Ambiente

TERRITORIO

A Mida il primo progetto di Blue Economy in Kenya

Anche un ricercatore italiano per lo sviluppo sostenibile del creek

07-02-2019 di Freddie del Curatolo

Il primo progetto keniano di “Blue Economy“ per la salvaguardia dell'ecosistema e lo sviluppo sostenibile, sarà approntato nel creek di Mida e porta anche la firma di un italiano.
Il Governo del Kenya ha deciso recentemente di puntare molto sulla cosiddetta “Blue Economy”, ovvero la tutela delle risorse marine, lacustri e della costa come patrimonio ambientale, culturale e di sviluppo economico.
Basti pensare alla pesca, che costituisce uno dei punti cardine dell’esportazione nazionale (dal Persico del Lago Vittoria a calamari e crostacei dell’Oceano Indiano) ai gas naturali presenti nei fondali nell’arcipelago di Lamu o all’archeologia marina, campo nel quale al largo delle acque keniane è ancora tutto da scoprire.
In questo ambito, portato alla ribalta dalla recente conferenza internazionale che si è tenuta proprio a Nairobi e dall’interesse amplificato dal Ministro del Turismo Najib Balala, il primo progetto degno di nota partirà nei prossimi mesi nel Mida Creek e c’è anche un nostro connazionale coinvolto.
Si chiama “Rising from the depth” ed è un’iniziativa portata avanti da un gruppo di ricercatori, con diverse attitudini ed esperienze, grazie alle risorse messe a disposizione da un fondo britannico per lo sviluppo gestito insieme con l’Università di Nottingham e coordinato qui dal British Institute for Eastern Africa.
Si tratta di progetti legati alla biodiversità della zona compresa tra il Mida Creek e l’Arabuko Sokoke Forest, a sud di Gede (30 km circa da Malindi). Progetti che puntano a coinvolgere la comunità locale, in particolare le donne, portando all’attenzione i temi della conservazione e dello sviluppo ecosostenibile come risorsa per combattere la povertà e creare posti di lavoro.
La zona di Mida e dell'Arabuko Sokoke meritano di essere conosciuti e scoperti dal turismo internazionale ma nell'ottica di preservarli e di tramandare alle nuove generazioni una logica da "riserva", esattamente come si fa nel Samburu o in certe zone del Maasai Mara.
“Bidii Na Kazi Women Group”, diretto dalla dinamica Arafa Salim Baya, sarà il fulcro di questo progetto, che per la parte di comunicazione e strategie ha due coordinatori sul campo: il finlandese Pena Turonen e l’italiano Simone Grassi.
E’ lo stesso Grassi, documentarista ligure con alle spalle diverse ricerche e lavori sulla costa keniota, a spiegarci nel dettaglio cosa verrà fatto a Mida.
“Si lavorerà sulle tante risorse di questo territorio, che include il mare e i suoi fondali, l’ecosistema delle mangrovie con le sue particolarità (la produzione di miele, ad esempio) e la foresta pluviale di Arabuko Sokoke, senza dimenticare la deriva turistica che può portare benefici economici alla comunità”.
Uno dei progetti, infatti, riguarda la costruzione di un ristorante che verrà gestito dalla gente del luogo e di un dhow, la caratteristica imbarcazione swahili che potrà essere utilizzata in vari modi.
In più Simone coordinerà il progetto mediatico e multimediale di “Rising from the depth”, ovvero la creazione di una piattaforma interattiva online in cui potranno essere inseriti contributi video, audio e testuali.
“Oltre ad inserire alcuni video prodotti da noi sul territorio – illustra il ricercatore italiano – faremo training ad un gruppo di donne dell’associazione keniana su come utilizzare i mezzi di ripresa e di montaggio, arrivando a far sì che siano loro stesse a produrre ed inserire nel portale filmati in cui racconteranno le storie e le possibilità del loro territorio. Questi video si avvarranno di percorsi interattivi e collegamenti ipertestuali che comporranno veri e propri viaggi virtuali all’interno dell’ecosistema di Mida Creek”.
Nel progetto c’è anche la collaborazione del Museo Nazionale del Kenya, il cui Curatore per la Contea di Kilifi è Caesar Bita, che è anche il più importante archeologo sottomarino del Paese.
“E’ un bene che i fondi britannici siano stati destinati a questo nostro progetto – ha detto Bita – perché Mida è l’esemplificazione di cosa voglia dire “Blue Economy”, ovvero lo sviluppo sostenibile degli ambienti acquatici come patrimonio non solo ambientale, ma culturale, turistico ed economico del Kenya”. 
 

FOTO GALLERY
TAGS: mida creekambiente kenyaecosistema kenya

Domenica 20 Settembre, Karibuni Onlus e tre Rotaract Club (Malindi, Watamu e Mombasa) hanno partecipato alla riforestazione della foresta di mangrovie di Mida Creek (Kenya). Il progetto è stato finanziato dal Rotaract Club di Cantù, grazie alla super attiva presidente...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Uno scambio di auguri natalizi con i parroci di Malindi, Watamu e Mida, la Santa Messa insieme e poi un piccolo rinfresco alla presenza del Console Onorario Italiano. Un tradizionale appuntamento prenatalizio per la comunità cattolica della costa keniana e anche...

LEGGI TUTTO

I miracoli spesso arrivano dal silenzio e hanno l'aria di qualcosa di naturale, di quotidiano.
Nessuno li sbandiera sotto il nostro naso, tantomeno gli artefici.
Quotidiano, naturale.
Come una piccola barca a motore che ogni mattina passa a prendere centinaia...

LEGGI TUTTO IL REPORTAGE E GUARDA LA GALLERY FOTOGRAFICA

La solidarietà italiana per l’isola “solitaria” del Mida Creek non si ferma.
Dopo la splendida scuola creata Marafiki Onlus oggi ha anche un piccolo ospedale, grazie all’associazione “Pediatria per l’emergenza”.

LEGGI TUTTO E GUARDA LE ALTRE FOTO

Si chiama “What’s Best in Kilifi County” (Cosa c’è di meglio nella Contea di Kilifi) ed è la prima edizione di un magazine patinato in distribuzione gratuita che mostra le bellezze e le principali attività legate al turismo di Malindi...

LEGGI TUTTO E GUARDA LA RIVISTA NELLA GALLERY

Steven Spielberg ha scelto Watamu per girare il suo prossimo film, un kolossal hollywoodiano che racconterà il sogno africano di un’ambientalista, tra mille avventure e disavventure.
La notizia è rimbalzata ieri sui più importanti siti di cinema americani ed ha...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il servizio meterologico del Kenya (KMD) ha emesso nel pomeriggio di oggi un comunicato per allertare la popolazione costiera riguardo ad un'ondata di maltempo che, secondo le previsioni degli studiosi, dovrebbe interessare fin da domani la regione bagnata dall'Oceano Indiano.
Nella giornata...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'upgrade di Watamu e dei suoi dintorni in termini di strutture e servizi, immersi nella meraviglia di paesaggi completamente immersi nella natura marina, negli ecosistemi ed in tanti diversi scenari, è ormai un dato di fatto che sta impreziosendo la "perla...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO E GUARDA LE FOTO

La Contea di Kilifi da oggi è in mostra per tre giorni al TTG di Rimini.
Il Governo della regione a nord di Mombasa, che ha in Kilifi il suo capoluogo e in Watamu, Malindi, Mayungu e Mambrui le sue...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Non sempre le cattive notizie ne portano altrettante, a volte piove sull'asciutto e non sul bagnato. L'inevitabile progresso che sta arrivando anche nelle cittadine turistiche costiere di Malindi e Watamu, con i relativi problemi di deforestazione per costruire nuove abitazioni...

LEGGI TUTTO

LISTA ATTIVITA' DI KILIFI, WATAMU E MALINDI CHE SI PROMUOVONO SU INTERNET (sui siti Booking.com, Airbnb o altri, o ancora con siti propri o pagine social)...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Malindi quinta meta del mondo da scoprire nel 2017, secondo il sito americano di informazioni burocratiche (visti e permessi) ivisa.com, frequentato da lettori di tutto il mondo. (vedi qui il link originale https://www.ivisa.com/visa-blog/top-11-undiscovered-destinations-for-2017)
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Il Ministero dell'Ambiente del Kenya ha proibito, con termine ultimo il prossimo 31 marzo, l'utilizzo, la vendita e l'importazione dei sacchetti di ...

LEGGI L'ARTICOLO

E' uno dei simboli della vacanza da sogno di molti, e un italiano lo ha realizzato all'interno dell'insenatura di Kilifi, a meno di un'ora da Malindi e Watamu.
La Houseboat costruita dalla proprietà dell'Olimpia Club, è un gioiello di eleganza...

LEGGI TUTTO

Alcuni mesi fa vi avevamo parlato dell'inaugurazione della houseboat italiana di Kilifi, la casa galleggiante ancorata nel meraviglioso angolo naturale del creek e collegata a terra solo da un ponticello.
Oggi il soggiorno sulla houseboat è già un "cult" per...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO