Storie

ANNIVERSARI

Tom Mboya, 50 anni fa l'assassinio del Kennedy keniano

Il 5 luglio 1969 il Kenya perdeva la sua migliore mente

05-07-2019 di Freddie del Curatolo

Esattamente cinquant’anni fa, il 5 luglio 1969, il Kenya perdeva in maniera tragica e violenta una delle più fervide e giovani menti politiche del Paese, simbolo di intertribalismo e di idee democratiche. Thomas Jospeh Odhiambo Mboya, meglio conosciuto come Tom Mboya, non aveva ancora 40 anni e già era considerato uno dei più influenti leader politici del Paese e possibile successore del vecchio “mzee” Jomo Kenyatta.
Il Kennedy keniano, di etnia Luo nato vicino a Nairobi e cresciuto e diplomatosi nelle scuole di missionari cattolici a Kisumu, a soli 23 anni fu eletto segretario generale del KFL, la prima organizzazione politica riconosciuta dal Governo Britannico, benché fosse di ispirazione laburista.   
A differenza della maggior parte dei suoi colleghi, si oppose alla politica di rappresentanza politica multirazziale proposta dal governo coloniale britannico alla fine degli anni Cinquanta e abbracciò le idee nazionaliste del movimento dei Mau Mau. Ha poi contribuito a formare il movimento per l'indipendenza del Kenya nel consiglio e nel Partito della Convenzione del Popolo a Nairobi. Nel decennio che avrebbe portato il Kenya all’indipendenza trascorse un anno all'Università di Oxford e visitò due volte gli Stati Uniti. Grazie all’amicizia con Martin Luther King e all’incontro con John F. Kennedy, nel 1959 contribuì a fondare la Fondazione studentesca afro-americana per raccogliere fondi per inviare negli Stati Uniti studenti universitari dell’Africa Orientale con voli charter, rendendo così possibile gli studi all’estero per molti altri studenti, tra i quali anche il padre di Barack Obama.
Mboya a trent’anni è stato un membro fondatore dell'Unione Nazionale Africana del Kenya (KANU). È stato ministro del lavoro nel governo di coalizione prima dell'Indipendenza. Nella prima amministrazione di Jomo Kenyatta fu Ministro della Giustizia e degli Affari Costituzionali, dal 1964 al giorno della sua morte fu invece Ministro della Pianificazione Economica e dello Sviluppo, ponendo le basi per una svolta dell’economia del Paese, con politiche orientate verso il capitalismo, divergendo con il suo corregionale Oginga Odinga, che aveva idee più improntate verso il socialismo.
La mattina del 5 luglio 1969 fu assassinato a colpi di pistola da Nahashon Njoroge, un uomo di etnia kikuyu che si sospettò successivamente essere l’esecutore di un omicidio di matrice politica.
Proprio per questo e per la mancanza di indagini serrate da parte di Kenyatta, la morte di Mboya sconvolse la nazione ed esacerbò le tensioni tra i Kikuyu al potere e i Luo. Il Kenya aveva perso la sua innocenza, niente sarebbe stato più come prima.

TAGS: politica kenyastorie kenyaindipendenza kenya

Il weekend dedicato all'arte e al talento locale del Baby Marrow Art & Food Restaurant, questa settimana ospita uno storico pittore di stanza a Malindi.
Spytrack, questo il suo nome d'arte, ha ottant'anni ma non li dimostra, una mano ancora...

LEGGI TUTTO

Oggi in Kenya è festa nazionale. Si celebra infatti il "Jamhuri Day".
E' il giorno della Repubblica, ovvero la data in cui entrò ufficialmente in vigore l'Indipendenza del Kenya, il 12 dicembre 1963, con Jomo Kenyatta primo presidente.   
Jamhuri è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Oggi in Kenya è festa nazionale, si celebra il cosiddetto Jamhuri Day.
Viene commemorato infatti il giorno della...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiamano "Tinga Tinga Tales" e sono delle bellissime storie animate per ragazzi create da una società di animazione digitale di Nairobi e ideate e prodotte da una sceneggiatrice britannica innamorata dell'Africa, Claudia Lloyd.
Vanno in...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Si chiama "Patrimonio Italiano Tv" ed è una televisione online che si connette con tutti i Paesi del mondo in cui ci siano connazionali di cui vale la pena raccontare le storie.
Il suo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Cosa accade veramente nel 1952 quando Frank Sinatra, accecato dalla gelosia per Ava Gardner, piombò da New York a Nairobi sul set del film Mogambo, che la sua compagna, focosa attrice di Hollywood, stava girando accanto allo sciupafemmine Clark Gable?

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Proprio il giorno prima della Festa della Repubblica in Italia, quest'anno arrivata in un clima quantomai confuso e desolante, ogni anno in Kenya si festeggia il Madaraka Day.
Cinquantasei anni fa...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Può la storia degli italiani in Kenya essere racchiusa in una serata di racconti e canzoni?
L'unico che forse può provarci è Freddie del Curatolo, scrittore performer e direttore del portale malindikenya.net, con la preziosa collaborazione del Maestro Marco "Sbringo"...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

In Kenya la demografia e la base principale del potere sono strettamente collegate. Il potere politico ma non solo, è sempre stato nelle mani degli appartenenti alle tribù principali come i Kikuyu e i Kalenjin. I Luo, al secondo posto...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

I keniani che vivono da tempo in Italia possono raccontare storie positive di immigrazione.
Nessuno di loro è mai arrivato da clandestino, nessuno ha dovuto sopportare l'onta di natanti colabrodo, le angherie di mafiosi e men che meno la...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

LIBRI KENYA

Ebano - Ryszard Kapuscinski

Feltrinelli

di redazione

Iniziamo dicendo che Ryszard Kapuscinski è il più grande giornalista che abbia mai scritto d'Africa e quello che meglio ne ha capito la civiltà, la natura, la filosofia. Ed è curioso che sia stato un polacco, quanto di più distante...

LEGGI TUTTA LA RECENSIONE

Il rimpasto del Governo voluto dal Presidente Uhuru Kenyatta per fronteggiare una crisi politica dovuta a scandali e truffe che hanno coinvolto alcuni ministri, ha fatto sì che al Ministero del Turismo tornasse una vecchia conoscenza degli imprenditori e dei...

LEGGI TUTTO

Per la nostra sezione "Libri sul Kenya" presentiamo "Un chicco di grano", uno dei celebrati romanzi del più grande scrittore keniano, Ngugi Wa Thiong'o, più volte candidato al Nobel per la Letteratura.

LEGGI LA RECENSIONE

Sono terminate le riprese del docufilm "Italiani in Kenya", mediometraggio commissionato dal Ministero degli Esteri italiano, tramite l'Istituto Italiano di Cultura di Nairobi, nell'ambito della settimana della lingua italiana nel mondo. 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Da un'approfondita e quotidiana lettura della situazione politica attuale in Kenya, emerge sicuramente un quadro confuso e di difficile interpretazione di quel che potrebbe accadere il 26 ottobre, giorno delle nuove elezioni presidenziali. Ma anche immediatamente prima e subito dopo.

Oltre sette mesi di crisi politica con due elezioni, ricorsi, minacce, giuramenti, manifestazioni ed ogni altra varietà di incidenti diplomatici e non.
Ora, con una conferenza stampa tanto improvvisa quanto sorprendente, il ...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO