Ambiente

AMBIENTE

Cartelli ovunque per educare turisti e residenti a rispettare l'ambiente marino e tenere pulite le spiagge

Iniziativa di KWS e Honorary Warden con l'aiuto di tanti italiani: verranno messi anche bidoni per i rifiuti

08-12-2017 di Giovanna Grampa

Cartelli dappertutto per educare turisti e residenti a salvaguardare l'ambiente marino, e bidoni per raccogliere i rifiuti.
La campagna di sensibilizzazione per il rispetto e la salvaguardia della biodiversità marina apre una nuova fase di collaborazione tra gli Honorary Warden di Malindi e il KWS, Kenya Wildlife Service.
Da qualche settimana è iniziata la distribuzione di cartelloni che mostrano, con simboli semplici e chiari, le norme basilari da rispettare per garantire la legalità e la tutela delle specie protette.
L’iniziativa è stata promossa dalla Senior Warden del Parco Marino di Malindi, Jane Githau, e sostenuta economicamente da alcuni residenti che hanno aderito alla sanatoria per la detenzione di conchiglie e carapaci, argomento ampiamente riportato in più articoli da malindikenya.net nell’ultimo anno. 
Due le misure scelte: cartelloni da due metri per uno (costo Ksh. 5.500 l'uno) con tutte le norme principali ed uno più piccolo da un metro per un metro (Ksh.3.500) specifico per le tartarughe e per i rifiuti. 
Durante una riunione tenutasi lo scorso settembre con i rangers del KWS, si èstabilito di esporre questi cartelloni al Parco Marino e lungo tutta la costa ad iniziare dal Kola Beach fino a Watamu,aggiungendo vari punti strategici di passaggio per turisti, residenti e popolazione locale.
Si vedranno appesi anche all’Aeroporto di Malindi nelle aree riservate alle partenze e agli arrivi.
Il KWS sta solo aspettando le autorizzazioni da parte della Autorità aeroportuale competente, la KCCA.
Sulla spiaggia inoltre verranno posati, accanto ai cartelloni, bidoni per raccogliere gli eventuali rifiuti.
Plastica, carta, vetri e quant’altro sappiamo essere scambiati per cibo dagli animali e purtroppo la loro ingestione potrebbe causare soffocamento, blocchi intestinali o addirittura lesioni mortali all’apparato digerente.
Le tartarughe in particolare restano spesso vittime della plastica e delle reti abbandonate responsabili di lesioni gravissime, strangolamenti o morte per inedia vista l’impossibilità di muoversi e nutrirsi per l’animale.
“Come divulgatori ci rivolgiamo in modo particolare ai giovani kenyani”- ha voluto precisare la Senior Warden in un recente incontro-“per formare nuove coscienze e la conoscenza si traduce inevitabilmente in rispetto. Solo attraverso una piena responsabilizzazione sarà possibile tutelare l’ambiente e l’ecosistema marino.”
E proprio a supporto di questi concetti, per chi avesse l’occasione di passare al Parco Marino di Malindi, prima di entrare dal grande cancello potrà notare, sulla destra, un bel tavolo-vetrinetta, anch’esso donato da un nostro connazionale, dove sono in mostra conchiglie di vario genere la cui raccolta è illegale.
Qui sostano le numerose scolaresche in gita al mare ed inizia l’imprinting per la loro educazione al rispetto delle specie protette nell’area perché è proprio l’essere umano a gestire le risorse del Pianeta con le sue scelte quotidiane e l’Oceano Indiano è ricchissimo di biodiversità che va tutelata.
 

FOTO GALLERY
TAGS: ambiente kenyaparco marino malindispiaggia malindiconchiglie kenyatartarughe kenyabiodiversità kenya

Conchiglie nelle abitazioni keniote: basta una ricevuta del negoziante, o della bancarella (con timbro o dati certi del venditore) e non ci saranno problemi.
Un altro passo avanti per la corretta detenzione di conchiglie nelle case di Malindi.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tante chiacchiere, tanto amore per questa cittadina, tanto dispiacere per come viene trattata la sua natura e l'ambiente.
Domattina ecco l'ennesima buona iniziativa, e vogliamo...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Situazione molto tesa al Parco Marino di Malindi tra la cooperativa dei barcaioli e il management del Billionaire del tycoon italiano Flavio Briatore.
La questione è nota ed annosa, riguarda il muro di cinta fatto erigere da Briatore a salvaguardia del suo...

LEGGI TUTTO

Un'altra mezza delusione per chi si attendeva, in periodo di alta stagione, una buona partecipazione di italiani ed altri europei, alla giornata di pulizia della spiaggia di Silversand, indetta dal Kenya Wildlife Service.
L'invito...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Anche Malindi ha festeggiato la giornata mondiale dei rangers e lo ha fatto confermando lo spirito di collaborazione tra il Kenya Wildlife Service e la comunità straniera della cittadina.
Alla presenza del Senior Warden Jane Gitau, il KWS si è...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Gentile redazione di Malindikenya.net.
Vorrei fare riferimento ad un vostro articolo, pubblicato qualche settimana fa, nel quale si ricordava ai nostri connazionali l’esistenza di leggi ben precise relative a trofei , coralli, conchiglie e quant’altro.
Mi corre l’obbligo, quale Honorary...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

E' una storia che si ripete ogni anno: alla giornata internazionale della pulizia delle spiagge, a cui Malindi partecipa grazie all'organizzazione del Kenya Wildlife Service nella sede del Parco Marino, partecipano molti studenti, tanti volontari locali e anche qualche straniero,...

LEGGI TUTTO

L'occasione è offerta dalla Giornata Mondiale della pulizia delle spiagge, a cui il Kenya partecipa nelle più belle località della costa.
Ma in realtà quella di pulire la spiaggia da detriti, plastica ed altri rifiuti, dovrebbe essere un'abitudine a cui...

LEGGI TUTTO

Nell'ambito della campagna contro il bracconaggio e il traffico illegale di ogni feticcio animale in Kenya, oltre alla tutela dell'ecosistema, vale la pena ricordare che da un po' di tempo la legge keniana è molto più severa e intransigente con...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

L'occasione è propizia, ora più che mai prima che come successe nel 2005, tutti salgano sul carro del vincitore e i prezzi tornino a lievitare.
L'occasione del mese su Malindikenya.net è un miniresort da prendere in gestione a Malindi, zona...

LEGGI TUTTO IL CONTRIBUTO

Da giovedì 23 marzo a domenica 27 le imbarcazioni del Kenya Wildlife Service saranno impegnate nella più grande operazione di censimento marino mai svolta nelle acque territoriali keniane.
Lo ha annunciato il portavoce del KWS Paul Gatitu, che ha illustrato...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

"Desidero esprimere la mia gratitudine a tutti gli amici e lettori italiani - troppi per riuscire a farlo individualmente - per l'ondata di solidarieta', affetto e amicizia che si e' riversata su di me e su mia flglia Sveva da...

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Mai un mare così bello a Malindi come quest'anno.
Nessuno tra residenti storici, pescatori, operatori turistici e cittadini di Malindi, ha memoria di un oceano indiano così cristallino e blu davanti alla cittadina.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Tutti sulla spiaggia di Silversand con le associazioni locali per difendere il Parco Nazionale di Nairobi,
Sabato 29 novembre 2016, in quattro diverse località lungo la costa del Kenya si organizzeranno eventi simultanei per mostrare l'unità nazionale, sostenendo gli sforzi per...

LEGGI TUTTO

(foto di Paolo Torchio) Dopo il divieto totale dei sacchetti di polietilene, il Ministero dell'Ambiente del Kenya sta pensando seriamente di vietare le bottiglie di plastica su tutto il territorio nazionale per proteggere l'ambiente.
 

LEGGI TUTTO L'ARTICOLO

Venti chilometri prima di Malindi, dopo i villaggi di Chumani e Matsangoni, s'incontra l'insenatura di Mida, caratterizzata da foreste di mangrovie, piante le cui radici sono in acqua salata. 
A Mida si possono osservare specie molto rare e affascinanti di...

LEGGI TUTTO