Storie

STORIE

Ramoh e il segreto per soddisfare 20 mogli

La storia del Re del miraa raccontata dal videomaker Puggioni

28-02-2019 di redazione

Il segreto per avere 20 mogli e soddisfarle tutte sia a letto che economicamente?  
Per Robert Kathata, trentottenne keniano del villaggio di Karina, nella zona di Meru, è sicuramente custodito nelle erbe dei suoi campi.
Non solo quelle curative e i “viagra naturali”, ma soprattutto il miraa, conosciuto anche come “marungi” o qat, la famosa radice anfetaminica che in Kenya è legale ma nel mondo occidentale è considerata una droga, proprio per gli effetti (anche allucinogeni) provocati dall’abuso.
Kathata, conosciuto da tutti con il soprannome di “Ramoh” è un erbalista e conosce tutti i ritrovati naturali e gli elisir di questa terra, ha ereditato dal padre 10 acri di “shamba” e anche la passione per il collezionismo di mogli, tanto che il suo obbiettivo è battere il record del defunto genitore, che ne ebbe 45. Lui intanto ha già 35 figli, che si propone di far studiare. Ad ogni moglie, con un regolare contratto, consegna invece 200 mila scellini (poco meno di 2 mila euro) per iniziare una propria attività.
Le mogli, nelle zone centrali del Kenya, sono sinonimo di ricchezza e potere e Ramoh è sicuramente uno degli uomini più rispettati della regione di Meru. Anche grazie al commercio della “droga dei poveri”.
Molto probabilmente, mentre stiamo scrivendone, i figli saranno già aumentati e ci sarà una nuova consorte e un nuovo pancione nella sua tenuta.
Il video maker italiano Daniele Puggioni (già incontrato sul nostro portale per il prezioso documento sull’isola di Migingo LEGGI E GUARDA CLICCANDO QUI) è andato a intervistare Ramoh e a raccontare la sua incredibile storia.

TAGS: miraa kenyaerbe kenyamogli kenyadaniele puggioni

Un videomaker italiano sull’isola contesa tra Kenya e Uganda.
Daniele...

LEGGI LA STORIA E GUARDA IL VIDEO

Una fattoria in Kenya per ritrovare se stesso. 
Spesso passione e lavoro duro sono la ricetta migliore per abbracciare una nuova vita. 
Lo sa bene Lorenzo Daniele detto Lolly dagli amici, ma conosciuto da tutti a Malindi come "Daniele Kuku". LEGGI LA STORIA COMPLETA

Storie d'altri tempi o di tempi semplicemente diversi dai nostri. A Malindi uno dei tanti figli di un anziano padre di famiglie (e il plurale è d'obbligo, data la poligamia della tribù locale) dopo la morte del padre ha deciso...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il caso più recente riguarda un gruppo di appassionati di yoga e di cure a base di erbe di Venezia, che hanno visitato uno dei due centri di cultura tradizionale nei dintorni di Malindi, a Magarini.
Un'ottantina di...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Successo maschile e femminile del Kenya nella 42° edizione della Stramilano Half Marathon. Fredrick Moranga ha trionfato tra gli uomini con il tempo di 1h 01:20 (terzo il connazionale Simon Muthoni, tra i due il marocchino Mustapha El Aziz).
Nella mezza...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un altro giovedì all'insegna dello stare insieme con la classe e l'eleganza del musicista Marco "Sbringo" Bigi, che ben s'intona con le opere d'arte di Gian Paolo Tomasi alle pareti del Baby Marrow Art & Food Restaurant di Malindi.
Ogni...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Per venticinque anni Malindi a Capodanno ha visto lo spettacolo dei fuochi d'artificio, sulla spiaggia davanti al Casinò per volere del suo vulcanico patron Bobby Cellini, che spesso...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Un Parco Avventura a venti chilometri da Malindi, su una collina con un panorama incantevole e ai piedi della foresta.
Il tutto ...

LEGGI L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Se è vero che l’erba del vicino è sempre più verde, allora i kenioti sono molto vicini a noi.
Nel 1762 l’esploratore rasta portoghese Toquinho De Fumeiro approdò a Malindi ed esplorò per primo il bush, la rigogliosa foresta all’interno...

LEGGI TUTTO IL RACCONTO

Lo Zege (o Zegee) è una sorta di frittata salata con le patate e rappresenta una delle golosità preparate dai chioschi e dalle friggitorie ambulanti fuori dai negozi e ai bordi delle strade del Kenya, particolarmente sulla costa del Kenya. Può anche...

LEGGI TUTTA LA RICETTA

Topi allo spiedo, prelibatezza o sopravvivenza?
Detta così, "nei villaggi dell'entroterra malindino si mangiano i topi", suonerebbe come un allarme per le disperate condizioni di povertà della popolazione del distretto costiero.

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

In Kenya la demografia e la base principale del potere sono strettamente collegate. Il potere politico ma non solo, è sempre stato nelle mani degli appartenenti alle tribù principali come i Kikuyu e i Kalenjin. I Luo, al secondo posto...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Torna prepotente la fame nel distretto di Magarini, entroterra di Mambrui. 
Sono molti i villaggi in cui sono finite le scorte di grano dei campi di proprietà delle comunità locali e non ci sono soldi per acquistare quello confezionato.
La...

LEGGI TUTTO

Centinaia di migliaia di turisti, molti dei quali italiani, da vent'anni a questa parte hanno percorso avanti e indietro la Mombasa-Malindi.
Chissà quanti di loro si saranno accorti di un particolare che non è mai cambiato da allora.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'ugali, composto da posho o sima, ovvero farina di mais e da un contorno che può essere di carne, pesce o verdura, è il piatto unico tipico del Kenya e specialmente della costa.
La farina viene bollita come la nostra...

LEGGI QUI LA RICETTA

Da qualche settimana il Kenya ha aggiunto alle sue grandi attrazioni (savana, oceano, grandi laghi, montagne, maasai, corruzione) anche un motivo in più per essere visitato. Il “boom” mondiale del Mukombero.
No, non si tratta di un nuovo ballo come la...

LEGGI TUTTO