Storie

STORIE

Tsavorite, i 50 anni dell'oro verde del Kenya

La storia della famosa pietra dello Tsavo, sempre più rara e preziosa

30-08-2017 di Antonio Altieri

La Tsavorite compie cinquant’anni.
La pietra verde che prende il nome dal Parco Nazionale dello Tsavo è stata scoperta nel 1967 dal geologo scozzese Campbell Bridges.
Da allora è sempre più famosa all’estero che in Kenya e Tanzania, uniche nazioni in cui si trova.
Leggenda vuole che il geologo, che abitava in Tanzania ed era proprietario di una riserva, al confine con il Kenya, oltre che consulente della Tiffany, stesse camminando in savana quando un bufalo cercò di caricarlo.
Per sfuggire all’animale e salvarsi la vita, Campbell si rifugiò in una spaccatura rocciosa del terreno dove, aspettando che il bufalo se ne andasse, scoprì una roccia dal colore verde brillante.
Intento a salvarsi la pelle e preoccupato per il sopraggiungere del buio, non riuscì ad estrarre un campione, ma rimase convinto di aver scoperto qualcosa di molto simile allo smeraldo.
Nel frattempo il presidente tanzaniano Nyerere nazionalizzò le riserve e molti cittadini britannici furono costretti a spostarsi nel vicino Kenya.
Fu lì che il geologo, riprendendo le sue ricerche, scoprì un giacimento di queste pietre preziose in una zona impervia dietro le colline di Taita, nel parco dello Tsavo.
Acquisì il terreno e costruì una rudimentale casa su un albero per difendersi dagli animali feroci.
Dai suoi racconti apprendiamo che era un grosso pitone a fargli da guardia e che nella sua riserva giravano due leopardi quasi addomesticati.
Da allora è iniziata la commercializzazione della pietra keniana e anche altri cercatori, spinti da possibili guadagni, si sono messi in cerca del cosiddetto “oro verde”.
Fu il presidente della famosa maison americana a coniare il termine “Tsavorite”, dopo un safari nelle zone di estrazione della pietra.
Campbell negli anni ha resistito anche a tentativi di saccheggio da parte di banditi e contrabbandieri, fino  quando nel 2009, a 71 anni, è stato ucciso in un’imboscata tesa da una ventina di banditi che volevano sfruttare la sua concessione mineraria. Oggi l’estrazione della tsavorite viene seguita dal figlio Bruce ma procede con molta difficoltà, e non si conoscono altre zone nel mondo dove questa pietra sia presente, ed anche in Tanzania sembra essere introvabile. Proprio per questo il suo prezzo è in costante ascesa. Chissà che le nuove leggi minerarie del Kenya non possano sviluppare la ricerca e l’estrazione della Tsavorite.
Le peculiarità della pietra keniana sono le tonalità brillanti di verde. Come tutti gli altri granati, la tsavorite ha un alto indice di rifrazione alla luce. Al contrario di altre pietre, non necessita di trattamenti per farla diventare più brillante, non viene scaldata e neppure immersa nell’olio. La sua durezza è simile a quella dello smeraldo, ma è più resistente agli urti. Rispetto allo smeraldo è anche più facile da tagliare e meno soggetta ai danneggiamenti accidentali. Di solito le pietre sono piccole, è raro trovare pietre grezze di dimensioni superiori ai 5 carati. 
 

TAGS: TsavoriteKenya gemmeKenya pietreKenya gioielli

Una mattinata di ordinaria follia a Nairobi, in concomitanza con l'arrivo nella Capitale di Raila Odinga, dopo un viaggio all'estero tra Stati Uniti e Germania. Una folla di

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Dal riciclo della plastica abbiamo visto scaturire oggetti utili, simpatici, inediti.
Ma che ripulendo la riserva del Maasai Mara dall’incuria del genere umano si potessero ricavare gioielli di rara bellezza e allo stesso tempo aiutare ragazze con grossi problemi sociali,...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Malaika, era la canzone che suonava l’orchestra
quando c’incontrammo in un bar di Watamo
Malaika cantavi e sembrava una festa
E quel giorno mi hai detto “ti amo”.

LEGGI TUTTA LA POESIA

E’ una storia di amicizia, di professionalità, di passione e di quello spirito artigiano che ha fatto grande l’Italia in tutto il mondo nel secolo scorso e che oggi si ritrova solo perlustrando gli angoli più reconditi di mondo. Vincenzo...

LEGGI LA STORIA PER INTERO

Le studentesse della Coast Girls Secondary School di Mombasa hanno felicemente messo a punto un antidoto al morso dei serpenti velenosi e alla puntura degli scorpioni, utilizzando una piccola pietra nera che da tempo viene utilizzata tradizionalmente dalle tribù della...

LEGGI TUTTO

La compagnia italiana di safari Bush Company, con il KWS, sponsorizza il rispetto delle regole nello Tsavo.
La settimana scorsa nello Tsavo la compagnia di safari dell’italiana Camilla Frasca Caccia, unica guida professionale italiana con certificazione “Silver” KPSGA, ha portato...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Dopo il successo dello scorso agosto, tornano le serate del Baby Marrow all'insegna dell'arte, della cultura e della scoperta di talenti keniani che hanno molto da dire e da mostrare. Per l'alta stagione le serate raddoppiano, non soltanto artigiani e...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Nessun incidente grave durante la mattina di elezioni in Kenya.
L'indole pacifica della stragrande maggioranza dei keniani sta...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

Le elezioni in Kenya si stanno svolgendo in modo più tranquillo di quanto in molti si aspettassero.
Alla fine in quasi tutto il Paese è stata...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Situazione molto tesa al Parco Marino di Malindi tra la cooperativa dei barcaioli e il management del Billionaire del tycoon italiano Flavio Briatore.
La questione è nota ed annosa, riguarda il muro di cinta fatto erigere da Briatore a salvaguardia del suo...

LEGGI TUTTO

La savana è la materia. 
E’ ciò di cui siamo fatti tutti e da cui tutti proveniamo. 
Non sono solo i mesozoici elefanti e le grottesche giraffe a ricordarcelo. 
Ce lo dicono le improvvise colline che sono frammenti della Rift...

LEGGI TUTTO E GUARDA LA FOTOGALLERY

Non credo che i kenioti conoscano la filastrocca che mia nonna mi cantava da bambino: "piove, piove, la gatta non si muove, si accende la candela, si dice buona sera..." anche perché qui le candele costano e si consumano in...

LEGGI TUTTO

Ieri in Kenya si celebrava il Moi Day.
Secondo un'usanza antica come la giovane repubblica keniota, che ha più o meno l'età di Barack Obama, il compleanno dei presidenti equivale a una "national holiday".
Per fortuna (o no?) il Kenya...

LEGGI TUTTO L'EDITORIALE

Devo ammettere che mi riconosco sempre più nella canzone di Giorgio Gaber "Io non mi sento italiano", soprattutto quando dice "...ma per fortuna o purtroppo lo sono". All'estero e in un Paese "al di sopra di ogni sospetto" come il...

Come sono tranquille Malindi e Watamu ad una settimana dalle elezioni nazionali!
Iniziano ad arrivare turisti consapevoli, residenti abituati ed altri che hanno programmato di tornare a casa prima dell’otto agosto.  
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Lo chiamano il corridoio. 
Ma non è quello con le mattonelle a rombi di una vecchia casa, nobile o di ringhiera che sia, con la padrona anziana che lo asfalta avanti e indietro con le pattine ai piedi. 
Questo è...

LEGGI TUTTO E GUARDA LA FOTOGALLERY