloce.
Il Governo ha confermato recentemente che il primo anello di tangenziale che collega l'aeroporto internazionale Moi alla Mombasa-Malindi senza passare per il centro...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

C'è soddisfazione da parte delle istituzioni keniane riguardo al ritorno del turismo internazionale sulla costa del Kenya.
I numeri parlano chiaro, da gennaio ad aprile con 292.000 arrivi, si è segnalato un aumento del 10% rispetto all'anno precedente (dati trasmessi...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un aiuto concreto dalla Gran Bretagna per terminare al più presto la nuova strada che dall'aeroporto internazionale Moi di Mombasa porterà in città, bypassando il centro. I lavori di questa importantissima tangenziale che decongestionerà il traffico della seconda città del...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dalla possibilità e dalla speranza di avere un volo in più a settimana dall'Italia al Kenya, in pochi giorni si è passati a non avere per tre settimane, compresa quella di Pasqua, nemmeno quello preesistente.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO